Oscar Luigi Scalfaro (92)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 9 Settembre 1918
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Novara (NO)
  • Nazione: Italia
  • Oscar Luigi Scalfaro in Rete:

  • Wikipedia: Oscar Luigi Scalfaro su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)


    Oscar Luigi Scalfaro
    Luogo di nascita
    Novara
    Data di nascita
    9 settembre 1918 (1918-09-09) (90 anni)
    Luogo di morte
    Data di morte
    Partito politico
    Democrazia Cristiana; Partito Democratico (dal 2007)
    Coalizione
    Mandato
    dal 28 maggio 1992 al 15 maggio 1999
    Elezione
    25 maggio 1992

    16° scrutinio con 672 voti su 1.002
    Titolo di studio
    Laurea in Giurisprudenza
    Professione
    Politico ed ex magistrato
    Coniuge
    Maria Inzitari (1924-1944)
    Vicepresidente
    Predecessore
    Francesco Cossiga
    Successore
    Carlo Azeglio Ciampi

    Oscar Luigi Scalfaro (Novara, 9 settembre 1918) è un politico italiano.
    Nono Presidente della Repubblica dal 1992 al 1999 e in seguito senatore a vita. In precedenza era stato Ministro dell'Interno nel Governo Craxi I e Presidente della Camera dei deputati nell'XI Legislatura nel 1992 (lasciò l'incarico dopo un mese perché fu eletto al Quirinale). Appartiene al Partito Democratico.

    Biografia
    Cresciuto in ambienti cattolici, sin da giovanissimo partecipò all'attività dell'Azione Cattolica, in un periodo in cui veniva perseguitata dal fascismo, esperienza che tuttora richiama indossandone la spilla distintiva. In particolare fu molto attivo negli ambienti della FUCI, che in quegli anni raccolse i maggiori esponenti della futura classe dirigente cattolica. Durante la lotta partigiana, ebbe contatti con il mondo degli antifascisti.
    Si laureò in Giurisprudenza nel 1941 all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ed entrò in magistratura nel 1943, prestando giuramento fascista.
    Dopo il 25 aprile 1945 fece richiesta ed ottenne di entrare nelle Corti D'Assise Straordinarie, istituite il 22 aprile per sei mesi su richiesta degli angloamericani per porre un freno ai processi sommari del dopoguerra, dei veri e propri linciaggi . Queste corti furono chiamate anche , con sinistra eco fascista ( vedere i Tribunali del popolo ed i Tribunali volanti nazifascisti ) ,Tribunali speciali, e nel loro alveo Scalfaro ebbe a richiedere (ed ottenere) in veste di pubblico ministero una condanna a morte. La condanna tuttavia non fu eseguita a causa del ricorso (accolto) in cassazione suggerito , a quanto sostiene Scalfaro, dallo stesso Scalfaro al condannato, certo Stefano Zurlo. Altre fonti dicono che i condannati da Scalfaro siano stati di più. Le Corti in realtà durarono non sei mesi , ma sino al 31 Dicembre 1947, quando furono chiuse per essersi macchiate di palesi soprusi , negando le più elementari norme del diritto.
    Lasciò la toga per la politica nel 1946: fu eletto a Torino, fra i più giovani nelle file della Democrazia Cristiana, all'Assemblea Costituente che doveva redigere una nuova Carta Costituzionale. In seguito venne eletto deputato ininterrottamente fino al 1992, quando, durante la sua presidenza della Camera dei Deputati, fu eletto Presidente della Repubblica.
    Scalfaro è l'unica persona, insieme ad Alessandro Pertini (che presiedette come membro anziano il Senato nel 1987) ed Enrico De Nicola (presidente della Camera, del Senato e della Repubblica dal 1° gennaio all'11 maggio 1948), ad avere ricoperto tutte le tre più alte cariche dello Stato: è infatti stato Presidente della Repubblica e Presidente della Camera, oltre ad avere presieduto provvisoriamente il Senato all'inizio della XV legislatura.
    Egli è stato l'unico Capo dello Stato (tra quelli cessati di carica) della storia d'Italia a non aver nominato nessun senatore a vita, questo a causa di un problema legato all'interpretazione della Costituzione: non è chiaro infatti se il limite di 5 senatori a vita sia da intendersi come limite massimo di nomine a disposizione di ciascun Presidente oppure a disposizione del Presidente della Repubblica come figura istituzionale (quindi comprendendo anche quelli nominati dai predecessori). Il Presidente Scalfaro era fedele alla seconda interpretazione, a differenza dei suoi due predecessori Pertini e Cossiga, che nominarono 5 senatori a testa.
    Le cariche
    1954
    Sottosegretario al Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale nel Governo Fanfani I
    Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed allo spettacolo nel Governo Scelba
    1955, Sottosegretario al Ministero di Grazia e Giustizia nel Governo Segni I
    1957, tale nel Governo Zoli
    1959, Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Interno nel Governo Segni II
    1960, tale nel Governo Tambroni e nel Governo Fanfani III
    1963
    Vice Presidente della Commissione di inchiesta parlamentare sul fenomeno della mafia
    Presidente della Giunta delle Elezioni della Camera dei Deputati
    1965, Vice Segretario Politico della Democrazia Cristiana
    1966, Ministro dei Trasporti e dell'Aviazione Civile nel Governo Moro III
    1968, tale nel Governo Leone II
    1970, Segretario Organizzativo della Democrazia Cristiana
    1972
    Ministro dei Trasporti e dell'Aviazione Civile nel Governo Andreotti I
    Ministro della Pubblica Istruzione nel Governo Andreotti II
    1975, Vice Presidente della Camera dei Deputati
    1976, tale
    1979, tale
    1983, Ministro dell'Interno nel Governo Craxi I
    1986, tale nel Governo Craxi II
    1987
    tale nel Governo Fanfani VI
    presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sugli interventi per la ricostruzione dei territori della Basilicata e Campania colpiti dai terremoti del 1980-81
    1992
    Presidente della Camera dei Deputati
    Presidente della Repubblica Italiana
    2006, presiede in quanto senatore anagraficamente più anziano, dopo la senatrice decana Rita Levi Montalcini, che ha rinunziato, i lavori delle prime sedute della XV legislatura del Senato della Repubblica
    L'attività di magistrato
    Alla fine della Seconda guerra mondiale, nel 1945 a Novara le Corti di Assise speciali avevano una quantità insufficiente di magistrati, per questo Oscar Luigi Scalfaro si trovò a rivestire il ruolo di pubblico ministero, nonostante non fosse stata questa la sua nomina originaria, per un processo che riguardava un assassinio compiuto dalla polizia della Repubblica di Salò. Si trattava di un crimine per il quale, secondo il codice penale di guerra allora in vigore, veniva richiesta la pena capitale.
    La richiesta di condanna a morte, contraria ai principi cattolici professati da chi doveva rappresentare l'accusa, era ritenuta un atto dovuto. Scalfaro racconta che, verificate le informazioni legate al processo, turbato all'idea dell'azione che doveva compiere, si consultò con un sacerdote laureato in diritto civile e canonico, il quale cercò di sollevare dalle sue spalle la responsabilità, considerando che la Chiesa cattolica riconosce allo Stato il diritto di comminare la pena di morte in casi eccezionalmente gravi.
    Al dibattimento, come pubblico ministero quindi, espose i fatti ed indicò i colpevoli, facendo presente che la pena stabilita per i reati era la morte, ma aggiunse che si opponeva personalmente a questa soluzione. Disse che si sarebbe dimesso dalla magistratura se avesse trovato un conflitto tra gli imperativi della sua religione e la pena di morte, ma siccome la religione lo autorizzava a prestare comunque il suo servizio allo Stato, si appellava alla Corte affinché non venisse applicata quella pena.
    Come membro dell'Assemblea Costituente Scalfaro si impegnò affinché fosse eliminata la pena di morte dalle leggi della Repubblica italiana.
    Mezzo secolo in Parlamento
    I primi passi
    Ancora dodicenne Scalfaro si iscrisse alla GIAC (Gioventù Italiana di Azione Cattolica), appartenenza che ostenterà senza tentennamenti per tutta la vita (portò sempre all’occhiello della giacca il distintivo rotondo dell’Azione Cattolica: lo si poteva vedere anche quando, appena eletto alla massima carica pubblica italiana, fece in televisione le brevi dichiarazioni di rito).
    Arriverà, prima dell'inizio della carriera politica, alla carica di segretario provinciale (Novara) dell’associazione cattolica. Alle elezioni per l’Assemblea Costituente si presentò, dicono i suoi biografi, con una certa riluttanza, candidato indipendente nella DC, dopo che a livello nazionale fu deciso l’appoggio aperto della gerarchia ecclesiastica e delle organizzazioni cattoliche al partito, in funzione di resistenza alla possibile conquista del potere da parte dei social-comunisti (Fronte popolare). Conosciuto ed apprezzato da tutte le organizzazioni cattoliche del novarese venne eletto con un numero di preferenze (oltre quarantamila) eccezionale per i tempi e ben superiore a quelle di personaggi politici del collegio decisamente più noti ed usi alla politica quali Giuseppe Pella e Giulio Pastore.
    Decisamente e fieramente anticomunista e antifascista, si iscrisse finalmente alla DC e partecipò alla battaglia politica del 1948 senza abbandonare per questo l’Azione Cattolica che, presieduta da Luigi Gedda, apporterà un contributo determinante all’affermazione della DC con i suoi Comitati Civici, istituiti per l’occasione. In un clima da barricate uscirà eletto con risultati eccellenti: oltre cinquantamila preferenze. La sua fu sempre un’oratoria chiara, retorica ma non troppo, sapientemente intercalata da frasi e detti in latino e quando attaccava gli avversari (o le loro idee) lo faceva con un'ironia leggera, mai greve ma incisiva seppur priva di astio, che destava il sorriso dell’uditorio, tutto sommato molto piacevole a sentirsi e, soprattutto, molto convincente. Caratteristiche che conserverà a lungo nel futuro, anche se ad un certo punto lo stile apparirà un po' datato.
    Il caso detto "del prendisole"
    Considerato persona di rigide vedute in tema di morale fu protagonista nel luglio 1950, all'inizio della sua attività parlamentare, di un episodio che fece molto scalpore e che è indicativo del carattere del personaggio. L'episodio, noto poi come "il caso del prendisole", ebbe luogo in un ristorante romano quando, insieme ai colleghi di partito Umberto Sampietro e Vittoria Titomanlio, Oscar Luigi Scalfaro ebbe un vivace alterco con una giovane e bella signora, Edith Mingoni Toussan, da lui pubblicamente ripresa in quanto il suo abbigliamento, a parere dell'onorevole, era sconveniente (la signora mostrava le spalle nude). L'episodio terminò in questura e la giovane donna denunciò Scalfaro ed il collega per ingiurie (il processo non fu mai celebrato per sopravvenuta amnistia nel 1953). La vicenda tenne banco sui giornali e riviste italiane per lungo tempo: la stampa laica accusava Scalfaro di "moralismo" e "bigotteria", quella cattolica lo difendeva. Intervennero nella polemica autorevoli firme, come il giornalista Renzo Trionfera, il latinista Concetto Marchesi, ed altri più o meno famosi. Alla Camera le polemiche furono roventi per le interrogazioni e durante le sedute destinate a deliberare sull'autorizzazione a procedere contro i due parlamentari a seguito della denuncia sporta dalla signora.
    L'area politica di appartenenza
    Politicamente Scalfaro fu sempre schierato all'ala destra della Democrazia Cristiana. Pur avendo sempre avuto una grande stima (ricambiata) di Alcide De Gasperi, il suo punto di riferimento fu Mario Scelba, di cui era ammiratore ed amico, e che durante il suo governo lo chiamò a ricoprire (fu il suo primo incarico di governo) il ruolo di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed al Turismo e spettacolo.
    Nel 1958 Mario Scelba formò nella DC una "corrente" (Centrismo popolare) di politici conservatori che aveva come referenti principali, oltre a lui stesso, che ne era il leader, Guido Gonella, Roberto Lucifredi, Mario Martinelli ed Oscar Luigi Scalfaro, tutti componenti il Comitato di direzione. La corrente aveva ne: "Il Centro" il suo organo di stampa, e verrà sciolta dal suo stesso leader otto anni dopo.
    Coerente alla sua concezione anticomunista, all'inizio degli anni sessanta Scalfaro si oppose fermamente alla cosiddetta "apertura a sinistra" cioè all'ingresso del Partito Socialista Italiano, che egli considerava "il cavallo di Troia" del comunismo, nella compagine governativa (centrosinistra). In questa battaglia interna al partito ebbe come alleato Giulio Andreotti e la sua corrente. L'alleanza con il partito di Pietro Nenni, auspicata dall'allora Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi, fu poi realizzata da Amintore Fanfani e da Aldo Moro a partire dal 1963.
    Il periodo di ombra
    L'avvento del centrosinistra segnò il declino definitivo del suo referente Mario Scelba e nell'aprile del 1969 Scalfaro fondò, all'interno della DC, una sua corrente, "Forze libere", ma la scarsa adesione al congresso del partito svoltosi a giugno di quell’anno (meno del 3% dei voti e quattro seggi) non fu incoraggiante: la corrente verrà sciolta ufficialmente quattro anni dopo.
    Nel 1972 polemizzò aspramente contro i socialisti, il cui neo segretario Francesco De Martino auspicava per il governo "equilibri più avanzati", cioè l'ingresso del PCI nella maggioranza di governo. Si batté altrettanto vigorosamente contro l'approvazione della legge Fortuna-Baslini, che introdusse il divorzio in Italia e fu un sostenitore del ricorso al referendum abrogativo della stessa legge, nel quale tuttavia non fu raggiunta la maggioranza dei voti necessaria per l’abrogazione (12 maggio 1974: in quell'occasione fu alleato di Amintore Fanfani che aveva promosso la consultazione elettorale abrogativa).
    Come esponente dell'ala destra della DC ricoprì comunque molte cariche di governo anche nei primi anni del centrosinistra ma nella seconda metà degli anni Settanta la sua figura nel quadro politico generale rimase un po’ in ombra, ed in quel periodo ebbe come unica carica istituzionale la vicepresidenza della Camera dei Deputati (da ottobre 1975), che mantenne per quasi otto anni.
    Il ritorno alla ribalta
    Nell'agosto 1983 fu chiamato da Craxi, non senza che ciò destasse un certo stupore nei commentatori politici di allora, a ricoprire una delle cariche più delicate ma prestigiose del governo: la titolarità del ministero dell'Interno, carica che mantenne ininterrottamente fino al luglio del 1987. Nel 1989 fu nominato presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sulla ricostruzione in Irpinia dopo il terremoto del novembre 1980: un incarico difficile e scabroso, che impegnò Scalfaro per due anni e che, a commento quasi unanime della stampa, condusse con notevole e rara indipendenza di giudizio.
    Eletto Presidente della Camera dei Deputati il 24 aprile del 1992, vi rimase poco. Scaduto il mandato di Francesco Cossiga come Presidente della Repubblica, l'elezione del successore si stava trascinando in una serie di votazioni parlamentari senza risultato, quando la strage di Capaci dette uno scossone alla vita politica italiana e Scalfaro, un outsider nella corsa al Quirinale, fu eletto alla massima carica istituzionale del Paese subito dopo il tragico evento. "Sponsor" politico di Scalfaro fu allora Marco Pannella, leader del Partito Radicale.
    Scalfaro Presidente della Repubblica
    Si è trattato di una delle presidenze più controverse della storia repubblicana: benché fortemente sostenuto dai partiti politici sopravvissuti al turbine di Tangentopoli, ha ingenerato forti contrapposizioni, fronteggiate con una decisione che nessuno avrebbe saputo prevedere da un politico approdato quasi per caso al Quirinale.
    Cominciò con il nominare Giuliano Amato presidente del consiglio, avanzando riserve nei confronti dell'autocandidatura di Craxi, che non aveva ancora ricevuto nessun avviso di garanzia (ma il mandato di cattura nei confronti di Silvano Larini già faceva parlare di un avvicinamento degli inquirenti al leader socialista). Nelle memorie di Enzo Scotti, si apprese che il suo segretario generale Gaetano Gifuni avrebbe contattato sia Scotti sia Claudio Martelli per sondare la possibilità di una nomina nelle "seconde file" dei due principali partiti della coalizione di governo, allo scopo di propiziare un avvicendamento generazionale alla guida dei rispettivi partiti.
    Accompagnò la riluttanza di Craxi a dimettersi dalla segreteria del PSI con le sferzanti parole "chi ha salito le scale del potere deve saperle discendere con uguale dignità". Il rifiuto di firmare il decreto-legge Conso sul finanziamento illecito dei partiti lo mise alla testa del moto popolare di ostilità verso il "Parlamento degli inquisiti", e dopo il referendum che abrogò il sistema proporzionale fu tra quelli che spinse per una legge elettorale nuova, in cui il Parlamento operasse "sotto dettatura" dell'esito elettorale.
    Con il messaggio televisivo in cui pronunciò le celebri parole "Non ci sto",accreditò la chiave di lettura dello scandalo SISDE - che coinvolse alcuni dipendenti dei servizi segreti civili che avevano operato anche sotto la sua gestione del Viminale - come rappresaglia della classe politica travolta da Tangentopoli nei suoi confronti. In questo trovò l'alleanza dei nuovi partiti emersi dal crollo della cosiddetta "Prima Repubblica", ma tale alleanza si spaccò quando - nel dicembre del 1994 - invece di sciogliere le Camere dopo le dimissioni del primo governo Berlusconi, propiziò il governo Dini.
    Negli ambienti del centro-destra, la stessa defezione di Bossi dal governo Berlusconi fu presentata come frutto delle manovre del Quirinale, che aveva ricevuto informalmente notizia da Francesco Saverio Borrelli dell'imminente invio dell'avviso di garanzia ricevuto a Napoli dal presidente del consiglio. Quando Scalfaro svolse le consultazioni, ascoltò anche le componenti interne ai partiti per comprendere se vi erano in Parlamento i voti per un'ipotesi di "governo tecnico": ricevutane rassicurazione - anche grazie l'opposizione dei presidenti delle Camere Scognamiglio e Pivetti alla fine anticipata della legislatura - in un famoso discorso di fine anno invitò Berlusconi ad un passo indietro, promettendo che il nuovo governo avrebbe avuto un incarico a termine ed un presidente di fiducia dello stesso Berlusconi. Questi scelse il suo ministro dell'economia Lamberto Dini, ed assistette nell'anno successivo al progressivo spostamento dell'asse del governo così nato verso il centro-sinistra, che vinse le successive elezioni.
    Lo snodo decisivo per tale spostamento fu la sfiducia individuale votata al ministro della giustizia Filippo Mancuso: questi, accusato di opporsi alla deriva giudizialista del centro-sinistra con una serie di ispezioni ministeriali nei confronti dei giudici che indagavano su Berlusconi, si difese in Senato con un feroce discorso in cui scelse come testa di moro proprio il Quirinale. Ripescando la vicenda SISDE, Mancuso affermò che Gaetano Gifuni avrebbe cercato di orientare la sua relazione nella precedente veste di presidente della commissione governativa di indagine: la relazione sarebbe dovuta cambiare, e l'affermazione della non illiceità della dazione mensile di danaro da parte del SISDE - a Scalfaro quando era ministro dell'interno - si sarebbe dovuta trasformare nell'affermazione dell'inesistenza del fatto storico di tale percepimento di somme.
    Queste ed altre circostanze (tutte riconducibili, comunque, al "ribaltone" del dicembre 1994) portarono, nel centro-destra, alla nascita di una diffusa ostilità verso il Capo dello Stato, accentuata dopo la vittoria del centro-sinistra nelle elezioni del 1996: segnatamente, la legge sulla "par condicio" (termine da lui stesso impiegato in più di una pubblica esternazione, per affermare l'esigenza della parità delle armi comunicative sulle reti televisive per tutti gli attori politici) fu vista come un attacco alla potenzialità più dirompente del sistema mediatico di Berlusconi.
    Nell'ultima parte del settennato gli attivisti giovanili di Alleanza nazionale contestarono il Capo dello Stato nei suoi viaggi nelle città italiane. Mentre la sua caratteristica più gelosamente custodita era stata l'affermazione di un ruolo super partes, agli attacchi ricevuti rispose invocando sempre più esplicitamente il sostegno dalla maggioranza di governo. Ne derivò un ruolo più dipendente da quest'ultima, coronato dal fatto che appena divenuto senatore a vita votò la fiducia al secondo governo D'Alema, cioè ad un presidente del consiglio da lui stesso nominato per il primo mandato (cosa che nel 1986 Pertini non aveva fatto, non partecipando alla votazione sulla fiducia al secondo governo Craxi).
    Nomine Presidenziali
    Governi
    Amato I
    Governo Ciampi
    Berlusconi I
    Governo Dini
    Prodi I
    D'Alema I
    Senatori a vita
    Non ha proceduto ad alcuna nomina
    Attività successive alla Presidenza della Repubblica
    Il senatore Scalfaro
    Terminato il suo mandato da Capo dello Stato, Scalfaro divenne Senatore a vita in quanto ex Presidente della Repubblica, aderendo al gruppo misto.
    Nel corso della XIV legislatura ha presentato numerosi disegni di legge riguardanti l'emigrazione e ha manifestato il dissenso soprattutto per la proposta di riforma costituzionale avanzata dalla Casa delle Libertà e dal terzo governo Berlusconi.
    Da senatore a vita si è dedicato soprattutto a girare l'Italia, partecipando a numerosi incontri sulla difesa della Carta costituzionale, il no alla guerra e l'impegno dei cattolici in politica. Ha, inoltre, dato avvio assieme ad alcuni giovani collaboratori (Alberto Gambino, Stefano Magnaldi, Mattia Stella) ad iniziative nel campo della formazione dei giovani alla vita politica (tra queste in particolare il Laboratorio per la polis, rete di cultura e formazione politica).
    Durante la primavera del 2006 è stato Presidente del Comitato "Salviamo la Costituzione" e a capo del Comitato per il No al Referendum sulla Riforma Costituzionale, composto dai partiti del centrosinistra, dalle principali organizzazioni sindacali, dai Comitati Dossetti, dalle associazioni ASTRID, Libertà e Giustizia, ANPI, ACLI, Giovani per la Costituzione, Laboratorio per la polis e altri. Promosse dunque una bocciatura per via referendaria, poi avvenuta col 61,3% il 25 e 26 giugno 2006. In questa veste è stato nuovamente oggetto delle critiche del centrodestra, promotore della riforma poi bocciata, insieme al suo successore al Quirinale Carlo Azeglio Ciampi, anche lui schieratosi per il No al referendum (tuttavia successivamente, poiché ancora in carica sul Colle fino al mese di maggio).
    In apertura della XV Legislatura è stato Presidente provvisorio del Senato della Repubblica (perché senatore più anziano dopo Rita Levi Montalcini che si era dichiarata non in grado di svolgere quel compito), fino all'elezione alla presidenza di Franco Marini, da lui sostenuto.
    Il 19 maggio 2006, come già aveva anticipato, ha votato la fiducia al governo Prodi II. Durante la XV legislatura ha votato più volte in favore del governo Prodi e della maggioranza di centro-sinistra, anche in occasioni determinanti e con voti di fiducia.
    Nel 2007 ha aderito al Partito Democratico, ed è stato presidente del Comitato pro Veltroni-Franceschini nel Lazio per le primarie del 14 ottobre 2007.
    Ascendenze
    Gli Scalfaro acquisirono un titolo baronale (che – come ogni altro titolo nobiliare – ha cessato d'aver rilevanza giuridica con l'avvento della Repubblica). Esso fu concesso da Gioacchino Murat all'antenato Luigi, colonnello calabrese dell'esercito napoletano. Luigi Scalfaro avrebbe in seguito presieduto il consiglio di guerra che nel 1815 condannò a morte lo stesso Murat.
    Onorificenze
    Cavaliere di Grazia Magistrale del SMOM
    — 1950
    Balì di Gran Croce di Onore e Devozione del SMOM
    Note


      ^ Paolo Granzotto. Oscar Luigi Scalfaro ed i tribunali speciali. URL consultato il 15-9-2008.
      ^ Paolo Granzotto. La vera storia di Oscar Luigi Scalfaro antifascista doc. URL consultato il 15-9-2008.
      ^ Lo Zurlo ricorse contro la sentenza, pare dietro successivo consiglio dello stesso Scalfaro, in Cassazione. La Suprema Corte riconobbe fondato il ricorso e rinviò il caso alla Corte d’Assise di Torino, la quale condannò l’imputato a trent’anni di carcere, ridotti poi a sei dall’intervenuta amnistia generale (dal testo Scalfaro, una vita da Oscar di cui alla bibliografia).
      ^ Paolo Granzotto. La vera storia di Oscar Luigi Scalfaro antifascista doc. URL consultato il 15-9-2008.
      ^ Paolo Granzotto. Oscar Luigi Scalfaro ed i tribunali speciali. URL consultato il 15-9-2008.
      ^ Antonella Cassetti. Corte di assise straordinaria. URL consultato il 15-9-2008.
      ^ Il padre della Mingoni in Toussan (colonnello pluridecorato dell'aviazione, ormai a riposo) ritenendo offensiva nei confronti della figlia una frase pronunciata da Scalfaro durante un dibattito parlamentare, lo sfidò a duello. Subentrò poi al padre come sfidante il marito della signora, anch'egli ufficiale dell'aeronautica, che, ironia della sorte, si chiamava Aramis. La sfida fu ovviamente respinta, la qual cosa, risaputa pubblicamente, fece indignare Totò che inviò a Scalfaro una vibrante lettera aperta, a firma "principe Antonio Focas Flavio Comneno De Curtis", pubblicata dall'Avanti.

      Di questo episodio si ricorderà poi Federico Fellini nel 1962, inserendolo pedissequamente nell'episodio "Le tentazioni del dottor Antonio" inserito nel film Boccaccio '70. La procacissima Anita Ekberg è riprodotta sul manifesto, e Peppino De Filippo impersona il dottor Antonio Mazzuolo: un ottuso, bigotto, pretesco censore, in realtà profondamente eccitato dalla bellezza della Ekberg. Nella follia pazzoide del censore, la Ekberg arriva a "scendere" dal manifesto per materializzarsi in carne ed ossa, ma più in carne che in ossa. Il film termina col dottor Mazzuolo aggrappato al manifesto, che con l'aiuto dei pompieri e di una ambulanza viene trasferito, ancora sofferente per non aver purificato il mondo, in un centro per malattie mentali.
      ^ Divenuto Presidente della Repubblica, Scalfaro nominerà suo portavoce il nipote di Mario, Tanino Scelba
      ^ Questo incarico gli procurò molte noie (e molta pubblicità). Nelle competenze del sottosegretario c’era anche quella censoria nei confronti dei film, la cui ammissione al circuito nazionale poteva essere negata se considerati contrari alla pubblica decenza od ammessa solo a condizione che alcune scene (poche o tante che fossero) venissero "tagliate". Poiché Scalfaro assolveva al suo compito con molto zelo, fu tutto un fiorire di attacchi ironici da parte della stampa laica che lo gratificò dei nomignoli più bizzarri e sarcastici. Contro di lui si spesero penne come Giovannino Guareschi e Curzio Malaparte. Ecco come si espresse quest'ultimo nei suoi confronti:

      ^

    Voci correlate
    Elezione Presidente della Repubblica 1992
    Bibliografia
    "Noi alla scuola di Scàlfaro" di Alberto Gambino e Stefano Magnaldi
    Filippo Ceccarelli, Il letto e il potere, Milano, TEADUE, Tascabili degli Editori Associati (licenza Longanesi), 1996
    Giorgio Caldonazzo – Paolo Fiorelli, Scalfaro, una vita da Oscar, Bergamo, Ferruccio Arnoldi Editore, 1996
    Massimo Franco, Il re della Repubblica, Milano, Badini & Castoldi, 1997, ISBN 88-8089-327-0
    Oscar Luigi Scalfaro (intervista di Guido Dell'Aquila). La mia Costituzione. Dalla Costituente al Referendum 2006. Firenze, Passigli Editori, 2006. ISBN 6636809510.
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Oscar Luigi Scalfaro
    Collegamenti esterni
    Non arrendetevi mai, colloquio con Scalfaro al Laboratorio per la polis
    Intervista sui tentativi di modifica della Costituzione del 14 dicembre 2004 di Sergio Zavoli
    Quirinale: Presidente Scalfaro
    Scheda su openpolis.it di Oscar Luigi Scalfaro
    La folla inferocita contro i politici ai funerali della scorta di Borsellino

    Portale Biografie
    Portale Cattolicesimo
    Portale Politica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Oscar_Luigi_Scalfaro"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Politici italiani del XXI secolo | Nati nel 1918 | Nati il 9 settembre | Personalità legate alla Resistenza italiana | Deputati dell'Assemblea Costituente | Presidenti della Repubblica Italiana | Ministri della Repubblica Italiana | Ministri degli Interni della Repubblica Italiana | Deputati della Democrazia Cristiana | Senatori a vita italiani | Personalità legate a Novara | Personalità di Azione Cattolica | Personalità del cattolicesimo | Politici della Democrazia Cristiana | Politici del Partito Democratico (Italia) | Antifascisti italianiCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 9 Settembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre