Pier Ferdinando Casini (55)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 3 Dicembre 1955
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Bologna (BO)
  • Nazione: Italia
  • Pier Ferdinando Casini in Rete:

  • Wikipedia: Pier Ferdinando Casini su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Pier Ferdinando Casini (Bologna, 3 dicembre 1955) è un politico italiano.
    Pier Ferdinando Casini è un politico italiano. Nel corso della sua lunga carriera politica è stato Presidente della Camera dei deputati nella XIV Legislatura. Attualmente è il leader dell'UDC, pur non ricoprendo la carica di segretario del partito. È anche leader dell'Unione di Centro e capogruppo alla Camera dell'UdC. Riveste anche il ruolo di Presidente dell'Unione Interparlamentare e di presidente dell'Internazionale Democristiana.

    Biografia
    Dopo aver ottenuto nel 1979 la laurea in giurisprudenza, iniziò la sua carriera nel mondo del lavoro come dirigente d'azienda. Nel 1980 inizia la sua attività politica nella Democrazia Cristiana, come consigliere comunale a Bologna, fino all'elezione alla Camera dei deputati nel 1983. Prima delfino di Antonio Bisaglia, con la sua scomparsa divenne fra i più stretti discepoli di Arnaldo Forlani, che, dopo essere arrivato alla segreteria del partito, scelse il giovane e promettente Casini nella direzione nazionale.
    Nel 1993, con l'inizio del periodo di rinnovamento della Democrazia Cristiana di Mino Martinazzoli, che risultava provata da una serie di scandali, dalle indagini di Mani pulite e aveva ottenuto delle sensibili perdite di consenso, insieme a Clemente Mastella, Casini prende posizioni non in linea con la politica del partito, essendo favorevole a un'alleanza con la Lega Nord di Umberto Bossi, il Movimento Sociale Italiano di Gianfranco Fini e la nuova formazione politica di Silvio Berlusconi, nel quadro di una ipotesi che prevedeva, con la legge Mattarella che cambiava il sistema elettorale in senso maggioritario, la possibile formazione di un bipolarismo, cioè di due grandi coalizioni alternative. Motivato anche dal timore che la Democrazia Cristiana, alimentata dalla sua ala di sinistra, arrivi a stringere alleanze con il Partito Democratico della Sinistra di Achille Occhetto, si allontana dal partito. Così sotto la guida di Mastella e Casini, mentre Martinazzoli fa nascere il Partito Popolare Italiano, in polemica con il partito fu fondato il 23 gennaio 1994 il Centro Cristiano Democratico (o CCD).
    Venne eletto per la prima volta nel 1994 al Parlamento Europeo e nella successiva legislatura del 1999, iscrivendosi al gruppo del Partito Popolare Europeo. In ambito nazionale, rieletto nella quota proporzionale nella XII legislatura, appoggia il primo governo del suo alleato Berlusconi, e con lui non votò il successivo governo Dini. Per l'elezioni politiche del 1996 presenterà il suo partito in una lista al proporzionale insieme ai Cristiani Democratici Uniti di Rocco Buttiglione, ma il Polo delle libertà perse, e il suo partito partecipò all'opposizione ai governi dell'Ulivo, in cui si verificò anche la rottura con Mastella e parte del partito, che entrerà in alleanza con il centrosinistra.
    Pierferdinando Casini in un disegno
    Con la vittoria nella successiva legislatura della sua coalizione, il 31 maggio 2001 viene eletto Presidente della Camera dei deputati.
    Durante la sua presidenza,Marco Biagi gli scrive per comunicargli i suoi timori per non avere una scorta adeguata. Biagi verrà ucciso dalle Brigate Rosse il 19 marzo 2002.
    Nel 2002 CCD e CDU, insieme con Democrazia Europea, si fondono nell'UDC.
    Il 19 ottobre 2005, è stato eletto Presidente dell'Unione Interparlamentare durante la centotreesima assemblea di Ginevra.
    Il 28 gennaio 2006 viene eletto presidente dell'Internazionale Democristiana (IDC) succedendo a José María Aznar.
    Nella campagna elettorale per le elezioni politiche del 2006, Casini si è posto in prima linea, promuovendo la possibilità, insieme a Gianfranco Fini (ma in disaccordo con un altro importante alleato della Casa delle libertà, la Lega Nord), di una loro possibile alternativa, in caso vengano raccolti un numero di voti maggiore rispetto a quelli di Silvio Berlusconi, per la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri. L'UDC decide di presentare il suo cognome nel nuovo simbolo del partito. Al deposito del programma è stato, però, Silvio Berlusconi a essere designato capo della coalizione.
    Durante il III Congresso dell'UDC che si è svolto a Roma dal 13 al 15 aprile 2007 Casini ha chiesto esplicitamente ai delegati di consolidare la linea perseguita dal partito negli ultimi tempi, a guida di Casini e Cesa, dichiarandosi indipendenti dalla Casa delle Libertà e di intraprendere iniziative autonome nell'opposizione al centrosinistra; contrapponendosi così a Carlo Giovanardi il quale ha chiesto una riapertura del dialogo con la CdL in nome del comune essere alternativi alla sinistra e di avviare un percorso di alleanza e collaborazione con tutti i soggetti che aderiscono al Partito Popolare Europeo e si richiamano all'area politica di centro.
    La linea di Casini è risultata la più convincente tanto che Cesa è stato riconfermato segretario con l'86% dei delegati, mentre Giovanardi riceve il 14%. Nelle conclusioni, Casini definisce l'UDC non come il fine, ma come il mezzo per la costruzione di un partito dei moderati che abbia come riferimento il PPE, confermando le posizioni del partito sull'azione parlamentare e sulla distinzione rispetto agli altri partiti del centrodestra. Per fare ciò Casini sta tessendo alleanze con la DcA, con Rifondazione Democristiana e probabilmente anche con l'UDEUR di Mastella.
    Nell'agosto 2007 viene coinvolto in una inchiesta del settimanale L'espresso, nella quale si dimostra come egli abbia acquistato, insieme all'ex moglie, un intero palazzo in una prestigiosissima zona di Roma, intestando gli appartamenti alla stessa ex moglie, all'ex suocera e alle due prime figlie "a prezzi di saldo".
    Domenica 9 settembre 2007, all'indomani della manifestazione del V-Day, la definisce come «la più grande delle mistificazione», una manifestazione «di cui dovremmo tutti vergognarci» ed accusa i manifestanti - che avevano espresso dissenso nei confronti della Legge 30 - di aver attaccato la memoria del giuslavorista Marco Biagi ucciso nel 2002 dalle Nuove Brigate Rosse.
    In occasione delle elezioni parlamentari del 2008, Casini rompe definitivamente con la Casa delle Libertà di Berlusconi e dopo molti anni di difficile convivenza decide di presentarsi da solo come candidato premier di centro in una formazione nata dall'alleanza tra UDC e Rosa Bianca, l'Unione di Centro.
    Note familiari
    Dopo la separazione da Roberta Lubich (matrimonio in cui sono arrivate due figlie: Maria Carolina e Benedetta), Casini ha intrapreso una nuova relazione sentimentale con Azzurra Caltagirone, figlia del noto imprenditore ed editore romano Francesco Gaetano Caltagirone. Tali vicende hanno suscitato alcune critiche all'interno e all'esterno del suo partito, venendo giudicati incoerenti col pensiero d'ispirazione cattolica dello stesso Casini e con la sua ferma opposizione ad un'equiparazione giuridica delle coppie di fatto alle coppie unite in matrimonio il tutto in difesa dell'istituto della famiglia. Casini spiega che il suo atteggiamento nei confronti delle coppie di fatto è di assoluta apertura, ma è solamente l'equiparazione giuridica tra sposi e conviventi a suscitare in lui forti dubbi. Dall'attuale compagna sono nati, rispettivamente nei mesi di luglio 2004 e aprile 2008, due figli: Caterina e Francesco.
    Note


      ^ Le lettere di Marco Biagi al Presidente della camera Casini - La Repubblica
      ^ "Case a politici e sindacalisti a prezzi super-scontati". URL consultato il 31/08/2007.
      ^ Case «scontate». Enti e politici nel mirino . URL consultato il 31/08/2007.
      ^ V-Day, Casini attacca: "Vergogna su Biagi" Sott'accusa un video sui lavoratori La Repubblica, 9 settembre 2007
      ^ 'Ecco Caterina, figlia di Pierferdinando Casini e di Azzurra Caltagirone' Repubblica.it, 23 luglio 2004

    Altri progetti
    Wikisource
    Wikiquote
    Wikisource contiene opere originali di o su Pier Ferdinando Casini
    Wikiquote contiene citazioni di o su Pier Ferdinando Casini
    Collegamenti esterni
    Sito personale
    Dati personali e incarichi nella XV Legislatura
    Presidente della Camera dei Deputati - XIV Legislatura
    (EN) IPU President
    Scheda su openpolis.it di Pier Ferdinando Casini
    Registrazioni audiovideo integrali di Pier Ferdinando Casini su Radio Radicale
    http://www.centrostudimalfatti.org/index.php?option=com_content&view=article&id=27:p-f-casini&catid=10:a-c&Itemid=18
    Portale Biografie
    Portale Politica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Pier_Ferdinando_Casini"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Politici italiani del XXI secolo | Nati nel 1955 | Nati il 3 dicembre | Deputati della Democrazia Cristiana | Politici del Centro Cristiano Democratico | Politici dell'Unione dei Democratici Cristiani e Democratici di Centro | Deputati italiani | Europarlamentari italiani | Personalità legate a BolognaCategorie nascoste: Segnalazioni NPOV - settembre 2007 | Segnalazioni NPOV politica | BioBot

    « Torna al 3 Dicembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre