Riccardo Mannerini (1927-1980)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1980
  • Data di nascita: 28 Ottobre 1927
  • Professione: Poeta
  • Luogo di nascita: Genova (GE)
  • Nazione: Italia
  • Riccardo Mannerini in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Riccardo Mannerini
  • Wikipedia: Riccardo Mannerini su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Riccardo Mannerini (Genova, 28 ottobre 1927 – 26 marzo 1980) è stato un poeta italiano. Fu amico del cantante e poeta Fabrizio De André (con cui collaborò a lungo), oltre che di Luigi Tenco, Vittorio De Scalzi e dei New Trolls: una cerchia di amici con cui Riccardo condivise momenti importanti della sua vita.

    Biografia
    La madre violinista, il padre militare di carriera, ultimo figlio di un'agiata famiglia napoletana, nel 1943 resta orfano di padre; nel 1944 viene reclutato dai tedeschi come operaio e costretto a lavorare alla Todd, una fabbrica di ricambi d'armamento. Conosce un operaio libertario che lo inizia al pensiero anarchico; di comune accordo, boicottano i pezzi durante la lavorazione.
    Nel dopoguerra si iscrive a medicina ma ben presto abbandona gli studi per ragioni economiche, continuerà tuttavia a frequentare l'ambiente medico e universitario dove si era fatto molti amici.
    Lavora saltuariamente e conduce una vita disordinata e frenetica: è insoddisfatto di tutto e di tutti; gli capita a volte di essere senza risorse e costretto a dormire nella barca d'un amico pescatore.
    Cittadino del mondo
    Si imbarca e inizia a girare il mondo: Stati Uniti, Canada, America Centrale. Nei tempi morti della navigazione prende degli appunti di viaggio su quaderni e taccuini.
    A seguito di un attentato dimostrativo contro il Consolato spagnolo si vede rifiutato il visto di entrata negli USA.
    Mannerini sceglie di navigare con le bananiere e conosce l'Africa Orientale.
    Durante una sosta fra due imbarchi, un amico, o forse un' amica, sfogliati i quaderni che continua a riempire, gli fa notare che le sue osservazioni sono anche poesie e lo incoraggia a inviarle a riviste e concorsi. Comincia a usare questa sua capacità anche per fare colpo sulle donne, regala poesie agli amici che gliele chiedono e naturalmente non le firma: per lui scrivere è un gioco.
    Durante un viaggio, per un'avaria in sala macchine, la fuoriuscita di vapore dai tubi rotti gli ustiona gli occhi che rimangono danneggiati in modo irreversibile.
    Quasi cieco, reagisce alla disgrazia impegnando le sue capacità nel sociale in molteplici iniziative, come un tentativo di socio terapia troppo in anticipo sui tempi; l'appoggio ai pescatori della Foce perché non perdano l'approdo e la spiaggia; l'interessamento per il comandante Enrico e tutto il corpo dei Vigili del fuoco per l'arricchimento del parco elicotteri; in memoria di una cara amica morta giovanissima di embolia, lancia un premio letterario al quale presiede il professor Della Corte, Docente di Lettere Antiche dell'Università di Genova; fonda la società Misci e Liberi (Poveri e Liberi) che sponsorizza incontri, raid, esibizioni sportive, una tessera era stata consegnata perfino a Mike Bongiorno.
    La collaborazione con De André
    Poi l'inizio della collaborazione con Fabrizio De André: l'amicizia che già li univa si fa più stretta e intensa e, durante l'adattamento dei testi di Riccardo alla musica, si instaura una frequentazione che è quasi convivenza.
    Riccardo scrive "EROINA" che diventa Il Cantico dei Drogati per mano di Fabrizio De André, nonché il brano di apertura di Tutti morimmo a stento.
    Due persone dotate di forte temperamento e carattere, due affascinanti, indomabili, insopportabili artisti: quando iniziano le discussioni, le prime divergenze, è in pratica inevitabile lo scontro, il rifiuto, l'allontanamento, per fortuna senza orecchie mozzate. Riccardo soffre molto per la perdita dell'amico, ma quando Fabrizio lo viene a cercare, si nega: uscito da una lunga malattia che lo ha definitivamente reso cieco, forse non si sente di ricominciare una collaborazione stimolante ma faticosa. Pur circondato da amici, gratificato da riconoscimenti, non riesce ad uscire dalla depressione e si rinchiude sempre più in un suo castello senza finestre, tappezzato di idee ossessive.
    "Ballata per un ferroviere"
    È il 1970, sono anni caldi, l'anarchico Giuseppe Pinelli muore in circostanze misteriose, Mannerini scrive su questo tema il testo di un brano musicale, "Ballata per un ferroviere".

    Il testo della canzone suscita scalpore: le radio e la televisione si rifiutano di mettere in onda il pezzo.

    Recita, fra l'altro, il testo:


    Un ferroviere era quel tale che per morire scelse Natale. Da una finestra entrò nella storia che parla di fame, non certo di gloria. ...
    All'alba non muore soltanto la notte, muore anche l'uomo e il suo divenire, e il sangue caldo che bagna il selciato è un discorso appena iniziato. ...
    Ma quando la sorte è puntigliosa arriva la morte in forma curiosa che gli procura, umano aeroplano un volo notturno da un quarto piano e lo riduce in quattro e quattr'otto in un mucchio di cenci, di ossa un fagotto. ...

    "Signore io sono Irish"
    La lirica di Irish rappresenta una caratteristica saliente del pensiero di Mannerini: la ragione come unico approccio dell'uomo all'indagine in senso lato.

    La sospensione di giudizio
    Riccardo è agnostico, cioè si attiene ad una sospensione di giudizio, al contrario degli atei per cui il giudizio è ghià stato emesso: Dio non esiste.
    Parlerei, quindi, di “sospensione di giudizio” che Irish manifesta nei confronti della sua esistenza terrena, in altre parole professa a gran voce l’essere agnostico. Gioisce delle bellezze della creazione (il prato, le labbra di Esther) ma in modo ragionato e indagatore, come ogni buon agnostico.
    Un concetto in equilibrio tra ragione e fede, un perfetto equilibrio che impregna il brano dall’inizio alla fine, un equilibrio che dura da 40 anni senza invecchiare.
    Come a dire che il seme del successo di un testo è all’interno dell’opera stessa.
    L’opera discografica Senza orario senza bandiera che ha visto il contributo di un giovane Fabrizio De André, dei giovanissimi New Trolls e di un Maestro quale Gian Piero Reverberi, è un lungo, infinito sodalizio di pensiero con chi ascolta: il messaggio è contenuto nell’opera, è profondo e merita di essere sviscerato ad ogni livello, le cose belle hanno sempre più di un solo significato.
    Gli occhi di Mannerini raccontano di un mondo che il poeta non vuole possedere in senso materiale, Mannerini si vuole impregnare degli umori umani lasciando volutamente una distanza tra la sua sete di conoscenza e tutto il resto del mondo che lo circonda.
    La delega ultima: "Irish inforcherà la bicicletta solo all'ultimo, solo quando la ragione non sarà più presente, solo allora ci sarà una ragione per abbandonare la ragione..."
    La genesi dell'opera (1955-1968) passa attraverso diversi documenti, per sfociare nel testo in metrica che si ritrova nel concept album Senza orario senza bandiera dei New Trolls con la firma di Fabrizio De André e Gian Piero Reverberi. Nel 1980 Mannerini si tolse la vita.
    Novembre 2007 Antonella Ruggiero firma il CD Genova la Superba, tra i brani ritroviamo "Ho veduto" e Andrò ancora", brani di "Senza orario senza bandiera".
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Riccardo Mannerini
    Collegamenti esterni
    Sito ufficiale
    Dati biografici e altro su Creuza de ma


    Poeti italiani · Poeti per nazionalità
     
    Portale Biografie
    Portale Letteratura

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Riccardo_Mannerini"
    Categorie: Biografie | Poeti italiani del XX secolo | Nati nel 1927 | Morti nel 1980 | Nati il 28 ottobre | Morti il 26 marzo | Personalità legate a Genova | Persone morte suicideCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 28 Ottobre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre