Luis Buñuel (1900-1983)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Luis Buñuel Portolés
  • Scomparso nel: 1983
  • Data di nascita: 22 Febbraio 1900
  • Professione: Regista
  • Luogo di nascita: Calanda
  • Nazione: Spagna
  • Luis Buñuel in Rete:

  • Wikipedia: Luis Buñuel su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Luis Buñuel Portolés (Calanda, 22 febbraio 1900 – Città del Messico, 29 luglio 1983) è stato un regista, sceneggiatore e attore cinematografico spagnolo.
    È considerato uno dei massimi esponenti del cinema surrealista.

    Biografia
    Formazione
    Nato a Calanda, un piccolo paese dell'Aragona, dove trascorre i primi anni di vita, viene presto mandato a Saragozza, presso un collegio di gesuiti per proseguire gli studi, dove entra in contatto con le ferree regole dell'educazione religiosa. Sarà proprio questo ambiente a suscitare in lui le idee anticlericali che avranno ampio riscontro nella sue opere. Studia poi letteratura e filosofia all'Università di Madrid, dove conosce Federico García Lorca, Salvador Dalí, Rafael Alberti e Ramón Gómez de la Serna, giungendo alla laurea in Lettere nel 1924.
    Primo periodo surrealista, antiborghese e anticlericale
    L'anno seguente si trasferisce a Parigi, dove comincia a frequentare il gruppo surrealista. Qui lavora al suo primo esperimento cinematografico, il cortometraggio diretto assieme all'amico Salvador Dalí, Un chien andalou (1928). Le caratteristiche del cinema di Buñuel, il brutale impatto visivo e lo spirito antiborghese e anticlericale, in esso emergono già con forza, per sfociare nel 1930 nel lungometraggio surrealista, L'âge d'or, dove l'esaltazione del rapporto blasfemo fra Cristo ed il Marchese de Sade, provoca feroci reazioni di protesta. Il film, vietato subito dopo l'uscita, potrà uscire nuovamente solo nel 1980 a New York e nel 1981 a Parigi.
    Tornato in Spagna gira Terra senza pane (1932), documentario di denuncia delle miserabili condizioni di vita della popolazione di una zona dell'Estremadura, conosciuta come Las Hurdes. Subito dopo la guerra civile e la sconfitta della Repubblica (1939) il cineasta emigra a New York. Qui trova lavoro al Museum of Modern Art e si occupa della direzione del doppiaggio in spagnolo di film americani.
    Messico e primi premi
    Nel 1940 si trasferisce in Messico e nel 1948 riceve la cittadinanza messicana. Lavora a numerosi film tra cui Gran Casino (1947), Il grande teschio (1949), e I figli della violenza (1950) che gli vale il gran premio della giuria al festival di Cannes nel 1951. Nel circuito del cinema commerciale messicano dirige una lunga serie di film brillanti, realizzati con minime possibilità tecniche ed economiche: Adolescenza torbida (1950), La figlia dell'inganno (1951), Il bruto (1952).
    Ritorno a temi più impegnativi
    Tornato a temi più impegnativi negli anni fra il 1952 ed il 1960 con film come Lui (1952), L'illusione viaggia in tranvai (1953), La selva dei dannati (1956), Violenza per una giovane (1960), riconferma il successo a Cannes con Nazarín (1958), e nel (1961) riceve la Palma d'Oro per Viridiana, ma il film, considerato troppo spregiudicato, viene accusato di blasfemia. Proprio a causa della furiosa censura seguita a questa opera, che porta, tra l'altro alla destituzione del direttore generale del cinema di Spagna, ad opera del Consiglio dei ministri, dopo un breve periodo trascorso nella Spagna del dittatore Francisco Franco è costretto di nuovo a trasferirsi all'estero.
    Gira in Messico L'angelo sterminatore (1962); in Francia Il diario di una cameriera (1964); nuovamente in Messico il cortometraggio Intolleranza: Simon del deserto (1965), di nuovo in Francia il magistrale Bella di giorno (1967), suo maggior successo di pubblico per il quale vince il Leone d'Oro al Festival di Venezia, e La via lattea (1968), uno sguardo surrealista sulle eresie della chiesa cattolica. Nel 1970 torna in Spagna dove dirige Tristana.
    Segue poi l'Oscar per il miglior film straniero (insieme alla nomination per la sceneggiatura) per Il fascino discreto della borghesia (1972), uno dei suoi film più famosi. Seguiranno Il fantasma della libertà (1974) e Quell'oscuro oggetto del desiderio (1977), sua ultima fatica. Pubblica Obra literaria, una raccolta di scritti letterari e nel 1981 scrive la sua autobiografia "Mon dernier soupir" ("Dei miei sospiri estremi" nella traduzione di Dianella Selvatico Estense per la SE editrice in Italia) coadiuvato dall'amico e co-sceneggiatore dei suoi ultimi film Jean-Claude Carrière. Verrà pubblicata postuma.
    Filmografia
    Regista
    Un chien andalou (1929)
    L'âge d'or (1930)
    Terra senza pane (Las hurdes) (1932)
    Gran Casino (1946)
    Il grande teschio (El gran Calavera) (1949)
    I figli della violenza (Los olvidados) (1950)
    Adolescenza torbida (Susana) (1951)
    La figlia dell'inganno (La hija del engaño) (1951)
    Salita al cielo (Subida al cielo) (1952)
    Una mujer sin amor (1952)
    Il bruto (El Bruto) (1952)
    Lui (Él) (1952)
    L'illusione viaggia in tranvai (La ilusión viaja en tranvía) (1953)
    Cime tempestose (Abismos de pasión) (1953)
    Le avventure di Robinson Crusoe (Robinson Crusoe) (1954)
    Estasi di un delitto (Ensayo de un crimen) (1955)
    Il fiume e la morte (El río y la muerte) (1955)
    Gli amanti di domani (Cela s'appelle l'aurore) (1955)
    La selva dei dannati (La mort en ce jardin) (1956)
    Nazarín (1958)
    L'isola che scotta (La fièvre monte à El Pao) (1959)
    Violenza per una giovane (The Young One) (1960)
    Viridiana (1961)
    L'angelo sterminatore (El ángel exterminador) (1962)
    Il diario di una cameriera (Le journal d'une femme de chambre) (1964), adattamento del romanzo di Octave Mirbeau Le Journal d'une femme de chambre
    Intolleranza: Simon del deserto (Simón del desierto) (1965)
    Bella di giorno (Belle de jour) (1966)
    La via lattea (La voie lactée) (1969)
    Tristana (1970)
    Il fascino discreto della borghesia (Le charme discret de la bourgeoisie) (1972)
    Il fantasma della libertà (Le fantôme de la liberté) (1974)
    Quell'oscuro oggetto del desiderio (Cet obscur objet du désir) (1977)
    Sceneggiatore
    La caduta della casa Usher (La chute de la maison Usher) (1928)
    Un chien andalou (1929)
    L'âge d'or (1930)
    Terra senza pane (Las hurdes) (1932)
    Don Quintin l'amargao (Don Quintín el amargao) (1935)
    Chi mi ama? (¿Quién me quiere a mí?) (1936)
    España 1936 (1937)
    Sentinella attenti! (¡Centinela, alerta!) (1937)
    I figli della violenza (Los olvidados) (1950)
    Si usted no puede, yo sí (1951)
    Adolescenza torbida (Susana) (1951)
    Salita al cielo (Subida al cielo) (1952)
    Una mujer sin amor (1952)
    Il bruto (El Bruto) (1952)
    Lui (Él) (1952)
    L'illusione viaggia in tranvai (La ilusión viaja en tranvía) (1953)
    Cime tempestose (Abismos de pasión) (1953)
    Le avventure di Robinson Crusoè (Robinson Crusoe) (1954)
    Estasi di un delitto (Ensayo de un crimen) (1955)
    Il fiume e la morte (El río y la muerte) (1955)
    Gli amanti di domani (Cela s'appelle l'aurore) (1955)
    La selva dei dannati (La mort en ce jardin) (1956)
    Nazarín (1958)
    L'isola che scotta (La fièvre monte à El Pao) (1959)
    Violenza per una giovane (The Young One) (1960)
    Viridiana (1961)
    L'angelo sterminatore (El ángel exterminador) (1962)
    Il diario di una cameriera (Le journal d'une femme de chambre) (1964).
    Intolleranza: Simon del deserto (Simón del desierto) (1965)
    Bella di giorno (Belle de jour) (1966)
    La via lattea (La voie lactée) (1969)
    Tristana (1970)
    Una historia decente (1971)
    Il fascino discreto della borghesia (Le charme discret de la bourgeoisie) (1972)
    Il monaco (Le moine) (1973)
    Il fantasma della libertà (Le fantôme de la liberté) (1974)
    Quell'oscuro oggetto del desiderio (Cet obscur objet du désir) (1977)
    La novia de medianoche (1997)
    Attore
    Mauprat (1926)
    Carmen (1926)
    Un chien andalou (1929)
    L'âge d'or (1930)
    La figlia di Juan Simon (La hija de Juan Simón) (1935)
    Cavalieri della vendetta (Llanto por un bandido) (1964)
    In questo villaggio non ci sono ladri (En este pueblo no hay ladrones) (1965)
    Bella di giorno (Belle de jour) (1967)
    La via lattea (La voie lactée) (1969)
    Il fantasma della libertà (Le fantôme de la liberté) (1974)
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Luis Buñuel
    Collegamenti esterni
    Scheda su Luis Buñuel dell'Internet Movie Database
    Videoartworld : The Masters Series (Guardare Film y documentale scelto)
    Pagina ufficiale del centenario della nascita di Buñuel
    Pagina del Centro Virtual Cervantes dedicata a Buñuel
    LA FIGURA DI CRISTO IN BUNUEL PASOLINI E SCORSESE Eccezionale lavoro di critica cinematografica di Deaglio che compara la figura di Cristo nei film di Bunuel, Pasolini, e Martin Scorsese.
    Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Luis_Bu%C3%B1uel"
    Categorie: Biografie | Registi spagnoli | Sceneggiatori spagnoli | Attori spagnoli | Nati nel 1900 | Morti nel 1983 | Nati il 22 febbraio | Morti il 29 luglio | Cinema muto spagnolo | Cinema muto francese | Premi Bafta alla sceneggiaturaCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 22 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre