Nicolò Carosio (1907-1984)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1984
  • Data di nascita: 15 Marzo 1907
  • Professione: Giornalista Sportivo
  • Luogo di nascita: Palermo (PA)
  • Nazione: Italia
  • Nicolò Carosio in Rete:

  • Wikipedia: Nicolò Carosio su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Nicolò Carosio (Palermo, 15 marzo 1907 – Milano, 27 settembre 1984) è stato un giornalista italiano.
    Biografia
    Inaugura per la Eiar le radiocronache dei Mondiali di calcio nel 1934, durante la seconda edizione ospitata dall'Italia e vinta dalla Nazionale padrona di casa guidata da Vittorio Pozzo. Commenta anche l'oro olimpico di Berlino del 1936 e la vittoria azzurra dei Mondiali di Francia del 1938. Passa in televisione nel 1954, anno dell'inizio ufficiale delle trasmissioni e diventa celebre per il suo «quasi rete», culmine delle sue fantasiose telecronache che spesso esulavano dagli avvenimenti in campo, per far sognare lo spettatore con toni epici assunti sin dai tempi radiofonici. Dal 1955 commenta alcune partite della Serie A, alternandosi a Nando Martellini.
    Nel 1966 commenta le partite della Nazionale italiana ai Mondiali di Inghilterra e rimane celebre il suo disappunto dopo la sconfitta dell'Italia contro la Corea del Nord, che costò agli azzurri l'eliminazione dal torneo. Dopo avere passato il testimone a Nando Martellini, la cui voce commenta la vittoria agli Europei del 1968, organizzati proprio in Italia, Carosio ritorna al microfono per le telecronache delle partite in azzurro di Messico 1970.
    Durante Italia - Israele (0-0), valevole per il girone eliminatorio, un guardalinee etiope annulla due reti regolari all'Italia. Carosio esclama: «Ma cosa vuole quel negraccio?». L'ambasciata etiope a Roma sporge una protesta ufficiale e la Rai fa rientrare subito Carosio dal Messico, rimpiazzandolo definitivamente con Martellini. Alcune settimane dopo, dall'Etiopia, il guardalinee ammetterà di avere annullato entrambe le reti in modo intenzionale.
    Pensionato dal 1971, con l'avvento delle emittenti private, commenterà episodicamente alcune partite di campionato per TV e radio private italiane. Gestisce anche per molti anni una rubrica sul noto settimanale a fumetti Topolino ("Vi Parla Nicolo Carosio") che lo renderà popolare fra i ragazzi di tutta Italia.
    Nel centenario della nascita, il 15 marzo 2007 le poste italiane gli hanno dedicato un francobollo.
    Collegamenti esterni
    Tre radiocronache di Carosio
    La radiocronaca di Carosio del gol della vittoria degli azzurri ai mondiali del 1934 (Radio24)
    Portale Biografie
    Portale Televisione

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Nicol%C3%B2_Carosio"
    Categorie: Biografie | Giornalisti italiani del XX secolo | Nati nel 1907 | Morti nel 1984 | Nati il 15 marzo | Morti il 27 settembre | Giornalismo sportivo | Radiocronisti sportivi | Telecronisti sportivi | Radiocronisti legati alla Nazionale italiana di calcio | Telecronisti legati alla Nazionale italiana di calcioCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 15 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre