Kevin Schwantz (46)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 19 Giugno 1964
  • Professione: Motociclista
  • Luogo di nascita: Houston
  • Nazione: Stati Uniti
  • Kevin Schwantz in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Kevin Schwantz
  • Wikipedia: Kevin Schwantz su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Record
    Ranking
    º
    Best ranking
    º
    Ruolo
    Squadra
    Ritirato
    Carriera
    Giovanili
    Squadre di club  
    Nazionale
    Carriera da allenatore
    Incontri disputati
    Palmarès

     
    Kevin Schwantz (Houston, 19 giugno 1964) è un ex motociclista statunitense.
    È ancora oggi molto amato dagli appassionati per il suo stile funambolico, che ha lasciato un segno indelebile nella storia del motociclismo. Un'irruenza che, d'altro canto, spesso lo ha privato di vittorie importanti e di quel sostanzioso "palmares" che contraddistingue i più grandi sportivi di ogni specialità. A sua discolpa parziale, si può senza dubbio affermare che negli anni di militanza con la squadra ufficiale Suzuki, Schwantz abbia avuto un mezzo valido, ma sicuramente non del tutto all'altezza della concorrenza e che durante tutta la sua carriera abbia dovuto scontrarsi con altri grandissimi del motociclismo, quali Wayne Rainey e Mick Doohan. In ogni caso è lecito affermare che i suoi successi corrispondono solo in parte alle sue reali potenzialità, una circostanza pienamente recepita da appassionati e dagli specialisti del settore, che per Schwantz continuano a nutrire, anche dopo anni dal suo ritiro, un affetto ed una venerazione inusitata per un pilota che, per quanto possa sembrare tanto, in fondo ha vinto un solo titolo mondiale.
    A tre anni salì per la prima volta su una moto (i suoi genitori erano proprietari di una concessionaria), fu portato in Europa da Freddie Spencer che disse di lui: "è un fenomeno che va più forte di tutti, e se impara a concludere le gare può vincere cinque titoli mondiali": Schwantz infatti fin da giovanissimo era solito spingere oltre il limite, cadendo spesso per terra senza concludere tutto il Gran Premio. Debuttò in Europa nel 1986, all'età di 21 anni, gareggiando nel Transatlantic Trophy.
    Inizialmente attratto dal motocross, passione questa che gli venne fomentata dalla zio, nel 1983 ebbe un pauroso incidente che gli compromise la carriera in questa specialità: lo sconsolato Kevin ebbe tuttavia l'opportunità di fare dei provini con le scuderie motociclistiche. Con la Yamaha corse la gara di Daytona nel 1986 arrivando secondo dietro Eddie Lawson, e sempre in sella allo stesso motociclo partecipò con bravura al campionato AMA, senza tuttavia mai vincerlo.
    Passato poi al motomondiale, venne scelto dalla Suzuki dove corse fin da subito nella classe 500, seppur senza meravigliare, nelle stagioni 1986 ed 1987. Degno di nota il fatto che durante il suo debutto, ad Assen, tra prove e gara cadde ben tre volte. Nella stagione 1988 vinse l'inaugurale Gran Premio del Giappone ed il successivo Gran Premio di Germania, ma nella classifica finale non andò più in là dell'ottavo posto. L'anno seguente vinse ben sei corse (quelle disputate in Giappone, Austria, Jugoslavia, Gran Bretagna e Brasile) ma si dovette accontentare della quarta piazza.


    Soprannominato "pilota kamikaze" per il suo stile aggressivo e funambolico, egli non possedeva una tecnica sopraffina ma sopperiva a questa mancanza con agilità, grip e frenata, specialità quest'ultima in cui era un maestro e che gli permetteva di realizzare grandi "staccate". Il suo stile di guida, che risentiva del suo passato nel motocross, gli imponeva di pestare sulla pedana esterna alla curva, andando quindi in maniera veloce, ma rischiando in ogni caso la caduta: questa vocazione alla spettacolarità gli fece attribuire altri nomignoli, tra cui "pilota impossibile", "esempio da non seguire" o, più semplicemente, "testa calda".
    Nel 1990 Schwantz arrivò primo in cinque occasioni e con 188 punti fu vicecampione della classe regina alle spalle di Wayne Rainey. Nel 1991 fu terzo con lo stesso numero di vittorie, superato in questo caso anche dall'asso emergente Mick Doohan. Il 1992 fu un anno piuttosto opaco, ma il successo (unico della stagione) conseguito nel Gran Premio d'Italia al Mugello contribuì non poco ad aumentare la sua popolarità tra gli italiani.
    Nel 1993, seppur con quattro primi posti alle spalle, sembrava destinato ad essere sconfitto nuovamente da Rainey, ma un infortunio capitato al grande rivale gli permise di vincere in scioltezza e di diventare per la prima volta campione del mondo della 500: si narra che Schwantz e la Suzuki abbiano esultato in maniera euforica nonostante il grave incidente accorso a Rainey e che Kenny Roberts, manager di Wayne, abbia rimproverato Kevin in maniera molto energica, accusandolo di mancanza di sensibilità.
    Schwantz fu uno dei primi sportivi ad avere un ottimo rapporto con la stampa: nessun giornalista tornava a casa senza un'intervista, e ciò gli permise di essere sempre difeso dai mass-media. Nel 1994 vinse due gare (in Giappone, suo circuito preferito, ed in Gran Bretagna) ma dovette cedere alla strapotenza di Doohan. Un infortunio capitatogli al polso destro gli impedì dapprima di terminare la stagione 1995 e poi gli impose il ritiro dal motociclismo professionistico. Il ritiro fu annunciato in lacrime al Circuito del Mugello.
    In segno di rispetto, la Federazione Internazionale Motociclismo ha ritirato il suo numero, il 34, dalle carene delle moto partecipanti al mondiale.
    Dal 1996 al 2002 Kevin Schwantz si dedicò al campionato NASCAR, correndo 18 gare e vincendone due. Attualmente egli risiede ad Atlanta dove insegna le tecniche di guida per motociclismo in una scuola specializzata.
    A tutt'oggi, nel suo attuale ruolo di consulente e uomo immagine della Suzuki, Schwantz ha mantenuto la sua indole estremamente disponibile nei confronti di giornalisti e spesso anche di semplici appassionati. Prende spesso parte alle presentazioni stampa del marchio di Hamamatsu, segnatamente delle moto supersportive, scendendo in pista assieme ai giornalisti ed ai tester per gli immancabili turni di prove e le sessioni fotografiche e rispondendo, con estrema pazienza, a tutte le loro domande. Inoltre Circolano voci di una sua partecipazione ad un team Suzuki satellite nel mondiale MotoGP 2009.
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Kevin Schwantz
    Collegamenti esternia
    Sito ufficiale
    Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Kevin_Schwantz"
    Categorie: Biografie | Motociclisti statunitensi | Nati nel 1964 | Nati il 19 giugnoCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 19 Giugno


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre