Yves Montand (1921-1991)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Ivo Livi
  • Scomparso nel: 1991
  • Data di nascita: 13 Ottobre 1921
  • Professione: Cantante
  • Luogo di nascita: Monsummano Alto (PT)
  • Nazione: Italia
  • Yves Montand in Rete:

  • Wikipedia: Yves Montand su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Yves Montand (pseudonimo di Ivo Livi; Monsummano Terme, 13 ottobre 1921 – Senlis, Dep.Oise, Francia, 9 novembre 1991) è stato un cantante e attore italiano naturalizzato francese nel 1929.

    Biografia
    I genitori sono attivisti socialisti e, dopo l'avvento del fascismo, la famiglia deve emigrare in Francia, a Marsiglia.
    Cresciuto, il giovane Livi si trasferisce a Parigi ed è lì che diventa Yves Montand. Lo pseudonimo è formato dalla francesizzazione del suo nome italiano, e dal grido della madre che lo richiamava in casa dal cortile "Ivo, monta!", (cioè "Ivo, sali in casa").
    Intorno alla metà degli anni '40 vive un'intensa relazione con Édith Piaf che lo aiuta in maniera determinante a muovere i primi passi nel mondo della canzone, dando l'avvio a una fortunatissima carriera artistica, durante la quale Montand abbinerà la musica al cinema.
    Il cinema
    Nel 1946 Montand debutta come attore in Mentre Parigi dorme di Marcel Carné. Per la colonna sonora del film, Joseph Kosma compone Les feuilles mortes (Le foglie morte), su parole di Jacques Prévert, un brano che diviene presto un classico della canzone francese e che Montand porta al successo mondiale.
    Nel 1951 Yves Montand sposa l'attrice coetanea trentenne Simone Signoret.
    Tomba di Yves Montand e Simone Signoret
    Nel 1953 è nel cast del capolavoro di Henri-Georges Clouzot Vite vendute (Le salair de la peur), mentre nel 1960 ottiene un discreto successo negli Stati Uniti interpretando Facciamo l'amore (Let's Make Love) a fianco di Marilyn Monroe. Il film, che non fu un grosso successo al botteghino, né venne lodato dalla critica, rimase celebre per la relazione che Montand intreccio' con la Monroe, all'epoca sposata con il drammaturgo Arthur Miller.
    Dopo diversi film di scarso rilievo, nella seconda metà degli anni 60, in concomitanza con l'aumentato impegno politico e sociale, partecipa a La guerra è finita (La guerre est finie) (1966) di Alain Resnais, e diviene l'attore prediletto del regista greco Costa-Gravas. Sarà il protagonista di Z - L'orgia del potere (Z) (1969) vincitore dell'Oscar al miglior film straniero, La confessione (L'aveu) (1970) e L'Amerikano (Etat de siège) (1973).
    Nel 1970 realizza quella che è considerata la migliore prova della sua carriera di attore, nel capolavoro noir di Jean-Pierre Melville I senza nome (Le cercle rouge), vestendo i panni di un ex-poliziotto alcolizzato trasformatosi in rapinatore.
    Da segnalare in seguito le interpretazioni in Crepa padrone, tutto va bene (Tout va bien) (1972) di Jean-Luc Godard, in Tre amici, le mogli e affettuosamente le altre (Vincent, François, Paul... et les autres) (1974) di Claude Sautet e nel poliziesco Police python 357 di Alain Corneau (1976).
    Simone Signoret muore nel 1985 all'età di 64 anni, Yves Montand nel 1991 all'età di 70 anni.
    In lingua italiana Yves Montand ha inciso la famosa canzone partigiana Bella ciao.
    Filmografia
    Mentre Parigi dorme (Les portes de la nuit), regia di Marcel Carné (1946)
    L'idolo del ring (L'idole), regia di Alexander Esway (1948)
    Ricordi perduti (Souvenirs perdus), regia di Christian-Jacque (1950)
    Parigi è sempre Parigi, regia di Luciano Emmer (1951)
    Saluti e baci, regia di Giorgio Simonelli (1952)
    Vite vendute (Le salair de la peur), regia di Henri-Georges Clouzot (1953)
    Tempi nostri (Zibaldone n. 2), regia di Alessandro Blasetti (1954)
    Margherita della notte (Marguerite de la nuit), regia di Claude Autant-Lara (1955)
    Gli eroi sono stanchi (Les héros sont fatigués), regia di Yves Ciampi (1955)
    Le vergini di Salem (Les sorcières de Salem), regia di Raymond Rouleau (1957)
    Uomini e lupi, regia di Giuseppe De Santis (1957)
    La grande strada azzurra, regia di Gillo Pontecorvo (1957)
    La legge (La loi), regia di Jules Dassin (1958)
    Festa di maggio (Premier mai), regia di Luis Saslavsky (1958)
    Facciamo l'amore (Let's Make Love), regia di George Cukor (1960)
    Il grande peccato (Sanctuary), regia di Tony Richardson (1960)
    Le piace Brahms? (Goodbye again), regia di Anatole Litvak (1961)
    La mia geisha (My geisha), regia di Jack Cardiff (1962)
    Grand Prix, regia di John Frankenheimer (Grand Prix) (1966)
    La guerra è finita (La guerre est finie), regia di Alain Resnais (1966)
    Vivere per vivere (Vivre pour vivre), regia di Claude Lelouch (1967)
    Non tirate il diavolo per la coda (Le diable par la queue), regia di Philippe De Broca (1968)
    Una sera... un treno (Un soir, un train), regia di André Delvaux (1968)
    Evviva la libertà (Mr. Freedom), regia di William Klein (1969)
    Z - L'orgia del potere (Z), regia di Costa-Gavras (1969)
    I senza nome (Le cercle rouge), regia di Jean-Pierre Melville (1970)
    La confessione (L'aveu), regia di Costa-Gavras (1970)
    L'amica delle 5 e 1/2 (On a Clear Day You Can See Forever), regia di Vincente Minnelli (1970)
    Mania di grandezza (La folie des grandeurs), regia di Gérard Oury (1971)
    È simpatico... ma gli romperei il muso (César et Rosalie), regia di Claude Sautet (1972)
    Crepa padrone, tutto va bene (Tout va bien), regia di Jean-Luc Godard e Jean Pierre Gorin (1972)
    Un battito d'ali dopo la strage (Les fils), regia di Pierre Granier-Deferre (1972)
    Assassinio al sole (Le hasard et la violence), regia di Philippe Labro (1973)
    L'Amerikano (Etat de siège), regia di Costa-Gavras (1973)
    Tre amici, le mogli e affettuosamente le altre (Vincent, François, Paul et les autres), regia di Claude Sautet (1974)
    Police Python 357 (Police Python 357), regia di Alain Corneau (1975)
    Il mio uomo è un selvaggio (Le sauvage), regia di Jean-Paul Rappeneau (1975)
    Il genio (Le grand escogriffe), regia di Claude Pinoteau (1976)
    La minaccia (La menace), regia di Alain Corneau (1977)
    Le strade del Sud (Les routes du Sud), regia di Joseph Losey (1978)
    I... come Icaro (I... comme Icare), regia di Henri Verneuil (1979)
    Chiaro di donna (Clair de femme), regia di Costa-Gavras (1979)
    Codice d'onore (Le choix des arms), regia di Alain Corneau (1981)
    Che cavolo mi combini, papà?!! (Tout feu, tout flamme), regia di Jean-Paul Rappeneau (1981)
    Garçon!, regia di Claude Sautet (1983)
    Manon delle sorgenti (Manon des sources), regia di Claude Berri (1986)
    Jean de Florette (Jean de Florette), regia di Claude Berri (1986)
    IP5 - L'isola dei pachidermi (IP5 l'ile aux pachydermes), regia di Jean-Jacques Beineix (1991)
    Note


      ^ mp3 da www.archive.org

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Yves Montand
    Portale Biografie
    Portale Cinema
    Portale Musica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Yves_Montand"
    Categorie: Biografie | Cantanti italiani | Cantanti francesi | Attori italiani | Attori francesi | Nati nel 1921 | Morti nel 1991 | Nati il 13 ottobre | Morti il 9 novembre | Personalità legate a Monsummano Terme | David di Donatello per il miglior attore straniero | Italo-francesiCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 13 Ottobre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre