Michelangelo Antonioni (1912-2007)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 2007
  • Data di nascita: 29 Settembre 1912
  • Professione: Regista
  • Luogo di nascita: Ferrara (FE)
  • Nazione: Italia
  • Michelangelo Antonioni in Rete:

  • Wikipedia: Michelangelo Antonioni su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Michelangelo Antonioni



    Oscar alla carriera 1995
    Michelangelo Antonioni (Ferrara, 29 settembre 1912 – Roma, 30 luglio 2007) è stato un regista italiano, considerato uno dei grandi autori della storia del cinema.

    Biografia
    Formazione
    Di famiglia della media borghesia, dopo il diploma all'istituto tecnico consegue la laurea in economia e commercio all'università di Bologna (dove fu iscritto ai GUF, vincendo anche un Littoriale della cultura e dell'arte), ha alcune esperienze teatrali e comincia ad interessarsi di cinema alla fine degli anni trenta scrivendo sul Corriere Padano e più tardi, dopo essersi trasferito a Roma, su Cinema nella cui redazione incontra intellettuali come Cesare Zavattini, Umberto Barbaro, Massimo Mida.
    Frequenta il Centro Sperimentale di Cinematografia e nel 1942 collabora alla stesura della sceneggiatura di Un pilota ritorna di Roberto Rossellini. Dopo essere stato aiuto regista di Marcel Carné in Francia, nel 1943 rientra in patria a causa degli eventi bellici e inizia a girare il suo primo cortometraggio, Gente del Po, che riesce a terminare soltanto nel dopoguerra. Nel 1945 mette a punto con Luchino Visconti due progetti che non saranno mai tradotti in film e l'anno successivo scrive, con altri, la sceneggiatura di Caccia tragica di Giuseppe De Santis, a cui fa seguito la regia del suo secondo documentario, N. U. - Nettezza urbana.
    Primi lungometraggi
    Dopo altri cortometraggi, superate varie difficoltà, nel 1950 riesce finalmente a dirigere il suo primo lungometraggio: Cronaca di un amore, restaurato nel 2004, opera personalissima in cui descrive la crisi di una coppia, rappresentativa di certa società borghese contemporanea. Dirige poi altri film di valore: I vinti, sulla violenza giovanile; La signora senza camelie, sui meccanismi sconcertanti che regolano il divismo cinematografico; Le amiche, tratto da un romanzo di Cesare Pavese; Tra donne sole, tutti variamente giudicati dalla critica e non molto apprezzati dal grande pubblico. Con Il grido tenta di superare stili e tematiche dei precedenti lavori per concentrare l'attenzione sull'individuo, sulle sue crisi esistenziali, sul suo vivere in una società che sente estranea. L'insuccesso commerciale del film costringe il regista a dedicarsi brevemente al teatro e a collaborare più o meno anonimamente e comunque con scarso interesse a film altrui, spesso di irrilevante valore artistico.
    La tetralogia esistenziale
    Ritorna al cinema nel 1960, con una celeberrima tetralogia: L'avventura (che nell'ottobre 1960 sarà sequestrato per qualche giorno dalla magistratura per oscenità), La notte, L'eclisse (questi ultimi tre sono a volte chiamati trilogia della malattia dei sentimenti) e il suo primo film a colori Il deserto rosso, tutti interpretati da Monica Vitti, sua compagna per diverso tempo, dove seziona compiutamente la tematica dell'alienazione e dell'incomunicabilità, grandi mali dell'uomo del Novecento, in autentici capolavori nei quali l'universalità del discorso intrapreso si fonde alla perfezione col rigore stilistico e la grande tecnica.
    Produzioni all'estero
    Con Blow-up (anch'esso sequestrato dalla magistratura per oscenità nell'ottobre 1967) il suo pessimismo angoscioso si trasforma nel totale rifiuto della realtà in cui l'uomo vive: egli non è più in grado di stabilire alcun rapporto con ciò che lo circonda e anche le certezze più elementari sono messe in discussione.
    Sulla stessa falsariga Zabriskie Point, incentrato sulla contestazione giovanile, che sviluppa in maniera più spettacolare del consueto, una feroce critica alla società dei consumi.
    Professione: reporter, opera interessante dal punto di vista narrativo e straordinaria da quello figurativo col lungo e celebre piano sequenza finale, affronta l'impenetrabilità della realtà attraverso un repentino cambio di identità del protagonista.
    Nuove produzioni italiane
    Dopo Il mistero di Oberwald, girato per la televisione con mezzo elettronico, torna al cinema con Identificazione di una donna, dove mette in risalto la crisi sentimentale e comportamentale più di quella esistenziale.
    Dopo la lavorazione di questo film, viene colpito da un ictus che lo priva quasi completamente dell'uso della parola e che lo lascia paralizzato dal lato destro. Assistito dalla seconda moglie Enrica Fico (sposata nel 1985), Antonioni si limita a dirigere qualche documentario e accetta di dirigere il videoclip di Fotoromanza per Gianna Nannini e uno spot pubblicitario per la Renault.
    Ultimi film
    Nel 1995 torna dietro la macchina da presa assistito dal Wim Wenders, suo grande ammiratore, con Al di là delle nuvole, dove traduce in immagini alcuni racconti del suo libro Quel bowling sul Tevere, mentre da un altro trae l'episodio Il filo pericoloso delle cose, inserito assieme ad altri due - firmati da Wong Kar Wai e Steven Soderbergh- nel film Eros (2004). Ormai estremamente limitato dalla malattia nella capacità di comunicare, si dedica negli ultimi anni alla pittura, astratta e caratterizzata da forme plastiche e colori molto accesi, esponendo in diverse mostre.
    È morto il 30 luglio 2007 nella sua casa romana, assistito dalla moglie, nello stesso giorno della scomparsa del regista svedese Ingmar Bergman. È seppellito nella Certosa di Ferrara.
    Filmografia
    Regista e sceneggiatore
    Cronaca di un amore (1950)
    La signora senza camelie (1953)
    I vinti (1953)
    L'amore in città - episodio Tentato suicidio (1953)
    Le amiche (da un soggetto di Cesare Pavese) (1955)
    Il grido (1957)
    L'avventura (1960)
    La notte (1961)
    L'eclisse (1962)
    Il deserto rosso (1964)
    I tre volti - episodio Il provino (1965)
    Blow-Up (da un soggetto di Julio Cortázar) (1966)
    Zabriskie Point (1970)
    Professione: reporter (da un soggetto di Mark Peploe) (1975)
    Il mistero di Oberwald (da un soggetto di Jean Cocteau) (1980)
    Identificazione di una donna (1982)
    Al di là delle nuvole (codiretto con Wim Wenders) (1995)
    Eros - episodio Il filo pericoloso delle cose (2004)
    Aiuto regista
    L'amore e il diavolo (Les visiteurs du soir), regia di Marcel Carné (1943)
    Questo nostro mondo, regia di Ugo Lazzari ed Eros Macchi - documentario (1957)
    Nel segno di Roma, regia di Guido Brignone (1958)
    La tempesta, regia di Alberto Lattuada (1958)
    Sceneggiatore
    Un pilota ritorna, regia di Roberto Rossellini, sceneggiatura (1942)
    I due Foscari, regia di Enrico Fulchignoni (1942)
    Caccia tragica, regia di Giuseppe De Santis (1946)
    Lo sceicco bianco, regia di Federico Fellini, soggetto tratto dal cortometraggio L'amorosa menzogna (1951)
    Documentari
    Gente del Po, terminato nel 1947 (1943)
    N. U. - Nettezza urbana (1948)
    Oltre l'oblio (1948)
    Roma-Montevideo (1948)
    L'amorosa menzogna, sul mondo dei fotoromanzi, tema poi sviluppato da Federico Fellini nel film Lo sceicco bianco del 1952 (1949)
    Sette canne, un vestito, restaurato dalla Cineteca del Friuli nel 1995 (1949)
    Bomarzo (1949)
    Ragazze in bianco (1949)
    Superstizione (1949)
    La villa dei mostri (1950)
    La funivia del Faloria (1950)
    Chung-Kuo, Cina (documentario per la tv) (1972)
    Ritorno a Lisca Bianca (1983)
    Fotoromanza, video musicale per Gianna Nannini (1984)
    12 registi per 12 città: Roma (promozionale per i mondiali di calcio Italia '90)) (1990)
    Noto, Mandorli, Vulcano, Stromboli, Carnevale (1992)
    Lo sguardo di Michelangelo (2004)
    Premi e riconoscimenti
    Nastro d'Argento al miglior documentario 1948 per N. U. - Nettezza urbana
    Nastro d'Argento al miglior documentario 1950 per L'amorosa menzogna
    Nastro d'Argento Premio Speciale 1951 per 'Cronaca di un amore
    Nastro d'Argento al miglior regista 1956 per Le amiche
    Pardo d'Oro al Festival di Locarno 1957 per Il grido
    Premio Un Certain Regard al Festival di Cannes 1960 per L'Avventura
    Orso d'Oro al Festival di Berlino 1961 per La notte
    David di Donatello al miglior regista 1961 per La notte
    Nastro d'Argento al miglior regista 1962 per La notte
    Leone d'Oro al miglior film alla Mostra del Cinema di Venezia 1964 per Il deserto rosso
    Palma d'Oro al Festival di Cannes 1967 per Blow Up
    Nomination al Premio Oscar 1967 al Miglior Regista per Blow Up
    Nomination al Premio Oscar 1967 alla Migliore Sceneggiatura Originale per Blow Up (con Edward Bond e Tonino Guerra)
    Nastro d'Argento al miglior regista di film straniero 1968 per Blow Up
    Nastro d'Argento al miglior regista 1976 per Professione: reporter
    David Luchino Visconti ai David di Donatello 1976 per Professione: reporter
    Premio Speciale (Prix du 35ème anniversaire du Festival) al Festival di Cannes 1982 per Identificazione di una donna
    Leone d'Oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia 1983
    Nastro d'Argento Premio Speciale alla carriera 1995
    Oscar alla carriera 1995
    Bibliografia
    Michelangelo Antonioni, I film nel cassetto, Marsilio 1995
    Michelangelo Antonioni, Tonino Guerra, L'aquilone. Una favola per il terzo millennio, con illustrazioni di V. Medzibouskiy, Delfi 1996
    Michelangelo Antonioni, Fare un film è per me vivere. Scritti sul cinema, Marsilio 2001
    Michelangelo Antonioni, Sul cinema, Marsilio 2004
    Carlo Di Carlo (a cura di), Il cinema di Michelangelo Antonioni, Il Castoro 2002
    Giorgio Tinazzi, Michelangelo Antonioni, Il Castoro 2002 (2ª edizione aggiornata)
    M. Orsini (a cura di), Michelangelo Antonioni. I film e la critica 1943-1995: un'antologia, Bulzoni 2002
    Aldo Tassone, I film di Michelangelo Antonioni, Gremese Editore 2002
    Saverio Zumbo, Al di là delle immagini. Michelangelo Antonioni, Falsopiano 2002
    Debora Farina, Eros is sick. Il cinema di Michelangelo Antonioni, Editrice Cinetecnica 2005
    G. Martini (a cura di), Michelangelo Antonioni, Falsopiano 2007
    A. Imponente (a cura di), Michelangelo Antonioni. Le montagne incantate, Gangemi 2007
    Voci correlate
    Wim Wenders, il compagno delle ultime opere
    Giovanni Fusco, l'autore di colonne sonore con cui ha avuto il più lungo sodalizio (otto film insieme)
    Attrici favorite
    Lucia Bosè
    Monica Vitti, l'egeria
    Direttori della fotografia
    Gianni Di Venanzo
    Carlo Di Palma
    Onorificenze
    Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana
    — Roma, 18 novembre 1992.
    Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte
    — Roma, 13 gennaio 1997.
    Altri progetti
    Articolo su Wikinotizie: Michelangelo Antonioni è morto 31 luglio 2007
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Michelangelo Antonioni
    Collegamenti esterni
    Scheda su Michelangelo Antonioni dell'Internet Movie Database
    Biografia su Italica
    (EN) Classic Movies (1939 - 1969): Michelangelo Antonioni
    (EN) Nuovo libro su Antonioni/L'eclisse
    Lo sguardo di Michelangelo Antonioni
    Note

      ^ Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana Maestro Michelangelo Antonioni regista
      ^ Medaglia d'oro ai benemeriti della cultura e dell'arte Maestro Michelangelo Antonioni regista

    Portale Biografie
    Portale Cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Michelangelo_Antonioni"
    Categorie: Biografie | Registi italiani | Nati nel 1912 | Morti nel 2007 | Nati il 29 settembre | Morti il 30 luglio | Premi Oscar alla carriera | David di Donatello per il miglior regista | Personalità legate a Ferrara | Cavalieri di Gran Croce OMRI | Benemeriti della cultura e dell'arteCategorie nascoste: Voci mancanti di fonti - cinema | Voci mancanti di fonti - febbraio 2007 | BioBot

    « Torna al 29 Settembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre