Jane Fonda (73)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Jane Seymour Fonda
  • Data di nascita: 21 Dicembre 1937
  • Professione: Attrice
  • Luogo di nascita: New York
  • Nazione: Stati Uniti
  • Jane Fonda in Rete:

  • Wikipedia: Jane Fonda su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Jane Fonda nel 1990



    Oscar alla miglior attrice 1972

    Oscar alla miglior attrice 1979
    Jane Seymour Fonda (New York, 21 dicembre 1937) è un'attrice e produttrice cinematografica statunitense.

    Biografia
    Jane Fonda nasce il 21 dicembre 1937 a New York dal leggendario attore Henry Fonda e dalla nota Frances Seymour Brokaw, morta suicida nel 1950. La madre, di discendenza irlandese e tedesca, era la seconda delle cinque mogli del famoso attore ed era stata precedentemente sposata con il miliardario George Tuttle Brokaw. Da ragazza, Jane, non sembra interessata a ripercorrere le orme del celebre genitore. Jane studia al Vassar e poi in Europa, infine fa ritorno negli USA con l'intenzione di lavorare come modella. L'incontro con Lee Strasberg la convince però a frequentare le sue lezioni all'"Actors' Studio"; il debutto cinematografico arriva nel 1960 con "In punta di piedi".
    Dal 1962 in poi la carriera di Jane Fonda si arricchisce di numerosi film, tra cui è bene ricordare almeno "Walk on the wild side".
    Nel 1964 incontra il regista Roger Vadim, che la inserisce nel cast di "Circle of Love"; la coppia si sposerà l'anno successivo. Jane partecipa poi alla commedia western "Cat Ballou" al fianco di Lee Marvin.
    Vadim la dirige in alcuni film che riescono a fare di lei un sex symbol, il più importante dei quali, almeno dal punto di vista del lancio della popolarità, è senza dubbio "Barbarella" (1968) Tuttavia ben presto l'intelligente attrice si accorge che l'immagine di sex symbol le sta stretta, che quel ruolo la limita; comincia a ribellarsi al clichè che si porta dietro, ad evadere dalle etichette che le hanno appiccicato addosso, anche in funzione del crescente attivismo politico che la vede sempre più coinvolta. A partire dagli anni '70, infatti, Jane Fonda dà vita al suo intenso impegno politico indirizzato in primo luogo alla protesta contro la guerra del Vietnam. La sua visita ad Hanoi e la sua propaganda filo-nord-vietnamita, le valgono il soprannome di "Hanoi Jane", ma la rendono anche invisa a molti. Solo più tardi, molti anni dopo, rivedrà le sue posizioni politiche con rinnovato senso critico. Ottiene nel 1969 la prima delle sue sette nomination all'Oscar per "Non si uccidono così anche i cavalli?", di Sidney Pollack; nel 1971 vince l'Oscar con "Una squillo per l'ispettore Klute", per il ruolo della prostituta Bree Daniel. La seconda statuetta arriva nel 1978 per "Tornando a casa" di Hal Ashby. Finito il matrimonio con Vadim, nel 1973 Jane Fonda sposa Tom Hayden, politico in carriera con un passato da pacifista. Nel corso degli anni '80 Jane Fonda comincia a diradare le sue apparizioni sul grande schermo, fino a cancellarle del tutto, mentre si dedica sempre più spesso a realizzare video di esercizi di ginnastica aerobica, inventandosi di fatto in questo settore una seconda e fortunatissima carriera. Per quanto concerne il cinema, il decennio si apre con "Sul lago dorato", del 1981 - prima ed unica volta in cui Jane recita in un film accanto al padre - e si chiude con "Lettere d'amore" (1990, diretto da Martin Ritt). Nel 1991 Jane Fonda ha sposato in terze nozze il magnate Ted Turner, un matrimonio la cui fine è stata ufficializzata all'inizio del 2000. Nel marzo 2001 ha deciso di donare alla Scuola di Educazione dell'Università di Harward, la somma di 12.5 milioni di dollari, al fine di creare un "Centro per gli Studi educativi": la sua motivazione è che l'attuale cultura indica ai ragazzi ed alle ragazze una visione distorta di ciò che è necessario imparare per diventare uomini e donne. E' tornata sul grande schermo con "Quel mostro di suocera" (2005) nel quale è protagonista insieme a Jennifer Lopez.
    Vive attualmente ad Atlanta, Georgia, Stati Uniti. Si definisce liberal e femminista e recentemente ha iniziato un percorso di rinascita cristiana seguita in questo dalla comunità battista della Chiesa Afro-Americana di Atlanta. In questa organizzazione si sente libera di poter far confluire il suo femminismo con l'esigenza di riconciliarsi con una genuina struttura gerarchica e patriarcale della cristianità La prima dichiarazione pubblica al riguardo risale al 1998 rispondendo ad un giornalista del National Press Club sulle motivazioni per cui si è servita di una tematica cristiana conservatrice per promuovere una campagna di educazione sessuale. Recentemente, durante una conferenza ambientalista, si è rifiutata di meditare suggerendo ai presenti che sarebbe stato più saggio pregare Cristo Gesù invece. Questa sua svolta potrebbe aver provocato una reazione del marito Ted Turner portando alla rottura del rapporto. Ha manifestato ostilità verso il cristianesimo anche in pubbliche dichiarazioni quando ridicolizzò i Dieci comandamenti e affermò che il cristianesimo è una religione per perdenti. Infatti, subito dopo l'annuncio del divorzio, Fonda annuncia la sua appartenenza anche alla rete dei "born-again Christian", rete di cui fanno parte altri personaggi famosi come l'attuale presidente degli Stati Uniti d'America George W. Bush, il cantante Bono e Tom Hanks. A differenza dei suddetti, però, non è coinvolta nell'ideologia "neocon". Infatti, è divenuta un'icona dell'opposizione pacifista alle guerre iniziate sotto il mandato presidenziale di George W. Bush, così come lo fu alla guerra del Vietnam.
    Gli Oscar
    Ha ricevuto sette nomination agli Oscar vincendone due. Che sono:
    1970, miglior attrice protagonista in Non si uccidono così anche i cavalli?.
    1972, miglior attrice protagonista in Una squillo per l'ispettore Klute. (Vinto)
    1978, miglior attrice protagonista in Giulia
    1979, miglior attrice protagonista in Tornando a casa. (Vinto)
    1980, miglior attrice protagonista in Sindrome cinese.
    1982, miglior attrice non protagonista in Sul lago dorato.
    1987, miglior attrice protagonista in Il mattino dopo.


    È stata sposata con il regista francese Roger Vadim (1965-1973), l'attore Tom Hayden (1973-1990) e il magnate delle comunicazioni Ted Turner (1991-2001).
    Filmografia
    In punta di piedi (Tall Story), regia di Joshua Logan (1960)
    A String of Beads, film TV (1961)
    Anime sporche (Walk on the Wild Side), regia di Edward Dmytryk (1962)
    Sessualità (The Chapman Report), regia di George Cukor (1962)
    Rodaggio matrimoniale (Period of Adjustment), regia di George Roy Hill (1962)
    Amori proibiti (In the Cool of the Day), regia di Robert Stevens (1963)
    Una domenica a New York (Sunday in New York), regia di Peter Tewksbury (1963)
    Crisantemi per un delitto (Les félins), regia di René Clément (1964)
    Il piacere e l'amore (La ronde), regia di Roger Vadim (1964)
    Cat Ballou, regia di Elliot Silverstein (1965)
    La caccia (The Chase), regia di Arthur Penn (1966)
    La calda preda (La curée), regia di Roger Vadim (1966)
    Tutti i mercoledì (Any Wednesday), regia di Robert Ellis Miller (1966)
    E venne la notte (Hurry Sundown), regia di Otto Preminger (1967)
    A piedi nudi nel parco (Barefoot in the Park), regia di Gene Saks (1967)
    Tre passi nel delirio, episodio "Metzengerstein", regia di Roger Vadim (1968)
    Barbarella, regia di Roger Vadim (1968)
    Non si uccidono così anche i cavalli? (They Shoot Horse, Don't They?), regia di Sydney Pollack (1969)
    Una squillo per l'ispettore Klute, regia di Alan J. Pakula (1972)
    Crepa padrone, tutto va bene (Tout va bien), regia di Jean-Luc Godard e Jean-Pierre Gorin (1972)
    Una squillo per quattro svitati (Steelyard Blues), regia di Alan Myerson (1973)
    Casa di bambola (A Doll's House), regia di Joseph Losey (1973)
    Il giardino della felicità (The Blue Bird), regia di George Cukor (1976)
    Non rubare... se non è strettamente necessario (Fun with Dick and Jane), regia di Ted Kotcheff (1977)
    Giulia (Julia), regia di Fred Zinnemann (1977)
    Tornando a casa (Coming Home), regia di Hal Ashby (1978)
    Arriva un cavaliere libero e selvaggio (Comes a Horseman), regia di Alan J. Pakula (1978)
    California Suite, regia di Herbert Ross (1978)
    Sindrome cinese, regia di James Bridges (1979)
    Il cavaliere elettrico (The Electric Horseman), regia di Sydney Pollack (1979)
    Dalle 9 alle 5 (Nine to Five), regia di Colin Higgins (1980)
    Lily: Sold Out, film TV, regia di Bill Davis e Tony Charmoli (1981)
    Sul lago dorato (On Golden Pond), regia di Mark Rydell (1981)
    Il volto dei potenti (Rollover), regia di Alan J. Pakula (1981)
    9 to 5, episodio "The Security Guard" (1982)
    The Dollmaker, film TV, regia di Daniel Petrie (1984)
    Agnese di Dio (Agnes of God), regia di Norman Jewison (1985)
    Il mattino dopo, regia di Sidney Lumet (1986)
    Old gringo - Il vecchio gringo (Old gringo), regia di Jesus Puenzo (1989)
    Lettere d'amore (Stanley & Iris), regia di Martin Ritt (1990)
    Quel mostro di suocera (Monster-in-Law), regia di Robert Luketic (2005)
    Donne, regole... e tanti guai! (Georgia Rule), regia di Garry Marshall (2007)
    Note

      ^ Actress Jane Fonda has become a born-again Christian-Truth!
      ^ Actress Jane Fonda has become a born-again Christian-Truth!
      ^ WorldNetDaily: Fonda becomes born-again Christian.
      ^ WorldNetDaily: Fonda becomes born-again Christian, Actress Jane Fonda has become a born-again Christian-Truth!
      ^ WorldNetDaily: Fonda becomes born-again Christian, Actress Jane Fonda has become a born-again Christian-Truth!
      ^ Jane Fonda - Biography
      ^ Born-Again Christian at NNDB

    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Jane Fonda
    Wikiquote contiene citazioni di o su Jane Fonda
    Collegamenti esterni
    Scheda su Jane Fonda dell'Internet Movie Database
    Portale Cinema
    Portale Biografie

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Jane_Fonda"
    Categorie: Biografie | Attori statunitensi | Produttori cinematografici statunitensi | Nati nel 1937 | Nati il 21 dicembre | Premi Oscar alla miglior attrice | Figli d'arte | Premi Bafta alla migliore attrice protagonista | Golden Globe per la miglior attrice in un film drammatico | David di Donatello per la migliore attrice straniera | Attori italoamericaniCategorie nascoste: Stub cinema | BioBot

    « Torna al 21 Dicembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre