Valentino Rossi (31)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 16 Febbraio 1979
  • Professione: Motociclista
  • Luogo di nascita: Urbino (PU)
  • Nazione: Italia
  • Valentino Rossi in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Valentino Rossi
  • Wikipedia: Valentino Rossi su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Palmarès

    Statistiche aggiornate al 26 ottobre 2008
    Valentino Rossi (Urbino, 16 febbraio 1979) è un motociclista italiano, otto volte campione del mondo nelle varie classi del Motomondiale.
    Uno dei più grandi piloti di tutti i tempi, è l'unico nella storia del motociclismo ad aver vinto il titolo mondiale in 4 classi differenti: 125 (1), 250 (1), 500 (1) e MotoGP (5) (la classe che dal 2002 ha sostituito la 500), ed a vincere il titolo per due anni consecutivi della classe regina con due marche diverse (Honda e Yamaha), insieme all'americano Eddie Lawson. Detiene il record di podi consecutivi nella classe MotoGP (23): le ultime 6 gare del 2002, tutte le 16 gare del 2003, e la memorabile gara di Welkom nel 2004 (prima gara in sella alla Yamaha M1). È attualmente il pilota col maggior numero di successi in MotoGP.
    Tra i soprannomi più noti si ricordano The Doctor, Rossifumi e Valentinik.

    Biografia
    Valentino Rossi
    Nasce a Urbino il 16 febbraio 1979 e da piccolissimo si sposta a Tavullia, Rossi inizia a prendere confidenza con i motori fin da piccolo, mostrando subito il suo talento. Inizia da bambino coi kart grazie al padre Graziano, che corse nel motomondiale negli anni '70; passa poi molto velocemente alle più economiche minimoto, che al tempo non avevano ancora avuto lo sviluppo odierno e prende la prima licenza come pilota del Moto Club Cattolica, sodalizio pioniere delle gare di minimoto. Fa le sue prime esperienze e gare presso la pista Motorpark a Cattolica. la prima omologata FMI. A 13 anni prova per la prima volta la Aprilia Futura 125, ma il debutto nelle campionato Sport Production lo fa nel 1993 a bordo di una Cagiva gestita da Claudio Lusuardi.

    Nel 1994 partecipa contemporaneamente ai campionati Sport Production e GP italiani, riuscendo a vincere il campionato delle derivate di serie ed a fare esperienza sui prototipi da GP. L'anno successivo vince il campionato italiano della classe 125, e si classifica terzo nell'europeo della stessa categoria. Da quando ha debuttato in 125 nel '96 Rossi non ha mai saltato una gara.
    Classe 125
    L'alba della stagione 1996 del motomondiale sancisce l'esordio nel campionato del mondo. Dopo alcune prestazioni di rilievo, ottiene la sua prima vittoria nel Gran Premio della Repubblica Ceca, a Brno, dopo aver conquistato anche la sua prima pole position. Per qualche giorno è anche il più giovane pilota ad ottenere una vittoria in 125, prima che Ivan Goi nella gara in Austria glielo soffi. Nel 1997 passa dal team AGV al Team ufficiale Aprilia, ottiene il suo primo titolo mondiale a bordo della RS 125.
    Classe 250
    A partire dal 1998 corre nella classe 250. Trascorre un anno di ambientamento all'interno del "mega team" Aprilia 250 che in quell'anno schiera ben 3 piloti: il campione mondiale a fine anno Loris Capirossi, il veloce ma sfortunato Tetsuya Harada e il giovane Valentino. Il cambio di cilindrata segna anche il cambio di capo team, passando da Mauro Noccioli a Rossano Brazzi. Nel 1999 si laurea campione del mondo della 250, dominando la stagione con 9 vittorie.
    Le classi 500 e MotoGP

    Gli anni con la Honda (2000-2003)


    Valentino Rossi sulla Honda durante una gara
    Il 2000 è l'anno del passaggio alla classe 500 e del cambio di scuderia. Firma, infatti, un contratto con la Honda. Il suo primo anno è frutto di molti errori, ma ancora una volta, nonostante questo, riesce a classificarsi 2°, dietro a Kenny Roberts Junior. Ma nel 2001, ultima stagione prima della sostituzione di questa classe con la MotoGP, arriva il terzo titolo iridato. Sempre nel 2001, si cimenta nella prova più importante del Mondiale Endurance per le case giapponesi: la 8 ore di Suzuka, imponendosi assieme all'allora compagno di marca (e pilota ufficiale Superbike Honda) Colin Edwards.
    L'introduzione della nuova classe, nella quale tutti i piloti sono "esordienti", non costituisce problemi per Rossi, che riesce a imporsi fin dalla prima edizione (2002, dove la Honda era molto avvantaggiata rispetto alla concorrenza, avendo preparato la moto molto tempo prima) e a bissare il titolo iridato l'anno successivo (2003).

    Campione con la Yamaha (2004-2005)


    Rossi in sella alla Yamaha YZR-M1 nel 2005
    Nella stagione 2004 Rossi passa alla Yamaha; inizialmente la mossa solleva qualche perplessità perché la Yamaha è giudicata tecnicamente inferiore alla Honda, nell'arco della stagione precedente ha infatti ottenuto solo un terzo posto. Rossi raccoglie comunque la sfida e porta con sé nel nuovo team alcuni elementi chiave della vecchia squadra, come il capotecnico australiano Jeremy Burgess, con lui sin dalla prima stagione in Honda, nel 2000. Il risultato è una moto nettamente migliorata, con cui Rossi vince il motomondiale, a dodici anni di distanza dall'ultima vittoria di una moto Yamaha, pilotata dallo statunitense Wayne Rainey. Memorabili sono la prima gara di Welkom, in cui Rossi vince una stupenda battaglia contro Max Biaggi, dimostrando ancora una volta la superiorità dell'uomo nei confronti del mezzo meccanico, e mettendo a tacere le critiche rivolte nei suoi confronti, e quella di Phillip Island, nella quale Valentino vince il mondiale andando a prendersi la vittoria ai danni di Sete Gibernau.
    Anche nel 2005 Rossi, contro le previsioni di molti, domina la competizione divenendo campione del mondo con quattro gare di anticipo, a Sepang, il 25 settembre. Soltanto i numeri possono descrivere la superiorità imbarazzante del duo pilota-mezzo rispetto alla concorrenza: 11 vittorie su 17 gare, 16 podi complessivi, 1 solo ritiro, 367 punti su 425.

    La crisi di risultati (2006-2007)


    La moto del 2006
    Il 2 agosto dello stesso anno, Rossi firma il rinnovo contrattuale con la Yamaha per la stagione 2006, rifiutando l'offerta della Ducati e sconfessando le ipotesi giornalistiche di un suo possibile esordio in Formula 1 con la Scuderia Ferrari.
    Nella stagione 2006 Rossi si classifica al secondo posto. Ottiene 5 vittorie, 6 in meno dell'anno precedente, principalmente a causa di due cadute (tamponato da Elias alla prima curva a Jerez), due rotture del motore (Le Mans e Laguna Seca) e un distaccamento del battistrada del pneumatico anteriore in Cina. A 6 gare dal termine del campionato Rossi si trova a 51 punti di distanza dal capoclassifica, ma inizia una rimonta che appassiona i tifosi, arrivando ad affrontare l'ultima gara in testa alla classifica con 8 punti di vantaggio. Nell'ultima gara, però, dopo una brutta partenza dalla Pole Position, cade nel tentativo di rimontare gli avversari ed arriva al 13° posto, perdendo il campionato, vinto da Nicky Hayden che viola l'imbattibilità quinquennale di Rossi.
    Rossi nel MotoGP d'Olanda ad Assen, nel 2007
    Nel Motomondiale 2007 le sue prestazioni sono altalenanti: vince a Jerez, Mugello, Assen, Estoril (dove dedica la vittoria di quest'ultimo a Colin McRae, scomparso il giorno precedente); arriva secondo a Losail, Shanghai, Montmeló, ma decimo a Istanbul e sesto a Le Mans. Al termine del Gran Premio motociclistico di Olanda, Rossi è secondo a 21 punti da Casey Stoner che gareggia con una Ducati. Vince la gara del 30 giugno sul circuito di Assen (Olanda) rimontando dalla 11a posizione e superando nel finale proprio il suo principale rivale. Nel GP di Germania si ritira per una caduta in una curva. Nel Gran Premio degli Stati Uniti giunge quarto, distanziato di ben 30 secondi dal pilota della Ducati Casey Stoner. Nel GP del Giappone al termine di una gara rocambolesca a causa della pioggia si classifica in 13a posizione, permettendo a Casey Stoner (6°) di laurearsi campione del mondo per la prima volta. Nelle qualifiche dell'ultimo GP, a Valencia, il pesarese cade rovinosamente e si procura un trauma multiplo alla mano destra. L'aiuto della clinica mobile gli consente di partecipare comunque alla gara, dalla quale però si ritira per un guasto elettronico. Si classificherà al terzo posto finale, dietro a Stoner e Pedrosa. Durante quest'ultimo fine settimana avverrà la comunicazione ufficiale del suo passaggio alle gomme Bridgestone dopo tanti trionfi con Michelin.
    La rivincita (2008)
    Nel 2008 è ancora in sella alla Yamaha stavolta gommata Bridgestone. Rossi sceglie di cambiare fornitore dopo la grande delusione dell'anno precedente, quando le sue Michelin furono le principali responsabili di alcune sue sconfitte decisive. Nonostante la coraggiosa scelta del pesarese il mondiale non comincia sotto il segno di Valentino. Stoner, Pedrosa e il debuttante compagno di squadra Lorenzo si alternano, nelle prime tre gare, sul gradino pù alto del podio. Successivamente Rossi si impone in vetta al mondiale con tre vittorie consecutive nei gran premi di Cina, Francia ed Italia (fra queste tre è da ricordare quella numero 90 per Valentino, che gli permette di eguagliare Angel Nieto, e poi superarlo).
    A Laguna Seca, l'undicesima prova del mondiale, Stoner conquista la quarta pole consecutiva. Tuttavia in gara la vittoria va a Rossi al termine di un duello memorabile che vede protagonisti proprio questi ultimi due. Casey e Valentino mettono in scena il più combattuto ed appassionante testa a testa della stagione, con sorpassi e controsorpassi continui (indimenticabile è il controsorpasso di Rossi effettuato al 3^ giro al "Corkscrew", in cui Valentino ha affrontato la seconda curva passando sulla terra). E' comunque un dritto di Stoner a nove giri dalla fine (il pilota cade nella ghiaia per poi rialzarsi) a decretare il definitivo successo di Valentino. Nel dopo gara, Stoner accusa Valentino di aver compiuto dei sorpassi e delle manovre "al limite", ma Valentino replica di aver solamente corso una gara di MotoGp nel pieno rispetto delle regole: nel successivo Gran Premio di Brno, Stoner si scuserà con Rossi dicendo che erano solo parole dette a caldo, chiudendo così ogni polemica.
    Le due gare successive, a Brno nella Repubblica Ceca e a Misano, rappresentano il punto di svolta della stagione di Valentino: in entrambe, Casey Stoner cade e consegna la vittoria a Rossi che chiude da par suo.
    Ad Indianapolis, dove il 14 settembre 2008 le moto gareggiano per la prima volta, Valentino riesce a conquistare pole e vittoria finale e a superare con 69 vittorie nella classe regina il record assoluto detenuto in precedenza da Agostini. La vittoria numero 70 arriva il 28 settembre a Motegi: il Dottore (con tre gare di anticipo) torna a laurearsi campione del mondo arrivando a 8 titoli iridati: 1 in 125, 1 in 250 e 6 tra 500 e MotoGP.
    La settimana successiva, a Phillip Island, Valentino continua la sua serie di risultati positivi, giungendo 2° grazie ad una rimonta spettacolare dalla 12^ posizione in griglia, infilando una serie di sorpassi imbarazzanti e dimostrando ancora una volta il suo talento.
    Nella successiva gara di Sepang, Rossi allunga la sua serie di risultati positivi, conquistando una ulteriore vittoria nei confronti di Pedrosa, e nell'ultima gara di Valencia, grazie ad un 3° posto, migliora ulteriormente il record di punti conquistati in una stagione, già appartenente a lui, di 6 punti, giungendo fino a 373 punti.
    La rivalità con Max Biaggi
    Durante la sua carriera Rossi ha avuto un'accesa rivalità, dai toni non sempre signorili, con un altro pilota italiano, Max Biaggi.
    Accertamenti fiscali
    Il 3 agosto 2007 l’Ufficio di Pesaro dell’Agenzia delle Entrate contesta a Rossi compensi non dichiarati per 58.950.311 euro, relativi al periodo 2000-2004. Considerando Irpef, Irap e Iva, l’evasione fiscale è pari a 43,7 milioni di euro. Il fisco chiede anche il pagamento delle sanzioni e degli interessi, per un totale complessivo di 112 milioni di euro. Per tutti e 5 gli anni in questione, Rossi avrebbe presentato una dichiarazione Irpef con un reddito inferiore a quello reale. Lo stesso avrebbe fatto per l’Irap e l’Iva del 2000, mentre per il quadriennio 2001-2004 non avrebbe presentato alcuna dichiarazione Irap e Iva. Il pilota si è difeso affermando di aver rispettato la legge e di aver pagato tutte le imposte dovute nel Regno Unito, dove risulta residente.
    Nel febbraio del 2008 è stata resa nota la notizia che Rossi ha raggiunto un accordo con l'Agenzia delle Entrate patteggiando il pagamento di 19 milioni di dollari per il periodo 2000-2004 e 16 milioni per il periodo 2005-2006: trenta milioni legati ai guadagni del periodo e 4,8 milioni legati alla mancata dichiarazione.
    Rally
    Appassionato di automobilismo, Rossi ha gareggiato in una prova del campionato mondiale Rally WRC, nel 2002, a bordo di una Peugeot 206 WRC, in occasione del Rally d'Inghilterra senza però terminare la gara a causa di un'uscita di pista dopo poche curve. Da qualche anno partecipa anche al Monza Rally Show (di cui ha vinto l'edizione del 2006 e del 2007 su Ford Focus in coppia con Carlo Cassina, ed ha ottenuto un onorevole secondo posto nel 2008 tanto nel rally quanto nel Master Show, alle spalle rispettivamente di Dindo Capello e di Piero Longhi) ed al memorial Bettega del Motorshow di Bologna. Al secondo tentativo di partecipazione ad una prova del mondiale Rally WRC, è giunto 11° al rally di Nuova Zelanda disputato dal 17 al 19 novembre 2006 a bordo di una Subaru Impreza WRC. Nel dicembre del 2008 partecipa all'ultima prova del campionato, ossia il Rally del Galles, e a bordo di una Ford Focus riesce a concludere la gara 12°.
    Ragazzo dei record e personaggio pubblico
    Valentino Rossi mentre autografa un casco
    All'inizio della carriera veniva soprannominato Rossifumi perché simpatizzante del pilota giapponese Norifumi Abe.
    Rossi ha sempre usato il numero 46 per la sua moto, nonostante abbia avuto più volte la possibilità di usare il numero 1 in quanto campione in carica; il 46 è infatti il suo «numero portafortuna», lo stesso utilizzato dal padre, ex pilota motociclistico. Vale ha dichiarato di tenere il numero "portafortuna" 46 perché:
    Il pilota pesarese, come d'altro canto i suoi genitori, Stefania e Graziano Rossi, tengono un buon rapporto con il suo ex compagno di squadra ed ora rivale Nicky Hayden, tanto da farci amicizia proprio l'anno che Nicky conquistò il Motomondiale di MotoGP, nel 2006.
    Rossi gode di grande popolarità tra gli appassionati di motociclismo e tra i giornalisti e il suo carattere estroverso e spensierato ha sicuramente avvicinato molte persone allo sport del motociclismo. Famose sono le sue trovate per festeggiare le vittorie assieme ai membri del fan club, che lo accompagnano nelle gare del mondiale (un gruppetto di amici "storici", ai quali Rossi stesso paga metà del costo della trasferta per seguirlo): i "giri d'onore" con a bordo una bambola gonfiabile in tenuta da spiaggia, la "visita" in una toilette dei commissari di pista, la "multa" per eccesso di velocità da parte di una finta pattuglia di vigili al Mugello, la festa per la conquista del settimo titolo mondiale a Sepang nel 2005 con i fan travestiti da sette nani, e il goliardico "Scusate il ritardo" per la vittoria del 2008.
    Proprio per la sua passione per le auto, sempre più spesso negli ultimi anni si è parlato della possibilità di un suo passaggio alla Formula 1 con la Ferrari, con la quale ha effettuato diversi test sulle piste di Fiorano e del Mugello: Michael Schumacher lo ha elogiato dicendo che potrebbe fare tranquillamente il pilota di F1. Rossi ha sfidato Fernando Alonso in una gara a somma di tempi in MotoGP, F1 e Rally, sul circuito di Barcellona, l'unico al mondo dove si svolgono tutte e tre le gare, ma il pilota spagnolo ha rifiutato, anche perché guidare una macchina di F1, per un pilota non esperto, non è impossibile, ma tutt'altra cosa è invece guidare per la prima volta una moto da GP.
    Nel 2002 ha ricevuto delle minacce da un movimento anarchico italo-spagnolo (che in quei giorni aveva inviato pacchi bomba contro importanti obiettivi iberici tra i 2 paesi) perché "reo" di avere stampato, su moto e tuta, il nome dell'azienda petrolifera Repsol (con cui non ha avuto alcun rapporto, anche se ha girato uno spot in Spagna per essa).
    Rossi prima di una gara
    Il 31 maggio 2005 ha ricevuto una laurea magistrale honoris causa in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. CPO dall'Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" dando così al suo soprannome "The Doctor" un ulteriore significato.
    Alla fine del 2005 pubblicò, insieme al giornalista Enrico Borghi, la sua autobiografia: Pensa se non ci avessi provato.
    Nel 2007 è uscito in DVD il video fumetto realizzato insieme a Milo Manara, dal titolo Quarantasei, in cui lui doppia se stesso.
    Nel gennaio 2008 in occasione della presentazione, al Lingotto di Torino, del Fiat Yamaha Team, Valentino ha dichiarato: "Ritirarmi dalle gare? Non ci penso neanche. Spero di correre altri anni, fino a quando sarò competitivo; il mio sogno è di arrivare alla fine della carriera con la Yamaha e penso che ciò si realizzerà".
    Il 30 marzo 2008 Valentino Rossi festeggia, unico tra i piloti, il centesimo podio nella classe regina.
    Il 18 maggio 2008 Rossi eguaglia Angel Nieto per numero di gran premi vinti (90).
    Il 22 giugno 2008 Valentino ha corso a Donington Park il suo 200° Gran Premio, giungendo secondo alle spalle di Casey Stoner; nel 2002 sullo stesso circuito, Rossi arrivò al traguardo dei 100 GP con una percentuale di vittorie pari al 46%, il suo numero fortunato...
    Il 19 luglio 2008 Valentino ha annunciato il rinnovo del suo contratto con la Yamaha per altre due stagioni. Con questo prolungamento correrà per la casa giapponese fino al 2010.
    Il 31 agosto 2008, nel GP di Misano Adriatico, Valentino Rossi eguaglia Giacomo Agostini a quota 68 vittorie in Top Class e lo supera il 14 settembre 2008, nel GP di Indianapolis. Inoltre con questo trionfo il pesarese ha vinto, almeno una volta, su tutte le piste dove ha corso.
    Il 28 settembre 2008 Valentino Rossi è campione del mondo per l'ottava volta della carriera. Il pesarese della Yamaha ha vinto oggi a Motegi il quinto titolo in MotoGP, il sesto nella classe regina, l'ottavo assoluto considerando anche le vittorie in 125 e 250, giungendo vittorioso al traguardo del GP del Giappone..
    Risultati, gara per gara

    Stagione 1996


    Stagione 1997


    Stagione 1998


    Stagione 1999


    Stagione 2000


    Stagione 2001


    Stagione 2002


    Stagione 2003


    Stagione 2004


    Stagione 2005


    Stagione 2006


    Stagione 2007


    Stagione 2008


    Statistiche
    Aggiornate al 26 ottobre 2008
    Palmarès
    Caschi
    Alcuni caschi celebrativi del pluricampione del mondo
    Disegni sui caschi usati da Rossi nelle varie stagioni.
    Note

      ^ http://www.gazzetta.it/Motori/Motomondiale/MotoGP/Primo_Piano/2007/08_Agosto/10/vale_soluzioni_1008.shtml
      ^ Valentino Rossi darà 35 milioni al Fisco. Corriere.it, 12-2-2008. URL consultato il 12-2-2008.
      ^ Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni - Università di Urbino
      ^ Motomondiale - Rossi: "Ritirarmi? Non ci penso proprio" , da RealSports.it del 18/01/08
      ^ http://www.gazzetta.it/Motori/Motomondiale/MotoGP/Primo_Piano/2008/07_Luglio/19/rossi.shtml
      ^ Articolo della Gazzetta dello Sport
      ^ http://www.gazzetta.it/Motori/Motomondiale/MotoGP/Primo_Piano/2008/09/28/motegimotogp.shtml

    Altri progetti
    Commons
    Wikinotizie
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Valentino Rossi
    Wikinotizie contiene notizie di attualità su Valentino Rossi
    Wikiquote contiene citazioni di o su Valentino Rossi
    Collegamenti esterni
    Profilo sul sito della Yamaha Racing
    Sezione del Comune di Tavullia dedicata a Valentino Rossi
    Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Valentino_Rossi"
    Categorie: Biografie | Motociclisti italiani | Nati nel 1979 | Nati il 16 febbraio | Personalità legate a Urbino | Personalità legate all'Università di Urbino | Figli d'arte | Piloti automobilistici italiani | Piloti della 125 cc GP | Piloti della 250 cc GP | Piloti della 500 cc GP | Piloti della MotoGPCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 16 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre