Roberto Ardigò (1828-1920)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1920
  • Data di nascita: 28 Gennaio 1828
  • Professione: Filosofo
  • Luogo di nascita: Casteldidone (CR)
  • Nazione: Italia
  • Roberto Ardigò in Rete:

  • Wikipedia: Roberto Ardigò su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Roberto Ardigò
    Roberto Ardigò (Casteldidone, 28 gennaio 1828 – Mantova, 19 settembre 1921) è stato un filosofo e pedagogista italiano.

    Biografia
    Considerato il più sistematico dei positivisti italiani, costruì un sistema che corrispondeva alle idee del positivismo europeo, senza però suffragarle con autentica cultura scientifica.
    Frequentò il seminario di Mantova, dove venne ordinato sacerdote nel 1851 e iniziò a insegnare nel locale liceo nel 1856, dove nel 1866 ebbe la cattedra di filosofia: intanto nel 1863 veniva nominato canonico della locale cattedrale.
    Smise l'abito ecclesiastico nel 1871.
    Insegnò storia della filosofia all'Università di Padova per 28 anni dal 1881.
    Morì suicida all'età di 93 anni.
    Pensiero
    I suoi contributi nell'ambito delle scienze sono importanti per l'impostazione generale. Interessanti sono le sue idee sull'evoluzione intesa come passaggio dall'indistinto al distinto, ma anche condizionata dal caso e caratterizzata dal ritmo. Non tutto dunque è lineare e meccanico.
    Ardigò insistette sulla necessità di una psicologia ed una pedagogia scientifiche, soffermandosi sul ruolo delle abitudini. L'educazione infatti sul piano naturale può essere ricondotta all'acquisizione di comportamenti sedimentati e certi; questo significa il passaggio da una pedagogia metafisica ed astratta ad una pedagogia intesa come scienza dell'educazione.
    Egli dice:
    Per Ardigò dunque non tutte le abitudini sono educative. Dal punto di vista didattico privilegiò l'intuizione, il metodo oggettivo, la lezione delle cose, il passaggio dal noto all'ignoto, insegnando poche cose alla volta, ritornando più volte sulle cose spiegate e facendo continue applicazioni di teorie e casi nuovi. Egli rivalutò la funzione del gioco, il quale permette al bambino l'occasione di vedere e toccare gli oggetti, riconoscerne le proprietà e le somiglianze, favorendo lo sviluppo fisico, il quale va d'accordo con quello mentale. Proprio in riferimento al gioco, Ardigò criticò le idee di Frobel.
    Il problema di Ardigò fu quello di coniugare la formazione di giuste abitudini con la libertà e l'autonomia propugnata dai Giardini d'infanzia di Frobel.
    Opere
    Discorso su Pietro Pomponazzi, 1869.
    La psicologia come scienza positiva, 1870
    La formazione naturale nel fatto del sistema solare, 1877.
    Sociologia, 1879.
    Il fatto psicologico della percezione, 1882.
    La morale dei positivisti, 1889.
    Il vero, 1891.
    La ragione, 1894.
    L'unità della coscienza, 1898


    Altri progetti
    Wikisource
    Wikisource contiene opere originali di o su Roberto Ardigò
    Voci correlate
    Filosofia
    Pedagogia
    Personalità legate all'Università degli Studi di Padova
    Psicologia
    Portale Filosofia
    Portale Psicologia

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Roberto_Ardig%C3%B2"
    Categorie: Biografie | Filosofi italiani del XIX secolo | Pedagogisti italiani | Nati nel 1828 | Morti nel 1921 | Nati il 28 gennaio | Morti il 19 settembre | Positivisti | Personalità legate a Mantova | Personalità legate a Padova | Persone morte suicideCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 28 Gennaio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre