Sete Gibernau (38)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 15 Dicembre 1972
  • Professione: Motociclista
  • Luogo di nascita: Barcellona
  • Nazione: Spagna
  • Sete Gibernau in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Sete Gibernau
  • Wikipedia: Sete Gibernau su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Record
    Ranking
    º
    Best ranking
    º
    Ruolo
    Squadra
    Ritirato
    Carriera
    Giovanili
    Squadre di club  
    Nazionale
    Carriera da allenatore
    Incontri disputati
    Palmarès

     
    Manuel Gibernau-Bultó (Barcellona, 15 dicembre 1972) è un motociclista spagnolo, meglio conosciuto con lo pseudonimo di "Sete Gibernau".
    Nipote di "don Paco Bultó", fondatore di Montesa e Bultaco, dopo aver vinto nel 1991 il campionato spagnolo juniores classe 125 cc con una Cagiva, dal 1992 al 1995 è stato collaudatore nella classe 250 cc, prima con la Yamaha e poi con la Honda. Il suo primo anno a tempo pieno nel motomondiale fu nel 1996, sempre nella "quarto di litro", con una Honda privata. In quella stagione i suoi piazzamenti furono anonimi: ottenne solo 20 punti in classifica, giungendo 22° nella classifica finale. Nel finale di stagione passò alla Yamaha nel team di Wayne Rainey, con cui disputò anche la stagione successiva, ma nella 500, giungendo 13° con 56 punti.
    Nel 1998 passò alla Honda nel team Repsol HRC, che gli affidò la NSR 500 bicilindrica, moto meno performante della 4 cilindri in mano ai compagni di squadra Doohan, Crivillé e Okada, e si piazzò 11° con 72 punti.

    L'anno successivo, dopo l'incidente di Doohan a Jerez, che costrinse il pilota australiano al ritiro dall'attività agonistica, la Honda decise di affidare a Gibernau la moto rimasta libera, e di conseguenza i risultati migliorarono: 4 podi e 165 punti, che gli fruttarono il quinto posto finale.

    Nel 2000, confermato sulla Honda 4 cilindri, i risultati furono al di sotto delle aspettative, ottenendo solo una pole position in Germania, e allora nel 2001 decise di accasarsi alla Suzuki.
    Con la Suzuki ottenne la sua prima vittoria in un Gran Premio (nell'ultima gara a Valencia), riuscendo ad accumulare 119 punti. Questo fu per lui l'anno della svolta: incominciò a credere di più nei propri mezzi e divenne più competitivo.
    Il primo anno nella MotoGP fu disastroso, più per colpa della moto che non per suoi demeriti: decise pertanto, a partire dalla stagione 2003, di tornare per la terza volta alla Honda, stavolta con il team di Fausto Gresini. In quella stagione, dopo la morte del compagno di squadra (e pilota ufficiale Honda) Daijiro Kato ebbe la chance di guidare la sua RC211V ufficiale, con cui conquistò 4 vittorie ed il secondo posto finale con 277 punti, divenendo il principale rivale di Valentino Rossi nella conquista del titolo mondiale.

    Nel 2004, nonostante l'ottima stagione precedente ed il passaggio di Rossi alla Yamaha, non riuscì ad ottenere dalla Honda una moto ufficiale, ma fu ancora lui il prinicipale avversario del pilota marchigiano. Il risultato però fu lo stesso della stagione precedente: secondo posto finale, frutto di 4 vittorie, 5 pole position e 257 punti totali.

    Il 2005 partì con grandi ambizioni, in quanto, pur rimanendo nel team Gresini, la Honda decise di affidargli lo sviluppo della moto ufficiale. Nella prima gara della stagione, il gran premio di Spagna sul circuito di Jerez, mentre era in testa, subisce l'attacco di Valentino Rossi all'ultima curva, finendo fuori pista a causa del contatto tra i due. Riuscirà a rientrare in pista ed a terminare la gara comunque al secondo posto, ma quell'episodio segnerà la stagione, ricca di cadute e di disavventure varie, come quando a Brno finì la benzina all'ultimo giro mentre era in testa. Finirà la stagione senza vincere nessuna gara, con 150 punti ed il 7° posto finale.
    Nel 2006 passa alla Ducati, ma vive una stagione difficile anche a causa di guai fisici e incidenti, che ne limitano il rendimento facendogli ottenere come miglior risultato tre quarti posti. Nel Gran Premio di Catalogna il pilota si infortuna gravemente dopo una carambola (da lui provocata) con alcuni piloti. Salta le successive 2 gare, ma anche dopo il rientro il suo rendimento è condizionato dai postumi dell'infortunio.
    L'8 novembre 2006 in una conferenza stampa a Barcellona annuncia l'addio alle corse, nonostante la Kawasaki gli avesse offerto un contratto per la stagione 2007.
    Nel giugno 2008 sono in corso trattative con la Kawasaki, che vedrebbero Gibernau sostituire il deludente australiano Anthony West, già a partire dal GP di Gran Bretagna. Anche Ducati è interessata al pilota, che è in procinto di testare la Desmosedici GP9 insieme al collaudatore Vittoriano Guareschi, in una sessione presso il circuito del Mugello.
    Nel 2009 sarà in sella alla Ducati GP9 del team satellite spagnolo Onde2000 e rientrerà così nel motomondiale come pilota titolare.
    Collegamenti esterni
    Il sito ufficiale
    Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Sete_Gibernau"
    Categorie: Biografie | Motociclisti spagnoli | Nati nel 1972 | Nati il 15 dicembre | Motociclisti catalani | Piloti della 250 cc GP | Piloti della 500 cc GP | Piloti della MotoGPCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 15 Dicembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre