Pietro Lunardi (71)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 19 Luglio 1939
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Parma (PR)
  • Nazione: Italia
  • Pietro Lunardi in Rete:

  • Wikipedia: Pietro Lunardi su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Pietro Lunardi (Parma, 19 luglio 1939) è un ingegnere, imprenditore e politico italiano.

    Biografia
    Laureato in ingegneria civile trasporti all'Università di Padova nel 1966, ha seguito, in campo professionale, la realizzazione di importanti opere a livello infrastrutturale in Italia e all'estero.
    Acquisisce definitiva notorietà nel 1987 per la riuscita gestione dell'esperimento della tracimazione del lago formatosi nella Val Pola durante l'emergenza Valtellina. Da allora è investito di numerosi incarichi pubblici e governativi e fa parte della Commissione d'inchiesta sul tragico incendio che nel marzo 1999 portò alla chiusura del Traforo del Monte Bianco, del quale ha redatto il progetto di ripristino.
    È Presidente della Società Italiana Gallerie. È stato consigliere del Presidente del Consiglio per i problemi della difesa e conservazione del territorio in relazione alle grandi infrastrutture (1987-1988), membro della Commissione Grandi Rischi del Ministero per la Protezione Civile (1984-1995), membro del Comitato Nazionale per la difesa del suolo del Ministero dei Lavori Pubblici (1991-1994).
    Attività governativa
    Ricopre la carica di Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti nei Governi Berlusconi II e III.
    La sua carica governativa lo vede a capo di un nuovo dicastero, formato dalla fusione dei vecchi Ministeri dei Lavori Pubblici e dei Trasporti.
    Le principali innovazioni introdotte da Lunardi nel periodo del suo mandato ministeriale sono la promulgazione della c.d. "Legge obiettivo" (2001) per la realizzazione delle infrastruttre prioritarie e l'introduzione del Nuovo Codice della Strada (2003).
    La Legge Obiettivo (legge 21 dicembre 2001, n. 443 recante "Delega al Governo in materia di infrastrutture ed insediamenti produttivi strategici ed altri interventi per il rilancio delle attività produttive") è volta a superare la situazione di incertezza introdotta dall'art. 117 del riformato titolo V della Costituzione, che in materia di infrastrutture aveva introdotto una competenza concorrente Stato-Regioni. L'elenco delle opere da realizzare è stilato dal Governo e inserito nel DPEF, non necessariamente in coerenza con le previsioni del Piano Generale dei Trasporti e con i relativi Piani Regionali.
    Il Nuovo Codice della Strada (decreto legge 27 giugno 2003, n. 151), introduce la rilevante innovazione della "patente a punti", cioè l'attribuzione di un plafond numerico di 20 punti ad ogni possessore di licenza di guida, da cui si vanno a scalare punti in quantità variabile ad ogni infrazione rilevata al Nuovo Codice della Strada.
    Alle elezioni politiche del 2006, Pietro Lunardi viene eletto per la prima volta in Parlamento, come senatore per Forza Italia nella regione Emilia-Romagna.
    Il presunto conflitto di interessi
    Inoltre, è stato talvolta accusato di conflitto di interessi: come ministro dei lavori pubblici, arebbe avuto, secondo taluni, interesse a pilotare le decisioni governative per favorire le ditte di famiglia, quali la Rocksoil, formalmente di proprietà della moglie, come anche la società Stone e la società Treesse, controllate sempre dalla famiglia Lunardi (la Rocksoil e la Treesse sono in questi anni impegnate nella progettazione e nella realizzazione di alcuni rami della rete ferroviaria ad alta velovità (TAV), compreso quello allo studio in Val di Susa).
    Le critiche
    È stato oggetto di critiche a causa di una sua frase un po' ambigua sulla mafia nell'agosto del 2001: in un discorso pubblico, ha dichiarato che lo Stato deve «abituarsi a convivere con la mafia».
    Inoltre, durante il suo ministero è stata promossa la riorganizzazione delle "normative tecniche per le costruzioni", approvate tramite Decreto Ministeriale nel 2005. Il testo ha suscitato alcune polemiche negli ambiti professionali e accademici a causa di alcune imprecisioni, che solo in parte hanno ricevuto attenzione durante la fase di revisione. La particolarità risiede tuttavia nel fatto che l'introduzione al testo di legge pubblicato sulla gazzetta ufficiale sia firmata a nome de "IL MINISTRO - Prof. Ing. Pietro Lunardi". Risulta così abbastanza curioso che egli si sia fregiato del titolo di professore, pur non possedendolo più (da qualche anno non è più ordinario universitario).
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Pietro Lunardi
    Collegamenti esterni
    Legge Obiettivo
    Nuovo Codice della Strada
    "Convivere con la mafia" - Lunardi nella bufera, da La Repubblica, 24 agosto 2001.
    Scheda personale al Senato
    Interrogazione parlamentare (sulla vicenda Rocksoil in Val di Susa) Al Presidente del Consiglio dei Ministri e Al Ministro dell’Economia e Finanze - Legislatura 14º - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 834 del 05/07/2005

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Pietro_Lunardi"
    Categorie: Biografie | Ingegneri italiani | Imprenditori italiani | Politici italiani del XXI secolo | Nati nel 1939 | Nati il 19 luglio | Politici di Forza Italia | Ministri della Repubblica Italiana | Senatori italiani | Personalità legate a ParmaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 19 Luglio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre