Michael Ballack (34)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 26 Settembre 1976
  • Professione: Calciatore
  • Luogo di nascita: Görlitz
  • Nazione: Germania
  • Michael Ballack in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Michael Ballack
  • Wikipedia: Michael Ballack su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Michael Ballack (Görlitz, 26 settembre 1976) è un calciatore tedesco, centrocampista del Chelsea e della Nazionale tedesca. Le ottime qualità ne hanno fatto uno dei migliori giocatori tedeschi ed europei della sua epoca e gli sono valse la nomina di Giocatore tedesco dell'anno per tre volte (2002, 2003 e 2005).

    Caratteristiche tecniche
    Forte fisicamente, abile di testa e dotato di un tiro potente e preciso, può calciare indifferentemente con il destro o con il sinistro. È abile nel calcio piazzato.
    Calciatore versatile ed equilibrato, dà ampie garanzie sia nella fase offensiva sia in quella difensiva. Si è affermato come centrocampista centrale nel Bayer Leverkusen, dove dirigeva la manovra nel settore nevralgico del campo e ricopriva mansioni di attacco e di difesa. Nell'esperienza successiva, al Bayern Monaco, sotto la guida di Ottmar Hitzfeld e Felix Magath, si è specializzato nella distribuzione della palla in posizione più arretrata, a protezione della difesa, proiettandosi così con minore frequenza in avanti. Tuttavia questo cambiamento non si è verificato nella nazionale tedesca, dove continua a ricoprire il ruolo di centrocampista centrale con attitudini offensive. Dal 2004 è il capitano della squadra nazionale tedesca per volere dell'allora commissario tecnico Jürgen Klinsmann.
    Carriera
    È a volte soprannominato "eterno secondo" a causa dell'alto numero di finali perse o di vittorie mancate per un soffio,come la finale mondiale del 2002,o come nell'anno solare 2008, in cui nell'arco di quattro mesi Ballack perse la Premier League e la finale di Champions League, entrambe contro il Manchester United,e in seguito la finale di Euro 2008,uscendo sconfitto con la sua Germania contro la Spagna.
    Club

    Chemnitzer


    Nativo dell'ex Germania Est, inizia la sua carriera alla grande nel BSG Motor Karl-Marx-Stadt. I genitori lo mandano ad allenarsi con la squadra quando ha solo sette anni ed il ragazzino si segnala subito per la bravura nell'usare entrambi i piedi per controllare il pallone.
    Nel 1995, a diciannove anni, firma il suo primo contratto da professionista, grazie ad impressionanti prestazioni nel ruolo di centrocampista centrale. Viene soprannominato "Il Piccolo Kaiser", in riferimento all'ex calciatore Franz Beckenbauer, chiamato "Il Kaiser". Debutta nel calcio professionistico il 4 agosto 1995, alla prima giornata della Zweite Bundesliga 1995-1996, in Chemnitz-VfB Lipsia 1-2.
    Alla fine della stagione, in cui totalizza 15 presenze, il Chemnitz retrocede in terza divisione ma, nel corso di quella stagione, otteine un prestigioso traguardo: l'esordio con la Nazionale tedesca Under-21, datato 26 marzo 1996.
    Nella stagione seguente diviene un titolare fisso della squadra, contribuendo al buon campionato del Chemnitz, che sfiora la risalita. Gioca tutte le partite del torneo e segna 10 gol per gli Azzurri, anche se ciò non basta a consentire al Chemnitz di essere promosso, e nel 1997 viene ingaggiato dal Kaiserslautern, appena promosso in Bundesliga e guidato dal pluridecorato allenatore Otto Rehhagel.

    Kaiserslautern


    Nel corso della settima giornata della Bundesliga 1997/98, in occasione di Karlsruhe-Kaiserslautern, Rehhagel decide di farlo debuttare nel massimo torneo calcistico tedesco, giocando i 5 minuti finali di quell'incontro. Il 28 marzo 1998, nella partita contro il Bayer Leverkusen, viene schierato per la prima volta tra i titolari, con l'incarico di marcare Emerson, che sarebbe divenuto suo compagno di squadra. Nel corso dell'annata colleziona 16 presenze, contribuendo così alla storica vittoria della Bundesliga, primo successo della storia per una neopromossa. Nella stagione 1998/99 diventa titolare (30 presenze e 4 gol) ed uno dei giocatori-chiave della squadra. Il Kaiserslautern raggiunge i quarti di finale della Champions League, prima di essere eliminato dal Bayern Monaco.
    Il 1º luglio 1999, due mesi dopo la sua prima presenza in nazionale, a 22 anni viene acquistato dal Bayer Leverkusen per 8 milioni di marchi (4,8 milioni di euro).

    Bayer Leverkusen


    È al Bayer Leverkusen che si afferma come una delle stelle del campionato tedesco. Gli allenatori Christoph Daum prima e Klaus Toppmöller poi gli affidano il controllo del centrocampo. Nel Bayer é l'uomo che tiene le redini del settore centrale, spingendosi spesso nell'area di rigore avversaria per far valere le sue abilità di realizzatore. Nelle tre stagioni alla BayArena segna infatti 27 gol in campionato e 9 nelle competizioni europee.
    Nel 2000 al Bayer basta un punto nella partita contro l'Unterhaching per laurearsi campione di Germania, ma una sua inaspettata autorete decreta la sconfitta delle Aspirine. Tuttavia si ruscatta subito con un'annata indimenticabile sotto il profilo personale e di squadra.
    Ballack con il Bayern
    Nella stagione 2001/02 aiuta il Bayer a centrare nuovamente il secondo posto in campionato alle spalle del Borussia Dortmund ed a raggiungere due finali: quella della Coppa di Germania e quella della Champions League, con il Bayer battuto in ambedue le occasioni. Realizza 17 gol in Bundesliga, viene eletto Giocatore tedesco dell'anno e viene inserito nella formazione ideale della Champions League 2001-2002, stilata secondo i voti dei visitatori del sito della UEFA. Insieme ai compagni di squadra Bernd Schneider, Carsten Ramelow e Oliver Neuville partecipa in estate ai Mondiali 2002, dove la Germania viene sconfitta in finale dal Brasile. Dopo aver messo a segno la rete del definitivo 1-0 nella semifinale contro la Corea del Sud, è costretto a saltare la finale per squalifica, privando così la propria compagine del suo essenziale contributo.

    Bayern Monaco


    Dopo un interessamento del Real Madrid, sul giocatore punta con decisione il Bayern Monaco, che lo acquista per 12,9 milioni di euro nell'estate 2002. Al giocatore vengono affidati compiti più difensivi, ma questo non gli impedisce di segnare comunque 10 reti in una stagione che vede il Bayern trionfare in Bundesliga e nella Coppa di Germania, dove in finale i bavaresi sconfigge il Kaiserslautern per 3-1. Nella circostanza è autore di una doppietta contro la sua ex squadra.
    Dopo un'altra stagione vittoriosa (il Bayern conquista la Bundesliga 2002/03), nel 2003/04 non riesce a riconfermarsi campione di Germania, ma nel 2004/05 torna ad esprimersi su alti livelli, risultando in tal modo decisivo nella doppia vittoria della terza Bundesliga in quattro anni e della Coppa di Germania. Nel 2005/06 arriva un'altra accoppiata Bundesliga-Coppa di Germania. Il nuovo allenatore Felix Magath dice di considerare il capitano Ballack "l'unico titolare inamovibile nel centrocampo della squadra".
    In quattro stagioni con il Bayern vince tre titoli tedeschi e tre Coppe di Germania, realizzando ogni volta l'accoppiata (2003, 2005, 2006) e segnando 47 gol in 135 partite, indossando molte volte la fascia al braccio. Dal 1998 al 2005 ha realizzato 61 gol in campionato.
    Michael Ballack con la maglia del Chelsea
    Tuttavia, viene aspramente criticato dalla dirigenza, che lo accusa di non giocare bene nelle partite decisive di Champions League e di preparare il suo addio al club. Durante le sue ultime partite con il Bayern, nella stagione 2005/06, viene contestato dai tifosi. Dopo la finale della Coppa di Germania vinta contro l'Eintracht Francoforte, in cui non si distingue particolarmente, il presidente Franz Beckenbauer lo accusa di "risparmiare le forze" in vista di un suo prossimo trasferimento al Chelsea, che si sarebbe concluso di lì a poco.
    Deluso dalle contestazioni, dopo essere arrivato al Chelsea dichiara sarcasticamente che l'acrimonia con cui i sostenitori del Bayern avevano accolto la notizia della sua partenza dimostrava la sua importanza per la squadra. Smentisce inoltre chi affermava che il suo trasferimento al Chelsea fosse dettato da motivazioni economiche, emmettendo di essere approdato in Inghilterra per realizzare il sogno di giocare all'estero e di aver preferito il Chelsea al Manchester United.

    Chelsea


    Firma con il Chelsea il 15 maggio 2006. Il debutto ufficiale con la squadra inglese risale al match di Supercoppa contro il Liverpool, vittorioso per 2-1, mentre il debutto in Premier League è datato 27 agosto 2006 in Blackburn Rovers-Chelsea. Il primo gol, segnato su rigore, con il Chelsea è del 12 settembre 2006, nel match di Champions League Chelsea-Werder Brema 2-0. In totale segna 8 gol in stagione e vince la Carling Cup e la Coppa d'Inghilterra, pur non giocando la finale di quest'ultima competizione per via di un'operazione alla caviglia subita qualche settimana prima.
    Nazionale
    Ballack calcia un rigore nella Confederations Cup 2005
    Dopo aver esordito con la Germania Under-21 il 26 marzo 1996 contro la Danimarca, debutta con la Nazionale maggiore il 28 aprile 1999 al 60° minuto di Germania-Scozia, entrando al posto di Dietmar Hamann.
    Ha disputato gli Europei del 2000, i Mondiali del 2002 (secondo classificato), gli Europei del 2004, i Mondiali tedeschi del 2006 e gli Europei del 2008 in Svizzera ed Austria, dove si piazza secondo.
    Statistiche
    Presenze e reti nei club
    Palmarès
    Squadra
    Campionato tedesco: 4

    Kaiserslautern: 1998
    Bayern Monaco: 2003, 2005, 2006

    Coppa di Germania: 3

    Bayern Monaco: 2003, 2005, 2006

    Coppa di Lega tedesca: 1

    Bayern Monaco: 2004

    Coppa d’Inghilterra: 1

    Chelsea: 2007

    Coppa di Lega inglese: 1

    Chelsea: 2007

    Individuale
    Calciatore tedesco dell'anno: 3

    2002, 2003, 2005

    Note

      ^ "Rumenigge: affare fatto il trasferimento di Ballack" (in inglese)
      ^ "Ballack è entusiasta di aver scelto il Chelsea" (in inglese)

    Bibliografia
    Thomas Donati, Stella della Germania. Storia e gloria del Bayern Monaco, Limina, 2007. ISBN 8-86041-028-2
    Glanvill Glanvill, Chelsea FC: The Official Biography - The Definitive Story of the First 100 Years, Headline Book Publishing Ltd, 2006. ISBN 0-75531-466-2
    John Ingledew, And Now Are You Going to Believe Us: Twenty-five Years Behind the Scenes at Chelsea FC, John Blake Publishing Ltd, 2006. ISBN 1-84454-247-5
    Voci correlate
    Bayer Leverkusen
    Bayern Monaco
    Chelsea
    Kaiserslautern
    Nazionale di calcio della Germania
    Otto Rehhagel
    Altri progetti
    Commons
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Michael Ballack
    Collegamenti esterni
    (DE, EN) Sito ufficiale
    (DE) Profilo sul sito del Bayer Leverkusen
    (EN) Statistiche su Soccerbase.com
    (EN) Statistiche su Footballdatabase.com


    v • d • m
      Nazionale tedesca · Confederations Cup 1999  
    1 Lehmann · 2 Wörns · 3 Heinrich · 4 Linke · 5 Dogan · 6 Maul · 7 Scholl · 8 Wosz · 9 Marschall · 10 Matthäus · 11 Preetz · 12 Enke · 13 Neuville · 14 Baumann · 15 Ballack · 16 Schneider · 17 Gerber · 18 Ricken · 19 Heldt · 20 Rink · CT: Ribbeck
    v • d • m
      Nazionale tedesca · Campionato d’Europa UEFA 2000  
    1 Kahn · 2 Babbel · 3 Rehmer · 4 Linke · 5 Bode · 6 Nowotny · 7 Scholl · 8 Häßler · 9 Kirsten · 10 Matthäus · 11 Rink · 12 Lehmann · 13 Ballack · 14 Hamann · 15 Wosz · 16 Jeremies · 17 Ziege · 18 Deisler · 19 Jancker · 20 Bierhoff · 21 Ramelow · 22 Butt · CT: Ribbeck
    v • d • m
      Nazionale tedesca · Coppa del Mondo FIFA 2002  
    1 Kahn · 2 Linke · 3 Rehmer · 4 Baumann · 5 Ramelow · 6 Ziege · 7 Neuville · 8 Hamann · 9 Jancker · 10 Ricken · 11 Klose · 12 Lehmann · 13 Ballack · 14 Asamoah · 15 Kehl · 16 Jeremies · 17 Bode · 18 Böhme · 19 Schneider · 20 Bierhoff · 21 Metzelder · 22 Frings · 23 Butt · CT: Völler
    v • d • m
      Nazionale tedesca · Campionato d’Europa UEFA 2004  
    1 Kahn · 2 Hinkel · 3 Friedrich · 4 Wörns · 5 Nowotny · 6 Baumann · 7 Schweinsteiger · 8 Hamann · 9 Bobic · 10 Kurányi · 11 Klose · 12 Lehmann · 13 Ballack · 14 Brdarić · 15 Kehl · 16 Jeremies · 17 Ziege · 18 Ernst · 19 Schneider · 20 Podolski · 21 Lahm · 22 Frings · 23 Hildebrand · CT: Völler
    v • d • m
      Nazionale tedesca · Confederations Cup 2005  
    1 Kahn · 2 Hinkel · 3 Friedrich · 4 Huth · 5 Owomoyela · 6 Engelhardt · 7 Schweinsteiger · 8 Frings · 9 Hanke · 10 Deisler · 11 Brdarić · 12 Lehmann · 13 Ballack · 14 Asamoah · 15 Ernst · 16 Hitzlsperger · 17 Mertesacker · 18 Borowski · 19 Schneider · 20 Podolski · 21 Schulz · 22 Kurányi · 23 Hildebrand · CT: Klinsmann
    v • d • m
      Nazionale tedesca · Coppa del Mondo FIFA 2006  
    1 Lehmann · 2 Jansen · 3 Friedrich · 4 Huth · 5 Kehl · 6 Nowotny · 7 Schweinsteiger · 8 Frings · 9 Hanke · 10 Neuville · 11 Klose · 12 Kahn · 13 Ballack · 14 Asamoah · 15 Hitzlsperger · 16 Lahm · 17 Mertesacker · 18 Borowski · 19 Schneider · 20 Podolski · 21 Metzelder · 22 Odonkor · 23 Hildebrand · CT: Klinsmann
    v • d • m
      Nazionale tedesca · Campionato d’Europa UEFA 2008  
    1 Lehmann · 2 Jansen · 3 Friedrich · 4 Fritz · 5 Westermann · 6 Rolfes · 7 Schweinsteiger · 8 Frings · 9 Gómez · 10 Neuville · 11 Klose · 12 Enke · 13 Ballack · 14 Trochowski · 15 Hitzlsperger · 16 Lahm · 17 Mertesacker · 18 Borowski · 19 Odonkor · 20 Podolski · 21 Metzelder · 22 Kurányi · 23 Adler · CT: Löw
    Portale Biografie
    Portale Calcio
    Portale Sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Michael_Ballack"
    Categorie: Biografie | Calciatori tedeschi | Nati nel 1976 | Nati il 26 settembre | Bayer Leverkusen | FC Bayern München | Chelsea F.C.Categorie nascoste: BioBot | Voci con citazioni mancanti

    « Torna al 26 Settembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre