Moana Pozzi (1961-1994)

Informazioni di base:

  • Scomparsa nel: 1994
  • Data di nascita: 27 Aprile 1961
  • Professione: Attrice
  • Luogo di nascita: Genova (GE)
  • Nazione: Italia
  • Moana Pozzi in Rete:

  • Wikipedia: Moana Pozzi su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Moana Pozzi (pseudonimo di Anna Moana Rosa Pozzi) (Genova, 27 aprile 1961 – Lione, 15 settembre 1994) è stata una pornostar, attrice e showgirl italiana.

    Note biografiche
    Figlia di Alfredo, ricercatore nucleare, e di una casalinga, Rosanna. Trasferitasi a Roma appena maggiorenne, lavorò saltuariamente come modella e come comparsa in numerosi film. Era molto ambiziosa e quando si accorse che questa strada l'avrebbe portata poco in là, si dedicò alla strada del porno come scorciatoia per la notorietà.
    Il suo primissimo film hardcore dal titolo Valentina, ragazza in calore, risale al 1981 e non era accreditata con il suo nome, ma come Linda Heveret, anche perché in quel periodo stava conducendo un programma per bambini, Tip Tap Club, su Raidue. Lo scandalo della doppia personalità venne comunque a galla procurandole la cacciata dalla Rai, ma lei stessa ammise di averne comunque ricavato anche una certa pubblicità.
    Risale al 1986 la sua prima pellicola a luci rosse del circuto di serie A dove era accreditata col suo nome fin dal titolo, Fantastica Moana, per la regia di Riccardo Schicchi. Entrata nell'entourage dell'agenzia Diva Futura di Schicchi, nello stesso anno partecipò allo spettacolo live Curve deliziose che lanciò definitivamente la sua carriera nel mondo del porno e le diede anche una notevole pubblicità sulla stampa per via dello scandalo con risvolti giudiziari che ne nacque.
    Fra i film di maggior successo Moana calda femmina in calore, Moana la bella di giorno, Cicciolina e Moana ai mondiali.
    Divenne assai popolare grazie alla televisione, ai cui programmi cominciò a essere invitata, anche grazie a risorse intellettuali e culturali sino ad allora, per il grande pubblico, insospettabili per un personaggio del porno. Più che la sua collega Staller, Moana Pozzi portò alla luce l'esistenza sino ad allora pressoché sotterranea del vasto universo della pornografia e dei relativi consumatori.
    Pubblicò il libro La filosofia di Moana a proprie spese (20.000 copie per un costo di sessanta milioni), fondando una casa editrice diretta dal giornalista Brunetto Fantauzzi: nel libro raccontava di personaggi famosi con cui avrebbe avuto rapporti. Il libro fece scalpore, anche per alcuni commenti e veri e propri voti sulle "prestazioni" degli occasionali partner, fra i quali figurava anche un uomo politico inserito senza nome, sebbene notevoli indizi facessero capire, soprattutto con il senno di poi, che si trattava di Bettino Craxi, non ancora Presidente del Consiglio e allora segretario del PSI e che si meritò un bel 7½ sebbene i due non avessero avuto un rapporto sessuale completo. I personaggi citati erano Beppe Grillo (7-), Roberto Benigni (8+), Massimo Troisi (6), Paulo Roberto Falcão (5), Marco Tardelli (8), Luciano De Crescenzo (7), Harvey Keitel (S.V.), Andrea Roncato (7), Nicola Pietrangeli (6), Renzo Arbore (6), Enrico Montesano (6-), Francesco Nuti (7), Renato Pozzetto (6+) e Massimo Ciavarro (6+).
    Molto nota è anche la sua performance televisiva nel programma L'araba fenice (1988), nel quale faceva la critica di costume nuda o "vestita" solamente di un cellophan trasparente.
    Personaggio discusso, non solo per il genere cinematografico nel quale divenne famosa (quello hardcore), ebbe anche una breve esperienza nel mondo della politica quando nel 1991 fondò, assieme alla collega Cicciolina (pseudonimo di Ilona Staller) il Partito dell'Amore. Guidò in prima fila il suo Partito alle elezioni politiche del 1992 ed alle elezioni comunali a Roma dell'anno successivo. Non riuscì ad arrivare al ballottaggio, in un primo momento dichiarò che se si fosse verificata tale situazione avrebbe supportato il candidato di Rifondazione Comunista Renato Nicolini, ma Nicolini non riuscì ad arrivare al secondo turno, il Partito dell'Amore diede allora indicazione ai propri elettori di far confluire i voti su Francesco Rutelli.
    Anche sua sorella Mima ne seguì le orme, divenendo pornostar a sua volta con il nome d'arte di Baby Pozzi.
    La popolarità di Moana fu tale che divenne anche protagonista di un cartone animato, realizzato dal famoso cartoonist Mario Verger, che vide coinvolta nella regia la stessa Moana Pozzi: il cartoon, intitolato Moanaland, fu trasmesso a più riprese da Blob e nelle puntate monografiche dedicate alla Diva dell'Hard. Sempre Verger, questa volta da solo, le dedicò un altro film d'animazione I Remember Moana, raccogliendo l'attenzione di Marco Giusti e Enrico Ghezzi per Fuori Orario, e che vinse la Menzione Speciale all'Erotic Film Festival in America.
    Morte
    Moana morì all'Hotel de Dieu di Lione il 15 settembre 1994. La sua morte, ufficialmente dovuta a un tumore al fegato, fu improvvisa, inattesa (aveva solo 33 anni) e ha dato origine a voci non controllate che affermavano che fosse dovuta all'AIDS, oppure che la stessa notizia del decesso fosse falsa.
    Tali voci - che negli anni si sono rincorse e sono state alimentate anche attraverso la pubblicazione di pamphlet - restano il segno più visibile di come Moana Pozzi sia rimasta un'icona ben presente nell'immaginario degli italiani.
    Nel 10° anniversario della sua morte (2004), nuove voci sulla sua improvvisa scomparsa sono riaffiorate. La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un nuovo fascicolo per scoprire se effettivamente fosse viva o morta. Nel dicembre 2005, al programma spetta Chi l 'ha visto? viene presentato per la prima volta il certificato ufficiale di morte dell'ospedale di Lione, dove veniva registrato il giorno esatto del decesso dell'attrice. Le interviste con la famiglia hanno infine confermato le circostanze. In più è stata mostrata anche una tomba senza nome nel complesso di sepoltura "Pozzi" a Lerma, vicino ad Alessandria in Piemonte.
    Nel 2005 la famiglia - tramite il fratello Simone - annunciò la pubblicazione di un libro (il cui titolo è Moana, tutta la verità per Aliberti editore) in cui sarebbe stata raccontata la verità sulla vita e, soprattutto, sulla morte dell'attrice. Nel febbraio del 2006, nel corso dell'intervista rilasciata al programma di Raitre Chi l'ha visto?, quello che si credeva il fratello minore di Moana, Simone Pozzi, dichiarò ufficialmente di esserne in realtà il figlio, anche se resta ancora un mistero la paternità. Tuttavia, il figlio dichiarò di non avere intenzione di cercare un padre che non si era mai preoccupato di cercare nessuno dei due.
    Ad inizio aprile 2007 viene pubblicata sul quotidiano Il Messaggero un'intervista al marito dell'attrice, Antonio Di Ciesco, che rivela di aver aiutato Moana a morire, praticandole l'eutanasia. Rifiutando l'idea di una lunga agonia, aveva preso accordi col marito e così nel settembre 1994, quando ormai non c'era più nulla da fare, questi l'aiutò a terminare le sofferenze facendo entrare delle bollicine d'aria nel tubo della flebo . A metà mese la Procura della Repubblica di Roma, su istanza del produttore Riccardo Schicchi, apre un'inchiesta iscrivendo Di Ciesco nel registro degli indagati.
    Il 22 giugno 2007, nel corso dello speciale di "Enigma" (Rai tre) dedicato a Moana Pozzi e condotto da Corrado Augias, Mauro Biuzzi, responsabile dell'Associazione che ne tutela l'immagine, da lui creata insieme alla famiglia, ha mostrato il test dell'HIV cui si sottopose l'artista nel 1992, a definitiva conferma che non aveva contratto l'AIDS.
    Filmografia
    La compagna di viaggio, regia di Ferdinando Baldi (1980)
    I miracoloni, regia di Francesco Massaro (1981)
    Erotic Flash, noto anche come Homo Eroticus, regia di Roberto Bianchi Montero (1981)
    Valentina, ragazza in calore, regia di Raniero di Giovanbattista (1981)
    Vieni avanti cretino, regia di Luciano Salce (1982)
    Borotalco, regia di Carlo Verdone (1982)
    W la Foca!, regia di Nando Cicero (1982)
    Vacanze di Natale, regia di Carlo Vanzina (1983)
    Paulo Roberto Cotechiño centravanti di sfondamento, regia di Nando Cicero (1983)
    Delitto carnale, regia di Cesare Canevari (1983)
    Fuga dal Bronx, regia di Enzo G. Castellari (1983)
    ...e la vita continua, film TV, regia di Dino Risi (1984)
    A tu per tu, regia di Sergio Corbucci (1984)
    Dagobert (Le bon roi Dagobert), regia di Dino Risi (1984)
    I pompieri, regia di Neri Parenti (1985)
    Doppio misto, film TV, regia di Sergio Martino (1986)
    Banane al cioccolato, regia di Riccardo Schicchi (1986)
    Ginger e Fred, non accreditata, regia di Federico Fellini (1986)
    I vizi segreti degli italiani quando credono di non essere visti, regia di Camillo Teti (1987)
    Piaceri (1987)
    Moana la scandalosa, regia di Riccardo Schicchi (1987)
    Moana, la bella di giorno, regia di Riccardo Schicchi (1987)
    Fantastica Moana, regia di Riccardo Schicchi (1987)
    Chiamami, regia di Lorenzo Onorati (1987)
    Provocazione, regia di Piero Vivarelli (1988)
    Moana e... le altre regine (1988)
    La bottega del piacere, regia di Arduino Sacco (1988)
    Diva futura, regia di Ilona Staller e, non accreditato, Arduino Sacco (1989)
    Una calda femmina da letto (Beefeaters), regia di Jim Reynolds (1989)
    Tutte le provocazioni di Moana, regia di Arduino Sacco (1990)
    Rise of the Roman Empress 2, regia di Jim Reynolds (1990)
    Template:Citazione necesaria
    Moana l'insaziabile, regia di Henri Pachard (1990)
    Gioco di seduzione, regia di Andrea Bianchi (1990)
    Ecstasy, regia di Luca Ronchi (1990)
    Cicciolina e Moana ai mondiali, regia di Jim Reynolds (1990)
    Backfield in Motion, regia di Jim Reynolds (1990)
    L'insaziabile viziosa (Manbait), noto anche come Moana, Sotto il vestito niente regia di Gerard Damiano (1991)
    L'Odissea, regia di Beppe Recchia (1991)
    Manbait 2, regia di Gerard Damiano (1991)
    Malibu Spice, regia di Alex de Renzy (1991)
    Le donne di Mandingo, regia di Jim Reynolds (1991)
    Crossing Over, regia di Henri Pachard (1991)
    Gola Profonda 2, noto anche come Buco profondo, regia di Gerard Damiano (1991)
    Le professoresse di sessuologia applicata, regia di Gerard Damiano (1992)
    Eccitazione fatale, regia di Gerard Damiano (1992)
    Double Crossings (1992)
    Il castello del piacere, regia di Mario Bianchi (1992)
    Amami, regia di Bruno Colella (1992)
    Vedo nudo, regia di Mario Bianchi (1993)
    La puttana (1993)
    Naked Goddess, regia di Gerard Damiano (1993)
    Canal stars ovvero tocco magico di Moana, regia di Mario Bianchi (1993)
    Naked Goddess 2, regia di Gerard Damiano (1994)
    Moanaland (1994), regia di Mario Verger e Moana Pozzi
    I Remember Moana (1994), regia di Mario Verger
    Prendila è tua (1995)
    Offerta indecente (1995)
    Milly: Fine, Crazy and Fancy, regia di Mario Bianchi (1995)
    Lezioni anali (1995)
    Il gorgo della lussuria (1995)
    Fremiti bollenti (1995)
    Doppio contatto anale, regia di Mario Bianchi (1995)
    Alla pressione (1995)
    Abissi veniali (1995)
    Note


      ^ Lei stessa poi nella sua autobiografia (incompleta e pubblicata solo all'interno di altri libri) rivelò chiaramente il nome di Craxi
      ^ Fonte: Repubblica.it.
      ^ Fonte: Borsaitaliana.reuters.it.

    Bibliografia
    Moana Pozzi, La filosofia di Moana, Moana's Club Edizioni, Roma, 1991 (autoprodotto).
    Moana Pozzi, Il sesso secondo Moana, Edizioni Moana's Club Edizioni, Roma, 1992 (autoprodotto).
    Noa Bonetti, Un'amica di nome Moana. Confidenze a cuore aperto di un’indimenticabile star a luci rosse, Sperling & Kupfer Editori, Milano, 1994, ISBN 8820020610.
    Brunetto Fantauzzi, La pornoViva, il terribile segreto di Moana, Flash Edizioni, Roma 1995.
    Patrizia D'Agostino – Antoni Tentori – Alda Teodorani, Pornodive, Castelvecchi Editore, Roma, 1995.
    Andrea Di Quarto – Michele Giordano, Moana e le altre. Vent'anni di cinema porno in Italia, Gremese Editore, 1997, ISBN 8877420677.
    Tommaso Trini, Moana. Ultimo mito, Prearo Editore, Roma, 2003, ISBN 8873480322.
    Ermanno Krumm, Mimmo Rotella – Moana ultimo mito, Prearo Editore, Roma, 2003.
    Marco Giusti, Moana, Mondadori Editore, Milano, 2004, ISBN 8804533064.
    Brunetto Fantauzzi, E... viva Moana, giallo politico! Chi ha ucciso la pornodiva del potere, 2005.
    Francesca Parravicini, Moana, tutta la verità, Aliberti editore, Reggio Emilia, 2006, ISBN 8874241348.
    Brunetto Fantauzzi, Moana. La spia nel letto del potere, Edizioni Nuove Srl, 2006.
    Brunetto Fantauzzi, Moana. Mistero per sempre, Edizioni Nuove Srl, 2007.
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Moana Pozzi
    Collegamenti esterni
    Scheda dell'Internet Movie Database
    Associazione Moana Pozzi, numerosi articoli, foto e documenti
    La filosofia di Moana, diario autobiografico di Moana Pozzi
    Moana la Divina, la realizzazione dei cartoons su Moana Pozzi con fotogrammi originali e documenti
    Biografia e Filmografia
    Portale Biografie
    Portale Cinema
    Portale Pornografia

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Moana_Pozzi"
    Categorie: Biografie | Attori pornografici italiani | Attori italiani | Showgirl e showman italiani | Nati nel 1961 | Morti nel 1994 | Nati il 27 aprile | Morti il 15 settembre | Personalità legate a GenovaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 27 Aprile


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre