Milena Vukotic (72)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 23 Aprile 1938
  • Professione: Attrice
  • Luogo di nascita: Roma (RM)
  • Nazione: Italia
  • Milena Vukotic in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Milena Vukotic
  • Wikipedia: Milena Vukotic su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima regina del Montenegro, vedi Milena Vukotic (1847-1923).
    Milena Vukotic in Giulietta degli Spiriti (1965)
    Milena Vukotic (Roma, 23 aprile 1938) è un'attrice italiana di cinema e teatro.

    Biografia
    Nasce a Roma il 23 aprile 1938. Figlia di un commediografo di origine montenegrina e di una pianista italiana, fin da piccola ha studiato recitazione e danza classica, in Italia e in Francia.
    Dopo aver fatto parte del corpo di ballo del Grand Ballet du Marquis De Cuevas, aiutata da un fisico esile perfetto per la danza, decise di dedicarsi esclusivamente alla sua primaria passione, la recitazione.
    Attrice minuta e delicata, dotata di soavità e leggerezza unita ad una notevole dose di classe che da sempre la contraddistingue, ha attraversato il nostro cinema (e non solo), dai primi anni Sessanta fino ad oggi.
    Nel 1960 il debutto cinematografico nel Sicario di Damiani.
    Poi le numerose commedie degli anni Sessanta, assieme a film d'autore dei più prestigiosi registi: Il giovedì (1963), Giulietta degli spiriti (1965) e l'episodio Toby Dammit (inserito in Tre passi nel delirio, 1968) di Fellini, Amici miei (1975) e Amici miei atto II (1982) di Monicelli, L'arcidiavolo (1966) e La terrazza (1980) di Scola, La bisbetica domata (1967) di Zeffirelli, Il fascino discreto della borghesia (1973) e Quell'oscuro oggetto del desiderio (1976) di Buñuel.
    Molto particolare la sua partecipazione in Bianco, rosso e Verdone (1981) di Verdone, nel ruolo di una prostituta che si mostra nuda al protagonista. Le parti intime che si vedono nella scena in cui la prostituta tenta di sedurre Mimmo non appartengono alla Vukotic bensì ad una vera prostituta: l'idea, come ha ricordato lo stesso Verdone in un'intervista, venne al produttore Sergio Leone che voleva risparmiare tale scena di nudo ad un'attrice come la Vukotic.
    I suoi ruoli comunque sono quasi sempre di contorno, da caratterista, come la servetta timida e silenziosa oppure la signora dell'alta borghesia sofisticata e distinta.
    Attiva anche in televisione, nel 1964 Lina Wertmüller la scelse per il ruolo di una delle sorelle del Gian Burrasca di Rita Pavone e fu anche una azzeccatissima Alice nella trasposizione televisiva del celebre romanzo Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll del 1970.
    In teatro divenne una delle attrici predilette di Rina Morelli (fra gli spettacoli Oh, che bella guerra del 1982 o Così è se vi pare di Pirandello nel 1983).
    Ha lavorato anche in altri prestigiosi allestimenti accanto a Franco Zeffirelli, Giorgio Strehler, Paolo Poli e Jean Cocteau.
    Al grande pubblico è rimasta indissolubilmente legata al personaggio della "Pina", la moglie piccolo borghese, disincantata ma sempre sottomessa di Ugo Fantozzi, il personaggio di Paolo Villaggio. Subentrata a Liù Bosisio dopo i primi due film della serie, sarà però proprio la Vukotic a restare nell'immaginario collettivo in una delle coppie più note del cinema italiano, fino al Nastro d'Argento come miglior attrice non protagonista conseguito nel 1994 per Fantozzi in paradiso.
    Dal 1998 è riuscita a scrollarsi di dosso un po' il "fardello" di questo personaggio così popolare, grazie alla partecipazione alla serie TV di successo Un medico in famiglia, dove interpreta il personaggio un po' snob di nonna Enrica, contrapposta al più affabile Lino Banfi nel ruolo di nonno Libero.
    Nel 2007, ha lavorato nel film Saturno contro di Ferzan Ozpetek, e sempre nello stesso anno ha vinto il Ciak d'oro alla carriera. Nel 2009 farà parte del cast di Un medico in famiglia 6 nel ruolo di nonna Enrica.
    Teatro
    Teatrografia parziale
    Così è se vi pare, di Luigi Pirandello, regia di Mario Ferrero, con Paolo Stoppa, Rina Morelli, Carmen Scarpitta, Ezio Marano, Veronica Lazar. (1963).
    ...
    Filmografia
    Il sicario, regia di Damiano Damiani (1960)
    Il conquistatore di Corinto, regia di Mario Costa (1961)
    Torna a settembre, regia di Robert Mulligan (1961)
    Totòtruffa 62, regia di Camillo Mastrocinque (1962)
    Col ferro e col fuoco, regia di Ferdinando Cerchio (1962)
    I quattro moschettieri, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1963)
    Il giovedì, regia di Dino Risi (1964)
    Liolà, regia di Alessandro Blasetti (1964)
    Il mostro dell'Opera, regia di Renato Polselli (1964)
    Giulietta degli spiriti, regia di Federico Fellini (1965)
    Questa volta parliamo di uomini, regia di Lina Wertmüller (1965)
    Trilling, regia di Ettore Scola (1965)
    Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
    Rita la zanzara, regia di Lina Wertmüller (1966)
    Io...Io...Io...e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1966)
    Perdono, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1966)
    L'Arcidiavolo, regia di Ettore Scola (1966)
    La bisbetica domata, regia di Franco Zeffirelli (1967)
    Arabella, regia di Mauro Bolognini (1967)
    Il marito è mio e l'ammazzo quando mi pare, regia di Pasquale Festa Campanile (1968)
    Agonia, regia di Bernardo Bertolucci, secondo episodio del film Amore e rabbia (1969)
    Venga a prendere il caffè da noi, regia di Alberto Lattuada (1970)
    Rosolino Paternò soldato, regia di Nanni Loy (1970)
    L'ultimo avventuriero, regia di Lewis Gilbert (1970)
    Trastevere, regia di Fausto Tozzi (1971)
    Il fascino discreto della borghesia, regia di Luis Buñuel (1972)
    La villeggiatura, regia di Marco Leto (1973)
    Il tempo dell'inizio, regia di Luigi Di Gianni (1974)
    L'erotomane, regia di Marco Vicario (1974)
    Il fantasma della libertà, regia di Luis Buñuel (1974)
    ...E cominciò il viaggio della vertigine, regia di Toni De Gregorio (1974)
    Dracula cerca sangue di vergine... e morì di sete!!!, regia di Antonio Margheriti (1975)
    Il caso Raoul, regia di Maurizio Ponzi (1975)
    Amici miei, regia di Mario Monicelli (1975)
    Amore vuol dir gelosia, regia di Mauro Severino (1975)
    Appuntamento con l'assassino, regia di Gèrard Pirès (1975)
    Quell'oscuro oggetto del desiderio, regia di Luis Buñuel (1977)
    Gran bollito, regia di Mauro Bolognini (1977)
    Per vivere meglio divertitevi con noi, regia di Flavio Mogherini (1978)
    Le braghe del padrone, regia di Flavio Mogherini (1978)
    Sabato, domenica e venerdì, regia di Sergio Martino (1979)
    La terrazza, regia di Ettore Scola (1980)
    Fantozzi contro tutti, regia di Neri Parenti (1980)
    La locandiera, regia di Paolo Cavara (1980)
    I seduttori della domenica, regia di Dino Risi (1980)
    Cornetti alla crema, regia di Sergio Martino (1981)
    Il turno, regia di Tonino Cervi (1981)
    Bianco, rosso e Verdone, regia di Carlo Verdone (1981)
    Amici miei atto II, regia di Mario Monicelli (1982)
    Monsignore, regia di Frank Perry (1982)
    Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio, regia di Sergio Martino (1983)
    Nostalghia, regia di Andreij Tarkovskij (1983)
    La casa del tappeto giallo, regia di Carlo Lizzani (1983)
    Fantozzi subisce ancora, regia di Neri Parenti (1983)
    Lo specchio del desiderio, regia di Jean Jacques Beineix (1983)
    Mezzo destro, mezzo sinistro, regia di Sergio Martino (1985)
    Max amore mio, regia di Nagisa Oshima (1986)
    Roba da ricchi, regia di Sergio Corbucci (1987)
    Fantozzi va in pensione, regia di Neri Parenti (1988)
    Fantozzi alla riscossa, regia di Neri Parenti (1990)
    Matilda, regia di Antonietta De Lillo e di Giorgio Magliulo (1990)
    Cattiva, regia di Carlo Lizzani (1991)
    In camera mia, regia di Luciano Martino (1992)
    Stefano Quantestorie, regia di Maurizio Nichetti (1993)
    Fantozzi in paradiso, regia di Neri Parenti (1993)
    Abissinia, regia di Francesco Martinotti (1993)
    Anche i commercialisti hanno un'anima, regia di Maurizio Ponzi (1994)
    Italian Village, regia di Giancarlo Planta (1994)
    Carogne, regia di Enrico Caria (1995)
    Per favore strozzate le cicogne, regia di Luciano Crovato (1996)
    Fantozzi - Il ritorno, regia di Neri Parenti (1997)
    Fantozzi 2000 - La clonazione, regia di Domenico Saverini (1999)
    Lontano in fondo agli occhi, regia di Giuseppe Rocca (2000)
    Le Seduttrici, regia di M. Barker (2004)
    Saturno contro, regia di Ferzan Ozpetek (2006)
    Amore assente, regia di Andrea Adriatico (2007)
    Un giorno perfetto, regia di Ferzan Ozpetek (2008)
    Prosa televisiva
    RAI
    Liliom , di Ferenc Molnar, regia di Eros Macchi, venerdì 16 gennaio 1968, programma nazionale ore 21,00 con Ileana Ghione, Lina Volonghi, Paolo Ferrari.
    Collegamenti esterni
    Scheda su Milena Vukotic dell'Internet Movie Database
    Sito ufficiale
    Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Milena_Vukotic"
    Categorie: Biografie | Attori italiani | Nati nel 1938 | Nati il 23 aprileCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 23 Aprile


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre