Nastassja Kinski (49)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Nastassja Aglaia Naksyznyski
  • Data di nascita: 24 Gennaio 1961
  • Professione: Attrice
  • Luogo di nascita: Berlino
  • Nazione: Germania
  • Nastassja Kinski in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Nastassja Kinski
  • Wikipedia: Nastassja Kinski su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Nastassja Kinski, pseudonimo di Nastassja Aglaia Nakszynski (Berlino, 24 gennaio 1961, alcune fonti indicano come reale data di nascita il 1959), è un'attrice e modella tedesca, figlia dell'attore Klaus Kinski. Ricalcando le orme del padre, outsider del cinema mondiale, dal quale eredita lo spirito irrequieto, anche Nastassja resterà sempre, per scelta e vocazione, ai margini dello star system, cionondimeno la sua bellezza e il suo talento artistico - che spingeranno la critica a paragonarla a Ingrid Bergman - la eleggeranno a sex-symbol e a personaggio di culto negli anni '80, uno degli ultimi fenomeni di divismo cinematografico.

    Biografia
    Rimasta sola con la madre e con modesti mezzi, fin dall'età di 8 anni (aspetto della sua biografia che rispecchia singolarmente quella del padre), Nastassja inizia a lavorare prestissimo, come modella, in tv e dal 1974 - con le riprese di Falso movimento - nel cinema, sotto la direzione del visionario regista tedesco Wim Wenders. Attirare e inseguire figure maschili guida, istrioniche o demiurgiche, si rivelerà una costante della sua vita, il suo karma non solo artistico, se il precoce fascino di lolita, che le guadagna immediato successo sugli schermi, predice anche gli eventi della sua vita privata, che la legheranno a uomini molto più anziani di lei, figure protettive deputate a surrogare l'assenza che ne aveva segnato l'infanzia.
    All'esordio cinematografico seguono altri lavori di minore spessore artistico, tra questi il telefilm Solo per il tuo amore diretto da Wolfgang Petersen (1977), fino al 1978, anno in cui Così come sei di Alberto Lattuada, al fianco di Marcello Mastroianni, le darà definitiva notorietà internazionale, anche se, anni dopo, l'artista ricorderà con amarezza quell'esperienza, in cui, adolescente, si sentì usata dagli adulti. In quello stesso periodo, Nastassja si lega a Roman Polanski, che l'aveva conosciuta nel 1976, e che indirizza la sua giovane protetta all'Actor's Studio di Lee Strasberg. Lo stesso regista polacco la dirigerà nel 1979 in Tess, trasposizione del romanzo di Thomas Hardy, interpretazione che varrà a Nastassja l'assegnazione del Golden Globe e che rimane pietra miliare della sua carriera.
    Seguono, negli anni successivi, contrassegnati da fervida attività, la partecipazione al remake de Il bacio della pantera del 1982, di Paul Schrader, film per il quale Nastassja fu scelta da Martin Scorsese, e soprattutto i capolavori degli anni '80, Un sogno lungo un giorno di Francis Ford Coppola, del 1982, Paris, Texas, ancora con Wim Wenders, e Maria's Lovers di Andrej Končalovskij, entrambi del 1984. Sempre del 1984 è il remake della commedia L'adorabile infedele con Dudley Moore. Dell'anno successivo, da ricordare Revolution, a fianco di Al Pacino, e Harem con Ben Kingsley, e poi poco altro a interrompere un crepuscolo artistico precoce almeno quanto sfolgorante era stato l'incipit.
    Un distacco dal grande cinema segnato dalla maternità di Nastassja, evento di fronte alla cui centralità ogni altro aspetto della sua vita impallidisce, secondo le sue stesse parole. Il 29 giugno 1984 nasce, infatti, Aljosha, primogenito di Nastassja e figlio del produttore egiziano Ibrahim Moussa, di 14 anni più anziano di lei e che l'attrice sposerà il 10 settembre di quello stesso anno. Il 2 marzo 1986 nasce la secondogenita della coppia, Sonja Leila, oggi affermata modella. Adesso, Nastassja trascorre molto tempo in Italia e lavora con vari registi italiani quali Lina Wertmüller, Citto Maselli, i fratelli Taviani e Sergio Rubini. In quegli stessi anni, partecipa anche a Voglia d'amare (1987), a Acque di primavera - una produzione italiana del 1989 firmata da Jerzy Skolimovski e ispirata a un racconto di Turgenev -, e a Umiliati e offesi, del 1991, trasposizione del feuilleton dostoevskiano.
    Dal 1991 data l'inizio del rapporto che la lega sentimentalmente al musicista e produttore statunitense Quincy Jones, di 28 anni più anziano di Nastassja, mentre nel novembre di quello stesso anno muore Klaus, il padre. Nastassja non parteciperà ai funerali; il legame tra padre e figlia, da sempre tormentato e vissuto sul precario crinale amore-ripudio, era, da tempo, definitivamente reciso. L'anno successivo, l'attrice divorzia da Moussa. Ne consegue un lungo e durissimo strascico di azioni legali, per l'assegnazione della custodia dei figli, fino a quando tribunali italiani riconosceranno a Nastassja il diritto di tenere con sè, nella sua nuova vita in California, entrambi i bambini. Dal suo rapporto con Jones nasce poi, il 9 febbraio 1993, Kenya Julia Miambi Sara, terza e ultima figlia dell'artista berlinese.
    Professionalmente ancora un capolavoro, l'ultimo, ancora diretta dal grande Wim Wenders in Così lontano, così vicino (1993), in cui interpreta la magica parte dell'angelo Raphaela, e, dopo il ritorno negli Stati Uniti - paese molto amato dall'attrice per l'energia e lo spirito di frontiera che ne animano la società -, si registra anche il ritorno a un'intensa attività artistica, ma senza più sfiorare la qualità di un tempo. Si susseguono partecipazioni a produzioni di pretese commerciali e, recentemente, a miniserie tv di produzione europea (Les liaisons dangereuses, del 2003 e La Femme Musketeer, del 2004).
    Dopo la separazione da Quincy Jones, avvenuta nel 1997, col quale Nastassja mantiene rapporti affettuosi, oltreché di buon vicinato, l'attrice vive tuttora in California, coi suoi tre figli e i suoi amati animali.
    Curiosità
    Il nome Nastassja Aglaja, impostole dal padre, ammiratore di Dostoevskij, riassume i nomi delle due donne amate dal principe Myškin, l'Idiota dostoevskiano, Nastasja Filippovna e Aglaja Ivanovna. E d'ispirazione dostoevskiana sarà anche il nome del primogenito di Nastassja, Aljosha, vezzeggiativo del più giovane dei Karamazov.
    Nel 1978, Nastassja ha scontato cinque giorni di detenzione nelle carceri tedesche, per essersi più volte servita di mezzi pubblici senza pagare il biglietto e per aver rifiutato di svolgere il servizio sociale presso un ospedale, pena riabilitativa a cui era stata condannata.
    Alla fine degli anni '70, Nastassja stringe amicizia con la giovanissima Demi Moore, di cui era vicina di casa durante il suo soggiorno negli Stati Uniti, e la incoraggia a intraprendere la carriera artistica.
    Un ammiccante servizio fotografico, firmato da Richard Avedon per Vogue, nel 1981, la ritrae nuda con annesso concupiscente pitone. E con annesso patinato, scontato clamore. Quell'immagine, tanto finta quanto d'ispirazione commerciale, estranea alla psicologia dell'attrice, sopravvive ancora nell'immaginario di molti a identificarla.
    Nastassja Kinski è vegetariana convinta.
    Nastassja Kinski è socia sostenitrice e finanziatrice della Croce Rossa Internazionale.
    Nastassja Kinski, oltre il tedesco, parla correttamente l'italiano, l'inglese, il francese ed il russo.
    Filmografia parziale
    Falso movimento (Falsche Bewegung) di Wim Wenders (1975) (accreditata come Nastassja Nakszynski)
    Una figlia per il diavolo (To the Devil a Daughter) di Peter Sykes (1976)
    Solo per il tuo amore (Reifezeugnis) di Wolfgang Petersen (episodio della serie tv Tatort, 1977)
    Niente vergini in collegio (Leidenschaftliche Blümchen) di André Farwagi (1977)
    Così come sei di Alberto Lattuada (1978)
    Tess di Roman Polanski (1979)
    Lo specchio del desiderio (La lune dans le caniveau) di Jean-Jacques Beineix (1982)
    Il bacio della pantera (Cat People) di Paul Schrader (1982)
    Un sogno lungo un giorno (One from the Heart) di Francis Ford Coppola (1982)
    Un'adorabile infedele (Unfaithfully Yours) di Howard Zieff (1982)
    Sinfonia di primavera (Frühlingssinfonie) di Peter Shamoni (1983)
    Star's lovers (Exposed) di James Toback (1983)
    Paris, Texas di Wim Wenders (1984)
    Hotel New Hampshire (The Hotel New Hampshire) di Tony Richardson (1984)
    Maria's Lovers di Andrej Končalovskij (1984)
    Revolution di Hugh Hudson (1985)
    Harem di Arthur Joffé (1985)
    Voglia d'amare (Maladie d'amour) di Jacques Deray (1987)
    In una notte di chiaro di luna di Lina Wertmüller (1989)
    Acque di primavera di Jerzy Skolimowski (1989)
    L'alba di Francesco Maselli (1990)
    Il segreto di Francesco Maselli (1990)
    Il sole anche di notte dei fratelli Taviani (1990)
    Umiliati e offesi (Униженные и оскорблённые) di Andrej Ešpaj (1991)
    In camera mia di Luciano Martino (1992)
    La bionda di Sergio Rubini (1992)
    Così lontano, così vicino (In weiter Ferne, so nah!) di Wim Wenders (1993)
    Due padri di troppo (Fathers' Day) di Ivan Reitman (1997)
    Amici & Vicini (Your Friends & Neighbors) di Neil LaBute (1998)
    Delitto imperfetto (Susan's Plan) di John Landis (1998)
    Amori in città... e tradimenti in campagna (Town & Country) di Peter Chelsom (2001)
    Les liaisons dangereuses di Josée Dayan (miniserie tv, 2003)
    À ton image di Aruna Villiers (2004)
    La Femme Musketeer di Steve Boyum (miniserie tv, 2004)
    INLAND EMPIRE - L'impero della mente (INLAND EMPIRE) di David Lynch (cameo, 2007)
    Principali riconoscimenti
    Golden Globe nel 1981 per Tess come New Star of the Year
    Nastro d'Argento nel 1985 per Maria's Lovers come Miglior attrice straniera
    Collegamenti esterni
    Scheda su Nastassja Kinski dell'Internet Movie Database
    Portale Biografie
    Portale Cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Nastassja_Kinski"
    Categorie: Biografie | Attori tedeschi | Modelli tedeschi | Nati il 24 gennaio | VegetarianiCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 24 Gennaio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre