Maurice Ravel (1875-1937)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Joseph-Maurice Ravel
  • Scomparso nel: 1937
  • Data di nascita: 7 Marzo 1875
  • Professione: Compositore
  • Luogo di nascita: Ciboure
  • Nazione: Francia
  • Maurice Ravel in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Maurice Ravel
  • Wikipedia: Maurice Ravel su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sulla città francese Ravel, vedi Ravel (Puy-de-Dôme).
    Maurice Ravel
    Joseph-Maurice Ravel (Ciboure (Ziburu, in basco), 7 marzo 1875 – Parigi, 28 dicembre 1937) è stato un compositore e pianista francese. È famoso principalmente per il suo lavoro per orchestra Boléro, e per la celebre orchestrazione, nel 1922, dei Quadri di un'esposizione di Modest Mussorgsky. Egli stesso descrisse il suo Boléro come "una composizione per orchestra senza musica". Le orchestrazioni di Ravel sono da apprezzare in modo particolare per l'utilizzo delle diverse sonorità e per la complessa strumentazione.

    Biografia
    Gabriel Fauré insegnò musica a Ravel per 14 anni
    Ravel nacque nei pressi di Biarritz, nella regione basca francese, ai confini con la Spagna; la madre era basca, e il padre un inventore e imprenditore svizzero. All'età di sette anni, il giovane Maurice iniziò a studiare il pianoforte, e iniziò a comporre cinque o sei anni più tardi. I genitori lo incoraggiarono in quest'attività, e lo mandarono a studiare al Conservatorio di Parigi, dapprima per gli studi generali, ed in seguito come studente di pianoforte. Durante i suoi studi a Parigi, Ravel incontrò e frequentò numerosi compositori giovani e innovativi, che usavano chiamarsi Apaches per la loro vita sregolata; il gruppo era famoso per la sua forte inclinazione al consumo di alcolici.
    Studiò musica al conservatorio con Gabriel Fauré per quattordici straordinari anni. In questo periodo, Ravel provò diverse volte a vincere il prestigioso premio Prix de Rome, inutilmente. Dopo uno scandalo che implicò anche la mancata assegnazione del premio a Ravel, benché fosse risultato il favorito per la vittoria in quell'anno, Maurice abbandonò il conservatorio; questo incidente comportò anche le dimissioni del direttore del conservatorio. Ravel fu influenzato da diversi stili musicali legati a diverse parti del mondo: il jazz americano, la musica asiatica e le canzoni popolari tradizionali di tutta Europa. Maurice non fu religioso, e probabilmente fu ateo: non gli piacevano i temi di carattere spiccatamente religioso degli altri compositori, come Richard Wagner, mentre preferiva studiare la mitologia classica per ispirarsi. Ravel non si sposò mai, ma ebbe diverse relazioni durature; era inoltre famoso come frequentatore dei bordelli di Parigi.
    Durante la Prima Guerra Mondiale non poté essere arruolato per la sua età e la salute debole: diventò un autista di ambulanza.
    Tra i suoi pochi allievi si ricordano Maurice Delage e Ralph Vaughan Williams.
    Nel 1932 Ravel fu coinvolto in un incidente d'auto piuttosto grave a seguito del quale la sua produzione artistica diminuì sensibilmente. A causa di un'atrofia cerebrale, le sue condizioni peggiorarono inesorabilmente fino al 1937 quando, il 18 dicembre, fu operato alla scatola cranica. L'intervento non ebbe alcun esito e Ravel morì dieci giorni più tardi, lasciando a tutti un ricordo di lui come un musicista appassionato.
    Influenza musicale
    Ravel si considerò sotto molti aspetti un neoclassico: egli utilizzò, infatti, tecniche e strutture compositive tipicamente tradizionali e diatoniche, con una precisione matematica tanto ammirata fra gli altri da Stravinskij, senza mai sconfinare nell'atonalità, per proporre le sue armonie nuove ed innovative. Questa sua tecnica si risolveva, spesso, nel mascherare le sezioni strutturali con transizioni che "nascondevano" l'inizio del tema. Ciò è evidente nei suoi Valses nobles et sentimentales - ispirati dalle raccolte di Schubert Valses nobles e Valses sentimentales - in cui i sette movimenti iniziano e terminano senza pausa, e nella sua produzione di musica da camera, in cui diversi movimenti sono nella forma dell'Allegro di sonata, in cui nasconde il passaggio dalla sezione degli sviluppi da quella della ripresa (del tema).
    Ad una prima impressione, fu influenzato da Debussy, ma in realtà Ravel fu ispirato anche dalla musica russa e spagnola, e dal jazz degli Stati Uniti, come si evince dal movimento intitolato Blues della sua sonata per violino e pianoforte e dal clima del Concerto in Re per pianoforte con sola mano sinistra e orchestra, dedicato al pianista Paul Wittgenstein mutilato in guerra.
    Maurice Ravel è considerato impressionista al pari di Debussy, invece è molto più vicino al fauvismo: nella sua A la maniere de … Borodine (Alla maniera di … Borodine), rimane sempre a cavallo della soglia fra imitazione e originalità. In una situazione più complessa, A maniere de...Emmanuel Chabrier /Paraphrase sur un air de Gounod ("Faust IIeme acte") Ravel prende un tema del Faust di Gounod e lo arrangia nello stile di Emmanuel Chabrier. Anche imitando lo stile di altri, il carattere tipico delle composizioni di Ravel rimane evidente.
    Ravel al pianoforte
    Ravel scrisse, nel 1928, che i compositori dovrebbero acquisire la consapevolezza di una coscienza individuale e di una coscienza nazionale. In quell'anno, Ravel visitò gli Stati Uniti e il Canada con il treno, eseguendo concerti pianistici nelle principali sale da concerto di venticinque città. Per la loro riluttanza ad assumere il jazz ed il blues come stile di musica nazionale, affermò che "la maggiore paura dei compositori americani è quella di trovare in se stessi strani impulsi al distacco dalle regole accademiche: a questo punto i musicisti, da buoni borghesi, compongono la loro musica secondo le regole classiche dettate dalla tradizione europea". Quando il compositore americano George Gershwin incontrò Ravel, gli parlò del desiderio di studiare, se possibile, con il compositore francese. Quest'ultimo rispose: "Perché dovresti essere un Ravel di secondo livello quando puoi essere un Gershwin di primo livello?"
    I suoi due concerti per piano riflettono in diversi punti lo stile di Gershwin. Per il suo Concerto in sol Ravel affermò di aver avuto come modelli di concerti di Mozart e di Saint-Saëns; avrebbe voluto scrivere un ultimo concerto, Zazpiak Bat ("Sette (province) di Uno (nazione)"), ma non lo portò a termine. Il titolo basco riflette la origine basca di Ravel, e fu utilizzato come motto associato all'idea di nazione basca. Anche alcuni appunti e frammenti confermano l'influenza che la musica basca ebbe sul compositore: si nota infatti che in alcune delle sue opere sono utilizzati temi e ritmi tipici della tradizione della sua regione natale.
    Ravel commentò che André Gédalge, il suo professore di contrappunto, fu fondamentale per lo sviluppo delle sue qualità compositive. Come strumentista ed arrangiatore per orchestra, Ravel studiò con grande perizia e meticolosità le possibilità espressive dei singoli strumenti, per poterne determinare gli effetti: fu questa la caratteristica che permise il successo delle sue trascrizioni per orchestra, sia delle sue composizioni per pianoforte sia di quelle degli altri compositori.
    Ravel curò con estrema meticolosità la scrittura dei suoi manoscritti: le prime edizioni stampate dei suoi lavori, purtroppo, erano piene di errori, e lavorò con molto zelo con il suo editore, Durand, per la loro correzione. In una lettera, Ravel racconta che, durante la sua attività di correzione delle bozze di L'enfant et les sortilèges, nonostante gli interventi correttivi di diversi altri editori, riusciva a trovare una media di dieci errori per pagina. Ogni singolo pezzo fu curato con molta attenzione, nonostante Ravel desiderasse comporre una grande quantità di composizioni, alla stregua degli stessi musicisti che egli ammirava. Igor Stravinskij lo definì l'"orologiaio svizzero", per la complessità e precisione dei suoi lavori.
    Opere principali
    Menuet antique (pianoforte 1895, orchestrato nel 1929)
    Shéhérazade (ouverture de féerie) (1897)
    Jeux d'eau (pianoforte, 1901)
    Quartetto per archi in Fa maggiore (1903)
    Shéhérazade (ciclo delle canzoni orchestrali, 1903)
    Miroirs (Specchi)
    III. Une barque sur l'océan ("Una barca sull'oceano" pianoforte 1905, orchestra 1906)
    IV. Alborada del gracioso ("Aubade del Clown") (pianoforte 1905, orchestra 1918)
    Histoires naturelles (ciclo di canzoni, 1906)
    Rapsodie espagnole ("Rapsodia Spagnola") (orchestra, 1907)
    L'Heure espagnole (opera, 1907-1909)
    Gaspard de la nuit ("Il fantasma della notte") (piano, 1908)
    Pavane pour une infante défunte ("Pavana per una principessa defunta") (pianoforte 1899, orchestra 1910)
    Ma Mère l'Oye ("Mamma Oca") (per due pianoforti 1908-1910, balletto 1911)
    Daphnis et Chloé ("Dafni e Cloe") (balletto, 1909-1912)
    Valses nobles et sentimentales (pianoforte 1911, orchestra 1912)
    Trio in La minore (1914)
    Le Tombeau de Couperin ("La Tomba di Couperin") (pianoforte 1914-1917, orchestra 1919)
    Sonata per violino e violoncello
    Sonata per violino e pianoforte in Sol maggiore
    La Valse (poema coreografico, 1906-1914 e 1919-1920)
    L'Enfant et les sortilèges ("Il bambino e gli incantesimi", fantasia lirica, 1920-1925, libretto di Colette 1917)
    Zingaro (violino e pianoforte, 1924)
    Bolero (balletto, 1928)
    Concerto per pianoforte per la mano sinistra in Re maggiore (1929-1930)
    Concerto per pianoforte in Sol (1929-1931)
    Don Quichotte à Dulcinée (canzoni, 1932-1933)
    Bibliografia
    The Cambridge Companion to Ravel (Cambridge Companions to Music) Publisher: Cambridge University Press (August 24, 2000) ISBN 0521648564
    Voci correlate
    Espressionismo
    Impressionismo
    Neoclassicismo (musica)
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Maurice Ravel
    Wikiquote contiene citazioni di o su Maurice Ravel
    Collegamenti esterni
    maurice-ravel.net
    Spartiti liberi di Maurice Ravel su International Music Score Library Project
    Epitonic.com: Maurice Ravel contiene una estratto dal Miroirs and Gaspard De La Nuit
    Piano Society - Ravel - Una piccola biografia e diverse registrazioni.
    Biography of Maurice Ravel
    Analisi dei trii di Ravel
    Classic Cat - Ravel - Musica di Ravel Gratis.
    Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Maurice_Ravel"
    Categorie: Biografie | Compositori francesi | Pianisti francesi | Nati nel 1875 | Morti nel 1937 | Nati il 7 marzo | Morti il 28 dicembre | Compositori classiciCategorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su ca.wiki | Voci di qualità su de.wiki | Voci di qualità su es.wiki | Voci di qualità su fr.wiki

    « Torna al 7 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre