Jean Renoir (1894-1979)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1979
  • Data di nascita: 15 Settembre 1894
  • Professione: Regista
  • Luogo di nascita: Montmartre
  • Nazione: Francia
  • Jean Renoir in Rete:

  • Sito Non Ufficiale: Un sito non ufficiale su Jean Renoir
  • Wikipedia: Jean Renoir su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Oscar alla carriera 1975
    Jean Renoir (Montmartre, 15 settembre 1894 – Beverly Hills, 12 febbraio 1979) è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico francese, secondo figlio del pittore impressionista Pierre-Auguste Renoir.
    Gabrielle et Jean, ca. 1895. Il piccolo Jean nelle braccia della modella paterna, Gabrielle Renard. Pierre-Auguste Renoir, Parigi, Musée de l'Orangerie
    Solo grazie l'acume di alcuni critici - soprattutto quelli che scrivevano sui Cahiers du cinéma - la sua figura è stata adeguatamente rivalutata e si è apprezzato in pieno il suo contributo alla cinematografia francese (e mondiale).

    Biografia
    Gli inizi
    Dopo studi mediocri, Jean Renoir si arruolò nel Corpo dei Dragoni nel 1912. Soldato nel 1914, fece parte dell'aeronautica dal 1916. Durante la guerra si ferì ad una gamba e rimase zoppo per tutta la vita.
    Nel 1920, sposò una modella di suo padre, Andrée Heuchling, e cominciò a lavorare come ceramista.
    L'uscita, nel 1921, del film di Erich von Stroheim "Femmine folli" cambiò la sua carriera.
    Il suo primo lungometraggio, "La ragazza dell'acqua" (1924), è una favola bucolica sull'estetica impressionista, nel quale recitò la sua giovane sposa - con il nome d'arte di Catherine Hessling - e suo fratello maggiore, Pierre Renoir. La tiepida accoglienza riservata al film non scoraggiò il cineasta, che si lanciò poco dopo in un'altra produzione costosa, "Nanà" (dal romanzo di Émile Zola, 1926), ed in seguito in una serie di opere di varia ispirazione ("La piccola fiammiferaia", dal racconto di Hans Christian Andersen, 1928; "The Sad Sack", commedia militare, 1928; "La purga al pupo", da Georges Feydeau, 1931) che continuarono ancora a non convincere il pubblico.
    Il periodo realista
    Renoir debuttò nel cinema muto, ma si mise in luce con il sonoro, a partire da "La cagna" (1931) che segnò una svolta nella sua opera. Fu uno dei primi film parlati, tratto da un feuilleton di Georges de La Fouchardière; "La cagna" offrì a Michel Simon uno dei suoi ruoli più belli, quello di un piccolo borghese geloso, assassino e vigliacco; narra di un torbido ménage à trois tra un impiegato, una prostituta e il suo protettore. È un'opera anomala nel cinema classico per quanto riguarda la collocazione in un genere e la caratterizzazione dei personaggi. "La cagna" è un ibrido tra dramma e commedia, che miscela morte e ironia; e rifiuta la divisione tradizionale buoni/cattivi: la macchina da presa osserva senza partecipazione figure contraddittorie, vittime e carnefici insieme.
    Dopo "La Notte dell'incrocio" (dal romanzo di Georges Simenon, 1932), dove Pierre Renoir interpretò il commissario Maigret, il regista girò una serie impressionante di capolavori: "Boudu salvato dalle acque" (con, nuovamente, Michel Simon, 1932), "Il delitto del signor Lange" (con Jules Berry, 1935), "La scampagnata" (1936, uscito nel 1946) del quale suo nipote, Claude Renoir, cura la fotografia, e "Verso la vita" (con Louis Jouvet, 1936). Prendendo ispirazione dai romanzi di Maksim Gorkij o dalle novelle di Guy de Maupassant, Jean Renoir diede prova di avere un senso acuto del reale, che mise al servizio di un vero e proprio naturalismo poetico.
    L'impegno politico
    Poco a poco chiamò a raccolta alcuni collaboratori (Jacques Prévert, Roger Blin) che diedero alla sua produzione una certa dimensione apertamente politica, segnata dalle idee del Fronte popolare: "La vita è nostra"(1936); "Il delitto del signor Lange", "La Marsigliese" (1936). In quegli anni è suo collaboratore anche Luchino Visconti, sul set di Verso la vita (Les bas-fonds) e de La scampagnata (Une partie de campagne), entrambi del 1936, e qui prende probabilmente le radici il cinema neorealista italiano.
    Prima della Seconda Guerra Mondiale, Jean Renoir cercò, con "La grande illusione" (1937), di promuovere un messaggio di pace, facendo recitare, quale omaggio, suo padre spirituale Erich von Stroheim insieme a Jean Gabin. Il film è ambientato durante la Grande Guerra: alcuni ufficiali francesi sono prigionieri dei tedeschi in una fortezza comandata da un capitano di nobili natali, von Rauffenstein, interpretato da Erich von Stroheim. I rapporti tra i personaggi si articolano lungo linee trasversali, in base alle differenze sociali. La questione del rapporto tra la civiltà dell’800 e quella del 900, che è al centro della Grande illusione, è una delle possibili chiavi di lettura del cinema di Renoir degli anni’30. L'influenza della pittura (prima del padre) e della letteratura del XIX secolo è molto forte. Ne "L'angelo del male" (1938), si sforzò di rappresentare lo scenario sociale dell'epoca. Nel suo capolavoro, "La regola del gioco" (1939), previde il crollo dei valori umanisti e descrisse senza compiacenza delle usanze della società francese.
    Il periodo americano
    Esiliato negli Stati Uniti nel 1940, (lasciando incompiuto un adattamento della Tosca di Victorien Sardou, che verrà portato a termine da Carl Koch), Jean Renoir prese la nazionalità statunitense. Difficilmente si adattò al sistema hollywoodiano, tuttavia diresse alcuni film su richiesta, così come opere di propaganda ("Questa terra è mia", con Charles Laughton nel 1943; "Salute to France", 1944) e alcuni adattamenti letterari ("Il diario di una cameriera" dal famoso romanzo di Octave Mirbeau, Le Journal d'une femme de chambre, 1946), prima di partire in India per girare "Il fiume", 1951), film a colori, contemplativo e sereno, dall'umanesimo a volte disincantato. Questo film ebbe un'influenza duratura sullo stesso cinema indiano.
    Gli ultimi film
    Di ritorno in Europa agli inizi degli anni Cinquanta, Jean Renoir girò ancora "La Carrozza d'oro" (dal romanzo di Prosper Mérimée, 1952), "French Cancan" (con Jean Gabin e Françoise Arnoul, 1955), "Eliana e gli uomini" (con Ingrid Bergman e Jean Marais, 1956) e "Le strane licenze del caporale Dupont" (dal romanzo di Jacques Perret, 1962).
    Incontrando sempre più difficoltà nel produrre i suoi film, si rivolse allora alla televisione ("Il teatrino di Jean Renoir", 1969-1971) e si dedicò più ampiamente alla letteratura: pubblicò un libro su suo padre "Renoir, mon père" (1962), la sua autobiografia, "Ma vie et mes films" (1974), un saggio ("Scritti 1926-1971", 1974), qualche pièce teatrale ("Orvet", 1955) così come alcuni romanzi ("Les Cahiers du capitaine Georges", 1966 ; "Le Crime de l'Anglais", 1979).
    Nel 1970 si ritirò a Beverly Hills, dove morì nel 1979.
    Filmografia
    Regista
    Une vie sans joie (1924)
    La ragazza dell'acqua (La fille de l'eau)(1925)
    Nanà (Nana) (1926)
    Sur un air de Charleston, cortometraggio (1927)
    Marquitta (1927)
    Tire-au-flanc (1927)
    Le tournoi dans la cité (1928)
    La piccola fiammiferaia (1928)
    L'entroterra (Le bled) (1929)
    La purga al lupo (On purge bébé) (1931)
    La cagna (La chienne) (1931)
    La notte dell'incrocio (La nuit du carrefour) (1932)
    Boudu salvato dalle acque (Boudu sauvé des eaux) (1932)
    Chotard e c. (Chotard et Cie) (1932)
    Signora Bovary (Madame Bovary) (1933)
    Toni (1935)
    La vita è nostra (La vie est à nous), coregia di Jacques Becker, Jacques B. Brunius, Henri Cartier-Bresson, Jean-Paul Le Chanois, Maurice Lime, Pierre Unik e André Zwoboda (1936)
    La scampagnata (Une partie de campagne) (1936)
    Il delitto del signor Lange (Le crime de Monsieur Lange) (1936)
    Verso la vita (Les bas-fonds) (1936)
    La grande illusione (La grande illusion) (1937)
    La Marsigliese (La Marseillaise) (1938)
    L'angelo del male (La bête humaine) (1938)
    La regola del gioco (La règle du jeu) (1939)
    Tosca, regia di Carl Koch e, non accreditato, Jean Renoir (1941)
    La palude della morte (Swamp Water) (1941)
    Verso l'ignoto (The Amazing Mrs. Holliday) (1943)
    Questa terra è mia (This Land Is Mine) (1943)
    L'uomo del Sud (The Southerner) (1945)
    Il diario di una cameriera (The Diary of a Chambermaid) (1946)
    Salute to France (1946)
    La donna della spiaggia (The Woman on the Beach) (1947)
    Il fiume (The River) (1951)
    La carrozza d'oro (Le carrosse d'or)(1953)
    French Cancan (1955)
    Eliana e gli uomini (Elena et les hommes) (1956)
    Il testamento del mostro (Le testament du Docteur Cordelier) (1959)
    Picnic alla francese (Le déjeuner sur l'herbe) (1959)
    Le strane licenze del caporale Dupont (Le caporal épinglé) (1962)
    Il teatrino di Jean Renoir (Le petit théâtre de Jean Renoir) (1971)
    Sceneggiatore
    Une vie sans joie (1924)
    Nanà (1926)
    The Sad Sack (1927)
    The Tournament (1928)
    La piccola fiammiferaia (1928)
    La purga al lupo (1931)
    La cagna (1931)
    La Notte dell'incrocio (1932)
    Boudu salvato dalle acque (1932)
    Chotard e c. (1932)
    Signora Bovary (1933)
    Toni (1935)
    La vita è nostra (1936)
    La scampagnata (1936)
    Il delitto del signor Lange (1936)
    Verso la vita (1936)
    La grande illusione (1937)
    La Marsigliese (1938)
    L'angelo del male (1938)
    La regola del gioco (1939)
    Cristobal's Gold (1940)
    The Story of Tosca (1941)
    L'uomo del Sud (1945)
    La donna della spiaggia (1947)
    Il fiume (1951)
    La Carrozza d'oro (1953)
    French Cancan (1955)
    Eliana e gli uomini (1956)
    Il Testamento del mostro (1959)
    Picnic alla francese (1959)
    Le strane licenze del caporale Dupont (1962)
    Il teatrino di Jean Renoir (1971)
    Carola (1973)
    Attore
    Ceux de chez nous (1915)
    La p'tite Lili (1929)
    Le petit chaperon rouge (1929)
    La vita è nostra (1936)
    La scampagnata (1936)
    L'angelo del male (1938)
    La regola del gioco (1939)
    L'Amore (1948)
    Il teatrino di Jean Renoir (1971)
    Produttore
    Une vie sans joie (1924)
    La ragazza dell'acqua (1925)
    Nanà (1926)
    Il delitto del signor Lange (1936)
    La Marsigliese (1938)
    Questa terra è mia (1943)
    Il fiume (1951)
    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Jean Renoir
    Collegamenti esterni
    The Online Jean Renoir Resource Centre
    Je m'appelle Jean RENOIR...
    Scheda su Jean Renoir dell'Internet Movie Database
    Portale Cinema
    Portale Biografie

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Jean_Renoir"
    Categorie: Biografie | Registi francesi | Sceneggiatori francesi | Produttori cinematografici francesi | Nati nel 1894 | Morti nel 1979 | Nati il 15 settembre | Morti il 12 febbraio | Premi Oscar alla carriera | Attori francesi | Cinema muto franceseCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 15 Settembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre