Roberto Sosa (35)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Roberto Carlos Sosa
  • Data di nascita: 24 Gennaio 1975
  • Professione: Calciatore
  • Luogo di nascita: Buenos Aires
  • Nazione: Argentina
  • Roberto Sosa in Rete:

  • Wikipedia: Roberto Sosa su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Roberto Carlos Sosa (Santa Rosa, 24 gennaio 1975) è un calciatore argentino che gioca nel ruolo di attaccante, soprannominato El Pampa..
    Attaccante possente (189 cm per 86 kg), prevalentemente destro, è dotato di un'ottima elevazione e bravo nel colpire di testa e sempre molto temibile sui calci piazzati; i suoi punti deboli sono la velocità e il tiro.

    Gli inizi di carriera
    A 14 anni entra nella squadra argentina del Gimnasia La Plata, dove, dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili, arriva in prima squadra nel 1995. Disputa 83 partite in campionato siglando ben 37 gol, di cui 28 tra Clausura e Apertura del 1997-1998, diventando quell'anno pezzo pregiato per i grandi club europei.
    Lo sbarco in Italia e la parentesi Argentina
    Nell'estate del 1998, dopo vari giorni di trattativa viene acquistato dall'Udinese, e nonostante le difficoltà della serie A e l'eredità di sostituire un certo Oliver Bierhoff (appena ceduto dai friuliani al Milan dopo aver conquistato il titolo di capocannoniere), Sosa si ambienta subito siglando ben 11 gol e numerosi assist al primo anno, formando uno straordinario tridente con il brasiliano Marcio Amoroso e Paolo Poggi che permetterà alla squadra friulana la terza qualificazione consecutiva alla Coppa Uefa nello spareggio a Torino contro la Juventus.
    Grazie a queste prestazioni, ai suoi gol e alla sua voglia di non arrendersi mai, Sosa entra nel cuore dei tifosi friuliani, e lui li ripaga con 14 gol nella stagione 2000-2001, dopo i 6 dell'anno prima. Ormai idolo incontrastato, Sosa non riesce a dare il massimo nel 2002 giocando poco a causa di un infortunio, riuscendo però a siglare 2 importanti gol a fini della permanenza in serie A della squadra bianconera. Il 27-07-02 l'Udinese conclude la trattativa con il Boca Juniors per il prestito per un anno agli argentini in cambio di settecentomila dollari, al Boca va anche il diritto di riscatto del cartellino del giocatore. Le presenze saranno solo 7 con 0 gol, cosi fa ritorno per la 2 volta nel Gimnasia La Plata. I suoi 2 gol in 17 partite fanno risvegliare l' interesse dei dirigenti sportivi italiani e nella stagione 03-04 in B con con l' Ascoli mette a segno 4 Gol in 17 apparizioni e 5 gol in 21 apparizioni con il Messina poi. Insieme ad Arturo Di Napoli formerà una delle coppie piu forti e complete del campionato che porterà lo stesso Messina in A.
    Una scelta di vita e di cuore: Napoli
    Nel settembre 2004 accetta con una scelta di vita, l'offerta del nuovo Napoli, costretto a ripartire dalla serie C1, che lo acquista dall'Udinese a titolo definitivo. Passerà alla storia come il primo calciatore tesserato dalla nuova società azzurra, ed anche per questo Sosa entra subito nelle grazie dei tifosi napoletani, che vedono in lui l'uomo della rinascita.
    "'O Pampa" (come è chiamato dai tifosi partenopei) realizzerà il suo primo gol in maglia azzurra, su rigore, nella gara Napoli-Chieti 1-2 del 31 ottobre 2004 ma non riuscirà a riportare subito in serie B la squadra azzurra nonostante i suoi 10 gol (fra cui quello bello ma inutile nella finale di ritorno dei playoff promozione contro l'Avellino). Ci riesce l'anno dopo, togliendosi la soddisfazione di essere l'ultimo calciatore nella storia del Napoli, a segnare un gol in campionato con la maglia numero 10, quella che fu del suo idolo Maradona.
    Nella stagione successiva in serie B, partito come riserva, conquista il posto da titolare a suon di gol decisivi che contribuiranno alla promozione degli azzurri in Serie A.
    Il 2 settembre 2007, all'esordio in serie A con la maglia del Napoli, nella gara contro l'ex squadra dell'Udinese, raggiunge la 100esima presenza in azzurro siglando anche il gol del definitivo 0-5, rinunciando ad esultare per rispetto ai suoi ex tifosi.
    Famosa la sua esultanza che si caratterizza nell'esporre una maglietta con l'immagine di Maradona e la scritta "Chi ama non dimentica"; tale t-shirt è diventata ormai un "cult" per i tifosi napoletani.
    Sosa diventa un vero e proprio "emblema" del Napoli con particolari immagini che resteranno in eterno nei ricordi dei tifosi: uno su tutti, il giorno della promozione in B, con il Pampa a cavalcioni sulla traversa della porta sotto la curva B dello stadio S.Paolo.
    Ritorno in Argentina
    Nella conferenza stampa successiva alla partita casalinga contro il Palermo del 30 marzo 2008 il d.g. del Napoli Marino annuncia l'intenzione del calciatore di tornare a fine anno in Argentina provocando l'istantanea reazione dei tifosi partenopei che hanno indetto una petizione per convincere Sosa a restare a Napoli.
    A fine stagione il giocatore firma per il Gimnasia La Plata.
    L'8 Novembre 2008, dopo ben 11 presenze tra campo e panchina, il "Pampa" riesce a siglare il suo primo gol stagionale, durante la partita Velez - Gymnasia, terminata 2-0 per gli ospiti e nel quale Sosa ha contribuito con un gol (il primo dell'incontro) segnato a 8 minuti dall'inizio della gara. Questo gol è il 40esimo della sua carriera Argentina.
    Carriera estesa
    Passaporto
    Sosa ha ottenuto il passaporto italiano grazie alla madre, originaria della provincia di Chieti.
    Soprannome
    Roberto Sosa è stato soprannominato "Pampa" già dai tempi di Udine, in quanto proveniente dalla pianura dall'omonimo nome. Ovviamente, a seconda della squadra in cui giocava, il soprannome ha subìto delle variazioni, fra le quali "El Pampa", in sudamerica, oppure "'O Pampa" nella sua amata Napoli. Un altro nomignolo che fu attribuito a Roberto Sosa è stato "Pamperos": in una puntata di fine campionato di serie B del programma sportivo Radio Gol, su Radio Kiss Kiss Napoli, i conduttori d'eccezione furono Fabio Gatti e, appunto, Roberto Sosa. Durante una serie di interventi telefonici dei vari tifosi, intervenne Samuele Dalla Bona, che così salutò Sosa: il biondo centrocampista spiegò poi che questo "Pamperos" si usava all'interno dello spogliatoio oltre al classico "Pampa".


    Portale Calcio
    Portale Sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Roberto_Sosa"
    Categorie: Biografie | Calciatori argentini | Nati nel 1975 | Nati il 24 gennaio | Gimnasia y Esgrima La Plata | Udinese Calcio | FC Messina | SSC Napoli | Boca JuniorsCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 24 Gennaio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre