Ottavio Bianchi (67)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 6 Ottobre 1943
  • Professione: Allenatore
  • Luogo di nascita: Brescia (BS)
  • Nazione: Italia
  • Ottavio Bianchi in Rete:

  • Wikipedia: Ottavio Bianchi su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Ottavio Bianchi (Brescia, 6 ottobre 1943) è un ex calciatore e allenatore di calcio italiano.
    Carriera
    Calciatore
    Crebbe calcisticamente nelle giovanili del Brescia, con cui esordì in Serie A nel 1965; nel 1966 fu ingaggiato dal Napoli, club con il quale disputò cinque campionati consecutivi, per poi vestire le maglie di Atalanta, Milan e Cagliari; vanta anche due presenze in Nazionale. Chiuse la carriera alla SPAL, in Serie B, nel 1977 dove intraprese, assieme a Ballico e Bugatti la carriera di allenatore scendendo contemporaneamente in campo.
    Allenatore
    Intrapresa la carriera di allenatore, sedette sulle panchine di Siena, Mantova, Triestina e Atalanta, con cui vinse il campionato di C1 1981-82.
    Le buone cose fatte vedere dalle sue squadre, gli valgono la chiamata in Serie A da parte dell'Avellino nel corso del campionato 1983-84 per approdare poi al Como e, nel 1985, al Napoli, che vinse il suo primo scudetto nel 1986/87; con Bianchi in panchina i partenopei conquistarono, sempre nel 1987 la Coppa Italia e, nel 1989, la Coppa UEFA. Nel 1990 passò alla Roma, con la quale vinse nel 1991 vinse la Coppa Italia, raggiungendo anche la doppia finale di Coppa UEFA (persa contro l'Inter: 0-2 a Milano, 1-0 a Roma).
    Terminata l'avventura capitolina a fine campionato 91/92, nel novembre dello stesso anno torna sulla panchina del Napoli, dopo l'esonero di Claudio Ranieri, riuscendo a sfiorare la qualificazione Uefa con una squadra presa in pienissima zona retrocessione, seppur con campioni del calibro di Zola, Careca, Fonseca, Ferrara, Giovanni Galli ed un giovanissimo Fabio Cannavaro, che esordisce proprio in quell'anno in serie A.
    L'anno dopo è ancora al SSC Napoli, ma dietro la scrivania come direttore tecnico, lasciando la panchina a Marcello Lippi: l'esperienza è proficua (la squadra nonostante la cessione di molti calciatori importanti per motivi finanziari riesce a qualificarsi in Coppa UEFA) ma dura soltanto un anno, l'Inter gli offre la propria panchina e lui accetta.
    All'ombra della "madunina", disputa un buon campionato (il primo dell'era-Moratti), con ciliegina sulla torta la vittoria nel derby contro il Milan per 3-1. Ma l'anno dopo, nonostante l'arrivo di campioni come Javier Zanetti, Roberto Carlos e Gianluca Pagliuca, la squadra stenta, e proprio il suo vecchio amore, il Napoli, gli è fatale. La sconfitta al S.Paolo per 2-1 (reti di Imbriani e Buso per gli azzurri, Fontolan per i milanesi) convince Moratti a sollevarlo dall'incarico.
    Tornerà in panchina soltanto 7 anni dopo, chiamato a salvare la Fiorentina nel 2002 da una disastrosa retrocessione, non ci riuscirà, andando via anche per i noti contrasti con il presidente Cecchi Gori.
    Portale Biografie
    Portale Calcio
    Portale Sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Ottavio_Bianchi"
    Categorie: Biografie | Calciatori italiani | Allenatori di calcio italiani | Nati nel 1943 | Nati il 6 ottobre | Brescia Calcio | SSC Napoli | Atalanta | Milan | Cagliari Calcio | SPAL 1907 | Associazione Calcio Siena | Associazione Calcio Mantova | Triestina Calcio | Unione Sportiva Avellino | Calcio Como | A.S. Roma | Inter | ACF Fiorentina | Allenatori di calcio vincitori della Coppa UEFA | Personalità legate a Brescia | Personalità legate a Napoli | Sportivi bergamaschiCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 6 Ottobre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre