Katia Bellillo (59)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 17 Febbraio 1951
  • Professione: Politica
  • Luogo di nascita: Foligno (PG)
  • Nazione: Italia
  • Katia Bellillo in Rete:

  • Sito Ufficiale: Il sito ufficiale di Katia Bellillo
  • Wikipedia: Katia Bellillo su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Katia Bellillo (Foligno, 17 febbraio 1951) è una politica italiana, che è stata ministro della Repubblica.

    Carriera politica
    Attività sul territorio
    Si è laureata in pedagogia all'Università degli studi di Perugia ed ha conseguito la laurea breve da Assistente sociale presso la Facoltà di Scienze Politiche di Perugia, specializzandosi in Mediazione familiare e nel 1976 è stata eletta consigliere regionale dell'Umbria per due legislature nelle liste del Pci, in cui ha ricoperto la carica di Vice Presidente del Consiglio Regionale.
    Successivamente è stata consigliere comunale a Perugia dove poi è diventata componente del Consiglio di Amministrazione dell'ASP, l'azienda dei trasporti pubblici della provincia di Perugia, e membro del comitato di gestione della USL.
    È arrivata ad essere vicepresidente della Giunta provinciale di Perugia ed assessore con delega alla Programmazione faunistica, Servizi sociali, Istruzione, Cultura, Sport e Tempo libero, Pari opportunità, in cui ha sperimentato nel 1997 il primo progetto di telelavoro in una pubblica amministrazione.
    Attività ministeriale
    Nella legislatura guidata dai governi dell'Ulivo, è stata chiamata a far parte del primo Governo D'Alema, per essere poi riconfermata nel secondo, ricoprendo in entrambi i governi l'incarico di ministro per gli affari regionali. Nel successivo Governo Amato, invece, è stata ministro per le pari opportunità.
    Nel 1998 ha partecipato alla scissione interna a Rifondazione Comunista, entrando a far parte del nuovo Partito dei Comunisti Italiani che ha garantito il suo appoggio all'Ulivo.
    Alle elezioni politiche del 2001 è rieletta alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Orvieto. nella scorsa legislatura è stata, membro della XIV Commissione Politiche Europee e membro della Segreteria Nazionale del PdCI come responsabile del Dipartimento Diritti Civili. è attualmente responsabile diritti civili del PdCI
    Il V congresso del PdCI
    Dopo la sconfitta elettorale della Sinistra Arcobaleno nelle elezioni politiche del 2008, ha espresso molte critiche alla linea della maggioranza del suo partito, guidata dal segretario Oliviero Diliberto, denunciandone la deriva identitaria e settaria. Si è fatta, così, promotrice,nell'ambito del V congresso del PdCI, della mozione congressuale "Una necessità per il paese: unire la sinistra" alternativa a quella del Segretario. Tale mozione, sottoscritta tra gli altri dall'europarlamentare Umberto Guidoni, e sostenuta dal 10% del Comitato Centrale del PdCI propone la necessità di creare un partito unico e di massa della sinistra, prendendo atto della sconfitta storica e degli errori commessi. Si sostiene, inoltre, la necessità di un nuovo centrosinistra, che veda protagoniste la Sinistra e il PD, con cui, pur mantendo salde le critiche alla deriva centrista del suo segretario Veltroni, bisogna dialogare e confrontarsi per lancare la sfida alle destre per il governo del paese. Infatti, secondo la mozione, la Sinistra deve porsi il problema del governo. Questo non significa, però, che la Sinistra debba stare per forza al governo, ma che deve porsi come forza in grado di governare e di portare delle proposte e delle politiche di alternativa concrete e credibili.
    Curiosità
    Ha fatto scalpore il suo acceso litigio con Alessandra Mussolini nel corso di una famosa puntata di Porta a porta ed è stato uno dei pochi ministri nella storia della Repubblica Italiana a partecipare ad una manifestazione contro il governo di cui faceva parte in occasione della protesta del 2000 contro il "concorsone" per i professori della scuola.


    È anche presidente e fondatrice dell'Associazione Ossigeno Onlus (che ha come scopo la denuncia e la cancellazione di quelle che sono considerate discriminazioni, per la laicità, l'uguaglianza e la pluralità). Il suo impegno è caratterizzato dalla difesa della laicità dello Stato e dal riconoscimento di ogni identità sessuali, tanto che da Ministro ha dato la sua adesione piena al Gay pride internazionale del 2000 a Roma. L'associazione Ossigeno Onlus è anche attiva sul fronte della lotta contro la violenza di genere e la promozione della "cultura del Rispetto". Il 9 luglio del 2007 è nato il Comitato dell'Umbria di questa Associazione.
    Tra le altre attività c'è anche il suo impegno a sostegno del pugilato femminile (ed è stata consigliere Consiglio della Federazione Pugilistica Italiana) e a sostegno dell'attività venatoria (ella stessa è cacciatrice).
    Note


      ^ Bellillo-Mussolini, la rissa andrà in onda Corriere della Sera (30 gennaio 2001)
      ^ Scuola, scontro nel governo la Repubblica (17 febbraio 2000)
      ^ Katia Bellillo: “Bisogna ridare ossigeno all’Italia” (4 gennaio 2007)
      ^ Bellillo, la ministro si mette i guantoni «Amo il pugilato perché è ancora puro» Gazzetta dello Sport (14 gennaio 2001)

    Collegamenti esterni
    Sito ufficiale della mozione "una necessità per il paese: unire la Sinistra"
    Il sito web dell'Associazione Ossigeno, presieduta da Katia Bellillo
    Il blog del Comitato dell'Umbria dell'Associazione Ossigeno Onlus
    Scheda Camera deputati
    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Katia_Bellillo"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XX secolo | Nati nel 1951 | Nati il 17 febbraio | Politici del Partito Comunista Italiano | Politici del Partito dei Comunisti Italiani | Ministri della Repubblica Italiana | Deputati italiani | Personaggi legati a FolignoCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 17 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre