Lyda Borelli (1884-1959)

Informazioni di base:

  • Scomparsa nel: 1959
  • Data di nascita: 22 Marzo 1884
  • Professione: Attrice
  • Luogo di nascita: Rivarolo (GE)
  • Nazione: Italia
  • Lyda Borelli in Rete:

  • Wikipedia: Lyda Borelli su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Lyda Borelli (Genova, 22 marzo 1884 – Roma, 2 giugno 1959) è stata un'attrice teatrale, attrice cinematografica e diva del cinema muto italiana.
    La carriera artistica
    Nata nel quartiere di Rivarolo in una famiglia di artisti (il padre Napoleone e la sorella Alda erano attori), Lyda Borelli cominciò la sua carriera in teatro, dove debuttò nel 1902. Nel 1904 fece parte della compagnia di Virgilio Talli con Emma Gramatica e recitò nella prima rappresentazione de La figlia di Jorio di Gabriele D'Annunzio, nel ruolo di Favetta. In breve tempo diventò una delle prime donne più apprezzate e celebri del teatro italiano, considerata l'erede della grande Eleonora Duse, accanto alla quale recitò nel 1905.
    Nel 1913, mentre era alla compagnia Piperno-Borelli-Gandusio, partecipò al suo primo film, Ma l'amor mio non muore diretto da Mario Caserini. La pellicola ebbe un grandissimo successo, e Lyda Borelli diventò subito una divina amata e ammirata dal pubblico. Nacquero neologismi come "borellismo" e "borelleggiare" per descrivere il fenomeno di imitazione che aveva scatenato nel pubblico femminile. La sua fama era eguagliata solo dall'altra divina Francesca Bertini.
    Lyda Borelli era un'attrice capace di grande espressività fisica, dalla gestualità ampia ed enfatica, che incontrava perfettamente i gusti della critica e degli spettatori dell'epoca. In assenza del sonoro, che in Italia arrivò verso la fine degli anni Venti, nei film anche l'espressione di sensazioni e sentimenti poteva avvenire solo attraverso i gesti del corpo. Antonio Gramsci sull'Avanti scrisse di lei: "La Borelli è l'artista per eccellenza del film in cui la lingua è il corpo umano nella sua plasticità sempre rinnovantesi".
    La carriera cinematografica di Lyda Borelli fu intensa ma molto breve. Durò appena cinque anni, in cui girò 13 film. Tra i suoi più grandi successi, Fior di male, Rapsodia satanica con le musiche di Pietro Mascagni e Malombra. Nel 1918 lasciò il cinema in seguito al matrimonio con il Conte Vittorio Cini.
    A Bologna è stata intitolata a lei la "Casa di riposo per artisti drammatici" che si trova in Via Saragozza, nei pressi dell'Arco del Meloncello.
    Filmografia
    Ma l'amor mio non muore (1913)
    La memoria dell'altro (1913)
    La donna nuda (1914)
    Fior di male (1915)
    Rapsodia satanica (1915)
    La marcia nuziale (1915)
    La falena (1916)
    Madame Tallien (1916)
    Malombra (1917)
    Carnevalesca (1917)
    Il dramma di una notte, intitolato anche Una notte a Calcutta, (1917)
    La storia dei tredici (1917)
    La leggenda di Santa Barbara (1918)
    Collegamenti esterni
    Divina Lyda
    Scheda su Lyda Borelli dell'Internet Movie Database
    Archivi di Teatro Napoli. Foto di Lyda Borelli. URL consultato il 04-09-2008.


    Portale Cinema
    Portale Teatro

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Lyda_Borelli"
    Categorie: Biografie | Attori teatrali italiani | Attori italiani | Nati nel 1884 | Morti nel 1959 | Nati il 22 marzo | Morti il 2 giugno | Cinema muto italiano | Personalità legate a GenovaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 22 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre