Jim Clark (1936-1968)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: James Clark Jr. OBE
  • Scomparso nel: 1968
  • Data di nascita: 4 Marzo 1936
  • Professione: Pilota
  • Luogo di nascita: Kilmani
  • Nazione: Scozia
  • Jim Clark in Rete:

  • Wikipedia: Jim Clark su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Disambiguazione – Se stai cercando gli altri celebri Jim Clark, vedi Jim Clark (disambigua).
    Jim Clark (a sinistra) insieme ad un meccanico
    Palmarès

     
    James "Jim" Clark Jr. OBE (Kilmany, 4 marzo 1936 – Hockenheimring, 7 aprile 1968) è stato un pilota automobilistico britannico. È considerato uno dei più grandi piloti di Formula 1 di tutti i tempi.
    L'intera carriera in Formula 1 di Clark è stata con la Lotus di Colin Chapman, per la quale ha corso dal 1960 al 1968. I primi grandi successi arrivarono nel 1963 quando la Lotus 25 con Clark alla guida vinse sette gare delle dieci in calendario, vincendo il primo Campionato del Mondo della scuderia inglese. Avrebbe vinto ancora nel 1965, anno in cui per la prima volta portò una vettura a motore posteriore a vincere la 500 Miglia di Indianapolis.
    L'anno successivo la Lotus non era competitiva a causa del nuovo regolamento che imponeva un motore da 3000 cc di cilindrata, e cominciò la stagione con la Lotus 33, dotata di un motore Coventry Climax da 2000 cc, per poi passare nel prosieguo della stagione a un complicato motore BRM H16.
    Anche nel 1967 Clark e la Lotus usarono diversi tipi di vetture e di motori: la Lotus-BRM per la prima gara in Sud Africa, poi la vecchia Lotus 33 per Montecarlo. A quel punto iniziò la collaborazione con la Ford e il Cosworth DFV, che era destinato a diventare il motore di maggior successo nella storia della Formula 1, e la prima vittoria fu appannaggio della Lotus 49 al Gran Premio d'Olanda.
    Il 1968 iniziò con la vittoria nel primo gran premio della stagione, disputatosi a Kyalami, coadiuvato da una Lotus particolarmente competitiva.

    Tutto faceva pensare ad un campionato dominato dal campione scozzese, ma il 7 aprile, durante una gara di Formula 2 (il campionato osservava quattro mesi di stop dopo la tappa sudafricana) ad Hockenheim, in Germania, Jim Clark uscì di strada con la sua auto e investì in pieno gli alberi intorno al circuito, morendo all'istante. La causa dell'incidente non è mai stata ufficialmente identificata, ma sembra sia da attribuire allo sgonfiamento di uno pneumatico posteriore.
    La sua morte fu un colpo terribile per la squadra e l'ambiente della Formula 1: Jim Clark era il pilota più forte sulla vettura più forte, e rimane inscindibile nel ricordo dai primi anni della Lotus. Il campionato 1968 sarebbe poi stato vinto dal compagno di squadra di Clark, Graham Hill.
    Durante la sua carriera in Formula 1, Clark vinse 25 Gran Premi ed ottenne 33 pole position, ma ha gareggiato e vinto con molti altri tipi di auto e in molte differenti serie automobilistiche.
    Bibliografia
    Graham Glaud, Jim Clark: Portrait of a Great Driver, Arco Pub. Co, 1968. ISBN 0668018429
    Eric Dymock, Jim Clark: Tribute to a champion, Haynes, 1997. ISBN 0854299823
    Bill Gavin. The Jim Clark Story. Leslie Frewin, London, 1968
    Altri progetti
    Commons
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Jim Clark
    Collegamenti esterni
    L'incidente di Jim Clark
    Portale Sport
    Portale F1

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Jim_Clark"
    Categorie: Biografie | Piloti automobilistici britannici | Nati nel 1936 | Morti nel 1968 | Nati il 4 marzo | Morti il 7 aprile | Piloti di Formula 1 britanniciCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 4 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre