Robert Frost (1874-1963)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Robert Lee Frost
  • Scomparso nel: 1963
  • Data di nascita: 26 Marzo 1874
  • Professione: Poeta
  • Luogo di nascita: San Francisco
  • Nazione: Stati Uniti
  • Robert Frost in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Robert Frost
  • Wikipedia: Robert Frost su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Robert Frost nel 1941
    Robert Lee Frost (San Francisco, 26 marzo 1874 – Boston, 29 gennaio 1963) è stato un poeta statunitense.

    Biografia
    Robert Frost nacque a San Francisco, figlio di Isabelle Moodie, scozzese, e William Prescott Frost, Jr., un discendente dei coloni che giunsero nel New Hampshire nel 1634. Frost visse in California fino all'età di 11 anni. Dopo la morte del padre si spostò, con la madre e la sorella, nel Massachusetts, presso la casa dei nonni paterni. Si iscrisse al Dartmouth College nel 1892, e più tardi ad Harvard, ma non prese mai una laurea regolare. Frost si dedicò a numerose occupazioni dopo aver lasciato la scuola, lavorando come insegnante, calzolaio ed editore dell'opera "Sentinel" di D. H. Lawrence. La sua prima poesia, "My Butterfly", fu pubblicata l'8 novembre del 1894, nel quotidiano "The Independent".
    Nel 1895, Frost sposò Elinor Miriam White, che diventò la più grande fonte d'ispirazione per le sue poesie fino alla sua morte, avvenuta nel 1938. La coppia si trasferì in Inghilterra nel 1912, dopo il fallimento della loro fattoria. Fu all'estero che Frost incontrò e fu influenzato da numerosi poeti contemporanei britannici come Edward Thomas, Rupert Brooke e Robert Graves. Mentre si trovava in Inghilterra, Frost strinse amicizia con il poeta Ezra Pound, che lo aiutò a promuovere e pubblicare i suoi lavori. Nel 1915 F. ritornò negli U.S.A., aveva già pubblicato 2 raccolte complete: "A Boy's Will" e "North of Boston", e la sua reputazione si affermò completamente. Negli anni '20 fu il più celebre poeta in America, e con ogni nuovo libro la sua fama e i suoi onori (inclusi i suoi 4 premi Pulitzer per la Letteratura) crebbero.
    Le sue opere sono principalmente associate con la vita e i paesaggi del New England; sebbene fosse un poeta che utilizzò forme e metrica tradizionali, rimase distaccato dai movimenti letterari e dalle mode del suo tempo. Robert Frost visse molti anni in Massachusetts e Vermont, e morì a Boston, nell'inverno del 1963.
    Opere principali
    Testi
    'Fuoco e Ghiaccio
    Dicono alcuni che finirà nel fuoco
    il mondo; altri nel ghiaccio.
    Del desiderio ho gustato quel poco
    Che mi fa scegliere il fuoco,
    Ma se dovesse due volte finire,
    So pure che cosa è odiare,
    E per la distruzione posso dire
    Che anche il ghiaccio è terribile
    E può bastare.


    L’impulso
    Per lei là era troppo solitario
    e troppo desolato,
    e poiché erano loro due soltanto,
    senza bambini,


    e il lavoro era poco nella casa,
    lei era libera
    e andava dietro a lui che arava campi
    o tagliava alberi


    Si riposava su un tronco, gettava
    lontano le schegge cadute,
    e una canzone per sé soltanto
    aveva sulle labbra.


    E una volta che lei andò a spezzare un ramo
    di nero ontano,
    così distante si spinse che appena l’intese
    quando lui la chiamò …


    e non rispose . non parlava – né
    tornava indietro
    restò ferma, poi corse, si nascose
    in mezzo alle felci.


    Lui non la trovò più, benché cercasse
    ovunque, e domandò
    in casa di sua madre se mai là
    lei si trovasse.


    Improvviso e rapido e lieve così
    si sciolse il loro legame.
    e lui imparò che c’erano altri modi di finire
    oltre il morire


    LA STRADA NON PRESA
    Divergevano due strade in un bosco
    Ingiallito, e spiacente di non poterle fare
    Entrambe essendo un solo, a lungo mi fermai
    Una di esse finché potevo scrutando
    Là dove in mezzo agli arbusti svoltava.


    Poi, presi l’altra, che era buona ugualmente
    E aveva forse i titoli migliori
    Perché era erbosa e poco segnata sembrava;
    Benché, in fondo, il passare della gente
    Le avesse davvero segnate più o meno lo stesso,


    Perché nessuna in quella mattina mostrava
    Sui fili d’erba l’impronta nera d’un passo.
    Oh, quell’altra lasciavo a un altro giorno !
    Pure, sapendo bene che strada porta a strada,
    Dubitavo se mai sarei tornato.


    Questa storia racconterò con un sospiro
    Chissà dove tra molto tempo:
    Divergevano due strade in un bosco, e io…
    Io presi la meno battuta,
    E di qui tutta la differenza è venuta.


    INCONTRARSI E PASSAR OLTRE
    Mentre scendevo il colle lungo il muro
    C’era un cancello al quale mi ero accostato
    Per guardare, ed appena me n’ero voltato
    Che ti vidi salire. C’incontrammo. Ma
    Tutto quel che facemmo quel giorno fu confondere
    Grandi e piccole orme sulla polvere estiva, come
    A figurare il nostro essere meno di due
    Ma sempre più che uno. Il tuo parasole
    Separò il decimale puntandosi profondo.
    E per il tempo che parlammo tu sembravi
    Sorridere a qualcosa che osservavi
    Nella polvere(oh, senza pregiudizio per me!).
    Dopo andai oltre il cammino che avevi compiuto
    Prima che ci incontrassimo, e tu oltre il mio.


    CONOSCENZA DELLA NOTTE
    Io sono uno che ben conosce la notte
    Ho fatto nella pioggia la strada avanti e indietro.
    Ho oltrepassato l’ultima luce della città.
    Sono andato a frugare nel vicolo più tetro.
    Ho incontrato la guardia nel suo giro
    Ed ho abbassato gli occhi, per non spiegare.
    Ho trattenuto il passo e il mio respiro
    Quando da molto lontano un grido strozzato
    Giungeva oltre le case da un’altra strada,


    Ma non per richiamarmi o dirmi un commiato;
    E ancora più lontano, a un’incredibile altezza,
    Nel cielo un orologio illuminato
    Proclamava che il tempo non era né giusto, né errato.
    Io sono uno che ben conosce la notte.


    QUEL CHE DISSERO I CINQUANT’ANNI
    Quando ero giovane erano i vecchi i miei maestri.
    Lasciai fuoco per forma fino a spegnermi.
    Soffrivo come un metallo che fosse forgiato.
    Andavo a scuola dai vecchi per imparare il passato.


    Ora che sono vecchio ho per maestri i giovani.
    Quel che non può modellarsi deve essere infranto o piegato.
    Lezioni mi torturano che riaprono antiche suture.
    Vado a scuola dai giovani per imparare il futuro.


    Poesia (titoli originali)
    A Boy's Will (David Nutt, 1913; Holt, 1915).
    North of Boston (David Nutt, 1914; Holt, 1914).
    Mountain Interval (Holt, 1916).
    Selected Poems (Holt, 1923)
    New Hampshire (Holt, 1923; Grant Richards, 1924).
    Several Short Poems (Holt, 1924).
    Selected Poems (Holt, 1928).
    West-Running Brook (Holt, 1929).
    The Lovely Shall Be Choosers (Random House, 1929).
    Collected Poems of Robert Frost (Holt, 1930; Longmans, Green, 1930).
    The Lone Striker (Knopf, 1933).
    Selected Poems: Third Edition (Holt, 1934).
    Out, out
    Three Poems (Baker Library, Dartmouth College, 1935).
    The Gold Hesperidee (Bibliophile Press, 1935).
    From Snow to Snow (Holt, 1936).
    A Further Range (Holt, 1936; Cape, 1937).
    Collected Poems of Robert Frost (Holt, 1939; Longmans, Green, 1939)
    A Witness Tree (Holt, 1942; Cape, 1943).
    Steeple Bush (Holt, 1947).
    Complete Poems of Robert Frost, 1949 (Holt, 1949; Cape, 1951).
    Hard Not To Be King (House of Books, 1951).
    Aforesaid (Holt, 1954).
    A Remembrance Collection of New Poems (Holt, 1959).
    You Come Too (Holt, 1959; Bodley Head, 1964)
    In the Clearing (Holt Rinehart & Winston, 1962)
    The Poetry of Robert Frost, (New York, 1969).
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Robert Frost
    Wikiquote contiene citazioni di o su Robert Frost
    Collegamenti esterni
    (EN) Robert Frost: America's Poet
    Robert Frost: In intimità con la notte, una traduzione del poema Acquainted With The Night
    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Robert_Frost"
    Categorie: Biografie | Poeti statunitensi | Nati nel 1874 | Morti nel 1963 | Nati il 26 marzo | Morti il 29 gennaioCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 26 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre