Monica Vitti (79)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Maria Luisa Ceciarelli
  • Data di nascita: 3 Novembre 1931
  • Professione: Attrice
  • Luogo di nascita: Roma (RM)
  • Nazione: Italia
  • Monica Vitti in Rete:

  • Wikipedia: Monica Vitti su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Monica Vitti
    Monica Vitti, pseudonimo di Maria Luisa Ceciarelli, (Roma, 3 novembre 1931), è un'attrice italiana di teatro, cinema e televisione.

    Biografia
    Elegante, intensa e allo stesso tempo distante, Monica Vitti è una delle grandi attrici del cinema italiano. La sua innata verve l'ha accompagnata per ben quarant'anni di carriera, in cui ha spaziato con stile e talento da ruoli drammatici ad altri più brillanti.
    L'Accademia
    Nel film Deserto rosso (1964), di Michelangelo Antonioni
    Nel film La ragazza con la pistola (1968), di Mario Monicelli
    Nel 1953 si diploma all'Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico e intraprende una breve ma formativa gavetta teatrale, in cui dà prova della sua versatilità recitando in Shakespeare e Molière. Al cinema, dopo qualche breve apparizione in alcune pellicole comiche, viene notata dal regista Michelangelo Antonioni - con il quale intreccia una relazione artistica e sentimentale - che ne fa la sua musa e la protagonista nella sua celeberrima tetralogia cosiddetta dell' "incomunicabilità": L'avventura (1960), La notte (1961), L'eclisse (1962) e Deserto rosso (1964).
    Il doppiaggio
    Lavora, anche se saltuariamente, come doppiatrice: è la voce del personaggio Ascenza nel film Accattone di Pasolini; di Rossana Rory ne I soliti ignoti di Monicelli e di Dorian Gray nel film Il grido di Antonioni.
    Attrice brillante
    È Mario Monicelli a metterne in risalto la verve di attrice comica, dirigendola nella commedia La ragazza con la pistola (1968), dove Monica interpreta una ragazza siciliana che insegue per il mondo l'uomo che l'ha "disonorata" con l'intento di vendicarsi. Il suo talento brillante si conferma nel successivo Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca (1970) di Ettore Scola, accanto a Marcello Mastroianni.
    Lungo tutti gli anni '70 sarà protagonista di numerose pellicole del filone della commedia all'italiana, ma nel frattempo anche all'estero si accorgono di lei e molti registi di prestigio la vogliono sul set: Miklós Jancsó in La pacifista (1971), Luis Buñuel in Il fantasma della libertà (Le fantôme de la liberté) (1974) e André Cayatte in Ragione di stato (La raison d'état) (1978). Nello stesso anno recita per la televisione nella commedia Il cilindro, di Eduardo De Filippo: sul palcoscenico appare al suo fianco anche un giovane ed esordiente Vincenzo Salemme.
    Nel 1980 è di nuovo protagonista per Antonioni in Il mistero di Oberwald, un lavoro sperimentale che il regista gira servendosi delle allora emergenti tecniche elettroniche di ripresa video. Sempre negli anni '80 continua a dividersi tra il cinema (gira con l'esordiente Roberto Russo Flirt - per il quale riceve il premio dell'attrice al Festival di Berlino del 1984 - e Francesca è mia del 1986, film da lei anche sceneggiati) e il teatro (La strana coppia, 1987; Prima pagina, 1988). Viene insignita di numerosi premi - in tutto vincerà tre Nastri d'argento e cinque David di Donatello.
    La regia
    Dopo aver debuttato anche nella regia col film Scandalo segreto (1990), da lei anche scritto e interpretato, nel 1993 l'attrice affida la sua vita alla penna, scrivendo un'autobiografia dal titolo Sette sottane, seguita due anni dopo da Il letto è una rosa.
    Dal 1994 al 1996 è nel cast della trasmissione di Rai Uno Domenica In.
    Nel 1995 riceve a Venezia il Leone d'oro alla carriera.
    Sentimentalmente ha avuto tre lunghe e importanti storie d'amore: la prima con il regista Michelangelo Antonioni, poi con il direttore della fotografia Carlo Di Palma (che l'ha anche diretta in tre film a metà anni Settanta) ed infine con il fotografo di scena Roberto Russo, che ha sposato nel 2000 in Campidoglio, prima di annullare tutte le sue apparizioni pubbliche a causa del morbo di Alzheimer che l'aveva colpita.
    Curiosità
    In alcuni suoi film opera quale sua controfigura una ancora sconosciuta Fiorella Mannoia, cantante che molti non sanno provenire da una famiglia di stunt-man.
    Nel 1988 il prestigioso quotidiano francese Le Monde commette una clamorosa svista pubblicando la notizia della sua morte. L'attrice, con grande eleganza e senso dell'umorismo, si limita a smentire la notizia, ringraziando i responsabili della gaffe per averle allungato la vita.
    Filmografia
    Ridere, ridere, ridere, regia di Edoardo Anton - non accreditata (1954)
    Adriana Lecouvreur, regia di Guido Salvini (1955)
    Una pelliccia di visone, regia di Glauco Pellegrini - non accreditata (1956)
    Le dritte, regia di Mario Amendola (1958)
    L'avventura, regia di Michelangelo Antonioni (1960)
    La notte, regia di Michelangelo Antonioni (1961)
    Le quattro verità, regia - episodio La lepre e la tartaruga di Alessandro Blasetti (1962)
    L'eclisse, regia di Michelangelo Antonioni (1962)
    Confetti al pepe (Dragées au poivre) di Jacques Baratier (1963)
    Il castello in Svezia, regia di Roger Vadim (1963)
    Il disco volante, regia di Tinto Brass (1964)
    Il deserto rosso, regia di Michelangelo Antonioni (1964)
    Alta infedeltà - episodio La sospirosa, regia di Luciano Salce (1964)
    Le bambole - episodio La finestra, regia di Franco Rossi (1965)
    Le fate - episodio Fata Sabina, regia di Luciano Salce (1966)
    Fai in fretta ad uccidermi... ho freddo!, regia di Francesco Maselli (1966)
    Modesty Blaise, regia di Joseph Losey (1966)
    La cintura di castità, regia di Pasquale Festa Campanile (1967)
    Ti ho sposato per allegria, regia di Luciano Salce (1967)
    La ragazza con la pistola, regia di Mario Monicelli (1968)
    La donna scarlatta, regia di Jean Valère (1968)
    Amore mio aiutami, regia di Alberto Sordi (1969)
    Ninì Tirabusciò la donna che inventò la mossa, regia di Marcello Fondato (1970)
    Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca, regia di Ettore Scola (1970)
    Le coppie - episodi Il frigorifero, regia di Mario Monicelli e Il leone, regia di Alberto Sordi (1970)
    La pacifista, regia di Miklós Jancsó (1971)
    La supertestimone, regia di Franco Giraldi (1971)
    Noi donne siamo fatte così, regia di Dino Risi (1971)
    Gli ordini sono ordini, regia di Franco Giraldi (1972)
    Teresa la ladra, regia di Carlo Di Palma (1972)
    La Tosca, regia di Luigi Magni (1973)
    Polvere di stelle, regia di Alberto Sordi (1973)
    Il fantasma della libertà (Le fantôme de la liberté) di Luis Buñuel (1974)
    Qui comincia l'avventura, regia di Carlo Di Palma (1975)
    L'anatra all'arancia, regia di Luciano Salce (1975)
    A mezzanotte va la ronda del piacere, regia di Marcello Fondato (1975)
    Basta che non si sappia in giro!... - episodi Macchina d'amore, regia di Nanni Loy e L'equivoco, regia di Luigi Comencini (1976)
    Mimì Bluette... fiore del mio giardino, regia di Carlo Di Palma (1977)
    L'altra metà del cielo, regia di Franco Rossi (1977)
    Ragione di stato (La raison d'état), regia di André Cayatte (1978)
    Letti selvaggi, regia di Luigi Zampa (1979)
    Amori miei, regia di Steno (1979)
    Un amore perfetto o quasi (An Almost Perfect Affair), regia di Michael Ritchie (1979)
    Il mistero di Oberwald, regia di Michelangelo Antonioni (1980)
    Non ti conosco più amore, regia di Sergio Corbucci (1980)
    Il tango della gelosia, regia di Steno (1981)
    Camera d'albergo, regia di Mario Monicelli (1981)
    Scusa se è poco, regia di Marco Vicario (1982)
    Io so che tu sai che io so, regia di Alberto Sordi (1982)
    Flirt, regia di Roberto Russo - anche sceneggiatrice (1983)
    Francesca è mia, regia di Roberto Russo - anche sceneggiatrice (1986)
    Scandalo segreto - anche regista e sceneggiatrice (1990)
    Prosa televisiva
    L'alfiere , di Carlo Alianello, con Fabrizio Mioni, Aroldo Tieri, Domenico Modugno, Achille Millo, Maria Fiore, Emma Danieli, Tecla Scarano, Carlo Giuffrè, Ubaldo Lay, Ilaria Occhini, Nino Manfredi, Carlo Croccolo, Monica Vitti, regia di Anton Giulio Majano, sceneggiato in 6 puntate dal 18 marzo 1956 al 22 aprile 1956.
    Abbracciamoci Folle-ville, di Eugène Labiche, con Gianrico Tedeschi, Alberto Bonucci, Francesco Mulè, Monica Vitti, regia di Antonello Falqui, martedì 26 febbraio 1957.
    Mont Oriol , di Guy de Maupassant, con Sergio Tofano, Monica Vitti, Paolo Ferrari, Paolo Carlini, Roldano Lupi, Nino Besozzi, Giulia Lazzarini, Renzo Palmer, regia di Claudio Fino, sceneggiato in 4 puntate dal 8 marzo 1958 al 29 marzo 1958.
    Premi
    Conchiglia d'Argento al Festival di San Sebastian 1968 come migliore attrice per La ragazza con la pistola
    Festival del Cinema di Venezia 1995, Leone d'Oro alla carriera
    Fonti
    www.italica.rai.it
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Monica Vitti
    Collegamenti esterni
    Scheda su Monica Vitti dell'Internet Movie Database
    Portale Biografie
    Portale Cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Monica_Vitti"
    Categorie: Biografie | Attori italiani | Nati nel 1931 | Nati il 3 novembre | Comici italiani | David di Donatello per la migliore attrice protagonista | Nastro d'Argento alla migliore attrice protagonista | Artisti romani | Personalità legate a RomaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 3 Novembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre