Richard Nixon (1913-1994)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1994
  • Data di nascita: 9 Gennaio 1913
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Yorba Linda
  • Nazione: Stati Uniti
  • Richard Nixon in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Richard Nixon
  • Wikipedia: Richard Nixon su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Richard Milhouse Nixon (Yorba Linda, 9 gennaio 1913 – New York, 22 aprile 1994) è stato un politico statunitense. È stato il 37mo Presidente degli Stati Uniti d'America.
    Vinse le elezioni presidenziali nel 1968 e nel 1972, e rimase in carica dal gennaio del 1969 all'agosto del 1974. È stato l'unico Presidente americano a dimettersi dalla carica. Le sue dimissioni avvennero il 9 agosto 1974, per anticipare l'imminente impeachment in seguito allo Scandalo Watergate.

    Biografia
    Gli studi e la partecipazione alla guerra
    Nel 1937 si laurea alla Scuola di Legge dell'Università di Duke. Nel giugno del 1942 entra in marina e partecipa alla campagna nel Pacifico, durante la Seconda Guerra Mondiale.
    La carriera politica

    Deputato, senatore e vicepresidente con Eisenhower


    La sua carriera politica iniziò nel 1946 quando fu eletto alla Camera dei Rappresentanti per il partito repubblicano. Sfruttando le sue capacità di attrazione dell'elettorato e la sua fama di anti-comunista, Nixon salì rapidamente nella gerarchia del partito, e nel 1950 ottenne un seggio al Senato. Dopo altri due anni (ed a soli trentanove anni di età), nel 1952 fu eletto vicepresidente di Eisenhower.
    Al termine del secondo mandato di Eisenhower, Nixon si candidò alla presidenza, ma nelle Elezioni Presidenziali del '60 fu sconfitto dal democratico Kennedy. Si dice che queste furono le prime elezioni nelle quali il risicato vantaggio fu deciso, a favore di Kennedy, dal duello televisivo che oppose i contendenti pochi giorni prima delle elezioni: Kennedy riuscì a prevalere perché più carino, più sorridente, più televisivo, mentre Nixon fu condannato dal colore della sua giacca e dal suo volto tirato e sudato a causa dello stato di salute non ottimale e del rifiuto di ricorrere al lavoro dei truccatori.
    Nel 1962 si candidò alla carica di governatore della California, ma fu di nuovo sconfitto.

    La "promessa elettorale" del 1968


    Nixon a Filadelfia durante la campagna elettorale, luglio 1968
    Superata la tentazione di abbandonare la vita politica, in occasione delle Elezioni presidenziali del 1968, riuscì a tornare protagonista della scena politica ottenendo la nomination per il suo partito. L'allora presidente in carica, democratico Lyndon B. Johnson, evitò di ricandidarsi alla presidenza mentre era in forte vantaggio nei sondaggi allo scopo dichiarato di dedicarsi interamente alle trattative in corso per la pacificazione del Vietnam. La rimonta e il successo di Nixon fra i Repubblicani possono essere parzialmente attribuiti alla forte confusione politica, aggravata dall'assassinio di Robert Kennedy dopo la sua vittoria alle Primarie del Partito Democratico nel giugno del '68.
    Ronald Reagan e la moglie Nancy con Nixon e la First Lady Pat Nixon, luglio 1970
    Durante la campagna elettorale, Nixon fece appello a quella che lui chiamava la "maggioranza silenziosa" degli Americani socialmente conservatori, che non amavano la controcultura hippie e le manifestazioni contro la guerra in Vietnam. Nixon promise all'elettorato una "pace con onore", e pur senza mai affermare esplicitamente di poter vincere la guerra, disse che la nuova leadership avrebbe posto fine al conflitto e conquistato la pace nel Pacifico ("New leadership will end the war and win the peace in the Pacific"). Non spiegò nei dettagli il suo piano per cessare la guerra in Vietnam, spingendo il candidato democratico Hubert Humphrey a dichiarare che Nixon doveva avere qualche "piano segreto". Nixon in realtà non usò mai il termine "piano segreto", tuttavia non negò le parole usate da Humphrey, che divennero subito il tema centrale della campagna elettorale. Nixon sconfisse Humphrey con un margine inferiore all'1% nel voto popolare, e fu accusato dai suoi critici di aver abilmente impostato la campagna elettorale sul fantomatico "piano segreto" per mettere fine alla guerra. I giornali, all'indomani, titolarono "La più grande resurrezione dai tempi di Lazzaro"; egli vinse facilmente anche le elezioni del 7 novembre 1972, che lo vedevano opposto a McGovern, considerato troppo vicino ai movimenti della nuova sinistra.
    Nixon con Elvis Presley, dicembre 1970

    La presidenza


    Nixon, assieme al Segretario di Stato Henry Kissinger, diede una svolta alla politica estera americana, incentrata ancora sulla Dottrina Truman e su un mondo strettamente bipolare; essi si fecero portatori di una realpolitik per la quale gli USA sarebbero intervenuti con azioni militari solo se gli interessi americani fossero stati realmente in gioco. Essi quindi combinarono ingerenze strategiche negli affari interni di numerosi Paesi, in particolare in America Latina (ad esempio Nixon sostenne segretamente il colpo di Stato del generale Augusto Pinochet contro l'allora Presidente cileno Salvador Allende attraverso la CIA), con politiche innovative di distensione e di dialogo con le altre potenze mondiali (Unione Sovietica e Cina).
    In politica interna, Nixon mantenne una linea di equilibrio, fondendo la retorica conservatrice e l'utilizzo di ogni prerogativa presidenziale (Imperial Presidency) con un approccio liberale nel campo dei diritti civili e dell'iniziativa economica.
    Fra gli eventi più importanti della sua presidenza si ricordano:
    Il ritiro graduale dalla guerra del Vietnam (iniziata dal suo predecessore democratico Johnson).
    Le missioni lunari Apollo.
    L'abbandono nel 1971 dello standard aureo per il dollaro, ovvero l'abolizione della convertibilità del dollaro in oro.
    La normalizzazione dei rapporti con la Repubblica Popolare Cinese che fu riconosciuta dall'ONU nel 1971 al posto della Repubblica Cinese di Taiwan.
    La firma a Mosca del trattato per la limitazione delle armi strategiche (SALT), con Leonid Breznev.
    Abile quanto intemperante di carattere (anche a causa dell'atteggiamento pregiudizialmente ostile nei suoi confronti della stampa), nel 1974 fu coinvolto nello scandalo Watergate e costretto a dimettersi, dal momento che la Camera dei Rappresentanti stava per dare via libera all'inizio di una procedura di impeachment (rimozione) nei suoi confronti. Gli successe il suo secondo vicepresidente, Gerald Ford.
    Giulio Andreotti, Frank Sinatra e Nixon nel 1973 durante una festa alla Casa Bianca

    Una "presidenza imperiale"


    La presidenza di Richard Nixon fu oggetto di critiche soprattutto per il suo uso spregiudicato del potere, tant'è che essa venne definita come "imperiale"; Nixon fu accusato di aver allargato a dismisura i suoi poteri, stravolgendo di fatto la Costituzione. In politica estera come in politica interna faceva un uso massiccio dei servizi segreti: infatti, fece spiare molti dei suoi collaboratori (per questo venne additato come paranoico) ed ebbe un ruolo di primo piano nell'ostacolare le indagini sul Watergate. In realtà l'aumento dei poteri della presidenza era un processo già in atto dalla presidenza di Franklin D. Roosevelt, ed aveva raggiunto dei picchi simili durante l'amministrazione di Lyndon B. Johnson.
    Gli ultimi anni
    Henry Kissinger discute con il Presidente Nixon, Gerald Ford e Alexander Haig nel 1973
    Lasciata la Presidenza, Nixon si dedicò alla cura della biblioteca che porta il suo nome, e nel corso degli anni riuscì a riprendere un certo ruolo nell'amministrazione americana come apprezzato consigliere di politica estera. Morì nel 1994 a 81 anni per tumore al cervello ormai perdonato da un'America che ne aveva frattanto rivalutato i meriti, e il presidente Bill Clinton volle gli fossero resi almeno gli onori militari.
    Onorificenze
    Cavaliere di Gran Croce
    — 3 dicembre 1988
    Note

      ^ (EN) Erika Tyner Allen. Kennedy-Nixon Presidential Debates, 1960. The Museum of Broadcast Communications. URL consultato il 19-3-2008.
      ^ Onorificenze. Presidenza della Repubblica Italiana. URL consultato il 25-11-2007.

    Voci correlate
    Teoria del pazzo
    Watergate
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Richard Nixon
    Wikiquote contiene citazioni di o su Richard Nixon


    Portale Biografie
    Portale Marina
    Portale Politica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Richard_Nixon"
    Categorie: Biografie | Politici statunitensi | Nati nel 1913 | Morti nel 1994 | Nati il 9 gennaio | Morti il 22 aprile | Presidenti statunitensi | Vicepresidenti statunitensi | Senatori della California | Ufficiali della US Navy | Personalità statunitensi della Seconda guerra mondiale | Cavalieri di Gran Croce OMRI | Politici del Partito Repubblicano (Stati Uniti)Categorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su sv.wiki | Voci di qualità su lv.wiki

    « Torna al 9 Gennaio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre