Pietro Mascagni (1863-1945)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1945
  • Data di nascita: 7 Dicembre 1863
  • Professione: Compositore
  • Luogo di nascita: Livorno (LI)
  • Nazione: Italia
  • Pietro Mascagni in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Pietro Mascagni
  • Wikipedia: Pietro Mascagni su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Pietro Mascagni
    Pietro Mascagni (Livorno, 7 dicembre 1863 – Roma, 2 agosto 1945) è stato un compositore e direttore d'orchestra italiano. Mascagni visse a cavallo tra Ottocento e Novecento e il successo formidabile ottenuto nel 1890 col suo primo capolavoro - la Cavalleria rusticana - non fu tuttavia eguagliato dalle opere seguenti, seppure di fattura sempre pregevole e molte delle quali entrate stabilmente nel repertorio, come ad esempio Iris. Egli compose la musica di quindici opere, d'un'operetta e di molti brani sia per orchestra che vocali, canzoni, romanze e musica per solo pianoforte.

    Biografia
    Facciata della casa che ospitò Mascagni durante il suo soggiorno a Cerignola
    Nacque a Livorno in Piazza delle Erbe. Dopo aver ultimato gli studi ginnasiali, ai quali aveva affiancato anche lo studio del fortepiano e del canto, dal 1876 in poi Mascagni decise di dedicarsi completamente agli studi musicali, seguendo gli insegnamenti di Alfredo Soffredini, fondatore dell'Istituto Musicale Livornese. Al 1880 risalgono le sue prime composizioni di musica sinfonica e sacra, tra le quali la Sinfonia in fa maggiore, Elegia per soprano, violino e pianoforte, Ave Maria per soprano e pianoforte, Pater Noster per soprano e quintetto d'archi.
    Nel 1881 compose la cantata In filanda a quattro voci soliste e la cantata Alla gioia, sul testo di Friedrich Schiller. Nel 1882 partì per Milano, superò l'esame d'ammissione al Conservatorio e cominciò a frequentare l'ambiente artistico milanese. Qui conobbe Giacomo Puccini e Amilcare Ponchielli. Il suo rapporto coll'ambiente del conservatorio, però, non tardò a farsi critico. Dopo un diverbio col direttore, Mascagni si risolse d'abbandonare sia l'Istituto che gli studi di musica. Per qualche anno sbarcò il lunario come direttore d'orchestra in compagnie d'operetta.
    Nel luglio del 1888 s'iscrisse ad un concorso indetto dalla casa editrice Sonzogno, per un'opera in un singolo atto. Mascagni scelse come argomento la novella Cavalleria rusticana di Giovanni Verga. Come librettisti il livornese, ed amico personale, Giovanni Targioni-Tozzetti (1863-1934) e Guido Menasci (1867-1925). Nel 1890 la Cavalleria rusticana venne proclamata vincitrice del concorso (su 73 partecipanti) ed il 17 maggio debuttò al Teatro Costanzi di Roma, ottenendo un successo clamoroso di pubblico. Il successo si ripeté in ogni teatro, in ogni località, nella quale venne da allora rappresentata. L'anno seguente, il 1891, vide il debutto di un'altra opera al Costanzi di Roma, L'amico Fritz.
    Negli anni successivi iniziò a collaborare con Luigi Illica per la stesura dell'Iris, commissionata dall'editore Ricordi. Gli stessi autori lavorarono insieme ad un altro progetto, Le maschere, per un'altra casa editrice, la Sonzogno. Nel frattempo continuò col suo lavoro di direttore d'orchestra, dirigendo, tra l'altro, sei concerti alla Scala (dove, per la prima volta in Italia, eseguì la Patetica di Piotr Ilič Čaikovskij) e una sua composizione, per orchestra e soprano, il poema sinfonico, A Giacomo Leopardi (in occasione della celebrazione del centenario della nascita del poeta). Nel novembre del 1898, di nuovo al Teatro Costanzi di Roma, la prima d'Iris, diretta dallo stesso Mascagni.
    La fama mondiale
    Dal 1899 al 1900 le sue tournée in qualità di direttore d'orchestra lo portarono a Pietroburgo, Vienna e negli Stati Uniti. Dopo il debutto poco lusinghiero de Le maschere, che aveva esordito in contemporanea in sei città diverse (Roma, Milano, Venezia, Torino, Genova, Verona), andò a Vienna su invito di Gustav Mahler, dove, al Teatro Imperiale, diresse il Requiem di Giuseppe Verdi, per ricordare la scomparsa del musicista. Seguirono altre tournées in Europa e negli Stati Uniti, fino a che, nel 1903, assunse la carica di Direttore della Scuola Nazionale di Musica di Roma, alla quale affiancò, a partire dal 1909, anche la direzione artistica del Teatro Costanzi. Questo doppio incarico non impedì a Mascagni di continuare i suoi viaggi di lavoro pel mondo, comprese due tournée in Sud America, durate diversi mesi.
    Nel 1927 Mascagni ricevette la delega dal Governo in qualità di rappresentante dell'Italia in occasione delle celebrazioni per il centenario della morte di Ludwig Van Beethoven, che avranno luogo a Vienna. Due anni dopo, nel 1929, alla fondazione della Reale Accademia d'Italia, Mascagni venne incluso tra gli Accademici, insieme, tra gli altri, a Luigi Pirandello, Guglielmo Marconi, Gabriele d'Annunzio ed Enrico Fermi. Il 16 gennaio 1935 venne rappresentata alla Scala Nerone, l'ultima opera di Mascagni, col libretto di Targioni-Tozzetti.
    In occasione del cinquantenario di Cavalleria rusticana l'opera fu incisa su disco. L'anno successivo, il 1941, diresse le celebrazioni per il cinquantenario dell'Amico Fritz, col tenore mascagnano Ferruccio Tagliavini. Tra il 1943 e il 1944 Mascagni terminò la sua carriera di direttore al Teatro Costanzi di Roma. Pietro Mascagni morì nella camera del suo appartamento all'Hotel Plaza di Roma (sua residenza stabile dal 1927). Ancora oggi si può visitare il suo sepolcro al Cimitero della Misericordia dell'Ardenza (quartiere di Livorno).
    Musica
    Dal punto di vista stilistico la musica di Mascagni è spesso definita esasperata per la propensione verso gli acuti e per il largo uso ch'egli fa del declamato nelle sue opere. In realtà ciò riguarda una parte della sua produzione operistica (specialmente l'ultima fatica, il Nerone), quella finale, quando si era già in pieno clima espressionistico. Nei primi lavori (Cavalleria, Amico Fritz, Ratcliff, Iris, Maschere e Rantzau) è invece vivo uno stile fine ma decadente, che riaffiora similmente nella poesia e nella pittura di quel tempo. L'unica vera e propria opera verista di Mascagni fu Cavalleria, il cui successo venne emulato poi da Leoncavallo coi Pagliacci. Quanto a Giordano, che spesso viene definito compositore verista (e giustamente, per opere minori come Mala vita) il suo stile è assai più vicino a Puccini che a Mascagni. L'opera italiana a cavallo fra i due secoli scorsi non fu infatti tutta verista: vi fu infatti il boom del verismo dopo Cavalleria, ma ben presto, già dal 1896, quest'ultimo cedette il posto all'opera decadentista e, più tardi, a quella espressionista, e di tutti e tre questi stili Mascagni si fece grande ambasciatore, anche se spesso mal compreso.
    Mascagni e il cinema
    Parte della colonna sonora del terzo capitolo de Il Padrino è tratta da Cavalleria rusticana. Inoltre nel film il figlio di Michael Corleone debutta come tenore proprio nella parte di Turiddu al Teatro Massimo di Palermo, e durante lo svolgimento dell'opera avviene la solita strage nella quale rimangono coinvolti più criminali e, all'uscita da teatro, persino la figlia di Michael. L'Intermezzo di Cavalleria rusticana e il notturno/barcarola di Silvano sono stati ripresi da Martin Scorsese come colonna sonora del film Toro Scatenato.
    Opere scelte
    Pagina interna del libretto dell'opera Isabeau, dove si vede che riporta una data di copyright (1910) anteriore di un anno a quella della prima dell'opera stessa.
    Opere liriche
    Cavalleria rusticana (17 maggio 1890 Teatro Costanzi, Roma) libretto: ,
    L'amico Fritz (31 ottobre1891 Teatro Costanzi, Roma) libretto:
    I Rantzau (10 novembre 1892 Teatro La Pergola, Firenze)
    Guglielmo Ratcliff (16 febbraio 1895 Teatro alla Scala, Milano) libretto:
    Silvano (25 marzo 1895 Teatro alla Scala, Milano)
    Zanetto (2 marzo 1896 Liceo Musicale, Pesaro) libretto:
    Iris (22 novembre 1898 Teatro Costanzi, Roma) libretto:
    Le maschere (17 gennaio 1901 Teatro Carlo Felice, Genova - Teatro Regio, Torino - Teatro alla Scala, Milano - Teatro La Fenice, Venezia - Teatro Filarmonico, Verona - Teatro Costanzi, Roma)
    Amica (16 marzo 1905, Monte Carlo) libretto:
    Isabeau (2 giugno 1911 Teatro Coliseo, Buenos Aires)
    Parisina (15 dicembre 1913 Teatro alla Scala, Milano) libretto:
    Lodoletta (30 aprile 1917 Teatro Costanzi, Roma) libretto:
    (13 dicembre 1919 Teatro Quirino, Roma) operetta
    Il piccolo Marat (2 maggio 1921 Teatro Costanzi, Roma)
    Pinotta (23 marzo 1932 Casinò, Sanremo) adattata dalla cantata In filanda (1881)
    Nerone (16 gennaio 1935 Teatro alla Scala, Milano) con musica scritta tra il 1890 e il 1930
    Musica sacra
    Messa di Gloria in fa maggiore per soli, coro e orchestra
    Musica sinfonica
    A Giacomo Leopardi, cantata per voce e orchestra (1898)
    Sinfonia n. 1 in fa maggiore
    Musica per film
    Rapsodia satanica (1915) - Mascagni fu il primo compositore di professione a scrivere una colonna sonora per un film
    Curiosità
    La canzone Mascagni di Andrea Bocelli riprende il tema dell'Intermezzo di Cavalleria rusticana
    Subito dopo la prima dell'Iris, Verdi scrisse a Mascagni: «Lei è l'unico che può tenere ancora alta la bandiera della nostra arte».
    Dopo aver ascoltato per la prima volta la Cavalleria, Verdi commentò: «Non è mica vero che la tradizione della melodia italiana sia finita!»
    Note


      ^ composta tra il 1885 ed i primi 1890
      ^ La Società Culturale Artisti Lirici Torinese Francesco Tamagno ha recentemente ripresentato l'opera Pinotta nella versione originale del 1932 (che d'allora non fu più allestita se non in versioni sporadiche col pianoforte)

    Bibliografia
    Gherardo Ghirardini, Invito all'Ascolto di Mascagni, Milano, Mursia, 1988
    Fulvio Venturi, Pietro Mascagni biografia e cronologia artistica, Livorno, DeBatte editore, 2005.
    Voci correlate
    Cerignola
    Livorno
    Musica
    Altri progetti
    Commons
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Pietro Mascagni
    Collegamenti esterni
    Pietro Mascagni-Sito Ufficiale
    Progetto Mascagni - Fondazione Teatro Goldoni Livorno
    Portale Biografie
    Portale Musica classica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Pietro_Mascagni"
    Categorie: Biografie | Compositori italiani del XIX secolo | Compositori italiani del XX secolo | Direttori d'orchestra italiani | Nati nel 1863 | Morti nel 1945 | Nati il 7 dicembre | Morti il 2 agosto | Compositori classici | Compositori d'opera | Personalità legate a Cerignola | Personalità legate a LivornoCategorie nascoste: BioBot | Voci con citazioni mancanti

    « Torna al 7 Dicembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre