John Barrymore (1882-1942)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: John Sidney Blythe Barrymore
  • Scomparso nel: 1942
  • Data di nascita: 15 Febbraio 1882
  • Professione: Attore
  • Luogo di nascita: Philadelphia
  • Nazione: Stati Uniti
  • John Barrymore in Rete:

  • Wikipedia: John Barrymore su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    John Barrymore
    John Sidney Blythe Barrymore (Filadelfia, 15 febbraio 1882 – Los Angeles, 29 maggio 1942) è stato un attore teatrale e attore cinematografico statunitense noto per il suo fascino intrigante e carismatico.

    Biografia
    Figlio d’arte, e fratello degli altrettanto famosi attori Ethel e Lionel, dopo un periodo di lavoro come fumettista per un giornale di New York debuttò sulle scene di Broadway nel 1903. In breve si fece conoscere quale eccellente interprete shakespeariano: la sua intensa e sofferta interpretazione dell'Amleto, che nel 1924 avrebbe portato a Londra con esito trionfale, rimane nella storia dello spettacolo.
    Grazie alla sua avvenenza (ancora oggi è noto con il soprannome di "il Grande Profilo") e a una straordinaria presenza scenica, nei primi anni venti divenne un divo del cinema muto: tutti suoi furono i ruoli di elegante e scapestrato amatore in pellicole quali ad esempio Lord Brummell (Beau Brummell, 1924, di Harry Beaumont) e Don Giovanni e Lucrezia Borgia (Don Juan, 1926 di Alan Crosland). Fu anche incisivo in ruoli drammatici, come quello di Dr. Jekyll and Mr. Hyde (Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1920) di John Stuart Robertson, tratto dall'omonimo romanzo di Robert Louis Stevenson.
    Grande amatore anche nella vita, nonché avvezzo alla baldoria e all'abuso di alcolici, John Barrymore collezionò decine di flirt e storie d'amore con donne bellissime, due delle quali addirittura sposò: dalla poetessa Michael Strange (nome d'arte di Blanche Oelrichs) ebbe la figlia Diana (morta suicida nel 1960), mentre dal matrimonio con l'attrice Dolores Costello nacque il figlio John Barrymore jr. (anche lui destinato ad una vita dedita all'alcol), padre a sua volta dell'odierna diva di Hollywood Drew Barrymore.
    L'avvento del cinema sonoro permise agli spettatori cinematografici di apprezzare le mille sfumature della sua voce profonda e suadente: fu impegnato sia nella commedia (Pranzo alle otto, Dinner at Eight, 1933; Ventesimo secolo, Twentieth Century, 1934) che nel dramma (Febbre di vivere, A Bill of Divorcement, 1932; Ritorno alla vita, Counsellor at Law, 1933), anche se è nel film sentimentale che diede il suo meglio (indimenticabile come appassionato amatore di Greta Garbo in Grand Hotel del 1932.
    Sul finire degli anni trenta Barrymore comincia a risentire dell'abuso di alcolici e della vita sregolata, così negli ultimi anni si dedica a partecipazioni straordinarie in film di livello sempre più modesto.
    Ormai alcolizzato, si spegne all'età di sessant'anni, nel 1942.
    Filmografia parziale
    Dr. Jekyll and Mr. Hyde (Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1920), regia di John Stuart Robertson
    Sherlock Holmes, regia di Albert Parker (1922)
    Lord Brummell (Beau Brummell), regia di Harry Beaumont (1924)
    Il mostro del mare (The Sea Beast), regia di Millard Webb (1926)
    Don Giovanni e Lucrezia Borgia (Don Juan), regia di Alan Crosland (1926)
    Moby Dick, il mostro bianco (Moby Dick), regia di Lloyd Bacon (1930)
    Svengali, regia di Archie Mayo (1931)
    Grand Hotel, regia di Edmund Goulding (1932)
    Febbre di vivere (A Bill of Divorcement), regia di George Cukor (1932)
    Rasputin e l'imperatrice (Rasputin and the Empress), regia di Richard Boleslawski (1932)
    Pranzo alle otto (Dinner at Eight), regia di George Cukor (1933)
    Ritorno alla vita (Counsellor at Law), regia di William Wyler (1933)
    Ventesimo secolo (Twentieth Century), regia di Howard Hawks (1934)
    Giulietta e Romeo (Romeo and Juliet), regia di George Cukor (1936)
    Primavera (Maytime), regia di Robert Z. Leonard (1937)
    La moglie bugiarda (True Confession), regia di Wesley Ruggles (1937)
    Maria Antonietta (Marie Antoinette), regia di W.S. Van Dyke (1938)
    La signora di mezzanotte (Midnight), regia di Mitchell Leisen (1939)
    The Great Profile, regia di Walter Lang (1940)
    Playmates, regia di David Butler (1941)


    Note
    Le notizie riguardanti la vita matrimoniale dell'attore sono tratte dal 10° volume della collana dal titolo, "Il Cinema - Grande Storia Illustrata", Istituto Geografico De Agostini, Novara.
    Voci correlate
    Famiglia Barrymore
    Altri progetti
    Commons
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su John Barrymore
    Collegamenti esterni
    Scheda su John Barrymore dell'Internet Movie Database
    Portale Teatro
    Portale Cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/John_Barrymore"
    Categorie: Biografie | Attori teatrali statunitensi | Attori statunitensi | Nati nel 1882 | Morti nel 1942 | Nati il 15 febbraio | Morti il 29 maggio | Cinema muto statunitenseCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 15 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre