Giuseppe Manno (1786-1868)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1868
  • Data di nascita: 17 Marzo 1786
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Alghero (SS)
  • Nazione: Italia
  • Giuseppe Manno in Rete:

  • Wikipedia: Giuseppe Manno su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Barone Giuseppe Manno (Alghero, 17 marzo 1786 – Torino, 25 gennaio 1868) è stato un politico, storico e letterato italiano.
    Ritratto di Giuseppe Manno
    Ricoprì l'incarico di Presidente del Senato del Regno di Sardegna e, successivamente, del Regno d'Italia.
    Nacque ad Alghero da Antonio e Caterina Diaz, nobile famiglia il 17 marzo 1786. Seguì i primi studi ad Alghero sotto la docenza dell'abate Massala, in seguito si trasferì a Cagliari presso il Collegio dei nobili. Il 25 aprile 1804 conseguì in diritto canonico e civile, nel 1805 fu sostituto dell’avvocato fiscale presso la Reale Udienza e nel 1809, dell’avvocato fiscale patrimoniale. Nel 1811 fu uno dei collaboratori del Foglio periodico di Sardegna, stampato a Cagliari di matrice filo-inglese ma si dimise per via nelle non sempre veritiere notizie pubblicate. Negli stessi anni fu amico di Stefano Manca di Villahermosa e del duca del Genovese del quale fu segretario.
    Nel 1817 trasferitosi a Torino, conseguì la nomina quale primo officiale della Segreteria di Stato per gli affari di Sardegna e l'onorificenza dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro. Il 28 dicembre 1821 divenne segretario privato di Carlo Felice. Il 17 giugno 1823 fu nominato consigliere nel Supremo Consiglio di Sardegna partecipando così ai lavori del Supremo Consiglio atti a riformulare le leggi civili e criminali del Regno di Sardegna, rese poi effettive nel 1827 delle quali scrisse il Proemio. Grazie all’incarico di precettore di storia dei duchi di Savoia e Genova e gli fu conferito il titolo di barone. Manno è noto anche per aver scritto la Storia di Sardegna, opera suddivisa in quattro volumi scritti tra il 1825 ed il 1827 nella quale si nota l'ostilità dell'autore verso le idee liberali. Nel 1826, anche grazie al supporto di Prospero Balbo, divenne socio dell'Accademia delle Scienze di Torino. Nel 1828 scrisse il saggio Dei vizii dei letterati, mentre nel 1831 scrisse il saggio sulla Fortuna delle parole. Nel 1834 divenne accademico della Crusca. La sua opera più importante è la Storia moderna della Sardegna, edita nel 1842 e composta in due volumi. Il 14 ottobre 1845 divenne presidente del Senato di Nizza mentre il 2 novembre 1847 sucedette a Gaspare Coller come presidente del Senato di Piemonte. Il 3 aprile 1848 entra a pfar parte dei sentori del Regno e tra il 1849 ed il 1855 ne fu presidente. Come si evince anche dalle sue opere, fu un conservatore e per questo fu uno degli oppositori di Cavour. Il 28 ottobre 1855 fu investito del ruolo di presidente della Corte Suprema di Cassazione, dal 1855 al 1866 fu invece presidente dell'Ordine Mauriziano; morì il 25 gennaio 1868

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Giuseppe_Manno"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XIX secolo | Storici italiani | Letterati italiani | Nati nel 1786 | Morti nel 1868 | Nati il 17 marzo | Morti il 25 gennaio | Politici sardi | Storici sardi | Personalità legate ad AlgheroCategorie nascoste: Stub politici | BioBot

    « Torna al 17 Marzo


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre