Ho Chi Minh (1890-1969)

Informazioni di base:

  • Vero Nome: Nguyễn Sinh Cung
  • Scomparso nel: 1969
  • Data di nascita: 19 Marzo 1890
  • Professione: Politico
  • Nazione: Vietnam
  • Ho Chi Minh in Rete:

  • Wikipedia: Ho Chi Minh su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Disambiguazione – Se stai cercando la città vietnamita, vedi Ho Chi Minh (città).

    Ho Chi Minh
    Luogo di nascita
    Nguyễn Sinh Cung, Vietnam
    Data di nascita
    19 maggio 1890
    Luogo di morte
    Hanoi, Vietnam
    Data di morte
    2 settembre 1969 (79 anni)
    Partito politico
    Partito Comunista del Vietnam
    Mandato
    2 settembre 1945 - 2 settembre 1969
    Elezione
    Professione
    Vicepresidente
    Predecessore
    Nessuno
    Successore
    Tôn Đức Thắng
    Ho Chi Minh (Nguyễn Sinh Cung, 19 maggio 1890 – Hanoi, 2 settembre 1969) è stato un rivoluzionario, primo ministro (1946-1954) e presidente (1954-1969) vietnamita.

    Primi anni
    Suo padre, un piccolo funzionario della corte dell'Annam, era uno studioso confuciano, ed egli stesso ricevette una forte educazione confuciana. Ho Chi Minh prese il nome di Nguyễn Tất Thành ("Colui che sarà vittorioso") all'età di 10 anni. Nel 1909 si trasferisce a Parigi, dove svolge svariati mestieri (operaio, fotografo, tipografo) e lavora come giornalista presso il quotidiano di sinistra Le Paria.
    Inizialmente iscritto al Partito Socialista, abbracciò il comunismo mentre viveva all'estero, prima in Inghilterra (dove venne addestrato da chef pasticcere sotto Auguste Escoffier) e poi nuovamente Francia, dove rimase dal 1915 al 1923. In Francia, nel 1918, Ho Chi Minh cercò di ottenere l'indipendenza dal governo coloniale ma venne ignorato. Nel 1919, presentò un'istanza per i pari diritti dell'Indocina, alle potenze riunite per i colloqui di pace del Trattato di Versailles. Venne ben presto aiutato dal Partito Comunista e spese molto tempo a Mosca.
    Negli anni Venti si legò al Komintern e divenne informatore della Terza Internazionale per l'estremo oriente. Si spostò in seguito a Hong Kong, dove venne fondato il Partito Comunista Indocinese nel 1930, di cui si mise a capo. Dopo aver adottato il nome Ho Chi Minh 胡志明, ovvero "Volontà che illumina", ritornò in Vietnam nel 1941 e dichiarò l'indipendenza della nazione dalla Francia, guidando con abili manovre le prime rivolte contadine antimperialiste contro i francesi.
    Successivamente Ho Chi Minh guidò il movimento indipendentista Viet Minh e diresse azioni militari di successo contro le forze di occupazione giapponesi e in seguito contro i francesi che volevano rioccupare la nazione (1946-1954).
    In precedenza (6 marzo 1946) Ho Chi Minh firmò un accordo con la Francia nel quale si riconosceva il Vietnam come uno stato autonomo all'interno della Federazione Indocinese e dell'Unione Francese; tuttavia il bombardamento transalpino di Haiphong (avvenuto il 23 novembre), che costò la vita a circa 6.000 vietnamiti, gli fece cambiare radicalmente idea.
    Il 19 dicembre del 1946 scoppiò quindi la Guerra d'Indocina, che vide contrapposti i francesi (alleati con la Cambogia, il Laos e vietnamiti filo-colonialisti) ai Viet Minh: inizialmente battuti, anche a causa della soverchiante superiorità bellica dei rivali, gli indipendentisti riuscirono a cogliere decisivi successi (come la Battaglia di Dien Bien Phu, in cui il generale Vo Nguyen Giap trafisse la guarnigione francese) e vinsero il conflitto. Nella successiva conferenza di Ginevra, il Vietnam fu riconosciuto indipendente ma venne diviso in due parti: sud (capitalista e filo-statunitense) e nord (comunista ed, almeno inizialmente, filo-sovietica).
    Ho Chi Minh divenne Presidente della Repubblica Democratica del Vietnam (il Vietnam del Nord appunto) nel 1954 (in teoria se n'era già dichiarato presidente il 2 marzo 1946, ma in quell'occasione non venne riconosciuto a livello internazionale).
    Presidente del Vietnam
    Ho Chi Minh (al centro, vestito di bianco) accanto al segretario del PCI Enrico Berlinguer
    Ho Chi Minh instaurò in Vietnam un governo comunista: nazionalizzò le scuole, rese l'istruzione obbligatoria e gratuita, diede al Partito Comunista Vietnamita il ruolo di guida all'interno della società, istituì come forma di governo la repubblica parlamentare ed assegnò all'Assemblea Nazionale, che già deteneva il potere legislativa, la facoltà di eleggere il presidente dell'assemblea stessa, il primo ministro ed il presidente della repubblica.
    Ho Chi Minh fu un moderato, all'interno del Partito Comunista, e perse costantemente influenza nei confronti dei militanti radicali. Fu una forza trascinante nel tentativo di riunire il Vietnam del Nord con il Vietnam del Sud attraverso un'invasione negli anni Sessanta. Ho Chi Minh condusse per quasi tutta la durata della guerra del Vietnam l'esercito nord-vietnamita contro gli statunitensi che appoggiavano il Vietnam del Sud e che avevano invaso il suo stato nel 1964: per l'occasione, si affidò ad abili e determinatissimi combattenti denominati Viet Cong.
    Essendo già abbastanza anziano al momento dello scoppio della guerra, Ho Chi Minh preferì lasciare il comando delle operazioni al fidato Giap. Anche dopo parziali sconfitte, come l'operazione Starlite, non pensò mai a chiedere la resa ed anzi suggerì ai suoi soldati di combattere in posti impervii e difficili da localizzare, da raggiungere e da oltrepassare in modo tale che i vietcong fossero favoriti dalla maggior conoscenza del luogo: uno di questi campi di battaglia venne rinominato Sentiero di Ho Chi Minh in suo onore.
    L'ultima grande offensiva militare che vide fu l'offensiva del Tet in cui Giap, utilizzando i suoi consigli tattici, diede vita ad una serie di audaci operazioni in tutto il Sud non urbanizzato. Stanco e malandato, Ho Chi Minh morì il 2 settembre del 1969 ed al suo funerale parteciparono i leader dei principali partiti comunisti del mondo: per l'Italia, si recò nel luogo della cerimonia Enrico Berlinguer.
    Da statista, Ho ebbe stretti rapporti con il Partito Comunista Cinese e con il suo presidente, Mao Zedong. Rispondendo a un intervistatore, che gli chiedeva come mai non scrivesse tanti libri come il suo omologo cinese, Ho rispose: "Se trovate qualcosa su cui il presidente Mao non abbia scritto, ditemelo: cercherò di colmare tale lacuna".
    Durante la sua presidenza, Ho fu al centro di un grosso culto della personalità, che ebbe un incremento dopo la sua morte. La sua salma infatti subì un procedimento di imbalsamazione simile a quello destinato a Lenin, e ad occuparsene fu proprio l'équipe sovietica di medici e di tecnici che segue la manutenzione delle spoglie di quest'ultimo. Attualmente la salma è esposta ad Hanoi, in un apposito mausoleo.
    Nel 1975 la città di Saigon (Sàigòn) venne ribattezzata Città di Ho Chi Minh in suo onore. Ho era noto per il suo stile di vita semplice, la moderazione e l'integrità, ed era chiamato affettuosamente "Zio Ho" dai suoi sostenitori.
    Voci correlate
    Guerra d'Indocina
    Guerra del Vietnam
    Sentiero di Ho Chi Minh
    Città di Ho Chi Minh
    Viet Cong
    Storia del Vietnam
    Dang Thuy Tram
    Altri progetti
    Wikisource
    Commons
    Wikisource contiene opere originali di o su Ho Chi Minh
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Ho Chi Minh
    Collegamenti esterni
    Biografia sul sito marxists.org
    Analisi della sua presidenza sul sito storico.org




    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Ho_Chi_Minh"
    Categorie: Biografie | Rivoluzionari vietnamiti | Nati nel 1890 | Morti nel 1969 | Nati il 19 maggio | Morti il 2 settembre | Militari vietnamiti | Guerra del Vietnam | Politici vietnamitiCategorie nascoste: BioBot | Voci di qualità su vi.wiki

    « Torna al 19 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre