Piero Fassino (61)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 7 Ottobre 1949
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Avigliana (TO)
  • Nazione: Italia
  • Piero Fassino in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Piero Fassino
  • Wikipedia: Piero Fassino su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Piero Franco Rodolfo Fassino (Avigliana, 7 ottobre 1949) è un politico italiano.
    Dal 16 novembre 2001 al 14 ottobre 2007 è stato segretario nazionale dei Democratici di Sinistra. È sposato dal 1993 con Anna Maria Serafini, deputata del suo stesso partito dal 1987 al 2001, e senatrice dal 2006.
    Il 6 novembre 2007 è stato nominato Inviato dell'Unione Europea in Birmania da Javier Solana, Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza Comune dell'Unione Europea .

    Biografia
    Appartiene ad una famiglia di tradizione socialista, il nonno materno fu uno dei fondatori del Partito Socialista Italiano, quello paterno venne ucciso dai fascisti, mentre il padre, Eugenio Fassino, è stato comandante della 31-ma brigata Garibaldi nel corso della resistenza.
    Fassino ha studiato all'Istituto Sociale, la Scuola dei padri Gesuiti di Torino. Si è laureato in Scienze politiche presso l'Università di Torino nel 1998.
    Nel luglio del 2003 è uscito il suo libro Per passione edito da Rizzoli. Quest'opera è principalmente un diario dove si ritrovano la sua vita e gli intrecci storico-politici degli ultimi trent'anni. Dal 9 maggio 2008 è "ministro ombra" degli esteri per il Pd.
    La carriera dalla FGCI al PDS
    Si iscrisse alla Federazione giovanile comunista torinese dal 1968, diventandone segretario tre anni dopo. Nel 1975 fu eletto consigliere comunale del capoluogo piemontese (seggio che manterrà per dieci anni), mentre dal 1985 al 1990 fu consigliere provinciale.
    All'interno del partito Fassino ricoprì la carica di segretario della federazione torinese dal 1983 al 1987. E, sempre dal 1983, fu eletto nella Direzione nazionale del PCI.
    Dal 1987 al 1991 è membro della Segreteria nazionale del PCI, prima come coordinatore della Segreteria e poi come responsabile dell'organizzazione, dove ha vissuto la delicata fase di trasformazione del PCI in Partito Democratico della Sinistra (PDS, cui aderì fin dal momento della sua fondazione).
    Piero Fassino con Enrico Berlinguer ai tempi del PCI
    Dal 1991 al 1996 è segretario internazionale del neonato partito.
    L'impegno da deputato e membro del Governo
    Dal 1994 è eletto parlamentare alla Camera dei Deputati. Rieletto nel 1996, fu sottosegretario agli esteri durante il governo Prodi I ed assunse nell'ottobre del 1998 la carica di Ministro del commercio estero nel governo D'Alema. Lascerà questo incarico nell'aprile del 2000 per assumere quello di Ministro di grazia e giustizia nell'esecutivo presieduto da Giuliano Amato, in carica dal 25 aprile 2000 al 13 maggio 2001.
    Indicato dal suo partito quale vice del candidato premier per l'Ulivo Francesco Rutelli, è rieletto deputato alle elezioni politiche del 13 maggio 2001.
    Al termine delle elezioni politiche del 2006, riceve un nuovo mandato parlamentare alla Camera: non entra a far parte del Governo Prodi II perché, di comune accordo con il partito, decide di occuparsi in prima persona dei DS e della costruzione del futuro Partito Democratico.
    Nel 2007 si è ricandidato alla segreteria del partito con la mozione «Per il partito democratico» in vista del congresso che si è tenuto tra il 19 e il 21 aprile. Alla sua mozione si sono contrapposte quelle presentate dal ministro Mussi e da Gavino Angius. Il congresso si è concluso con la vittoria della mozione Fassino che ha ottenuto il 75,64% dei consensi.
    Nel gennaio 2009 Piero Fassino si lascia andare ad insulti pesanti nei confronti di Pierluigi Mantini, deputato della ex-Margherita confluito nel PD, dopo che questi aveva osato contestare il fatto che il PD pagasse l'affitto alle ex-sezioni dei DS, facendo trapelare una gestione finanziaria tutta sbilanciata a favore dell'ex partito di Fassino, il quale così gli ha risposto: «Sei un cretino, mi hai proprio rotto i coglioni, hai detto un sacco di cazzate».
    Posizioni politiche
    Fassino a Orvieto il 27-9-08
    Nel 2003 si è schierato contro la legge 40 sulla procreazione assistita, votata dalla maggioranza di centrodestra e da parte del centrosinistra. In seguito ha sostenuto il referendum abrogativo di parte di quella legge che si è tenuto nel giugno 2005.
    Nel dicembre 2006, mentre l'Italia si interrogava sul caso di Piergiorgio Welby, Fassino si è schierato apertamente contro la possibilità dell'eutanasia, differenziando tuttavia la sua posizione nei confronti dell'accanimento terapeutico.
    Nella stessa occasione si è dichiarato contrario alla possibilità di adozione di minori da parte di coppie omosessuali.
    Ha suscitato polemiche la sua posizione secondo cui, a un'eventuale conferenza di pace sull'Afghanistan, sarebbe opportuno invitare anche i Talebani, in quanto «la pace si fa con il nemico».
    Dal 23 maggio 2007 è uno dei 45 membri del Comitato nazionale per il Partito Democratico che riunisce i leader delle componenti del futuro PD.
    Procedimenti giudiziari
    I procedimenti legali a cui è stato sottoposto non si sono mai chiusi con una condanna. Nel 2003, viene accusato da Igor Marini di aver ricevuto tangenti nell'ambito dell'affare Telekom Serbia insieme a Romano Prodi, Lamberto Dini e altri. Secondo Marini, Fassino era soprannominato cicogna. L'inchiesta della procura della Repubblica di Torino, rilevate false le prove ai danni di Fassino, ha portato in carcere Marini e ha escluso la presenza di tangenti a favore dei politici accusati. A seguito di questa vicenda, Fassino affermò:
    A causa di questa frase fu querelato da Silvio Berlusconi per calunnia con la richiesta di risarcimento per 15 milioni di euro. Fassino rinunciò all'immunità parlamentare per affrontare il procedimento per calunnia, da cui fu prosciolto il 30 gennaio 2004, e sfidò l'allora presidente del consiglio, Berlusconi, a fare lo stesso e ad affrontare i suoi processi.
    Il 2 gennaio 2006 il quotidiano Il Giornale ha pubblicato stralci di una telefonata (pervenuti in seguito a una violazione del segreto d'ufficio, pratica comune a tutte queste pubblicazioni) fra Fassino e Giovanni Consorte, manager della Unipol e all'epoca coinvolto nello scandalo di Bancopoli. Fassino chiedeva a Consorte: "Abbiamo una banca?". Tale pubblicazione ha dato luogo ad un largo seguito di polemiche. Il partito dei Ds si è diviso tra chi gridava al complotto e tra chi chiedeva chiarezza, mentre appariva chiara la fine della superiorità morale del partito della Quercia, colpevole di aver dato «copertura politica» alla scalata di Unipol nei confronti della Banca Nazionale del Lavoro, intanto un'indagine della magistratura ha escluso il segretario dei DS da responsabilità penali riguardo la vicenda.
    Note


      ^ Vinceno Nigro, Fassino inviato della Ue per la crisi in Birmania, La Repubblica (web), 07.11.07
      ^ ANPI - Eugenio Fassino
      ^ la Padania, 22 luglio 2003
      ^ Corriere della sera, 8 gennaio 2009
      ^ Repubblica, 5 dicembre 2003
      ^ dsonline.it, 9 settembre 2004
      ^ Repubblica, 14 dicembre 2006
      ^ l'Unità, 17 marzo 2007
      ^ Repubblica, 30 gennaio 2004

    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Piero Fassino
    Wikiquote contiene citazioni di o su Piero Fassino
    Collegamenti esterni
    Sito web personale di Piero Fassino
    Blog di Piero Fassino
    Sito della campagna elettorale di Piero Fassino - Elezioni politiche 2006
    Sito della mozione Fassino per il IV Congresso Nazionale dei Ds
    Scheda su openpolis.it di Piero Fassino
    Registrazioni audiovideo integrali di Piero Fassino sul sito di Radio Radicale
    Portale Biografie
    Portale Politica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Piero_Fassino"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Politici italiani del XXI secolo | Nati nel 1949 | Nati il 7 ottobre | Deputati italiani | Ministri della Repubblica Italiana | Ministri di Grazia e Giustizia della Repubblica Italiana | Politici del Partito Comunista Italiano | Politici del Partito Democratico della Sinistra | Politici dei Democratici di Sinistra | Politici del Partito Democratico (Italia)Categoria nascosta: BioBot

    « Torna al 7 Ottobre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre