William Seward Burroughs (1914-1997)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1997
  • Data di nascita: 5 Febbraio 1914
  • Professione: Scrittore
  • Luogo di nascita: St. Louis
  • Nazione: Stati Uniti
  • William Seward Burroughs in Rete:

  • Wikipedia: William Seward Burroughs su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    William Seward Burroughs, ritratto di Graziano Origa
    William Seward Burroughs II (St. Louis, 5 febbraio 1914 – Lawrence, 2 agosto 1997) più comunemente noto come William S. Burroughs (pronuncia ), fu uno scrittore e saggista statunitense appartenente al movimento della beat generation.
    La maggior parte dei lavori di Burroughs sono semi-autobiografici e ispirati alle sue esperienze di dipendente da oppiacei, una condizione che marcò gli ultimi cinquanta anni della sua vita. Membro di primo piano della beat generation, fu un autore di avanguardia che influenzò la cultura popolare e la letteratura. Nel 1984 fu eletto all'Accademia e Istituto Americano delle Arti e delle Lettere.
    "Pecora nera" di una ricca famiglia, molto nota nel mondo per la produzione di calcolatrici meccaniche (fu il nonno di Burroughs a inventarne il primo esemplare), si laureò a Harvard. Dopo la laurea, i suoi genitori decisero di sostenerlo economicamente, nella speranza che prima o poi trasformasse quell'imponente carriera scolastica in un impegno lavorativo di prestigio. In realtà, il giovane Burroughs, liberatosi da regole e imposizioni, dedicò tutto il resto della sua esistenza alle più svariate sperimentazioni.
    Perso il sostegno familiare, William Burroughs lavorò prima come barista, poi come operaio, finché giunse a New York dove si improvvisò reporter e giornalista e finì con lo stringere rapporti con la criminalità. Nel 1943 conobbe Allen Ginsberg, noto poeta della beat generation, con il quale ebbe anche una lunga relazione, Neal Cassady e Jack Kerouac, i quali ammirandone la genialità, lo elessero quale padre spirituale della beat generation.
    Nonostante la sua omosessualità, si sposò due volte, la prima in Croazia con Ilse Kappler, una ragazza ebrea, al solo fine di farle ottenere il visto per gli Stati Uniti, la seconda volta con un’amica, Joan Vollmer, con la quale condivideva la passione per le droghe. Con Joan decise di allontanarsi da New York per fermarsi a Città del Messico dove scrisse il suo primo romanzo Junky. La parentesi messicana si concluse, però, in tragedia: nel tentativo di replicare l'impresa di Guglielmo Tell, armeggiando una pistola invece di arco e freccia, sparò e uccise la moglie; il figlio da lei avuto venne, così, affidato ai genitori dello stesso Burroughs, mentre lui s’imbarcò in un viaggio che lo condusse a percorrere in lungo e in largo l'America Latina, fino a raggiungere l'Africa e fermarsi a Tangeri, in Marocco.
    A Tangeri fu raggiunto da Kerouac e Ginsberg, che lo ritrovarono sommerso di fogli e frammenti di carta, sui quali lo scrittore annotava pensieri sconnessi e deliranti. Kerouac lo convinse a riordinare questi scritti e venne alla luce Naked Lunch (Pasto nudo), pubblicato solo nel 1958, che lo rese una celebrità.
    Dopo un periodo a Tangeri, si spostò in Europa, a Parigi, dove iniziò la convivenza e la relazione con Brion Gysin, scrittore e pittore, e seguitò nella ricerca e nella realizzazione di altri esperimenti di cut-up, dai quali presero origine i testi The Soft Machine, The Ticket That Exploded, Nova Express. La sua opera letteraria si concluse nel 1994 con My education: a book of dream, che precede di tre anni la sua morte, avvenuta alla veneranda età di 83 anni, smentendo così quanti avevano affermato da giovane che la sua vita "dissoluta" lo avrebbe condotto a una rapida fine.
    "Mai emarginato dalla famiglia, che lo ha mantenuto per quasi tutta la vita, ha sempre avuto buoni rapporti sia con la madre, Laura Lee, che con il padre Mortimer e il fratello maggiore Mortimer II. Non ha mai lavorato davvero. Pochi lavori tra i quali lo "sterminatore" cioè il disinfestatore. Un impiego mantenuto per sei mesi. Massima durata. La famiglia conosceva la sua tossicodipendenza e non gliel'ha mai contestata. Attorno ai venticinque anni si è tagliato con una cesoia da giardino l'ultima falange del mignolo sinistro. Una delusione amorosa. Mai stato compagno di B. Gysin. A Parigi Burroughs stava con Ian Sommerville. La famiglia non era ricca. Le azioni della Burroughs finirono presto nelle tasche del socio del nonno. Laura e Mortimer avevano una piccola rendita e un negozio di oggetti da regalo. Famiglia, al massimo si può dire, benestante. Junky fu scritto dopo l'uccisione della moglie, non prima. Mandò i capitoli per posta a Ginsberg, il quale lo fece pubblicare da una casa editrice dello zio di Carl Salomon cui aveva dedicato the Howl! (l'urlo), dopo averlo conosciuto durante un ricovero in un ospedale psichiatrico."
    Così Jack Kerouac parla dell'amico William Borroughs (Old Bull Lee), nel suo capolavoro Sulla strada: “Ci vorrebbe una notte intera per raccontare di Old Bull Lee; per adesso diciamo solo che faceva l'insegnante, e a buon diritto, si può dire, perché passava tutto il tempo a imparare; e le cose che imparava erano quelle che considerava e chiamava “i fatti della vita”; le imparava non solo per necessità, ma per scelta. Aveva trascinato quel suo corpo lungo e sottile in giro per tutti gli Stati Uniti, e in gran parte dell'Europa e del Nordafrica, ai suoi tempi, solo per vedere cosa succedeva; negli anni Trenta aveva sposato una contessa russa in esilio solo per strapparla ai nazisti. Faceva tutte queste cose solo per sperimentarle. Ora si dedicava allo studio della tossicodipendenza. Passava lunghe ore coi libri di Shakespeare in grembo; il “Bardo Immortale”, lo chiamava. A New Orleans aveva cominciato a passare lunghe ore in compagnia dei codici Maya, e anche quando parlava con gli amici teneva il libro aperto in grembo. Una volta avevo detto: “Cosa ci succederà quando moriremo?”, e lui aveva risposto: “Quando si muore si muore, ecco tutto”. Bull aveva un debole sentimentale per l'America dei vecchi tempi, specialmente degli anni Dieci, quando il Paese era selvaggio, rissoso e libero, libertà di ogni genere in abbondanza per tutti. La cosa che odiava di più era la burocrazia di Washington; subito dopo venivano i progressisti; poi i poliziotti. Passava il tempo a parlare e a insegnare agli altri. Jane sedeva ai suoi piedi; io anche; e anche Dean (Neal Cassady, ndr); e in passato anche Carlo Marx (Allen Ginsberg, ndr). Avevamo tutti imparato da lui.”



    Bibliografia
    La scimmia sulla schiena 1953 (Junky)
    Checca, scritto nel 1951-53, ma pubblicato nel 1985 (Queer)
    Pasto nudo, 1959 (Naked Lunch)
    Sterminatore, 1960 (Exterminator!), altro titolo: Johnny 23
    La macchina morbida, 1961 (The Soft Machine)
    Il biglietto che esplose, 1962 (The Ticket That Exploded)
    Lettere dello Yage, 1963
    Nova Express, 1964
    Le ultime parole di Dutch Schultz, 1969 (The Last Words Of Dutch Schultz)
    Ragazzi selvaggi, 1971 (The Wild Boys)
    Porto dei santi, 1973 (Port Of Saints)
    È arrivato Ah Pook, 1979
    Blade Runner (a movie) (1979)(pubblicato in italiano da una casa editrice svizzera)
    Città della notte rossa, 1981 (Cities Of The Red Night)
    Strade morte, 1983 (The Place Of Dead Roads)
    Il gatto in noi, 1986 (The Cat Inside)
    Terre occidentali, 1987 (The Western Lands)
    Interzona, 1989 (Racconti, I diari di Lee, Parola)


    Manoscritto originale di quello che poi sarebbe diventato in forma un po' diversa Pasto Nudo, trovato nel 1984 tra le carte di Allen Ginsberg alla Columbia University.

    La febbre del ragno rosso, 1991 (Ghost of Chance)
    Scrittura creativa, 1994 (saggio)
    Diverso, 1994 (saggio)
    Geografie del controllo. Saperi, corpi, territori, 2001 (saggio)
    Rock'n'Roll Virus, Conversazioni con: David Bowie, Patti Smith, Blondie, Devo, 2008 (Burroughs Live by William Burroughs), a cura di Matteo Boscarol, Coniglio editore
    Voci correlate
    Beat generation
    Fantascienza
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su William Seward Burroughs (scrittore)
    Collegamenti esterni
    Biografia, da Leonardo.it
    William S. Burroughs: quattro passi nell'Interzona su Fantascienza.com
    Sito in inglese
    Video
    Documentario 52' (in inglese): William S. Burroughs
    Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/William_Seward_Burroughs_(scrittore)"
    Categorie: Biografie | Scrittori statunitensi | Saggisti statunitensi | Nati nel 1914 | Morti nel 1997 | Nati il 5 febbraio | Morti il 2 agosto | Scrittori LGBTCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 5 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre