Vittorio Sgarbi (58)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 8 Maggio 1952
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Ferrara (FE)
  • Nazione: Italia
  • Vittorio Sgarbi in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Vittorio Sgarbi
  • Wikipedia: Vittorio Sgarbi su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Disambiguazione – "Sgarbi" reindirizza qui. Se stai cercando altri personaggi con questo cognome , vedi Sgarbi (disambigua).
    Sgarbi durante la presentazione di una mostra nel 2007
    Vittorio Sgarbi (nome completo Vittorio Umberto Antonio Maria Sgarbi; Ferrara, 8 maggio 1952) è un critico d'arte, politico e scrittore italiano.
    Più volte membro del Parlamento e di amministrazioni comunali come quella di Milano, dal 30 giugno 2008 è sindaco della cittadina siciliana di Salemi, e da sabato 18 ottobre 2008, collaboratore settimanale per Telemarket.

    Biografia
    Vittorio Sgarbi
    Dopo una giovinezza turbolenta (partecipò alla contestazione giovanile del Sessantotto tra le file degli anarchici), si laureò in filosofia con specializzazione in storia dell'arte all'Università di Bologna e iniziò ad occuparsi di arte, diventando ispettore della sovrintendenza ai beni storici e artistici in Veneto.
    Il suo personaggio nacque e si affermò soprattutto come ospite della trasmissione televisiva Maurizio Costanzo Show, durante la quale alternava apprezzate lezioni d'arte a violente aggressioni verbali nei confronti degli altri ospiti. Il suo comportamento lo elevò a protagonista della trash TV, invitato e ricercato dalle emittenti televisive come mezzo per aumentare gli ascolti.
    Nel 1989, già incriminato per "interessi privati in atti d'ufficio", assurse all'onore dei rotocalchi quando augurò la morte al suo maestro Federico Zeri nel corso d'una puntata del programma di Costanzo. Secondo Sgarbi, Zeri ne aveva infatti preteso il licenziamento perché convinto della sua colpevolezza riguardo alle accuse della contessa trevigiana Pia Bressanin della Rovere. La Bressanin affermò che Sgarbi l'aveva indotta a consegnargli un quadro di Giovanni Agostino da Lodi (La cena di Emmaus) che il critico d'arte aveva riconosciuto nel Museo civico Luigi Bailo di Treviso, a cui la contessa l'aveva affidato anni prima. Secondo la donna, Sgarbi - allora funzionario alla Sovrintendenza ai Beni artistici e culturali del Veneto - le aveva rivelato che la tela era in pessimo stato e necessitava di un restauro; essendo però il costo dell'operazione assai alto, Sgarbi avrebbe convinto la nobildonna a vendergli l'opera. La contessa affermò di avere ricevuto da Sgarbi solo 8 milioni invece dei 25 pattuiti. L'accusa sosteneva inoltre che Sgarbi avesse taciuto l'intera operazione alle autorità competenti. Il critico da parte sua negò decisamente che vi fosse stata una sua qualsiasi omissione.
    Famiglia
    Vittorio Sgarbi è celibe. Convive da diversi anni con l'attrice avezzanese Sabrina Colle. Ha un figlio, Carlo, avuto nel 1988 dal suo rapporto con la stilista Patrizia Brenner. Nel 2003, Sgarbi, ha, infine, riconosciuto spontaneamente una seconda figlia nata nel 2000 da una signora della borghesia torinese. In ultimo, ha rivendicato la paternità di una terza bambina di cui, tuttavia, non ha mai rivelato il nome.
    In merito, Vittorio Sgarbi ha avuto modo di dichiarare: «Sono contrario alla paternità. Quella del padre non è una categoria a cui ritengo di dover appartenere. Ciò detto sono anche contrario all’aborto. Ci sono donne che hanno voluto figli da me, non io da loro perché non può esserci l’obbligo di diventare padre».
    Carriera politica
    Politico spesso incline a cambiare idea e schieramento (alcuni lo hanno definito "il più grande trasformista d'Italia"), nel 1990 si candida senza successo a sindaco di Pesaro per il Partito Comunista Italiano. Qualche mese dopo diventa consigliere comunale di San Severino Marche (con il Partito Socialista Italiano) e quindi nel 1992 primo cittadino, sostenuto dalla Democrazia Cristiana e dal Movimento Sociale Italiano.
    Sempre nel 1992 è deputato nazionale per il Partito Liberale Italiano; successivamente si avvicina al Partito Radicale di Marco Pannella, con cui sarà alleato nelle coalizioni guidate da Silvio Berlusconi nel 1994 e nel 1996.
    Il 7 aprile 1995 legge al TG5 una lettera sui «veri colpevoli» dell'assassinio di don Pino Puglisi, senza rivelare le generalità dell'autore e attribuendola ad un sedicente amico del sacerdote assassinato; la missiva accusava il procuratore Giancarlo Caselli di essere il mandante dell'omicidio e Leoluca Orlando e Michele Santoro di esserne gli esecutori materiali. Secondo quanto riportato da Marco Travaglio, Caselli in vita sua non conobbe mai don Puglisi; in virtù di ciò Sgarbi fu condannato per diffamazione in primo e secondo grado (intervenuta la prescrizione prima della sentenza di Cassazione).
    Il 21 marzo del 1999 nasce il movimento I Liberal Sgarbi-I libertari. Nello stesso anno passa a Forza Italia, con cui diventa sottosegretario ai Beni culturali dal 2001 al giugno del 2002, allorché l'incarico gli viene revocato dal Consiglio dei Ministri a causa di numerose polemiche e tensioni con l'allora ministro Giuliano Urbani, fra cui l'accusa di far aprire fuori orario i musei per consentire ai suoi amici di visitarli. All'accusa Sgarbi replicherà che il suo era da considerare un dovere ispettivo d'ufficio, senza che egli potesse essere accusato legittimamente di "interesse privato in atti d'ufficio".
    Parallelamente alla sua attività politica, continua ad occuparsi di arte, commentando in videocassetta alcune delle opere dei più importanti pittori e scrivendo numerosi saggi e libri specializzati. I titoli più rilevanti da lui pubblicati sono Carpaccio (1979), I capolavori della pittura antica (1984), La stanza dipinta (1989), Davanti all'immagine (1990, vincitore del Premio Bancarella), Onorevoli fantasmi (1994), Lezioni private (1995), Lezioni private 2 (1996), Davanti all'immagine (2005), Ragione e passione. Contro l'indifferenza (2006)Clausura a Milano, Da Suor Letizia a Salemi (2008) (scritto con Marta Bravi. Personaggio televisivo grintoso (si è autodefinito "polemista"), oltre alle partecipazioni al "Maurizio Costanzo Show" ha condotto per anni la sua rubrica personale Sgarbi Quotidiani; famosa è la puntata in cui per protesta rimase in silenzio per 15 minuti (l'intera durata della trasmissione). Successivamente fonda in vista delle elezioni europee del 2004 la lista "Liberal Sgarbi", che si allea col Partito Repubblicano Italiano ma che ottiene nelle consultazioni del 2004 solo lo 0,7% dei voti.
    Nel 2005 abbandona la Casa delle Libertà e passa all'Unione. Propone la propria candidatura in vista delle elezioni primarie della coalizione di centrosinistra, ma deve successivamente ritirarsi in base alla regola che vietava la partecipazione alle primarie a chi avesse avuto incarichi politici nelle ultime due legislature guidate da Berlusconi. Alle elezioni politiche del 2006 decide di candidarsi con la Lista Consumatori che appoggia la coalizione di centrosinistra, senza essere tuttavia eletto.
    Nel 2006 si candida a sindaco di Milano, ma successivamente stipula un accordo con la candidata della Casa delle Libertà Letizia Moratti, che prevede il ritiro della propria candidatura. Dopo la vittoria dell'ex ministro dell'istruzione ottiene l'incarico di assessore alla cultura di Milano. L'8 maggio 2008 la nomina ad assessore gli viene revocata dal sindaco Moratti. Il 30 giugno 2008 , sostenuto dall'Udc, dalla Dc e da una lista civica di centro è stato eletto Sindaco del comune di Salemi (TP). Il 29 luglio 2008 il Tar della Lombardia ha accolto il ricorso con cui l'animatore d'arte contestava il «licenziamento» dal Comune di Milano reintegrandolo, di fatto, nelle funzioni di assessore . Il critico, tuttavia, con un comunicato, emanato il giorno successivo alla decisione dei giudici, si è spontaneamente dimesso dalla carica di assessore, risolvendo alla radice il problema della incompatibilità col ruolo di primo cittadino del comune belicino.
    Nell'agosto 2008 Sgarbi ha proclamato Salemi "prima capitale dell'Italia tibetana", per esprimere solidarietà nei confronti dei monaci tibetani e per condannare le ripetute violazioni dei diritti umani che essi hanno subìto ad opera della dittatura comunista cinese.
    Sgarbi ha poi deciso di avviare un progetto ambizioso per salvaguardare il patrimonio artistico della città, regalando la proprietà delle antiche case di Salemi (in gran parte distrutte dal terremoto del Belice e oggi in stato d'abbandono) a chi voglia restaurarle. L'iniziativa ha suscitato l'interesse di varie personalità come i coniugi Moratti, il cantante Lucio Dalla, il ministro Renato Brunetta, il giornalista Philippe Daverio. Nel progetto, che al di là della sua valenza artistico-culturale mira anche a favorire gli afflussi del turismo e a creare nuovi posti di lavoro, sono state coinvolte numerose associazioni giovanili di Salemi.
    Militanze
    Vittorio Sgarbi ha avuto strette collaborazioni con:
    Partito Comunista Italiano, che lo ha candidato a sindaco di Pesaro
    Partito Socialista Italiano, per il quale è stato consigliere comunale a San Severino Marche
    DC-MSI, alleanza con la quale è stato eletto sindaco di San Severino Marche nel 1992
    Partito Liberale Italiano, per il quale è stato deputato
    Partito Repubblicano, con il quale si è alleato per le elezioni europee nel 2004
    Lista Marco Pannella, con la Lista Pannella-Sgarbi abbandonata dallo stesso Sgarbi prima delle elezioni
    Forza Italia, nella quale ha inglobato il suo movimento I Liberal Sgarbi-I libertari
    Lista Consumatori, con la quale si è candidato, per le Politiche del 2006, senza essere eletto
    Unione dei Democratici Cristiani e di Centro-Democrazia Cristiana, alleanza con la quale è stato eletto sindaco di Salemi nel 2008.
    Controversie
    Vittorio Sgarbi si è reso famoso anche per l'irascibilità che contraddistinse diversi diverbi, talora sfociati in aggressive invettive, con altri personaggi televisivi. Vi furono liti:
    Vittorio Sgarbi vs Mike Bongiorno
    Durante una puntata di Telemike ci fu una lunga discussione, che presto degenerò in una lite verbale tra i due intrattenitori
    Vittorio Sgarbi vs Roberto D'Agostino.
    Durante il programma di Giuliano Ferrara L'istruttoria': in questa occasione, dopo essere stato provocato da Sgarbi che gli gettò addosso dell'acqua, D'Agostino arrivò a schiaffeggiarlo.
    Vittorio Sgarbi vs Trio Medusa.
    Durante la trasmissione televisiva Le Iene, i tre inviati cercavano di contattare l'allora Sottosegretario ai Beni Culturali per discutere il suo assenteismo in Parlamento o altri comportamenti ambigui. La vicenda ebbe anche risvolti giudiziari: il 19 marzo 2002 Sgarbi comunicò di aver querelato i conduttori del programma, per diffamazione, richiedendo oltre cinquantuno milioni di euro di danni. Da allora il trio ha spesso a che fare con lui nei servizi (un loro libro, Culattoni raccomandati, ha preso il titolo da una frase di Sgarbi). .
    Vittorio Sgarbi vs Valerio Staffelli
    Durante un servizio di Striscia la notizia Staffelli che intendeva consegnargli il Tapiro
    Vittorio Sgarbi vs Alessandro Cecchi Paone
    Nella trasmissione Markette.
    Vittorio Sgarbi vs Marco Travaglio
    L'1 maggio 2008 durante AnnoZero, la trasmissione condotta da Michele Santoro, Sgarbi ha vivacemente polemizzato con lo stesso Santoro e soprattutto con Travaglio, al quale ha anche rivolto diversi insulti nel corso della trasmissione.
    Nel 1996, dopo la sconfitta alle elezioni nella circoscrizione del Veneto, Sgarbi reagì violentemente dichiarando:
    Sgarbi ebbe anche vari scontri verbali con il giornalista Piero Ricca, il quale considerò illegale la sua presenza in ambito politico a causa della sua condanna per truffa aggravata allo Stato quando era sovrintendente ai beni artistici della regione Veneto e lo criticò anche per aver definito il magistrato anti-mafia Gian Carlo Caselli "verme infetto". Tutto questo innescò varie forti discussioni tra i due. Sempre a riguardo della questione "Gian Carlo Caselli" Sgarbi venne contestato da Piero Ricca perché nel 1995 su Canale 5 disse che il giudice Caselli era il mandante morale dell'omicidio di Don Puglisi. Per questo fatto venne condannato per diffamazione in primo e secondo grado, reato che cadde in prescrizione in cassazione.
    Nondimeno nel dicembre 2007 descrisse il politico Bondi come un incrocio tra Don Abbondio e Massimo Boldi, scatenando la sua reazione in una puntata di Porta a Porta.


    La polemica con Cecchi Paone ha riguardato la Chiesa e i rapporti di questa con i gay. Fino ad anni recenti, Sgarbi si è sempre dichiarato ateo e figura in una lista (costruira sulla base di dichiarazioni verificate) di non credenti del sito dell'UAAR; in un'apparizione a Markette, programma condotto da Piero Chiambretti, ha attaccato Alessandro Cecchi Paone per le sue critiche alla Chiesa ed arrivando a definirlo "ateo bastardo" ed "ateo fasullo", pur ribadendo la sua distanza dal cattolicesimo; più recentemente, in una puntata della trasmissione "Confronti" condotta da Gigi Moncalvo, Sgarbi ha invece dichiarato di "essere fiero di essere cattolico", alla presenza dello stesso Cecchi Paone: la posizione di Sgarbi pare così essere diventata simile a quella cristianista e filo-cattolica.
    Condanne giudiziarie
    Il 7 aprile 1995 lesse al TG5 una lettera sui «veri colpevoli» dell'assassinio di Don Pino Puglisi, non rilevando le generalità essendo priva di firma ma attribuita ad un sedicente amico del sacerdote assassinato; la missiva accusava come mandante il procuratore Caselli e come killer Leoluca Orlando.
    Per queste dichiarazioni Sgarbi è stato condannato per diffamazione in primo e secondo grado, ma è intervenuta la prescrizione prima della sentenza di Cassazione.
    Nel 1996, con sentenza definitiva della Pretura di Venezia, è stato condannato a 6 mesi e 10 giorni di reclusione per il reato di falso e truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, per produzione di documenti falsi e assenteismo mentre era dipendente del Ministero dei Beni culturali, con la qualifica di funzionario ai Beni artistici e culturali del Veneto. Condannato a pagare un indennizzo fissato dalla corte, il critico d'arte si giustificò affermando che la sua assenza dall'ufficio dipendeva dall'impegno per la redazione d'un catalogo d'arte.
    Il 14 agosto 1998, dopo la morte di Luigi Lombardini, in un'intervista a Il Giornale ne attribuisce la responsabilità alle «inchieste politiche di Caselli uomo di Violante», in quanto «il suicido di Lombardini ha evidenziato la natura esclusivamente politica dell'azione di Caselli e i suoi» che «impudentemente frugano nella sua tomba sul suo cadavere»; il 17 agosto, ignorando i ringraziamenti dell'avvocato di Lombardini per la correttezza tenuta da Caselli nella conduzione dell'interrogatorio nonché il positivo pronunciamento del CSM in merito, ne chiede «l'immediato arresto» nonché la «sospensione dal servizio e dallo stipendio». Alla successiva querela, l'intervistatore Renato Farina ed il direttore Mario Cervi scelgono il patteggiamento, mentre Sgarbi la via del processo; ad una delle udienze «non si presenta in Tribunale (a Desio) dicendo di essere a Bologna per un altro processo; il giudice telefona a Bologna e scopre che lì Sgarbi ha fatto lo stesso sostenendo di essere a Desio». Per queste affermazioni nel 1998 verrà condannato dalla Cassazione per diffamazione aggravata sulle indagini del pool antimafia di Palermo, guidato da Gian Carlo Caselli, oltre a 1.000 € di multa.
    Vi è chi, di fronte a questo pronunciamento, ha sostenuto che la condanna sarebbe occorsa per aver Sgarbi definito le indagini "politiche", esercitando il proprio diritto di critica (Francesco Cossiga, Ettore Randazzo, Fabrizio Cicchitto e Niccolò Ghedini). Questa ricostruzione è stata contestata da Marco Travaglio, per il quale «criticare significa affermare che un'inchiesta è infondata, una sentenza è sbagliata. Ma sostenere che un PM e l'intera sua Procura sono al servizio di un partito, agiscono per finalità politiche, usano la mafia contro lo stato, non è criticare: è attribuire una serie di reati gravissimi, i più gravi che possa commettere un magistrato».
    Curiosità
    Nel 1994 il gruppo pop-demenziale marchigiano dei Vincisgrassi citò Sgarbi nella canzone Terra mia. Riferendosi a San Severino Marche, il gruppo canta : S'è fatto tardi, in piazza c'è Sgarbi/che spiega a tutti quanti come dipingono i Sardi.
    Anche Jovanotti lo cita nel brano Ho perso la direzione (1992).
    Il critico è citato anche dal rapper pugliese CapaRezza nella canzone Tutto ciò che c'è quando canta vorrei sapere la mia lingua meno di Biscardi, criticare sgorbi disegnati da Sgarbi.
    Il critico è citato anche nella canzone del gruppo rap milanese Articolo 31 nella canzone Voglio una lurida nel passo Mi sono rotto della magre bionde tipo la Barbie, delle maggiorate tipo quelle che si fa Sgarbi (1994).
    Note


      ^ Dichiarazione di Sgarbi alla Stampa di Torino. URL consultato il 09-08-2008.
      ^ Intervista a Vittorio Sgarbi
      ^ Marco Travaglio, La scomparsa dei fatti. Milano, il Saggiatore, 2007. pp. 201-202 ISBN 8842813958
      ^ Giancarlo Caselli, Un magistrato fuorilegge. Melampo, 2005. cap. 3 ISBN 888953334-X
      ^ Maurizio Giannattasio. «La Moratti silura Sgarbi, terremoto in Giunta». , 08-08-2008 (consultato in data 10-05-2008).
      ^ Vittorio Sgarbi sindaco a Salemi
      ^ Tar Lombardia
      ^ Sgarbi: "Salemi prima capitale d'Italia Tibetana" Marsal@.it
      ^ (IT) Il Corriere della Sera. «Sgarbi regala case a chi le restaura». , 12-09-2008.
      ^ YouTube.com: registrazione del litigio tra Bongiorno e Sgarbi
      ^ YouTube.com: registrazione del litigio tra D'Agostino e Sgarbi
      ^ Corriere.it "Sgarbi querela Le Iene"
      ^ http://magazine.excite.it/news/134/SgarbiMussolini_insulti_in_tv
      ^ http://magazine.excite.it/news/184/MussoliniSgarbi_nuovo_round
      ^ YouTube.com: registrazione del litigio tra Cecchi Paone e Sgarbi
      ^ Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, La Casta. Rizzoli, 2007, pg 164
      ^ Il video della discussione tra Sgarbi e Ricca su You Tube
      ^ Altro video della discussione tra Sgarbi e Ricca su You Tube
      ^ Tv.Repubblica.it: registrazione della lite tra Bondi e Sgarbi
      ^ Estratto dalla puntata di Markette relativo al litigio Sgarbi-Cecchi Paone
      ^ Giancarlo Caselli, Un magistrato fuorilegge. Melampo, 2005. cap. 3 ISBN 888953334-X
      ^ «Intoccabili, in onda il 20 maggio 2007 su Raitre». Report.it .
      ^ Marco Travaglio, La scomparsa dei fatti. Milano, il Saggiatore, 2007. pp. 206-207 ISBN 8842813958
      ^ Articolo del 30 agosto 2006 su La Repubblica
      ^ Marco Travaglio, La scomparsa dei fatti. Milano, il Saggiatore, 2007. p. 207 ISBN 8842813958

    Altri progetti
    Wikiquote
    Commons
    Wikiquote contiene citazioni di o su Vittorio Sgarbi
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Vittorio Sgarbi
    Collegamenti esterni
    Sito web ufficiale
    MySpace ufficiale
    Scheda su openpolis.it di Vittorio Sgarbi
    Portale Biografie
    Portale Arte
    Portale Politica
    Cagli (alla voce civiche benemerenze)
    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Vittorio_Sgarbi"
    Categorie: Biografie | Critici d'arte italiani | Politici italiani del XX secolo | Politici italiani del XXI secolo | Scrittori italiani del XX secolo | Scrittori italiani del XXI secolo | Nati nel 1952 | Nati l'8 maggio | Deputati italiani | Europarlamentari italiani | Personaggi televisivi italiani | Politici del Partito Liberale Italiano | Politici di Forza Italia | Storici dell'arte italiani | Personalità legate a Ferrara | Sindaci italianiCategorie nascoste: Voci mancanti di fonti - argomento sconosciuto | Voci mancanti di fonti - gennaio 2009 | BioBot | Voci con citazioni mancanti | Voci mancanti di fonti - non datate

    « Torna al 8 Maggio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre