Nikos Kazantzakis (1883-1957)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1957
  • Data di nascita: 18 Febbraio 1883
  • Professione: Scrittore
  • Luogo di nascita: Creta
  • Nazione: Grecia
  • Nikos Kazantzakis in Rete:

  • Wikipedia: Nikos Kazantzakis su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Disambiguazione – Se stai cercando il comune greco, vedi Nikos Kazantzakis (comune).
    La tomba di Nikos Kazantzakis
    Nikos Kazantzakis (in greco Νίκος Καζαντζάκης; Megalokastro, 18 febbraio 1883 – Friburgo in Brisgovia, 26 ottobre 1957) è stato uno dei maggiori scrittori e poeti greci del XX secolo, ma anche giornalista, filosofo e uomo di stato.

    Biografia
    Busto di Nikos Kazantzakis ad Atene
    Kazantzakis nasce a Heraklion, Creta, nel 1883, a quel tempo sotto il dominio turco, in un periodo caratterizzato da frequenti sommosse della popolazione greca volte a conquistare l'indipendenza dall'Impero Ottomano e l'unione con la Grecia. Il padre, commerciante, prende parte al movimento indipendentista. Nel 1902 si trasferisce ad Atene, dove studia legge, e successivamente, nel 1907, a Parigi, dove segue alcune lezioni di Bergson e viene a contatto con la filosofia di Nietzsche, da cui sarà fortemente influenzato.
    Tornato in patria, lavora alla traduzione di opere filosofiche e, nel 1911 sposa la scrittrice Galatea Alexiou da cui divorzierà nel 1926. Nel 1914, entra in contatto con Angelos Sikelianos, poeta e drammaturgo, dal cui entusiasmo nazionalistico viene contagiato e col quale visita i monasteri del Monte Athos e diverse altre regioni della Grecia. Nel 1919, in qualità di direttore generale del ministero per gli affari sociali, organizza il trasferimento delle popolazioni greche originarie del Ponto, dal Caucaso in Macedonia e Tracia a seguito della Rivoluzione Russa del 1917. Da questo momento in poi Kazantzakis viaggia costantemente. Soggiorna a Parigi, a Berlino, in Italia, in Unione Sovietica come corrispondente di un quotidiano ateniese, in Spagna e Italia dove intervista Miguel Primo de Rivera e Benito Mussolini, in Cipro, Egitto, sul Monte Sinai, in Cecoslovacchia e di nuovo in Russia e in Francia. Le impressioni di questi soggiorni confluiscono in una serie di volumi ora considerati classici della letteratura di viaggio greca.
    Durante la guerra vive sull'isola di Egina. Sposa, nel 1945, Elena Samiou, compagna da molti anni. Lo stesso anno fa ritorno alla vita politica come ministro dell'educazione senza portafoglio del governo Sofoulis, carica che abbandona poi nel 1946. Lascia quindi la Grecia per non farvi più ritorno, anche a causa delle mutate condizioni politiche e si stabilisce in Francia, ad Antibes. Viene perseguitato dalla chiesa greca ortodossa a causa dei romanzi Capitan Michele e L'ultima tentazione, quest'ultimo posto all'indice anche dalla Chiesa cattolica romana. Nel 1957, nonostante la leucemia diagnosticata qualche anno prima, inizia un nuovo viaggio in Cina e Giappone ma, a causa di un'infezione contratta a seguito di un vaccino, è costretto a tornare in Europa, dapprima a Copenaghen, poi a Friburgo in Brisgovia dove muore il 26 ottobre, all'età di settantaquattro anni. Viene sepolto a Heraklion. L'epitaffio sulla sua tomba recita:


    Δεν ελπίζω τίποτα. Δε φοβούμαι τίποτα. Είμαι λεύτερος


    Non spero nulla. Non temo nulla. Sono libero.

    Opere
    Il primo lavoro narrativo risale al 1906 e consiste del romanzo Όφις και Κρίνο pubblicato sotto lo pseudonimo di Karma Nirvami. Nel 1910, dopo gli studi parigini, scrive la tragedia Ο Πρωτομάστορας , basata su un racconto popolare greco.
    L'opera centrale nella produzione di Kazantzakis è il poema Odissea in 24 canti per un totale di 33333 versi, pubblicata nel 1938 ma frutto di sette diverse stesure durante quattordici anni di lavoro. A causa forse della mole e della difficoltà linguistica (se non dello scarso interesse economico) non esiste una traduzione italiana dell'Odissea, di cui esistono invece una versione in inglese, che ha ricevuto l'apprezzamento dello stesso Kazantzakis, e una in tedesco.
    Nel dopoguerra pubblica una serie di romanzi che rimangono tra le sue opere più famose. Questi includono Zorba il Greco (1946), Cristo di nuovo in croce (1948), Capitan Michele (1950), L'ultima tentazione (1951), pubblicato dapprima in Germania a causa della difficoltà a trovare un editore in Grecia e Il poverello di Dio, basato sulla vita di Francesco d'Assisi.
    Le trasposizioni cinematografiche Colui che deve morire, 1957, tratto da Cristo di nuovo in croce per la regia di Jules Dassins ma soprattutto Zorba il Greco, 1964, di Michael Cacoyannis portano il lavoro di Kazantzakis all'attenzione del pubblico internazionale. Il film L'ultima tentazione di Cristo, diretto da Martin Scorsese, riesce ancora, nel 1988, a suscitare lo scandalo di alcuni gruppi religiosi in America.
    Bibliografia
    Bibliografia in italiano
    Scarse sono le traduzioni in italiano dell'opera di Kazantzakis:
    Zorba il greco, traduzione (dalla versione inglese?!) di Olga Ceretti Borsini, Milano: Aldo Martello Editore, 1955, 1965; Milano: Mondadori, 1966, 1971, 1989
    Cristo di nuovo in croce, traduzione dal neogreco di Mario Vitti, Milano: Mondadori, 1955, 1965, 1974
    Capitan Michele, traduzione di Edvige Levi Gunalachi, Milano: Aldo Martello Editore, 1959
    L'ultima tentazione, traduzione (dall'edizione francese?!) di Marisa Aboaf e e Bruno Amato, Milano: Frassinelli, 1987; Milano: CDE, stampa, 1988
    Il poverello di Dio, a cura di Costantino Nikas, Sant'Arpino: Istituto di Studi Atellani, 1983
    Il poverello di Dio, traduzione dal neogreco di Francesco Màspero, Mondadori, 1987; con introduzione di Francesco Màspero e presentazione di P. Yannis Spiteris, Casale Monferrato: Piemme, 1989, 1990
    El Greco e lo sguardo cretese, traduzione parziale, a cura di Giovanni Bonavia, Roma: Biblioteca del Vascello, 1994
    Commedia: tragedia in un atto, traduzione di Filippo Maria Pontani, con una nota di Massimo Peri, Verona: Edizioni del Paniere, 1980
    Bibliografia in greco
    Tra parentesi quadre la traslitterazione e la traduzione letterale del titolo originale
    Όφις και Κρίνο , 1906. Pubblicato sotto lo pseudonimo di Κάρμα Νιρβαμή .
    , 1927
    , poema, 1928
    Τόντα-Ράμπα , 1934
    Οδύσσεια , poema, 1938
    Βίος και Πολιτεία του Αλέξη Ζορμπά , romanzo, 1946. Tradotto in italiano con il titolo Zorba il greco.
    Ο καπετάν Μιχάλης , romanzo, 1950. Tradotto in italiano con il titolo Capitan Michele.
    Ο Χριστός ξανασταυρώνεται , romanzo, 1954. Tradotto in italiano con il titolo Cristo di nuovo in croce.
    Ο τελευταίος πειρασμός , romanzo, 1955
    Ο Φτωχούλης του Θεού , romanzo, 1956
    Αναφορά στον Γκρέκο , autobiografia, 1961. Una traduzione parziale in italiano è apparsa con il titolo El Greco e lo sguardo cretese.
    Συμπόσιον
    Ο βραχόκηπος
    Οι αδερφοφάδες. θέλει, λέει, να 'ναι λεύτερος, σκοτώστε τον!
    Teatro
    , 1906
    Ο Πρωτομάστορας , 1910
    , 1927
    , 1941-43
    , 1945
    , teatro, 1946
    Μέλισσα , 1955
    , 1956
    , 1956
    Χριστόφορος Κολόμβος
    Θέατρο (σε τρεις τόμους)
    Resoconti dei viaggi
    Τι είδα στη Ρουσία , 1928
    Ταξιδεύοντας. Α΄, Ισπανία
    Ταξιδεύοντας. Β΄, Ιαπωνία - Κίνα
    Ταξιδεύοντας. Γ΄, Αγγλία , 1941
    Ταξιδεύοντας. Ιταλία, Ισπανία, Αίγυπτος, Σινά
    Ταξιδεύοντας. Ιταλία, Αίγυπτος, Σινά, Ιερουσαλήμ, Κύπρος
    Lettere
    Επιστολές προς τη Γαλάτεια
    400 Γράμματα στον Παντελή Πρεβελάκη
    Traduzioni di Kazantzakis in greco moderno
    , Atene: Kyklos, 1934 (500 esemplari numerati); Atene: Ekdoseis Helenes Kazantzake, 1992. Traduzione greca della Divina Commedia di Dante.
    , Atene: Bibliopoleio tis Hestias, 1986. Traduzione greca dell'Odissea di Omero
    Ο Ηγεμόνας , Atene: ed.Galaxias 1961. Traduzione greca del Principe di Nicolò Machiavelli
    Traduzioni di Shakespeare, Goethe, Nietzsche, Darwin, Rimbaud e Garcia Lorca.
    Critica
    Giorgos Panagiotakis, Nikos Kazantzakis. The Life and Works, Typokreta; ISBN 9608519691.
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Nikos Kazantzakis
    Collegamenti esterni
    Nikos Kazantzakis Museum (el, en, fr, de)
    Sito del Museo Storico di Creta. Pagine su Kazantzakis.
    Amici di Nikos Kazantzakis(el)

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Nikos_Kazantzakis"
    Categorie: Biografie | Scrittori greci | Nati nel 1883 | Morti nel 1957 | Nati il 18 febbraio | Morti il 26 ottobre | CandiaCategorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su la.wiki

    « Torna al 18 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre