Max Biaggi (39)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Massimiliano Biaggi
  • Data di nascita: 26 Giugno 1971
  • Professione: Motociclista
  • Luogo di nascita: Roma (RM)
  • Nazione: Italia
  • Max Biaggi in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Max Biaggi
  • Wikipedia: Max Biaggi su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Palmarès

    Statistiche aggiornate al 2 Novembre 2008
    Massimiliano "Max" Biaggi (Roma, 26 giugno 1971) è un motociclista italiano, 4 volte campione del mondo della classe 250. Risiede attualmente a Monte Carlo ed è soprannominato il Corsaro.

    Carriera
    125 cc
    Anche se da bambino Biaggi era più interessato al calcio, iniziò la sua carriera nel mondo del motociclismo nella categoria della 125 cc nel 1989, a 18 anni, su consiglio di un amico. Un anno dopo divenne campione italiano nella categoria "Sport Production", con moto derivate strettamente dalla serie. Immediatamente dopo Biaggi si trasferì nella classe 250.
    250 cc
    I risultati ottenuti da Biaggi nella classe 250 furono tra i migliori nella storia della categoria, con ben quattro titoli mondiali.
    Nel 1991 divenne campione europeo alla guida di una Aprilia e nello stesso anno arrivò 27esimo nel campionato mondiale (disputando però solo quattro gare). Nel 1992 Biaggi partecipò al suo primo intero campionato mondiale della classe 250 cc nel Team Iberna Motoracing Aprilia dell'ex pilota Alex Valesi, arrivando quinto nella classifica finale e ottenendo la sua prima vittoria in un Gran Premio (a Kyalami, in Sudafrica).
    La stagione seguente, Biaggi passò alla Honda classificandosi quarto, vincendo a Barcellona, nel Gran Premio di Catalogna. Nel 1994 tornò alla guida dell'Aprilia e cominciò a dominare il campionato del mondo della 250 cc (ottenne infatti i primi tre titoli consecutivi tra il 1994 e il 1996; nel 1997 tornò alla Honda nella squadra di Erv Kanemoto, conquistando il suo quarto titolo consecutivo). Il 1994 fu un anno per Max contraddistinto da buone gare alternate a grandi errori (cadde un paio di volte quando era in testa in solitario); ma fortunatamente per lui, lo stesso, anzi peggio per quanto riguarda le cadute, fece Loris Capirossi (che dovette rinunciare al titolo con una gara di anticipo); così Max si aggiudica il mondiale, con 22 punti di vantaggio su Tadayuki Okada (2°). Nel '95, Max ha vita più semplice, ma non mancarono certo grandi duelli, tra lui e il debuttante Ralf Waldmann, il suo più accerrimo rivale per quella stagione, e per quelle a venire. Il '96 dovrebbe essere l'anno della consacrazione, data l'esperienza e il talento dimostrati in precedenza. E infatti la stagione inizia nel migliore dei modi per Max: ottiene 5 vittorie nelle prime 6 gare, tanto da far sembrare già chiuso il campionato. Ma una serie di errori conditi da molta sfortuna, come la caduta in prova ad Assen, che lo costringe a fare 2 gare non al 100%, il contatto con Jacque a Zeltweg, e la caduta a Rio, e cosa da non dimenticare, la grande velocità e determinazione di Waldmann e della sua Honda, fanno si che il mondiale si decida all'ultima gara. Biaggi ad Eastern Creek (ultima gara della stagione) vince però da grande campione, e si porta a casa il mondiale con soli 6 punti di vantaggio. In quell'anno Biaggi sfiorò il record di Agostini dei 22 podi consecutivi, ma proprio con la gara di Zwelteg, Max si fermò a quota 21. In più ottenne ben 9 vittorie: Saha Alam, Suzuka, Jerez, Mugello, Paul Ricard, Donington Park, Brno, Catalunya, Eastern Creek. Nel 1997, dopo il divorzio con l'aprilia, Max approda alla Honda del team Kanemoto, dove trova come compagno di squadra il "solito" Waldmann: con lui ingaggia ancora grandi battaglie, e ancora una volta il mondiale si decide all'ultima gara, che Biaggi vince, insieme al titolo mondiale (vinto per soli 2 punti ancora su Waldmann).
    Dopo questo trionfo, Biaggi passò al campionato mondiale della 500, lasciando la 250 apprezzato per il suo stile di guida efficace e pulito e per alcuni record tuttora imbattuti: unico pilota nella storia della 250 a vincere 4 mondiali consecutivi con due moto diverse (Aprilia e Honda), maggior numero di pole position e di podi nella 250.
    500 cc
    Nonostante un esordio trionfale e un'ottima prima stagione, i suoi risultati complessivi nella classe 500 furono meno brillanti rispetto a quanto fatto in 250.

    Nella stagione agonistica 1998 Biaggi, rimasto alla Honda (sempre nel team privato di Erv Kanemoto), debuttò con successo vincendo il Gran Premio del Giappone disputato a Suzuka, essendo partito dalla pole position ed avendo effettuato il giro più veloce in gara, impresa riuscita oltre a lui, solo al finlandese Jarno Saarinen 25 anni prima. Nel corso della stagione vinse anche il Gran Premio della Repubblica Ceca, ma l'evento clou del campionato fu a Barcellona il 20 settembre 1998 durante il gran premio di Catalogna: a nove giri dal termine una caduta coinvolse la Yamaha del francese Bayle e la Honda dello Spagnolo Alex Criville, i commissari di gara esposero le bandiere gialle (indicanti divieto di sorpasso per ragioni di sicurezza) mentre Biaggi si contendeva con Alex Barros il comando della corsa. Nella zona dell'incidente Biaggi sorpassò il brasiliano che lo risorpassò immediatamente: entrambi furono sanzionati con uno stop and go (sosta forzata di dieci secondi presso i box senza poter apportare modifiche all'assetto della moto). Barros entrò ai box scontando la penalità e finendo poi la gara al settimo posto, Biaggi decise di non scontare la penalità e fu squalificato dalla gara che fu vinta dal suo diretto avversario, l'australiano Mick Doohan, che prima di quella gara era secondo nel mondiale proprio dietro a Biaggi. Biaggi e Barros fecero ricorso sostenendo che nel punto dove erano avvenuti i reciproci sorpassi fosse stato per loro impossibile vedere le bandiere gialle, ma la giuria internazionale respinse i ricorsi infliggendo a Biaggi un'ammenda di 5.000 franchi svizzeri (poco più di 6 milioni di lire).
    Al termine della stagione Max, convinto che la Honda gli preferisse Doohan e Criville, abbandonò la casa giapponese per entrare a far parte del team Yamaha.
    Con la Yamaha arrivò quarto nel 1999, a 73 punti da Alex Criville che vinse il mondiale, e dietro a Kenny Roberts Junior e Tadayuki Okada, (vincendo a Welkom). Nel 2000 arrivò terzo, staccato di 88 punti da Kenny Roberts Junior che conquistò il titolo, e dietro al debuttante Valentino Rossi, (con una vittoria a Brno e una a Phillip Island). Nel 2001, invece, vinse 3 gare e giunse secondo dietro Valentino Rossi, staccato di 106 punti. Al termine di questa stagione la classe 500 fu sostituita dalla MotoGP, con moto 4 tempi dalla cilindrata di 990 cc.
    MotoGP
    Nel 2002, la stagione d'esordio della MotoGP, Biaggi vinse in Repubblica Ceca sulla pista di Brno (la sua preferita, dove ha ottenuto 8 vittorie) e in Malaysia, nel circuito di Sepang. La rivalità con alcuni altri colleghi italiani, Loris Capirossi e Valentino Rossi si accese, e quest'ultimo lo precedette di 140 punti nella classifica finale.
    Max Biaggi in azione con la RC211V del Team Repsol Honda
    Convinto che la Yamaha non fosse competitiva, nel 2003 Biaggi tornò alla Honda, ma in un team satellite, che non godeva di tutti gli aggiornamenti tecnici apportati alle moto della casa madre. Con la scuderia di Sito Pons, nel 2003 arrivò terzo, dietro all'emergente Sete Gibernau, distaccato di 129 punti da Rossi.
    Il 2004 sembra l'anno buono: va fortissimo nei test e nella prima metà stagione centra numerosi podi e una vittoria in Germania, che lo porta al secondo posto ad un solo punto da Rossi, passato dal 2004 alla Yamaha. Nelle gare successive però un dodicesimo posto a Donington dovuto a delle noie al cambio e 2 ritiri consecutivi all'Estoril e a Motegi lo allontanano dalla lotta per il titolo. Giungerà alla fine terzo ad 87 punti di distacco da Rossi, e dietro all'ormai solito Gibernau. Chiuse tra l'altro la stagione fratturandosi un piede in seguito a una caduta in un test sulla pista di Latina con una moto supermotard.
    Nel 2005 passò al team Repsol HRC e poté così gareggiare con una moto Honda "ufficiale", ma disputò la sua peggior stagione in MotoGP arrivando soltanto quinto dietro a Rossi (distaccato di ben 194 punti), Melandri, Hayden e Edwards. Biaggi attribuì il risultati deludenti a «problemi interni di squadra». In seguito alle sue dichiarazioni i dirigenti Honda HRC decisero di non affidargli una moto ufficiale per il 2006 vietando al team di Sito Pons, con il quale Biaggi aveva già un precontratto, di includere Biaggi nel team stesso.
    Superbike
    Il 15 settembre 2006 viene annunciato il suo ingaggio con la Suzuki per partecipare nel 2007 al mondiale Superbike con la GSX-R 1000 K7 del Team Alstare Suzuki Corona Extra che, pur essendo una struttura privata, è da anni il team di riferimento della Suzuki per la categoria, l'obiettivo di Biaggi è quello di diventare il primo campione del mondo italiano della categoria.
    Max Biaggi in azione con la Suzuki GSX-R1000 al Gp d'Olanda 2007
    Il 24 febbraio 2007 fece il suo esordio nel GP del Qatar, vincendo la prima manche e piazzandosi 2° nella prova pomeridiana. Nei successivi gran premi salì diverse volte sul podio: in particolare, nella seconda manche del gran premio di Valencia, il 15 aprile, fu protagonista di un notevole recupero, risalendo dal dodicesimo al secondo posto, alle spalle di Toseland su Honda CBR1000RR. Sul circuito di Brno Biaggi è protagonista di 2 grandi manche nella quale non recupera punti dal leader Toseland ma scala di ben 2 posizioni. Nelle gare a seguire, Biaggi affronta circuiti mai visti prima, ottenendo discreti risultati. Max approda al round di casa sul circuito di Vallelunga ancora matematicamente in corsa per il mondiale essendo distanziato da Toseland di 53 punti e preceduto da Haga, con ancora 2 gare da disputare, 4 manche e 100 punti da assegnare.
    Sulle due manche nel circuito che gli ha dato i natali motoristici, Biaggi si piazza 1° vincendo di autorità su Troy Bayliss e poi alle spalle dello stesso australiano nella seconda manche, approfittando in questo modo della giornata negativa del capolista accorciando a -29 su Toseland e scavalcando Haga, riaprendo il mondiale ad una sola gara dal termine. Termina la stagione al Gp di Francia con un sesto posto in gara 1 ed un secondo in gara 2, concludendo la sua prima annata nel mondiale superbike con un terzo posto nella classifica finale, risultando il miglior rookie del 2007 nel campionato delle moto derivate dalla serie.
    Il 18 ottobre 2007 viene resa nota la notizia che la Suzuki non può rinnovare il contratto di Biaggi per la stagione 2008 perché dopo aver perso il suo sponsor principale, non ha più le possibilità economiche per pagare uno stipendio così alto. Il futuro di Biaggi è comunque nella Superbike.
    Il 30 ottobre 2007 in un comunicato congiunto il Team Ducati GMB del manager-pilota Marco Borciani e Max Biaggi annunciano di aver trovato l'accordo per la stagione agonistica 2008, pertanto il pilota romano, svanita l'ipotesi ritorno in MotoGp con la Honda Gresini, continua la sua avventura nel mondiale Superbike con una Ducati 1098R versione clienti. Nel team italiano trova come compagno di squadra lo spagnolo Ruben Xaus.
    L'8 gennaio 2008 sale per la prima volta sulla sua nuova moto sul circuito di Phillip Island in Australia in occasione dei test organizzati dalla Pirelli. Una settimana dopo, sempre sul circuito australiano, stabilisce il nuovo record della pista con 1'31"7 con pneumatici versione 2007, in quanto per regolamento le nuove gomme non possono essere usate da piloti dei team privati.
    Il 23 febbraio 2008 in occasione del Gp del Qatar svoltosi sul Circuito di Losail, valido come primo round del mondiale Superbike 2008, esordisce in una competizione ufficiale con la bicilindrica Ducati 1098 RS 08 (dicitura con la quale la Ducati identifica le moto riservate ai team privati) del Team Sterilgarda Go Eleven partendo dalla prima fila grazie al terzo tempo ottenuto nella superpole del giorno precedente; in gara 1 dopo un entusiasmante duello finale con Troy Bayliss su Ducati 1098F08 (dicitura con la quale la Ducati identifica le moto riservate al team ufficiale) termina in seconda posizione distaccato di soli 396 millesimi di secondo dall' australiano, in gara 2 si posiziona in terza posizione preceduto dal duo spagnolo composto dal vincente Fonsi Nieto su Suzuki GSX-R 1000 e dal compagno di squadra Ruben Xaus con una moto identica al romano. Al termine di questo primo round si posiziona in seconda posizione nella classifica generale con 36 punti sopravanzato di sole 2 lunghezze da Bayliss.
    Max Biaggi con la Ducati 1098RS08 del Team Sterilgarda
    Il 2 marzo 2008 in occasione del Gran Premio d'Australia svoltosi sul circuito di Phillip Island e valido come secondo round del Mondiale Superbike, si qualifica solo in sedicesima posizione in quanto il giorno precedente durante il giro di lancio della superpole la sua Ducati 1098 riporta la rottura della leva del cambio, accadimento che lo costringe a rientrare ai box senza segnare alcun tempo cronometrato. In gara 1, partendo cosi attardato in griglia si prodiga immediatamente in una rimonta che lo porta a soli 5 giri dalla fine al secondo posto distanziato di 1 secondo e mezzo dal leader della corsa Troy Bayliss, ma complice probabilmente la lunga rincorsa gli si chiude lo sterzo della moto, cade vanificando la risalita ma senza riportare alcun danno fisico. In gara 2 riprende, sulla falsa riga di quanto già fatto vedere in gara 1, la sua rincorsa al vertice ma al termine dell'ottava tornata quando stava attaccando Fonsi Nieto in fondo al rettilineo del traguardo per strappargli la seconda piazza, esagera nel ritardare la frenata, perde il controllo della sua Ducati, sfiorando anche lo spagnolo, e rovina a terra in una caduta tanto spettacolare quanto drammatica, infatti gli esami svolti nel post-gara indicano una frattura del radio del braccio sinistro con una prognosi di circa 20-30 giorni. Riuscirà comunque a rientrare in tempo per disputare il gran premio successivo, il 6 aprile 2008 in Spagna sul circuito di Valencia, ma le condizioni fisiche non ottimali gli impediranno di dare il massimo in quella e nelle gare successive. Fuori oramai dalla lotta per il titolo, Biaggi riuscirà comunque a togliersi qualche soddisfazione, soprattutto nella seconda parte del mondiale, dove, pur senza riuscire a vincere neanche una manche, otterrà il secondo posto a Misano in gara 2, un quarto e un terzo posto a Brno, due terzi posti raggiunti in gara 1 sia a Brands Hatch che a Donington e un secondo posto a Vallelunga in gara 1, sempre a Vallelunga, in gara 2, è stato protagonista di un altro spettacolare volo, dal quale è uscito illeso.
    Chiude il campionato 2008 al settimo posto, risultando il migliore tra i privati.
    Il 19 settembre 2008, sfumata la possibilità di salire sulla Ducati ufficiale, viene annunciato che correrà le prossime due stagioni ancora nel mondiale Superbike con la nuovissima Aprilia RSV4.
    Statistiche
    Aggiornate al 2 Novembre 2008
    La rivalità con Valentino Rossi
    Biaggi e la Formula 1
    Nel 1999 provò la Ferrari F399 F1 sul Circuito di Fiorano, a Modena, di proprietà della casa di Maranello ottenendo un ottimo risultato (soli 5" in più della migliore prestazione ottenuta da Schumacher - dati non ufficiali).
    Il 18 gennaio 2006, anno nel quale Biaggi non partecipò ad alcuna competizione ufficiale, provò durante una sessione di 3 giorni di test privati a Silverstone una Midland F1 con motore Toyota. Alcuni giornali diedero la notizia di un'offerta della scuderia russa come test-driver per il 2006, ma la cosa si rivelò esclusivamente una trovata promozionale..
    Note


      ^ Porte chiuse per Biaggi. Rischia di non correre più - La Repubblica Sport
      ^ Biaggi saluta la Suzuki - Eurosport
      ^ Report gara 1 Gp del Qatar dal sito ufficiale della Superbike
      ^ Report gara 2 Gp del Qatar dal sito ufficiale della Superbike
      ^ Classifica generale Superbike dopo il Gp del Qatar dal sito ufficiale della Superbike
      ^ Articolo sull' infortunio
      ^ Comunicato ufficiale dal sito aprilia.com
      ^ Articolo sul test svolto da Max Biaggi con la Midland

    Collegamenti esterni
    Sito ufficiale
    Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Max_Biaggi"
    Categorie: Biografie | Motociclisti italiani | Nati nel 1971 | Nati il 26 giugno | Personalità legate a Roma | Piloti del mondiale Superbike | Piloti della 250 cc GP | Piloti della 500 cc GP | Piloti della MotoGPCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 26 Giugno


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre