Natalia Ginzburg (1916-1991)

Informazioni di base:

  • Scomparsa nel: 1991
  • Data di nascita: 14 Luglio 1916
  • Professione: Scrittrice
  • Luogo di nascita: Palermo (PA)
  • Nazione: Italia
  • Natalia Ginzburg in Rete:

  • Wikipedia: Natalia Ginzburg su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Natalia Ginzburg in compagnia di Sandro Pertini
    Natalía Ginzburg, alla nascita Natalia Levi (Palermo, 14 luglio 1916 – Roma, 7 ottobre 1991) è stata una scrittrice italiana di primo piano della letteratura italiana del Novecento.

    Biografia
    Natalia Levi nasce a Palermo da Giuseppe Levi, ebreo di origine triestina, e madre milanese. Il padre è professore universitario e i suoi tre fratelli saranno imprigionati e processati con l'accusa di antifascismo. Natalia trascorre l'infanzia e l'adolescenza a Torino, in stato di emarginazione e trova presto conforto nella scrittura.

    Esordisce nel 1933 con il suo primo racconto, I bambini, pubblicato dalla rivista "Solaria" e nel 1938 sposa Leone Ginzburg col cui cognome firmerà in seguito tutte le sue opere. In quegli anni stringe legami con i maggiori rappresentanti dell'antifascismo torinese e in particolare con gli intellettuali della casa editrice Einaudi della quale il marito, docente universitario di letteratura russa, era collaboratore dal 1933.
    Nel 1940 segue il marito, che era stato mandato al confino per motivi politici e razziali, in un paese dell'Abruzzo dove rimane fino al 1943.

    Nel 1942 scrive e pubblica, con lo pseudonimo di Alessandra Tornimparte, il suo primo romanzo intitolato La strada che va in città che verrà ristampato nel 1945 sotto il nome dell'autrice.
    Nel febbraio del 1944, in seguito alla morte del marito ucciso nel carcere di Regina Coeli, Natalia ritorna a Torino e al termine della Seconda guerra mondiale comincia a lavorare per la casa editrice Einaudi.
    Nel 1947 esce il suo secondo romanzo È stato così che vince il premio letterario "Tempo".
    Nel 1950 sposa l'anglista Gabriele Baldini, docente di letteratura inglese e direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Londra. Inizia per Natalia un periodo ricco per la produzione letteraria che si rivela prevalentemente orientata sui temi della memoria e dell'indagine psicologica. Nel 1952 pubblica Tutti i nostri ieri , nel 1957 il volume di racconti lunghi, Valentino, che vince il premio Viareggio e il romanzo Sagittario, nel 1961 Le voci della sera che, insieme al romanzo d'esordio verranno successivamente raccolti nel 1964 nel volume Cinque romanzi brevi.
    Nel 1962 esce la raccolta di saggi Le piccole virtù e nel 1963 vince il premio Strega con Lessico famigliare che viene accolto da un forte consenso di critica e di pubblico.
    Nel 1969 muore il marito e la scrittrice si dedica sempre più alla narrativa.
    Negli anni settanta fanno seguito i volumi Mai devi domandarmi del 1970 e Vita immaginaria del 1974.
    Nella successiva produzione la scrittrice, che si era rivelata anche fine traduttrice con La strada di Swann di Proust, ripropone in modo più approfondito i temi del microcosmo familiare con il romanzo Caro Michele del 1973, il racconto Famiglia del 1977, il romanzo epistolare La città e la casa del 1984 oltre La famiglia Manzoni, nel 1983, visto in una prospettiva saggistica.
    La Ginzburg si rivela inoltre autrice di commedie tra le quali, Ti ho sposato per allegria del 1965, e Paese di mare nel 1972.
    Nel 1983 viene eletta nelle liste del Partito Comunista Italiano al Parlamento.
    Muore a Roma tra il 6 e il 7 ottobre 1991.
    Controversie
    Nel giugno 1971 firmò la petizione del settimanale "l'Espresso" contro il Commissario Luigi Calabresi ed altri funzionari della questura e del tribunale di Milano. Nell'ottobre 1971 fu tra i firmatari di un'autodenuncia pubblicata su Lotta Continua in cui esprimeva solidarietà verso alcuni militanti e direttori responsabili del giornale inquisiti per istigazione a deliquere a causa del contenuto violento di alcuni articoli, impegnandosi a «combattere un giorno con le armi in pugno contro lo Stato».
    Bibliografia
    La strada che va in città (1942)
    È stato così (1947)
    Tutti i nostri ieri (1952)
    Valentino (1957)
    Sagittario (1957)
    Le voci della sera (1961)
    Le piccole virtù (1962)
    Lessico famigliare (1963)
    Mai devi domandarmi (1970)
    Caro Michele (1973)
    Vita immaginaria (1974)
    La famiglia Manzoni (1983)
    La città e la casa (1984)
    Serena Cruz o la vera giustizia (1990)
    Le sue opere e il cinema
    Dalla commedia Ti ho sposato per allegria (1967) Luciano Salce ha tratto un film con Giorgio Albertazzi, Monica Vitti, Maria Grazia Buccella e Italia Marchesini.
    Da Teresa, invece, adattata da Michel Arnaud, il regista francese Gérard Vergez nel 1970 ha tratto un film con Suzanne Flon e Anne Doat.
    Dalla novella Caro Michele adattata da Suso Cecchi D'Amico e Tonino Guerra, invece, Mario Monicelli ha tratto un ottimo film nel 1976 in cui recitavano Mariangela Melato, Delphine Seyrig e Aurore Clément; lo scrittore Alfonso Gatto vi aveva la parte del padre di Michele.
    Recenti sono i film La mère (1995) della francese Caroline Bottaro e Las voces de la noche (2003) di Salvador García Ruiz.
    Prosa teatrale
    La segretaria , di Natalia Ginsburg, con Claudia Giannotti, Mico Cundari, Donatella Ceccarello, Elvira Tonelli, Ludovica Modugno, Amos Davoli, regia di Luciano Salce, stagione teatrale 1968 1969.
    Filmografia
    Ha recitato nel film di Pier Paolo Pasolini Il Vangelo secondo Matteo (1964) nei panni di Maria di Betania.
    Note


      ^ "I falsi profeti del Sessantotto" di Michele Brambilla
      ^ "Caso Calabresi" di Antonio Socci

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Natalia Ginzburg
    Collegamenti esterni
    Approfondimento biografico
    Lessico famigliare, riduzione radiofonica di Radio 3 Rai (Il Terzo Anello - Ad alta voce): 22 puntate, formato .ram
    Francesca Archibugi racconta Lessico famigliare nel programma Damasco di Radio3.


    Portale Biografie
    Portale Donne nella storia
    Portale Letteratura

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Natalia_Ginzburg"
    Categorie: Biografie | Scrittori italiani del XX secolo | Nati nel 1916 | Morti nel 1991 | Nati il 14 luglio | Morti il 7 ottobre | Vincitori del Premio Bagutta | Vincitori del Premio Strega | Personalità legate a Palermo | Personalità legate a Torino | Deputati italiani | Politici del Partito Comunista ItalianoCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 14 Luglio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre