Tino Scotti (1905-1984)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1984
  • Data di nascita: 16 Novembre 1905
  • Professione: Attore
  • Luogo di nascita: Milano (MI)
  • Nazione: Italia
  • Tino Scotti in Rete:

  • Wikipedia: Tino Scotti su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Tino Scotti, (1950) foto di G.B. Poletto
    Tino Scotti (Milano, 16 novembre 1905 – Tarquinia, 16 ottobre 1984) è stato un attore italiano.

    Biografia
    Tino Scotti iniziò la sua carriera come attore di teatro, calcando le assi di palcoscenici sui quali venivano prodotti spettacoli di varietà e di teatro di rivista. Dotato di una memoria eccezionale e di una fantastica capacità oratoria, si contraddistinse per la velocità e la precisione delle sue parlate, sempre convulse e frenetiche ma mai incomprensibili.
    Frequenti le partecipazioni a programmi radiofonici di varietà e di prosa, dalla fine degli anni 30, presso gli studi dell' EIARe RAI.
    Da buon caratterista inventò due personaggi destinati a segnarne il successo: il cavaliere ed il bauscia, emblemi di una milanesità agli antipodi. Se il primo era uno sbruffone, il secondo impersonificava il gigolò assennato: entrambi erano però lo specchio della personalità dell'attore, di gran classe e mai volgare.
    Famosi i suoi Caroselli del lassativo Falqui,: Basta la parola!
    Partecipò anche a varie pellicole cinematografiche. Lavorò molto anche in televisioni in varietà rimasti nella storia dello spettacolo, basti citare "Bambole non c'è una lira" per la regia di Antonello Falqui. La sua ultima apparizione in una produzione tv è affidata allo sceneggiato "E la vita continua".


    Filmografia parziale
    Il pirata sono io!, regia di Mario Mattoli (1940)
    Pazzo d'amore, regia di Giacomo Gentilomo (1942)
    Stasera niente di nuovo, regia di Mario Mattoli (1942)
    Labbra serrate, regia di Mario Mattoli (1942)
    La valle del diavolo, regia di Mario Mattoli (1943)
    Ho tanta voglia di cantare, regia di Mario Mattoli (1943)
    L'ultima carrozzella, regia di Mario Mattoli (1943)
    Avanti a lui tremava tutta Roma, regia di Carmine Gallone (1946)
    Partenza ore 7, regia di Mario Mattoli (1946)
    È arrivato il cavaliere, regia di Mario Monicelli e Steno (1950)
    Milano miliardaria, regia di Marcello Marchesi e Vittorio Metz (1951)
    La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi (1951)
    Il tallone d'Achille, regia di Mario Amendola e Ruggero Maccari (1952)
    Fermi tutti, arrivo io!, regia di Ruggero Maccari, Mario Amendola (1953)
    La sceriffa, regia di Roberto Bianchi Montero (1959)
    Guardatele ma non toccatele, regia di Mario Mattoli (1959)
    Un uomo, una città (1974) , regia di Romolo Guerrieri
    Todo modo regia di Elio Petri (1976)
    Programmi radio
    EIAR e RAI
    Rosso e nero 1950/51/52
    Agenzia Scott di Vittorio Metz e Marcello Marchesi regia Riccardo Mantoni giovedì 10 giugno 1954 secondo programma
    Clandestini d'estate di Corbucci e Grimaldi regia Maurizio Jurghens 1959
    Note


      ^

    Collegamenti esterni
    Scheda su Tino Scotti dell'Internet Movie Database
    Portale Biografie
    Portale Cinema
    Portale Teatro

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Tino_Scotti"
    Categorie: Biografie | Attori italiani | Nati nel 1905 | Morti nel 1984 | Nati il 16 novembre | Morti il 16 ottobre | Attori teatrali italiani | Personalità legate a Milano | Artisti milanesiCategorie nascoste: Stub cinema | Stub teatro | BioBot

    « Torna al 16 Novembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre