Jean-Paul Belmondo (77)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 9 Aprile 1933
  • Professione: Attore
  • Luogo di nascita: Neuilly-sur-Seine
  • Nazione: Francia
  • Jean-Paul Belmondo in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Jean-Paul Belmondo
  • Wikipedia: Jean-Paul Belmondo su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Jean-Paul Belmondo in La viaccia di Mauro Bolognini
    Jean-Paul Belmondo (Neuilly-sur-Seine, 9 aprile 1933) è un attore francese.



    Cenni biografici
    Figlio del noto scultore siciliano Paolo Belmondo (1898-1982), emigrato a Parigi.
    Diplomato, al secondo tentativo, presso il Conservatorio Nazionale d'Arte Drammatica, inizia il suo apprendistato di attore in teatro, per il quale ha recitato in classici come L'avaro di Molière e, successivamente, il Cyrano de Bergerac di Rostand.

    L'esordio cinematografico avviene nel 1956 con Molière.

    Nonostante avesse interpretato già pellicole di un certo rilievo - come A doppia mandata (1959) di Claude Chabrol e La ciociara (1960) di Vittorio De Sica - il film che lo consacra come uno dei maggiori attori francesi, sia presso il grande pubblico che presso la critica, è Fino all'ultimo respiro (A bout de souffle) (1960) di Jean-Luc Godard, che lo aveva già diretto nel cortometraggio Charlotte et son Jules.

    Seguono le ottime prove di Leon Morin, prete (Léon Morin, prêtre) (1961), Lo spione (Le doulos) (1962) entrambi di Jean-Pierre Melville e La mia droga si chiama Julie (La Sirène du Mississipi) di François Truffaut (1969).
    Riconosciuto ormai come divo fra i più popolari del cinema, con L'uomo di Rio (L'homme de Rio) (1965) inizia il suo cambiamento verso un filone più commerciale, principalmente composto da commedie e film d'azione fra cui si segnalano i grandi successi di Borsalino di Jacques Deray (1970) in coppia con Alain Delon e Il clan dei marsigliesi (La scoumoune) di José Giovanni (1972). Ritorna nel 1974 al cinema d'autore con Stavisky il grande truffatore di Alain Resnais senza riscuotere particolari consensi.
    A partire dai tardi anni '80 si dedica al teatro più che al cinema, anche se nel 1989 riceve il Premio César come migliore attore protagonista per il film Una vita non basta (Itinéraire d'un enfant gâté) di Claude Lelouch.

    Nel 2001 è colpito da un attacco cerebrale che lo allontana dal grande schermo e dal teatro.

    Suo figlio Paul (nato nel 1963) è un ex-pilota automobilistico e proprietario di una squadra che gareggia nella 24 Ore di Le Mans, oltre ad avere preso parte ad alcuni film.
    Gli è stato proposto di ritornare sul set in un remake di " Umberto D "
    Filmografia
    Molière, regia di Norbert Tildian (1956)
    A piedi... a cavallo... in automobile (À pied, à cheval et en voiture), regia di Maurice Delbez (1957)
    Peccatori in blue jeans (Les Tricheurs), regia di Marcel Carné (1958)
    Una strana domenica (Un drôle de dimanche), regia di Marc Allégret (1958)
    Fatti bella e taci (Sois belle et tais-toi), regia di Marc Allégret (1958)
    Les copains du dimanche, regia di Henri Aisner (1958)
    Les trois mousquetaires, film TV, regia di Claude Barma (1959)
    A doppia mandata (À double tour), regia di Claude Chabrol (1959)
    Angelica ragazza jet (Ein Engel auf Erden), regia di Géza von Radványi (1959)
    La ciociara, regia di Vittorio De Sica (1960)
    Lettere di una novizia, regia di Alberto Lattuada (1960)
    Charlotte et son Jules, cortometraggio, regia di Jean-Luc Godard (1960)
    Le distrazioni (Les distractions), regia di Jacques Dupont (1960)
    L'adultera (L'adultère), episodio di La francese e l'amore (La française et l'amour), regia di Henri Verneuil (1960)
    Moderato cantabile - Storia di uno strano amore (Moderato cantabile), regia di Peter Brook (1960)
    Asfalto che scotta (Classe tous risques), regia di Claude Sautet (1960)
    Fino all'ultimo respiro (À bout de souffle), regia di Jean-Luc Godard (1960)
    Quello che spara per primo (Un nommé La Rocca), regia di Jean Becker (1961)
    Lauzun episodio de Gli amori celebri (Les amours célèbres), regia di Michel Boisrond (1961)
    Leon Morin, prete (Léon Morin, prêtre), regia di Jean-Pierre Melville (1961)
    La donna è donna (Une femme est une femme), regia di Jean-Luc Godard (1961)
    La viaccia, regia di Mauro Bolognini (1961)
    Riviera-Story, regia di Wolfgang Becker (1961)
    Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
    I dongiovanni della Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala, non accreditato (1962)
    Lo spione (Le doulos), regia di Jean-Pierre Melville (1962)
    Quando torna l'inverno (Un singe en hiver), regia di Henri Verneuil (1962)
    Cartouche, regia di Philippe de Broca (1962)
    Mare matto, regia di Renato Castellani (1963)
    Confetti al pepe (Dragées au poivre), regia di Jacques Baratier (1963)
    Lo sciacallo (L'aîné des Ferchaux), regia di Jean-Pierre Melville (1963)
    Buccia di banana (Peau de banane), regia di Marcel Ophüls (1963)
    Weekend a Zuydcoote (Spiaggia infuocata) (Week-end à Zuydcoote), regia di Henri Verneuil (1964)
    Caccia al maschio (La chasse à l'homme), regia di Edouard Molinaro (1964)
    Scappamento aperto (Échappement libre), regia di Jean Becker (1964)
    Centomila dollari al sole (Cent mille dollars au soleil), regia di Henri Verneuil (1964)
    L'uomo di Rio (L'homme de Rio), regia di Philippe de Broca (1964)
    L'uomo di Hong Kong (Les tribulations d'un chinois en Chine), regia di Philippe de Broca (1965)
    Il bandito delle undici (Pierrot le fou), regia di Jean-Luc Godard (1965)
    Rapina al sole (Par un beau matin d'été), regia di Jacques Deray (1965)
    Un avventuriero a Tahiti (Tendre voyou), regia di Jean Becker (1966)
    Parigi Brucia? (Paris brûle-t-il?"), regia di René Clément (1966)
    James Bond 007 - Casino Royale (Casino Royale), regia di Val Guest, Ken Hughes, John Huston, Joseph McGrath e Robert Parrish (1967)
    Il ladro di Parigi (Le voleur), regia di Louis Malle (1967)
    Criminal Face - Storia di un criminale (Ho!), regia di Robert Enrico (1968)
    Un tipo che mi piace (Un homme qui me plaît), regia di Claude Lelouch (1969)
    La mia droga si chiama Julie (La Sirène du Mississipi), regia di François Truffaut (1969)
    Il cervello (Le cerveau), regia di Gérard Oury (1969)
    Borsalino (Borsalino), regia di Jacques Deray (1970)
    Gli sposi dell'anno secondo (Les mariés de l'an II), regia di Jean-Paul Rappeneau (1971)
    Gli scassinatori (Le casse), regia di Henri Verneuil (1971)
    Il clan dei marsigliesi (La scoumoune), regia di José Giovanni (1972)
    Trappola per un lupo (Docteur Popaul), regia di Claude Chabrol (1972)
    Come si distrugge la reputazione del più grande agente segreto del mondo (Le magnifique), regia di Philippe de Broca (1973)
    L'erede (L'héritier), regia di Philippe Labro (1973)
    Stavisky il grande truffatore (Stavisky...), regia di Alain Resnais (1974)
    L'incorreggibile (L'incorregible), regia di Philippe de Broca (1975)
    Il poliziotto della brigata criminale (Peur sur la ville), regia di Henri Verneuil (1975)
    Il cadavere del mio nemico (Le corps de mon ennemi), regia di Henri Verneuil (1976)
    Lo sparviero (L'alpagueur), regia di Philippe Labro (1976)
    L'animale (L'animal), regia di Claude Zidi (1977)
    Poliziotto o canaglia (Flic ou voyou), regia di Georges Lautner (1979)
    Il piccione di piazza San Marco (Le guignolo), regia di Georges Lautner (1980)
    Joss il professionista (Le professionnel), regia di Georges Lautner (1981)
    L'asso degli assi (L'as des as), regia di Gérard Oury (1982)
    Professione: poliziotto (Le marginal), regia di Jacques Deray (1983)
    Joyeuses Pâques, regia di Georges Lautner (1984)
    L'oro dei legionari (Les morfalous), regia di Henri Verneuil (1984)
    Hold-Up, regia di Alexandre Arcady (1985)
    Tenero e violento (Le solitaire), regia di Jacques Deray (1987)
    Una vita non basta (Itinéraire d'un enfant gâté), regia di Claude Lelouch (1988)
    L'inconnu dans la maison, regia di Georges Lautner (1992)
    I miserabili (Les misérables), regia di Claude Lelouch (1995)
    Cento e una notte (Les cent et une nuits de Simon Cinéma), regia di Agnès Varda (1995)
    Désiré de Sacha Guitry noto anche come Désiré, regia di Bernard Murat (1996)
    La puce à l'oreille, film TV, regia di Yves Di Tullio (1997)
    Uno dei due (Une chance sur deux), regia di Patrice Leconte (1998)
    Peut-être (Peut-être), regia di Cédric Klapisch (1999)
    Amazone, regia di Philippe de Broca (2000)
    Actors (Les Acteurs), regia di Bertrand Blier (2000)
    L'aîné des Ferchaux, film TV, regia di Bernard Stora (2001)+
    Curiosità
    I lineamenti del protagonista del fumetto Blueberry sono ispirati a quelli di Jean-Paul Belmondo.
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Jean-Paul Belmondo
    Collegamenti esterni
    Jean-Paul Belmono. Site of admirers from Russia
    Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Jean-Paul_Belmondo"
    Categorie: Biografie | Attori francesi | Nati nel 1933 | Nati il 9 aprile | Produttori cinematografici francesi | Figli d'arte | Italo-francesiCategorie nascoste: BioBot | Voci con citazioni mancanti

    « Torna al 9 Aprile


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre