Krzysztof Kieślowski (1941-1996)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1996
  • Data di nascita: 27 Giugno 1941
  • Professione: Regista
  • Luogo di nascita: Varsavia
  • Nazione: Polonia
  • Krzysztof Kieślowski in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Krzysztof Kieślowski
  • Wikipedia: Krzysztof Kieślowski su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Krzysztof Kieślowski
    Krzysztof Kieślowski (ascolta ) (Varsavia, 27 giugno 1941 – Varsavia, 13 marzo 1996) è stato un regista, sceneggiatore e documentarista polacco.

    Biografia
    La malattia del padre, sofferente di tubercolosi, costrinse - quando Krzysztof era ancora bambino - tutta la sua famiglia a spostarsi in continuazione, in località che disponessero di un sanatorio, per cercare una maggiore speranza di sopravvivenza per il padre del futuro regista. Kieślowski aveva sedici anni quando il padre, tuttavia, morì.
    Intanto il giovane si diplomò in un scuola di tecniche teatrali, dove suo zio era preside, specializzandosi nella tecnica di dipingere scenari.
    Nel 1969 si laureò alla Scuola Superiore di Cinema di Łódź, che all'epoca godeva di fama e prestigio internazionale. Iniziò così a girare documentari, sia per la televisione che per il cinema: e sarebbero stati proprio questi a fargli avere i primi problemi con le autorità.
    Un suo documentario del 1971, Robotnicy 1971 - Nic o nas bez nas (Lavoratori 1971: Niente su di noi senza noi) sulla repressione violenta dello sciopero di Danzica, venne requisito dalla polizia che voleva identificare i partecipanti: Kieślowski rimase molto colpito da questo fatto, sentendosi quasi un traditore. Nel 1980, mentre filmava un deposito automatico dei bagagli per il documentario Dworzec (La stazione), la polizia gli sequestrò di nuovo la pellicola: infatti, senza accorgersene, il regista aveva ripreso una valigia in cui c'era una donna fatta a pezzi da un uomo che la polizia stava ricercando da tempo.
    Entrò a far parte di una cerchia di registi che si imponeva di ritrarre la situazione della Polonia sotto il comunismo.
    Una volta passato ai lungometraggi, per le sceneggiature il regista si avvalse della preziosa collaborazione dell'avvocato polacco Krzysztof Piesiewicz, con il quale avrebbe collaborato durante tutta la propria carriera cinematografica.
    Altro suo fedele collaboratore era il compositore polacco Zbigniew Preisner (che in Tre colori: Film Blu si fece chiamare Van den Budenmayer).
    Il 13 marzo 1996 Krzysztof Kieślowski morì per un attacco di cuore. È seppellito nel cimitero Powązki di Varsavia, in Polonia.
    Uno dei progetti incompiuti del regista era quello di dirigere, oltre alla famosa "Tre Colori", un'altra trilogia, basata questa volta su La divina commedia di Dante Alighieri. L'unica delle tre sceneggiature ad essere completata da Kieślowski e Piesiewicz, Heaven, è stata portata sullo schermo dal regista tedesco Tom Tykwer nel 2002.
    Curiosità
    Pare che il grande regista Stanley Kubrick nutrisse una sincera ammirazione per il regista polacco, una volta ebbe a dire:
    Filmografia
    Tramwaj, cortometraggio(1966)
    Urząd, cortometraggio(1966)
    Koncert życzeń, cortometraggio(1967)
    Zdjecie, cortometraggio documentario per la TV(1968)
    Dalla città di Łódź (Z miasta Lodzi), cortometraggio documentario(1969)
    Bylem zolnierzem, cortometraggio documentario(1970)
    Fabryka, cortometraggio documentario(1970)
    Przed rajdem, cortometraggio documentario(1971)
    Ritornello (Refren), cortometraggio documentario(1972)
    Miedzy Wroclawiem a Zielona Góra, cortometraggio documentario(1972)
    Podstawy BHP w kopalni miedzi, cortometraggio documentario(1972)
    Robotnicy 1971 Nic o nas bez nas, coregia di Pawel Kedzierski, Tadeusz Walendowski, Wojciech Wiszniewski e Tomasz Zygadlo, mediometraggio documentario(1972)
    Murarz, cortometraggio documentario(1973)
    Przejscie podziemne, cortometraggio per la TV(1974)
    Przeswietlenie, cortometraggio documentario(1974)
    Pierwsza milosc, mediometraggio documentario per la TV(1974)
    Zyciorys, mediometraggio(1975)
    Personel, film TV(1975)
    L'ospedale (Szpital), cortometraggio documentario(1976)
    Klaps, cortometraggio(1976)
    Blizna(1976)
    Spokój, film TV(1976)
    Z punktu widzenia nocnego portiera, cortometraggio documentario(1977)
    Nie wiem, mediometraggio documentario(1977)
    Sette donne di età diversa (Siedem kobiet w róznym wieku), cortometraggio documentario(1978)
    Amator(1979)
    La stazione (Dworzec), cortometraggio documentario(1980)
    Le teste parlanti (Gadajace glowy), cortometraggio documentario (1980)
    Il caso conosciuto anche come Destino cieco (Przypadek)(1981)
    Krótki dzien pracy, film TV(1981)
    Senza fine (Bez konca)(1984)
    Destino cieco (Przypadek) (1987)
    Decalogo (Dekalog) serie di dieci film TV (1988)
    Decalogo 1 (Dekalog, jeden)
    Decalogo 2 (Dekalog, dwa)
    Decalogo 3 (Dekalog, trzy)
    Decalogo 4 (Dekalog, cztery)
    Decalogo 5 (Dekalog, pięc)

    poi trasformato in film TV con il titolo Breve film sull'uccidere (Krótki film o zabijaniu)
    Decalogo 6 (Dekalog, sześć)

    poi trasformato in film TV con il titolo "Non desiderare la donna d'altri" o "Non commettere atti impuri (Krótki film o miłości)
    Decalogo 7 (Dekalog, siedem)
    Decalogo 8 (Dekalog, osiem)
    Decalogo 9 (Dekalog, dziewięć)
    Decalogo 10 (Dekalog, dziesięć)
    Siedem dni w tygodniu, cortometraggio documentario(1988)
    La doppia vita di Veronica (La double vie de Véronique/Podwójne zycie Weroniki)(1991)
    Tre colori: Film Blu (Trois couleurs: Bleu)(1993)
    Tre colori: Film Bianco (Trois couleurs: Blanc)(1993)
    Tre colori: Film Rosso (Trois couleurs: Rouge)(1994)
    Bibliografia
    Krzysztof Kieślowski (1993), a cura di Mario Sesti, Dino Audino Editore (ISBN 8886844034)
    Kieslowski racconta Kieslowski (1998), di Danusia Stok, Il Castoro (ISBN 8880331086)
    La morale dell'altro. Scritti sull'inconscio dal «Decalogo» di Kieslowski (1998), di Gabriella Ripa di Meana, Liberal Libri (ISBN 8882700097)
    Garage. Cinema autori visioni. 3.Krzysztof Kieslowski (1999), Paravia (ISBN 8839561803)
    L'etica dello sguardo. Introduzione al cinema di Krzysztof Kieslowski (2000), di Stefania Rimini, Liguori (ISBN 8820729962)
    Krzysztof Kieslowski. Tre colori - Film Blu (2001), di Chiara Simonigh, Lindau (ISBN 8871803612)
    Collegamenti esterni
    Scheda su Krzysztof Kieślowski dell'Internet Movie Database
    Il Decalogo di Krzysztof Kieślowski
    Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Krzysztof_Kie%C5%9Blowski"
    Categorie: Biografie | Registi polacchi | Sceneggiatori polacchi | Nati nel 1941 | Morti nel 1996 | Nati il 27 giugno | Morti il 13 marzo | Trilogia dei coloriCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 27 Giugno


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre