Salvatore Di Giacomo (1860-1934)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1934
  • Data di nascita: 12 Marzo 1860
  • Professione: Poeta
  • Luogo di nascita: Napoli (NA)
  • Nazione: Italia
  • Salvatore Di Giacomo in Rete:

  • Wikipedia: Salvatore Di Giacomo su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Salvatore Di Giacomo
    Salvatore Di Giacomo (Napoli, 12 marzo 1860 – Napoli, 4 aprile 1934) è stato un poeta, drammaturgo e saggista italiano. Fu autore di molte notissime poesie in lingua napoletana (molte delle quali poi musicate) che costituiscono una parte importante della cultura popolare partenopea. È molto apprezzato come novelliere nero.
    Insieme ad Ernesto Murolo, Libero Bovio ed E. A. Mario è stato un artefice della cosiddetta epoca d'oro della canzone napoletana.

    Biografia
    Figlio di un medico e di una musicista, Di Giacomo frequentò per volere della famiglia la facoltà di medicina, ma nel 1886 abbandonò gli studi per diventare redattore della pagina letteraria del Corriere del Mattino. In seguito lasciò il Corriere e passò al Pro Patria prima e alla Gazzetta poi. Fu tra i fondatori, nel 1892, della nota rivista di topografia ed arte napoletana Napoli nobilissima.
    Dal 1893 ricoprì l'incarico di bibliotecario presso varie istituzioni culturali cittadine (Biblioteca del Conservatorio di San Pietro a Maiella, Biblioteca universitaria, Biblioteca nazionale). Nel 1902 divenne direttore della Sezione autonoma Lucchesi-Palli della Biblioteca nazionale e dal 1925 al 1932 ricoprì la qualifica di bibliotecario capo.
    Era nonno del percussionista Gegè Di Giacomo.
    L'adesione al Fascismo
    Aderì al Manifesto degli intellettuali fascisti nel 1925 e fu nominato Accademico d'Italia nel 1929.
    I successi
    Alcuni suoi versi del 1885, non particolarmente amati dall'autore (tanto da non essere inseriti nelle raccolte da lui curate personalmente), sono stati musicati dal compositore abruzzese Francesco Paolo Tosti per quella che resta una delle più famose canzoni in dialetto napoletano, Marechiaro, e dal musicista tarantino-napoletano Mario Pasquale Costa di cui ricordiamo le bellissime Era de Maggio e Luna Nova.
    Tra le tante canzoni di successo di cui scrisse il testo ci sono anche Era de maggio, Luna nova, Palomma 'e notte, Carulì, 'E spingule francese.
    Altri progetti
    Wikisource
    Wikiquote
    Wikisource contiene opere originali di o su Salvatore Di Giacomo
    Wikiquote contiene citazioni di o su Salvatore Di Giacomo
    Portale Biografie
    Portale Letteratura
    Portale Teatro

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Salvatore_Di_Giacomo"
    Categorie: Biografie | Poeti italiani del XX secolo | Drammaturghi italiani | Saggisti italiani | Nati nel 1860 | Morti nel 1934 | Nati il 12 marzo | Morti il 4 aprile | Parolieri italiani | Personalità legate a Napoli | Poeti dialettaliCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 12 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre