Tinto Brass (77)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Giovanni Brass
  • Data di nascita: 26 Marzo 1933
  • Professione: Regista
  • Luogo di nascita: Milano (MI)
  • Nazione: Italia
  • Tinto Brass in Rete:

  • Wikipedia: Tinto Brass su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Giovanni Brass detto Tinto (Milano, 26 marzo 1933) è un regista, sceneggiatore e attore italiano.

    Biografia
    La giovinezza
    Nato da una severa famiglia di origine giuliana, e nipote del pittore Italico Brass, Tinto Brass si trasferì giovanissimo a Venezia. Nel 1957 si laureò in Giurisprudenza a Padova. Appassionato di cinema più che di giurisprudenza, sul finire degli anni Cinquanta trascorse un biennio come archivista alla "Cinémathèque" di Parigi, avvicinandosi agli ambienti della nascente Nouvelle Vague. In seguito tornerà in Italia come aiuto-regista di Alberto Cavalcanti.
    Gli esordi cinematografici
    Già assistente di maestri del cinema del calibro di Roberto Rossellini e Joris Ivens, esordì nella regia con il lungometraggio In capo al mondo (1963), anarchico apologo sul disagio giovanile, del quale curò anche la sceneggiatura e il montaggio. Con una sorta di "anarchismo umoristico" il film narrava circa i disagi di un giovane che stenta ad integrarsi nella società, ma questa insofferenza verso il potere e le sue istituzioni non venne apprezzata dai censori dell'epoca, che gli imposero di rigirare la pellicola da capo. Per tutta risposta Brass gli cambiò solo il nome (lo denominò Chi lavora è perduto), rendendo ancora più esplicito il messaggio politico-sociale.
    Altri film
    Dopo essere stato coinvolto, con alterni risultati, in alcune produzioni di carattere commerciale (la fiaba "fantascientifica" Il disco volante del 1964; La mia signora con Alberto Sordi del 1964, un film collettivo del quale firma due episodi accanto a Luigi Comencini e al suo estimatore Mauro Bolognini; lo spaghetti-western Yankee del 1966), il regista tornò a moduli espressivi più intimi con i successivi Col cuore in gola (1967), L'urlo (1968), Nerosubianco (1969; nella cui locandina il regista, scrivendo in stampatello le lettere dalla seconda alla quinta, creava un emblematico gioco di parole), Dropout (1970) e La vacanza (1971), ultimo film brassiano in cui l'erotismo non la fa da padrone.

    Verso l'erotismo


    Il sesso ed il suo particolare rapporto col potere e col denaro diventa invece tema centrale di Salon Kitty (1975), film impregnato di atmosfere che ricordano quelle di Luchino Visconti e Liliana Cavani, e della ricostruzione storica Io, Caligola (1980), che ebbe una produzione ed un montaggio travagliati. La propensione per il grottesco contraddistingue Action (1979), beffarda ed autobiografica riflessione sul rapporto che lega arte e pornografia.
    "La Chiave" e il cinema erotico
    Deciso ad abbandonare il cinema "serio" (o "serioso", come dice lui) per dedicarsi alla commedia erotica all'italiana, nel 1983 Brass girò La chiave (con Stefania Sandrelli, tratto dal romanzo dello scrittore giapponese Tanizaki Jun'ichirō), spostandosi poi gradatamente verso una trattazione sempre più disinvolta dei tabù dell'erotismo. Questa pellicola, che ebbe un buon successo di pubblico e di critica (cosa più unica che rara nella sua filmografia), fece entrare Tinto Brass nell'olimpo di tale particolare genere cinematografico, rendendo però molto controversa la sua figura specialmente tra le femministe (che gli rimproveravano una certa considerazione della donna come oggetto) e le classi sociali più tradizionaliste. Puntualmente accompagnati da un alone di scandalo escono infatti Miranda (1985, con Serena Grandi, rivisitazione de "La Locandiera" di Goldoni), Capriccio (1987, con Francesca Dellera), Paprika (1991, con Debora Caprioglio). Le piccanti discussioni e le roventi polemiche che i suoi lungometraggi suscitano contribuiranno a rendere famose le sue attrici protagoniste.
    Sviluppi recenti
    Più recentemente però la ripetitività di schemi e situazioni pare aver progressivamente affievolito l'interesse e la curiosità che il pubblico aveva nei confronti delle sue opere. Dopo Così fan tutte del 1992, che rese celebre Claudia Koll, Brass sfornò nell'ordine L'uomo che guarda (1994, liberamente tratto da un romanzo di Alberto Moravia) forse il suo film più crudo, l'autobiografico Fermo posta Tinto Brass (1995, in cui era anche attore), Monella (1998),Tra(sgre)dire (2000) e Senso '45 (2002, con Anna Galiena), rilettura in chiave erotica ambientata a Venezia nel 1945 di Senso, il racconto di Camillo Boito dal quale Luchino Visconti aveva tratto nel 1954 l'omonimo film.
    A 70 anni gira anche Fallo! (2003, con Sara Cosmi e Raffaella Ponzo), film a episodi d'ispirazione boccaccesca che in quanto a trama non si differenzia molto dagli altri, mentre il successivo Monamour del 2005,con protagonista Anna Jimskaya attrice russa, e Nela Lucic, esce direttamente in DVD l'anno successivo.
    Nell'aprile 2007 Tinto Brass aveva annunciato il soggetto di un nuovo film, Vertigini: la storia di un anziano professore veneto che, caduto in depressione, ritrova la vitalità quando scopre di avere una forte attrazione erotica verso la giovane nuora. Il progetto però non parte. Agli inizi del 2008, Brass dichiara di voler girare un altro film, dal titolo Ziva, l'isola che non c'è: è la storia di una donna che vive su un'isola croata con il marito durante la seconda guerra mondiale. Conosce alcuni soldati di varie nazionalità, e li convince a disertare la guerra.
    Per il ruolo della protagonista Brass sceglie Caterina Varzi, una avvocatessa che il regista veneto ha incontrato per caso (la Varzi curava gli interessi legali di una società di distribuzione che voleva preparare ed editare un dvd dedicato alla carriera di Brass).
    Le riprese del film partiranno (dopo un rimando a giugno 2008) nei primi mesi del 2009. Per le location esterne o la Croazia o il Salento.
    Intanto, tra dicembre 2008 e gennaio 2009, Tinto Brass cura la regia di una serie di cortometraggi erotici destinati a SKY, riuniti nella collana tv "Il favoloso mondo di Tinto Brass". Tra le attrici di uno degli episodi figura anche Caterina Varzi, la protagonista dell'imminente Ziva, l'isola che non c'è.
    Un esperimento simile c'era già stato nel '99, quando Tinto Brass supervisionò 12 cortometraggi erotici, dal titolo "Corto-circuiti erotici", distribuiti tra la fine del '99 e gli inizi del 2000. E che avevano visto tra le protagoniste: Silvia Rossi, Francesca Nunzi, Yulia Mayarchuck, Raffaella Ponzo, Loredana Cannata.
    Altro
    Tinto Brass ha anche collaborato con la rivista Penthouse ed è stato solo attore nei film La donna è una cosa meravigliosa per la regia di Mauro Bolognini (1964) e Lucignolo diretto da Massimo Ceccherini (1999). Nel 1964 ha inoltre diretto il suo unico documentario politico: Ça ira - Il fiume della rivolta.
    Nel giugno 1971 firmò la petizione del settimanale "l'Espresso" contro il Commissario Luigi Calabresi ed altri funzionari della questura e del tribunale di Milano. Nell'ottobre 1971 fu tra i firmatari di un'autodenuncia pubblicata su Lotta Continua in cui esprimeva solidarietà verso alcuni militanti e direttori responsabili del giornale inquisiti per istigazione a delinquere a causa del contenuto violento di alcuni articoli, impegnandosi a «combattere un giorno con le armi in pugno contro lo Stato».
    Ha presentato nel settembre 2006, a Napoli, un libretto di 22 pagine, Elogio al culo, in cui vi sono molte perle di saggezza, come: «il culo è lo specchio dell'anima»; «mostrami il tuo culo e ti dirò chi sei»; ecc. Il libro è stato distribuito su ampia scala nell'aprile 2007. La moglie di Tinto Brass, la veronese Carla Cipriani (detta Tinta), sua assistente e collaboratrice in quasi tutti i suoi film, è deceduta a Merano il 9 agosto 2006.
    Filmografia
    In capo al mondo ovvero Chi lavora è perduto (1963)
    Ça ira - Il fiume della rivolta (1964)
    La mia signora (1964)
    Il disco volante (1964)
    Yankee (1966)
    Col cuore in gola (1967)
    L'urlo (1968)
    Nerosubianco (1969)
    Dropout (1970)
    La vacanza (1971)
    Salon Kitty (1975)
    Io, Caligola (1979)
    Action (1980)
    La chiave (1983)
    Miranda (1985)
    Capriccio (1987)
    Snack Bar Budapest (1988)
    Paprika (1991)
    Così fan tutte (1992)
    L'uomo che guarda (1994)
    Fermo posta Tinto Brass (1995)
    Monella (1998)
    Corto-circuiti erotici (1999-2000) (12 cortometraggi)
    Tra(sgre)dire (2000)
    Senso '45 (2002)
    Fallo! (2003)
    Monamour (2005)
    Il favoloso mondo di Tinto Brass (2009) (cortometraggi)
    Ziva, l'isola che non c'è (2009)
    Note

      ^ "I falsi profeti del Sessantotto" di Michele Brambilla
      ^ "Caso Calabresi" di Antonio Socci

    Voci correlate
    L'Italia non è un paese povero
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Tinto Brass
    Collegamenti esterni
    Tinto Brass su Open Directory Project (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Tinto Brass")
    Sito web ufficiale
    Scheda su Tinto Brass dell'Internet Movie Database
    Tinto Brass a Bombay
    Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Tinto_Brass"
    Categorie: Biografie | Registi italiani | Sceneggiatori italiani | Attori italiani | Nati nel 1933 | Nati il 26 marzoCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 26 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre