José Saramago (88)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 16 Novembre 1922
  • Professione: Poeta
  • Luogo di nascita: Azinhaga
  • Nazione: Portogallo
  • José Saramago in Rete:

  • Wikipedia: José Saramago su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    José Saramago



    Nobel per la letteratura 1998
    José Saramago (Azinhaga, 16 novembre 1922) è uno scrittore, poeta e critico letterario portoghese, premio Nobel per la letteratura nel 1998.

    Biografia
    Il padre di Saramago, José de Sousa, era un agricoltore, che si trasferì con la famiglia a Lisbona nel 1924, dove trovò lavoro come poliziotto. Il fratello minore di Saramago, Francisco, morì a soli due anni, pochi mesi dopo l' arrivo a Lisbona.
    A causa delle difficoltà economiche, Saramago fu costretto ad abbandonare gli studi all'Istituto Tecnico. Dopo occupazioni precarie di ogni tipo, trovò un impiego stabile nel campo dell' editoria e per dodici anni ha lavorato come direttore di produzione.
    Saramago sposò Ida Reis nel 1944. La loro unica figlia, Violante, nacque nel 1947.
    Nel 1947 scrisse il suo primo romanzo "Terra del peccato", (che in seguito ripudiò come un figlio scapestrato), ma il Portogallo di Salazar, il dittatore a cui Saramago s'era sempre opposto tenacemente e dal quale era sempre stato pesantemente censurato nella propria attività giornalistica, non l'accolse benevolmente. S'iscrisse clandestinamente al Partito Comunista portoghese nel 1969, riuscendo sempre ad evitare di finire nelle mani della polizia politica del regime.
    Durante gli anni sessanta riscosse molto successo la sua attività di critico letterario per la rivista "Seara Nova". La sua prima raccolta di poesie "I poemi possibili" risale a quegli anni, precisamente al 1966.
    Negli anni settanta diventò direttore di produzione per una una casa editrice e, dal 1972 al 1973, curò l' edizione del giornale "Diario de Lisboa". In quegli stessi anni pubblicò diverse poesie, "Probabilmente allegria", (1970), cronache, "Di questo e d'altro mondo", (1971); "Il bagaglio del viaggiatore", (1973); "Le opinioni che DL ebbe", (1974) testi teatrali, romanzi e racconti.
    Dal 1974 in poi, in seguito alla cosiddetta "Rivoluzione dei garofani" Saramago si dedica completamente alla scrittura e getta le fondamenta di quello che può essere definito un nuovo stile letterario ed una nuova generazione post-rivoluzionaria.
    Saramago pubblica qualche anno dopo, nel 1977, il romanzo "Manuale di pittura e calligrafia", e, nel 1980, "Una terra chiamata Alentejo". Il successo arriverà però con "Memoriale del convento" (1982). Nello spazio di pochi anni altre due opere importanti, "L'anno della morte di Ricardo Reis" e "La zattera di pietra", che gli varranno, oltre al successo di pubblico, numerosi riconoscimenti della critica.
    Il riconoscimento a livello internazionale arriverà però solo negli anni novanta, con "Storia dell'assedio di Lisbona", una delle più belle storie d'amore mai scritte, il controverso "Il Vangelo secondo Gesù" e "Cecità", forse il suo capolavoro.
    Eletto nel 2002 presidente onorario dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica.
    Attualmente vive a Lanzarote, nelle Isole Canarie. Saramago è stato membro del Partito Comunista portoghese dal 1969 e le sue posizioni sulla religione hanno suscitato notevoli controversie in Portogallo, specialmente dopo la pubblicazione de "Il Vangelo secondo Gesù Cristo".
    Le accuse di antisemitismo
    Nel commentare il conflitto israelo-palestinese, Saramago ha recentemente affermato che gli ebrei non si meriterebbero più "comprensione per le sofferenze patite durante l'olocausto. Vivere nell'ombra dell'olocausto ed aspettarsi di essere perdonati di ogni cosa che fanno, a motivo della loro sofferenza passata, mi sembra un eccesso di pretese. Evidentemente non hanno imparato molto dalla sofferenza dei loro genitori e dei loro nonni." La Lega per l' Anti-Diffamazione (ADL), potente associazione lobbistica ebraica per i diritti civili, ha definito queste affermazioni 'anti-semite'. Abraham Foxman, il presidente dell' ADL ha dichiarato: "I commenti di José Saramago sono sovversivi e profondamente offensivi, oltre a dimostrare l'ignoranza relativa agli argomenti che porta a sostegno dei suoi pregiudizi nei confronti degli ebrei."
    Saramago ha, per contro, dichiarato che i suoi commenti erano diretti alla politica dello Stato di Israele nei confronti dei palestinesi. Ha dichiarato che Israele non può affermare di rappresentare legittimamente il giudaismo a livello mondiale e che sta usando le accuse di anti-semitismo per sminuire qualsiasi critica riguardante azioni ingiustificabili e che sarebbero considerate inaccettabili se perpetrate da qualsiasi altro stato medio-orientale. Berger, Chomsky, Pinter, Saramago "Lettera sul Conflitto Israele-Palestina"
    L'iberismo
    A luglio 2007, Saramago, convinto sostenitore dell'iberismo (cioè la necessità di avere un'unica entità politica nella penisola), in una lunga intervista al Diario de Noticias (che ha pure diretto) ha detto che tra Spagna e Portogallo vi sarà una naturale integrazione che porterà ad una futura unità.
    Lo stile narrativo
    Uno dei tratti più caratterizzanti le opere di Saramago è il narrare eventi, che si presentano come storici, da prospettive piuttosto insolite e controverse, cercando di mettere in luce il fattore umano dietro l' evento. Sotto molti aspetti, alcune sue opere potrebbero essere definite allegoriche. Saramago tende a scrivere frasi molto lunghe, usando la punteggiatura in un modo anticonvenzionale. Ad esempio, non usa le virgolette per delimitare i dialoghi, non segna le domande col punto interrogativo; i periodi possono essere lunghi anche più di una pagina e interrotti solo da virgole dove la maggior parte degli scrittori userebbe dei punti.
    Molte delle sue opere, come Cecità, Saggio sulla lucidità, Le intermittenze della morte iniziano con un avvenimento inaspettato, surreale o impossibile, che si verifica in un luogo imprecisato. Non ci si deve domandare come sia potuto accadere: è successo, punto e basta. Da questo avvenimento scaturisce poi una storia complessa, occasione per studiare le mille forme del comportamento e del pensiero umano. I protagonisti (spesso senza nomi propri) devono cercare con le loro sole forze di uscire dalla situazione che si è venuta a creare.
    È frequente l'uso dell'ironia: ai personaggi non vengono risparmiate critiche per i loro comportamenti, spesso discutibili, ma profondamente umani. Non ci sono eroi, ma semplicemente uomini, con i loro pregi ed i loro difetti. Ed in effetti non manca la pietà e la compassione dello scrittore per essi, piccoli rappresentanti del genere umano.
    Bibliografia

    Poesia


    1966 - I poemi possibili (Os poemas possíveis)
    1970 - Probabilmente allegria (Provavelmente alegria)
    1975 - L'anno mille993 (O Ano de 1993)

    Teatro


    1979 - La notte (A Noite)
    1980 - Cosa ne farò di questo libro? (Que Farei Com Este Livro?)
    1987 - La seconda vita di Francesco d'Assisi (A Segunda Vida de Francisco de Assis)
    1993 - In Nomine Dei (In Nomine Dei)
    2005 - Don Giovanni, o Il dissoluto assolto (Don Giovanni ou O dissoluto absolvido)

    Cronache


    1971 - Di questo mondo e degli altri (Deste Mundo e do Outro)
    1973 - A Bagagem do Viajante
    1974 - As Opiniões que o DL teve
    1976 - Os Apontamentos

    Romanzi


    1947 - Terra do pecado
    1977 - Manuale di pittura e calligrafia (Manual de pintura e caligrafia)
    1980 - Una terra chiamata Alentejo (Levantado do chão)
    1982 - Memoriale del convento (Memorial do convento)
    1984 - L'anno della morte di Ricardo Reis (O ano da morte de Ricardo Reis)
    1986 - La zattera di pietra (A jangada de pedra)
    1989 - Storia dell'assedio di Lisbona (História do cerco de Lisboa)
    1991 - Il Vangelo secondo Gesù Cristo (O Evangelho segundo Jesus Cristo)
    1995 - Cecità (Ensaio sobre a cegueira)
    1997 - Tutti i nomi (Todos os nomes)
    2001 - La caverna (A caverna)
    2002 - L'uomo duplicato (O homem duplicado)
    2004 - Saggio sulla lucidità (Ensaio sobre a lucidez)
    2005 - Le intermittenze della morte (As intermitências da morte)
    2006 - Le piccole memorie (As pequenas memórias)
    2008 - Il viaggio dell'elefante (previsto in Italia nel 2009)

    Altri


    1978 - Oggetto quasi (Objecto quase)
    1981 - Viaggio in Portogallo (Viagem a Portugal)
    1999 - Il racconto dell'isola sconosciuta
    2002 - Scolpire il verso
    2002 - Andrea Mantegna. Un'etica, un'estetica
    2005 - Esteban Cuscueta
    2006 - Pensar, pensar, y pensar
    Note

      ^ http://www.adl.org/PresRele/ASInt_13/4370_13.htm

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su José Saramago

    Portale Biografie
    Portale Letteratura

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Jos%C3%A9_Saramago"
    Categorie: Biografie | Scrittori portoghesi | Poeti portoghesi | Critici letterari portoghesi | Nati nel 1922 | Nati il 16 novembre | Premi Nobel per la letteratura | Scrittori in lingua portogheseCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 16 Novembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre