Oliviero Toscani (68)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 28 Febbraio 1942
  • Professione: Fotografo
  • Luogo di nascita: Milano (MI)
  • Nazione: Italia
  • Oliviero Toscani in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Oliviero Toscani
  • Wikipedia: Oliviero Toscani su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)



    Oliviero Toscani
    Oliviero Toscani (Milano, 28 febbraio 1942) è un fotografo italiano.

    Biografia
    Conosciuto internazionalmente come pubblicitario dietro i più famosi giornali e marchi del mondo, creatore di immagini corporate e campagne pubblicitarie per Esprit, Chanel, Fiorucci, Prenatal. Come fotografo di moda ha collaborato e collabora tuttora per i giornali Elle, Vogue, GQ, Harper's Bazaar, Esquire, Stern.
    Dal 1982 al 2000 (18 anni), si è occupato della pubblicità della Benetton, sviluppando anche la sua presenza online; ha creato anche Playlife, ramo sportivo della Benetton. Nel 1990, ha fondato il giornale Colors. Nel 1993, ha fondato Fabrica, centro internazionale per le arti e la ricerca della comunicazione moderna, la cui sede è stata progettata dall'architetto giapponese Tadao Ando. Fabrica ha prodotto progetti editoriali, libri, programmi televisivi, mostre ed esposizioni per: ONU, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, La Repubblica, Arte, Mtv, Rai, Mediaset, e film che hanno vinto tre premi della giuria a Cannes e al Festival del Cinema di Venezia.
    Formazione, primi lavori, riviste
    Figlio d'arte: suo padre, Fedele Toscani, è stato il primo fotoreporter del Corriere della Sera. Sviluppa subito una passione per la fotografia. Dopo gli studi al Liceo Vittorio Veneto di Milano, nel 1965 si diploma in fotografia e geografia extracontinentale alla Kunstgewerbeschule di Zurigo.
    I primi reportage di Toscani mettono in luce le caratteristiche dei tempi che correvano (1968), e i ritratti delle nuove mode e dei nuovi comportamenti lo faranno conoscere agli addetti ai lavori, facendogli guadagnare contratti con le migliori riviste di moda.
    Inizia così a collaborare con diverse riviste: Elle, Vogue, Harper's Bazaar attraverso cui riesce a farsi conoscere e a firmare contratti che gli faranno curare le campagne di alcuni tra i marchi di moda più importanti, quali Valentino, Chanel, Fiorucci, Espirit e Prenatal.
    Benetton
    È comunque dal 1982, quando inizia a curare le campagne pubblicitarie per il gruppo Benetton e per il marchio United Colors of Benetton, che inizia ad essere conosciuto al grande pubblico. La sua macchina fotografica, infatti, caratterizzerà fino al 2000 il marchio stesso, con campagne pubblicitarie molto personali e spesso provocatorie.
    Nello stesso periodo ha creato Colors, la prima rivista globale, e Fabrica, una scuola internazionale d'arte e comunicazione che ha realizzato campagne per conto delle Nazioni Unite, Procter & Gamble e La Repubblica.
    Riconoscimenti
    Il lavoro di Toscani è stato esposto alla Biennale di Venezia, San Paolo del Brasile, alla Triennale di Milano, e nei musei d'arte moderna di Mexico City, Helsinky, Roma, Lausanne, Francoforte, e in un paio di dozzine d'altri musei nel mondo. Ha anche vinto numerosi premi come quattro Leone d'Oro al Festival di Cannes, il Gran Premio dell'UNESCO, due volte il Gran Premio d'Affichage, e numerosi premi degli Art Directors Club di New York, Tokyo e Milano. Toscani ha insegnato comunicazione visiva in due università e ha scritto tre libri sulla comunicazione.
    Tempi odierni
    Dal 1999 al 2000 è stato direttore creativo di Talk Miramax, e ha contribuito alla ideazione di vari progetti televisivi. Dopo più di tre decadi di innovazione editoriale, pubblicità, film e televisione, ora si interessa di creatività della comunicazione applicata ai vari media. Toscani infatti si è impegnato in diverse campagne pubblicitarie, alcune delle quali sono state oggetto di censura, in particolare quella per il marchio d'abbigliamento Ra-Re che ritraeva in diverse situazioni di vita quotidiana una coppia di uomini, anche in atteggiamenti omosessuali (lo stesso Toscani ha dichiarato in un'intervista che "grazie alle sue foto finalmente due uomini sono stati capaci di concepire un figlio") e una, ancora più recentemente bocciata dall'Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, per il marchio d'abbigliamento per bambini Nolita Pocket che ritraeva una bambina in atteggiamenti da donna, come il tenere un neonato tra le gambe.
    Recentemente ha curato le campagne di promozione turistica della Regione Calabria nel 2006 e la campagna del Ministero della Salute.
    Da qualche anno ha creato un centro di ricerca della comunicazione moderna (una "factory etica") chiamata La Sterpaia, situata all'interno della riserva naturale del Parco di San Rossore. La Sterpaia è un "laboratorio" dove, seguendo la metodologia del workshop (com'era nelle botteghe d'arte rinascimentali e nelle esperienze del Bauhaus) gli allievi vengono orientati (e non istruiti) da maestri d'arte affermati in ogni settore. La Sterpaia non è una scuola nel senso comune della parola: infatti, l'unico modo per prendervi parte è uno stage della durata di 3 o 6 mesi, al quale si accede con una selezione (aperta a fotografi, grafici, scrittori o registi) per un numero di posti molto limitato. Il Parco è riconosciuto dall’UNESCO come Riserva della biosfera; per soddisfare le esigenze energetiche de “La Sterpaia” è stato ideato il Diamante, una centrale energetica solare di nuova concezione, sviluppata da Enel in collaborazione con la Facoltà di ingegneria di Pisa e denominato appunto Progetto diamante. In questo modo è stato raggiunto l’obiettivo di dare energia pulita al complesso rendendolo autosufficiente.
    Dal mese di settembre 2006 inoltre, è impegnato nella direzione artistica di MusicBox, canale interattivo della piattaforma Sky. I videoclip musicali (scelti dal pubblico da casa tramite email o sms) vengono "disturbati" da "pillole virali" create dal gruppo di creativi della Sterpaia, sotto l'occhio attento di Toscani, il quale conduce presso la stessa emittente il (non)talk-show CAMERAOSCURA.
    Nel 2007 l'agenzia Saatchi & Saatchi ha premiato Oliviero Toscani come Creative Hero, durante la serata del Clio Show a Miami.
    Nella 61° edizione del Festival del Film di Locarno è stato presentato il film Anorexia. Sroria di un'immagine del regista argentino Leandro Manuel Emede, documento che narra la storia della fotografia No Anorexia che Toscani ha realizzato nel 2007 per la marca No-LI-Ta e che è stata lanciata durante la settimana della moda milanese. La fotografia, che causò molto scalpore, è stata presa di mira dai media mondiali: il documentario narra infatti non solo la concezione della foto ma illustra in modo travolgente tutto ciò che successe dopo la sua uscita, mixando in retroscena non solo rassegne stampa ma anche interviste a critici e giornalisti.
    L'impegno politico
    Da sempre in prima linea contro la pena di morte, è membro del board di Nessuno tocchi Caino, associazione per la Moratoria universale della pena di morte federata al Partito Radicale Transnazionale. È stato candidato per la Camera dei Deputati nelle file Radicali nel 1996 per la Lista Marco Pannella e nuovamente nel 2006 per la Rosa Nel Pugno. In quest'ultima candidatura Toscani è stato uno dei principali soggetti della campagna elettorale insieme all'amico Peter Gabriel, ma si è candidato all'ultimo posto della lista per non essere eletto. Dal 2007 cura una trasmissione sull'emittente Radio Radicale dal titolo "Paura genera Censura". È, dalle elezioni amministrative del 2008, assessore del comune di Salemi con Vittorio Sgarbi sindaco sostenuto dall'UDC. Al riguardo una delle più eclatanti trovate per rivitalizzare la città distrutta dal terremoto del '68 è stata quella di "vendere" le vecchie abitazioni del paese alla cifra simbolica di 1 euro a persone famose in modo da ottenere un rapido restauro e un richiamo di attenzioni verso la stessa città: uno tra i primi a rispondere all'appello è stato l'imprenditore Massimo Moratti . L’idea in discorso ha avuto un riscontro internazionale tant'è che la notizia è stata anche riportata dalla rivista americana Newsweek .
    Critiche
    Toscani, per i metodi pubblicitari utilizzati, fu criticato ripetutamente, tanto che finora è stato citato in giudizio parecchie volte.
    Negli anni novanta, la Corte Federale di Francoforte sentenziò che la rappresentazione delle disgrazie e delle svariate forme di miseria presenti nel mondo era mirata a destare nel pubblico un sentimento di solidarietà nei confronti della denuncia avanzata da Toscani e dal suo committente, la Benetton. Secondo il tribunale tedesco, chi fa pubblicità in questo modo sfrutterebbe a scopi di notorietà i sentimenti di sgomento o costernazione provocati nell'osservatore.
    Nel 2000 venne accusato dallo Stato del Missouri di falso fraudolento per aver ritratto con l'inganno dei condannati a morte per fare leva sul pubblico. Chiedendo il permetto di scattare le fotografie dei candidati alla sedia elettrica (un soggetto peraltro che ricorre anche nelle foto di Toscani), l'artista non avrebbe specificato ai responsabili lo scopo per cui voleva ritrarre i condannati, cioè quello di realizzare una campagna pubblicitaria. Toscani si giustificò negando il fatto che si trattasse di vera pubblicità, tematizzando invece la problematica dei valori umani e della pena di morte. Benetton decise di scusarsi con i parenti dei condannati, finendo per tirare su di sé la disapprovazione di Toscani.
    Note

      ^ http://www.ateneonline-aol.it/080901juno.php
      ^ http://www.newsweek.com/id/159040
      ^ Bundesgerichtshof Frankfurt a. M., Sentenza del 6.7.1995. In: K. Kassebohm, Grenzen schockierender Werbung, Berlin (1995: 83), dottorato di ricerca.
      ^ La Repubblica, 10.2.2000.

    Voci correlate
    Progetto diamante
    Complotto di Tirana
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Oliviero Toscani
    Collegamenti esterni
    Sito ufficiale Oliviero Toscani
    Sito ufficiale La Sterpaia di Oliviero Toscani
    trailer di ANOREXIA. STORIA DI UN'IMMAGINE, film di LEANDRO MANUEL EMEDE sulla campagna NO ANOREXIA firmata Toscani
    Tvirus
    Il futuro è già qui - Viaggio nella comunicazione di Oliviero Toscani La Storia siamo noi - RAI Educational
    Portale Biografie
    Portale Fotografia

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Oliviero_Toscani"
    Categorie: Biografie | Fotografi italiani | Nati nel 1942 | Nati il 28 febbraio | Politici del Partito Radicale | Pubblicitari italianiCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 28 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre