Ilio Barontini (1890-1951)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1951
  • Data di nascita: 28 Settembre 1890
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Cecina (LI)
  • Nazione: Italia
  • Ilio Barontini in Rete:

  • Wikipedia: Ilio Barontini su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Ilio Barontini (Cecina, 28 settembre 1890 – 22 gennaio 1951) è stato un partigiano e politico italiano.
    Socialista, comunista, combattente nella Guerra di Spagna, nella resistenza in Francia e in Emilia Romagna, senatore del PCI, fu decorato con la Bronze Star Medal, e nominato cittadino onorario di Bologna. Anche dall'Unione Sovietica gli venne un riconoscimento: l'Ordine della Stella Rossa.

    Biografia
    La gioventù
    Barontini fu, fin dall'età di 13 anni, un militante anarchico di Livorno. A 15 anni lavorava già come operaio tornitore presso il Cantiere Orlando quando si iscrisse al Partito Socialista. Negli anni che precedettero la prima guerra mondiale si dichiarò "non interventista". Dopo la guerra, nel 1919, partecipò ai lavori del gruppo politico di Ordine Nuovo, fondato da Antonio Gramsci. Nel 1921, fu fra i fondatori del Partito Comunista d'Italia nel Congresso di Livorno. Successivamente fu eletto sia come Consigliere Comunale che responsabile della Camera del Lavoro della CGIL della città di Livorno. Con l'avvento del fascismo subì arresti, denunce ed aggressioni, ma non si arrese mai è tornò sempre alla militanza politica. Fra i dirigenti del Partito Comunista d'Italia fa parte della minoranza che è favorevole all'ingresso delle formazioni antifasciste di difesa del partito nel Fronte Unito Arditi del Popolo.
    Espatrio in Francia
    Nel 1931 espatriò avventurosamente in Francia con una pericolosa attraversata in barca che lo lasciò in Corsica per sfuggire ad una condanna a tre anni inflittagli dal Tribunale Speciale fascista. Il suo lavoro di militante rivoluzionario ed antifascista proseguì nella clandestinità con numerose missioni di agitazione ed organizzazione in varie parti di Europa ed Africa. Barontini aveva ottime capacità di organizzatore. Durante la Resistenza fu il perno dell'organizzazione antifascista in diverse città e zone d'Italia. In Francia si rifugiò a Marsiglia, da dove tenne le fila del lavoro clandestino tra gli esuli italiani antifascisti.
    Il periodo in URSS
    In URSS Barontini perfezionò le sue capacità militari presso i centri di addestramento dell'Armata Rossa, in particolare frequenta l'Accademia Frunze a Mosca, uscendone con il grado di Maggiore. Erano gli anni delle lotte intestine all'interno della sinistra e dei comunisti. Stalin stava affermando a tutto campo il suo potere, con la revisione dei dettati internazionalisti di Lenin. Le lotte fratricide nella sinistra avranno il loro culmine nella Guerra civile di Spagna con omicidi eclatanti come quelli di Andreu Nin, di Camillo Berneri prima e di Pietro Tresso poi.

    Il suo primo incarico con quel grado è in Cina, in appoggio al Partito comunista cinese di Mao. Sarà questa esperienza a metterlo per la prima volta in contatto con le tecniche della guerriglia ampiamente usate e sperimentate dai comunisti cinesi.
    Le Brigate internazionali
    Nel 1936 Barontini si trovava in Spagna all'inizio della Guerra civile. Sostituì Randolfo Pacciardi, ferito nella battaglia di Guadalajara, dimostrando, a detta di Giovanni Pesce, altro capo storico delle Brigate Internazionali, capacità eccezionali di trascinatore militare. Barontini, allineato alla linea vincente di Mosca ormai diretta dallo stalinismo fu mandato dall'Internazionale, nel 1938, alla guerra di Etiopia, appoggiando la resistenza locale.
    In Etiopia
    Barontini nel 1938 si trasferisce, su ordine di Giuseppe Di Vittorio, in Etiopia. Con lui c'erano anche altri esponenti dell'Internazionale Comunista: i cosiddetti "tre apostoli": Barontini era Paulus, Bruno Rolla, della Spezia, era Petrus, e il triestino Ukmar era Johannes. I tre si trovarono lì nel periodo dell'appello relativo alla guerra di Etiopia del Partito Comunista d'Italia ai "fratelli in camicia nera". Le ipotesi di Antonio Gramsci sul recupero dei fascisti in buona fede risultarono ottimistiche, ed i fascisti in buona fede erano di un'altra generazione,o sconfitti o inquadrati nel regime o passati già come stretta minoranza all'antifascismo, e lo sbocco rivoluzionario in Italia, pensato anche da Pietro Tresso sul versante dell'opposizione di sinistra a Stalin, non ebbe sbocchi.
    Il gruppo degli "apostoli" fondò il foglio La Voce degli Abissini, addestrò ed organizzò i ribelli etiopici fino al punto che il Negus "appioppò" a Barontini il titolo di "vice-imperatore". Rodolfo Graziani mise una taglia su di lui, ma il Barontini riuscì a fuggire, ben accolto dal generale inglese Harold Alexander a Khartoum, che gli diede una decorazione per i meriti acquisiti nell'organizzazione della ribellione all'invasione fascista in Etiopia.
    In Francia e le bombe "Giobbe" Barontini
    Nel momento in cui la Francia cadde sotto il controllo dei nazisti con l'inizio del governo Petain, Barontini è lì ad organizzare i nuclei di partigiani francesi della FTP, fidando sull'appoggio anche della classe operaia francese che mal sopportava gli occupanti tedeschi. I partigiani francesi del Maquis utilizzarono nei combattimenti delle bombe soprannominate "Giobbe", così chiamate dal nome di battaglia utilizzato in Francia da Ilio Barontini.
    La Resistenza in Italia
    Quando Barontini tornò in Italia per partecipare alla lotta partigiana, assunse il nome di battaglia di "Dario". Organizzò le Sap e i Gap a Torino, a Milano, in Emilia, a Roma. Di lui parla con grande ammirazione Giorgio Amendola in Comunismo, antifascismo, resistenza. Anche Antonio Roasio, nel suo libro Figlio della classe operaia descrive le peregrinazioni fatte nel centro-nord della penisola da Ilio Barontini e del come insegnasse a gappisti e sappisti le sue tecniche militari "spicciole" apprese in tanti anni di battaglie, sui svariati fronti di crisi, (e forse anche dagli esperti istruttori dell'Armata Rossa): dall'uso di una bomba a mano al metodo più spiccio per far deragliare un convoglio. Roasio lo ricorda come un uomo che aveva sempre appresso una vecchia borsa di pelle sgualcita con dentro panini, cose di uso normale e... candelotti di dinamite. In Emilia diresse la lotta di Resistenza, in particolare a Bologna che era già praticamente liberata all'arrivo delle truppe alleate. Per la sua attività fu decorato con la Bronze Star ancora da Harold Alexander, mentre Giuseppe Dozza gli conferì il titolo di cittadino onorario della città di Bologna. L'Unione Sovietica gli conferì il prestigioso Ordine della Stella Rossa.
    Morì in un incidente automobilistico appena fuori Firenze nel 1951. La sua morte fu non del tutto chiara: con lui morirono anche Leonardo Leonardi e Otello Frangioni.
    Onorificenze
    Bronze Star Medal
    Ordine della Stella Rossa
    Note


      ^
      ^

    Voci correlate
    Giovanni Pesce
    Giorgio Amendola
    Giuseppe Di Vittorio
    Camillo Berneri
    Piero Tresso
    Bibliografia
    "Comunismo, antifascismo, resistenza",Giorgio Amendola, Editori Riuniti
    "Figlio della classe operaia" Antonio Roasio1977 editore Vangelista
    Portale Biografie
    Portale Storia
    Portale Anarchia

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Ilio_Barontini"
    Categorie: Biografie | Partigiani italiani | Politici italiani del XX secolo | Nati nel 1890 | Morti nel 1951 | Nati il 28 settembre | Morti il 22 gennaio | Deputati dell'Assemblea Costituente | Personalità legate alla Resistenza italiana | Personalità legate a Livorno | Politici del Partito Comunista d'Italia | Senatori italiani | Arditi del popolo | Morti in incidente stradaleCategorie nascoste: BioBot | Voci con citazioni mancanti

    « Torna al 28 Settembre


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre