Nicola Mancino (79)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 15 Ottobre 1931
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Montefalcione (AV)
  • Nazione: Italia
  • Nicola Mancino in Rete:

  • Wikipedia: Nicola Mancino su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Nicola Mancino (Montefalcione, 15 ottobre 1931) è un politico italiano, vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, già ministro dell'Interno e presidente del Senato.
    Esponente della Democrazia Cristiana, di cui divenne segretario dapprima della provincia di Avellino e poi della regione Campania (di cui fu due volte presidente della giunta regionale), fu eletto per la prima volta senatore nel 1976 e da allora è stato sempre riconfermato.
    È stato Ministro dell'Interno dal 1992 al 1994: in questa veste firmò il decreto che istituiva il reato all'istigazione razziale, che ebbe come conseguenza la chiusura di numerose associazione neofasciste come Meridiano Zero. Più controverso il suo ruolo al Ministero degli Interni in relazione alla strage di via d'Amelio, per cui fu pubblicamente accusato dal fratello del defunto Paolo Borsellino di operazioni poco chiare nei giorni immediatamente precedenti l'attentato, e per la sparizione di un'agenda privata impiegata anche per annotazioni sulle indagini in corso dagli effetti personali del giudice.
    Nel 1994 dopo lo scioglimento della DC aderisce al Partito Popolare Italiano ed è tra i più stretti collaboratori di Mino Martinazzoli. Nel luglio 1994 partecipa al congresso del PPI ed è tra i principali esponenti contrari ad alleanze col centrodestra di Silvio Berlusconi e all'elezione di Rocco Buttiglione alla segreteria del partito. Nell'ultimo giorno del congresso viene scelto dall'ala sinistra del PPI come candidato alla segreteria da contrapporre a Buttiglione. Tuttavia non riesce a coagulare attorno a sé la maggioranza del partito.
    Dopo la vittoria elettorale di Romano Prodi e dell'Ulivo, è stato Presidente del Senato della Repubblica dal 9 maggio 1996 al 29 maggio 2001, durante la XIII Legislatura.
    È stato rieletto senatore con le elezioni politiche del 2006, sempre per la Margherita. Il 24 luglio 2006 lascia il Senato dopo 30 anni di attività parlamentare perché eletto dal Parlamento in seduta comune come componente del Consiglio Superiore della Magistratura, in seno al quale ricopre l'ufficio di vicepresidente dal 1 agosto 2006.
    Altri progetti
    Wikisource
    Wikisource contiene opere originali di o su Nicola Mancino
    Articolo su Wikinotizie: Nicola Mancino è il nuovo Vicepresidente del Csm

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Nicola_Mancino"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Nati nel 1931 | Nati il 15 ottobre | Ministri della Repubblica Italiana | Ministri degli Interni della Repubblica Italiana | Politici della Democrazia Cristiana | Politici del Partito Popolare Italiano | Politici della Margherita | Politici del Partito Democratico (Italia) | Senatori italiani | Personalità legate ad AvellinoCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 15 Ottobre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre