Georges Simenon (1903-1989)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1989
  • Data di nascita: 13 Febbraio 1903
  • Professione: Scrittore
  • Luogo di nascita: Liegi
  • Nazione: Belgio
  • Georges Simenon in Rete:

  • Wikipedia: Georges Simenon su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Busto raffigurante Simenon a Liegi.
    Georges Simenon (IPA: /ʒɔʀʒ sim'nɔ̃/), nome completo Georges Joseph Christian Simenon (Liegi, 13 febbraio 1903 – Losanna, 4 settembre 1989) è stato uno scrittore belga di lingua francese.
    È stato uno degli scrittori più prolifici del XX secolo, in grado di scrivere fino a ottanta pagine al giorno. A lui si devono centinaia di romanzi e racconti, molti dei quali pubblicati sotto diversi pseudonimi. La tiratura complessiva delle sue opere, tradotte in oltre cinquanta lingue e pubblicate in più di quaranta paesi, supera i settecento milioni di copie. Secondo l'Index Translationum, un database curato dall'UNESCO che raccoglie tutti i titoli tradotti nei paesi membri, Georges Simenon è il quindicesimo autore più tradotto di sempre.
    Nonostante la sua opera abbia intrecciato diversi generi e sottogeneri letterari, dal romanzo popolare, al romanzo d'appendice, passando dal noir e dal romanzo psicologico, Simenon è noto soprattutto per essere l'ideatore del commissario Maigret, protagonista di racconti e romanzi polizieschi che hanno contribuito in maniera determinante alla fama e al successo dello scrittore.

    Biografia
    Simenon nasce a Liegi, in rue Léopold, giovedì 12 febbraio del 1903; la sua data di nascita è un piccolo mistero: nato il giorno 13, venerdì, considerato di cattivo auspicio dalla madre superstiziosa, venne registrato all'anagrafe locale come se fosse nato il 12 febbraio.
    La casa natale di Simenon, a Liegi, al numero 26 di rue Léopold (oggi numero 24).
    Figlio di un contabile, Désiré, e di una casalinga di estrazione borghese, Henriette Brüll, Simenon da bambino non gode di ottima salute. E proprio la cagionevole salute del piccolo Georges è uno dei numerosi motivi di scontro tra le famiglie, o meglio i clan, Simenon e Brüll: l'autore belga ricorderà in numerose interviste e in diversi romanzi autobiografici il suo rapporto con i genitori e le rispettive famiglie di origine, venerando e forse mitizzando il padre Désiré e i Simenon, e sottolineando, se mai ce ne fosse stato bisogno, il suo difficilissimo rapporto con Henriette, una madre "morbosamente emotiva, ma insensibile alle emozioni degli altri".
    Georges Simenon frequenta con ottimi risultati vari istituti scolastici retti da gesuiti. In quegli anni adolescenziali, fatti di nuove esperienze, Simenon si ribella alle restrizioni imposte dai religiosi e sin da allora comincia il graduale allontanamento dalla Chiesa cattolica e dalla religione. È attratto dalla lettura fin da ragazzo, in particolar modo dalle opere dei Dumas, di Charles Dickens, Balzac, Stendhal, Conrad e Stevenson, e dai testi classici. Nel 1919 entra come cronista alla "Gazette de Liège", dove rimane per oltre tre anni firmando con lo pseudonimo di Georges Sim. Contemporaneamente collabora con altre riviste e all'età di diciotto anni pubblica il suo primo romanzo.
    Dopo la morte del padre, nel 1922, si trasferisce a Parigi dove inizia a scrivere utilizzando vari pseudonimi; già nel 1923 collabora con una serie di riviste (almeno 14) pubblicando racconti settimanali: la sua produzione letteraria è notevole e nell'arco di 3 anni ne scrive oltre 750. Le sue capacità letterarie gli assicurano un rapido successo economico. Contemporaneamente decide di intraprendere la strada del romanzo commerciale e negli anni tra il 1925 e il 1930 pubblica oltre 170 romanzi con vari editori (Ferenczi, Tallandier, Fayard), tutte opere sotto vari pseudonimi, dei quali i più ricorrenti sono Georges Sim, Jean du Perry, Gom Gut, Christian Brulls, Georges Martin-Georges e molti altri. Impiega pochi giorni per scrivere un romanzo, ed utilizza vari nomi per rivenderli a diversi editori; gli anni di scrittore sotto pseudonimo sono una sorta di apprendistato, in attesa di scrivere "letteratura impegnata".
    Nel 1928 intraprende un lungo viaggio prima sulla chiatta Ginette, quindi sul cutter Ostrogoth, lungo i canali navigabili francesi, da cui trae ispirazione per la realizzazione di numerosi reportage. Nel 1929, in una serie di novelle scritte per la rivista Détective, appare per la prima volta il personaggio del Commissario Maigret. Nel 1931, si avvicina al mondo del cinema: Jean Renoir e Jean Tarride producono i primi due film tratti da suoi romanzi, La nuit du carrefour e Le chien jaune.
    Assieme alla prima moglie Régine Renchon detta Tigy, intraprende lunghi viaggi per il mondo per tutta la durata degli anni trenta. Nel 1939 nasce il primo figlio, Marc. Nel 1940 si trasferisce a Fontenay-le-Comte in Vandea, ma non lontano da La Rochelle: durante la guerra si occupa dell'assistenza dei rifugiati belgi, e nello stesso periodo intrattiene una lunga corrispondenza epistolare con André Gide. A causa di un'errata diagnosi medica, Simenon si convince di non avere ancora molti anni da vivere e questo lo spinge a scrivere le sue memorie, dedicate al figlio Marc e raccolte nel romanzo autobiografico Pedigree.
    La fine della guerra coincide in Francia con la caccia ai collaborazionisti: accuse poi rivelatesi infondate sfiorano Simenon che preferisce trasferirsi negli Stati Uniti, prima in Texas poi nel Connecticut. Negli Stati Uniti conosce Denyse Ouimet che diventerà seconda moglie e madre di tre figli di Simenon (John, Marie-Jo e Pierre). Torna in Europa negli anni cinquanta, prima in Costa azzurra e quindi in Svizzera, a Epalinges nei dintorni di Losanna. Nel 1960 presiede la giuria della tredicesima edizione del festival di Cannes: i film in concorso quell'anno sono memorabili, da A casa dopo l'uragano di Minnelli, a L'avventura di Antonioni, da La fontana della vergine di Bergman a Violenza per una giovane di Buñuel. Tra i fischi del pubblico, vengono assegnati il Premio della giuria al film di Antonioni e la Palma d'oro a La dolce vita di Federico Fellini: tra Simenon e il regista riminese nasce una lunga e duratura amicizia. Dopo pochi anni Simenon si separa da Denyse Ouimet ed in seguito ad una piccola caduta assume una domestica perché lo accudisca nelle faccende domestiche, Teresa Sburelin, di origini friulane: la donna resterà accanto allo scrittore sino alla sua morte.
    Nel 1972, dopo aver pubblicato Maigret et monsieur Charles, lo scrittore annuncia sul quotidiano francese 24 heures che non avrebbe mai più scritto, e infatti da allora inizia l'epoca dei dettati: Simenon registra su nastri magnetici le parole che aveva deciso di non scrivere più. Nei tardi anni settanta le condizioni di salute di Simenon sono precarie, ma questo riduce solo in parte la sua produzione letteraria. Nel 1978 la figlia Marie-Jo muore suicida: nel 1980 Simenon rompe la promessa fatta otto anni prima e scrive di suo pugno il romanzo autobiografico Memorie intime, dedicato alla figlia. Georges Simenon muore a Losanna per un tumore al cervello nel 1989.
    Stile narrativo
    La narrativa di Simenon è caratterizzata da storie nelle quali i personaggi, quasi sempre umili o appartenenti alla piccola borghesia, ma anche ricchi e rinomati, si trovano coinvolti in vicende drammatiche. Pur utilizzando uno stile narrativo asciutto e poco incline a estetismi letterari, le sue opere dimostrano una notevole capacità di ritrarre con arguta psicologia vicende dal sapore profondamente umano. Con Simenon si giunge alla borghesizzazione del racconto giallo: piccoli uomini spersi nelle traversie della vita passano sotto la lente di un osservatore attento e analitico, che nelle sue opere non si dilunga in descrizioni favolistiche di luoghi e persone, ma anzi ad esse dedica spesso poche e asciutte, anche se esaustive, righe. Tutto è crudo e brutalmente trasparente, tutto è nuda realtà.
    Simenon a Milano nel 1957 presso il vicolo dei Lavandai in Porta Ticinese.
    La sua popolarità è dovuta soprattutto ai settantacinque romanzi ed ai ventotto racconti che vedono come protagonista il commissario Maigret. In tali romanzi polizieschi Simenon si discosta dagli schemi dell'inchiesta per tracciare suggestivi ritratti psicologici e per evocare con efficacia le atmosfere parigine o quelle grigie e stagnanti della provincia francese. Le inchieste di Maigret sono in realtà la paziente ricostruzione della verità umana, per arrivare all'antefatto che ha causato il dramma, e con esso alle prove per poter incastrare il colpevole.
    In tal senso Simenon già dagli anni trenta imprime una svolta irreversibile nella storia del romanzo giallo: con Simenon, cioè, la domanda che ci si pone, che si pone l'investigatore e di conseguenza il lettore, si sposta ormai definitivamente dal chi è stato del giallo classico all'inglese, al perché, al cosa è successo nell'esistenza di una persona per portarla fino alla soglia irreversibile del delitto. L'attenzione dell'autore non è più centrata, come in altri autori di romanzi gialli, sulla costruzione di un meccanismo perfetto, di un enigma apparentemente insolubile che si sciolga magicamente nella sorpresa finale. Importante per Simenon è raccontare una vicenda umana, attraversata da un dramma, da un delitto, anche se ricostruita attraverso i passi che deve muovere un poliziotto per scoprire alla fine che il dramma è tale non solo per la vittima, ma anche per l'assassino.
    Tra i romanzi scritti da Simenon dove non figura Maigret è doveroso ricordare:
    Tre camere a Manhattan: una storia avvincente e tetra, in cui non mancano colpi di scena, fotografie di vite squallide, persone insensibili, ma anche un amore; è stato scritto nel periodo in cui l'autore fu travolto dalla passione per la donna che poi diverrà la sua seconda moglie, Denyse Ouimet.
    L'uomo che guardava passare i treni: è la storia del signor Popinga che colto nella routine della sua vita "perfetta" guarda passare i treni della notte con le tendine abbassate "sul segreto dei viaggiatori", finché un giorno prenderà anche egli il treno della fuga da tutti e da tutti, per vestire i panni dell'omicida braccato dalla polizia di mezza Europa;
    Tra i numerosi riconoscimenti ottenuti è doveroso ricordare il Mystery Writers of America Grand Master, ricevuto nel 1966.

    Molti dei suoi romanzi sono divenuti film, sceneggiati e serie televisive.
    Opere
    Bibliografia dei romanzi e racconti con protagonista il commissario Maigret - in lingua originale
    Bibliografia (non esaustiva) di altri romanzi e racconti - in lingua originale
    Filmografia
    Le opere di Georges Simenon sono state largamente adattate al cinema e alla televisione, per un totale di circa 170 produzioni in tutto il mondo. Tra i numerosi film ricordiamo:
    La notte dell'incrocio (La Nuit du carrefour, Francia, 1932), scritto e diretto da Jean Renoir, con Pierre Renoir nel ruolo di Maigret
    Les Inconnus dans la maison (Francia, 1942), scritto da Henri-Georges Clouzot e diretto da Henri Decoin
    Panico (Panique, Francia, 1946), scritto e diretto da Julien Duvivier
    L'uomo della Torre Eiffel (The Man on the Eiffel Tower, Stati Uniti, 1950), diretto da Burgess Meredith, con Charles Laughton nel ruolo di Maigret
    La Marie du port (Francia, 1950), diretto da Marcel Carné
    Il commissario Maigret (Maigret tend un piège, Francia, 1958), scritto e diretto da Jean Delannoy, con Jean Gabin nel ruolo di Maigret
    En cas de malheur (Francia, 1958), diretto da Claude Autant-Lara
    Maigret e il caso Saint-Fiacre (Francia, 1959), scritto e diretto da Jean Delannoy, con Jean Gabin nel ruolo di Maigret
    L'Aîné des Ferchaux (Francia, 1963), scritto e diretto da Jean-Pierre Melville
    Cop-Out (Regno Unito, 1967), scritto e diretto da Pierre Rouve
    Le Chat (Francia, 1971), scritto e diretto da Pierre Granier-Deferre
    L'evaso (Francia, 1971), scritto e diretto da Pierre Granier-Deferre
    L'orologiaio di Saint-Paul'' (Francia, 1974), scritto e diretto da Bertrand Tavernier con Philippe Noiret
    I fantasmi del cappellaio (Les Fantômes du chapelier, Francia, 1982), scritto e diretto da Claude Chabrol
    L'étoile du nord (Francia, 1982), scritto e diretto da Pierre Granier-Deferre
    Équateur (Francia, 1983), scritto e diretto da Serge Gainsbourg
    L'insolito caso di Mr. Hire (Monsieur Hire, Francia, 1989), scritto e diretto da Patrice Leconte
    Betty (Francia, 1992), scritto e diretto da Claude Chabrol
    Simenon in numeri
    Numero di romanzi e scritti brevi: circa 450
    Episodi del Commissario Maigret: 103 (75 romanzi e 28 racconti brevi)
    Romanzi psicologici: oltre 110
    Tradotto in 55 lingue
    Pubblicato in 44 nazioni
    Oltre 700 milioni di libri venduti
    Film basati sui suoi scritti: circa 50 (oltre agli sceneggiati televisivi e radiofonici in varie nazioni del mondo, tra cui l'Italia dove Gino Cervi interpretava Maigret)
    Note


      ^ (EN) Encyclopædia Britannica (estratto). 1993. URL consultato il 21-3-2008.
      ^ (EN) Statistics on whole Index Translationum database: "TOP 50" Author aggiornato ogni quattro mesi circa.
      ^ Eskin. Op. cit., p. 19.
      ^ a b (FR) Biografia del Centro di studi Georges Simenon. URL consultato il 21-03-2008.
      ^ Eskin. Op. cit., Note del curatore p. 350.
      ^ Da Je me souviens..., a Pedigree, a Lettera a mia madre.
      ^ Eskin. Op. cit., pp. 30-33.
      ^ a b (FR) Chronologie de G. Simenon. URL consultato il 29-3-2008.
      ^ (FR) Lista degli pseudonimi utilizzati da Simenon. Reparages. URL consultato il 26-3-2008.
      ^ Biografia del Fondo Georges Simenon. URL consultato il 21-3-2008.
      ^ (FR) 1960 - La Dolce Riviera..?
      ^ (FR) Notice bibliographique, sezione Remarque(s). URL consultato il 29-3-2008.
      ^ Bibliografia 1971-1981. URL consultato il 21-3-2008.
      ^ (EN) Scheda dell'Internet Movie Database. URL consultato il 21-3-2008.

    Bibliografia
    Stanley G. Eskin (a cura di Giovanni Da Campo). Georges Simenon. Venezia, Marsilio, 2003. ISBN 9788831782050.
    Giovanni Da Campo, Claudio G. Fava, Goffredo Fofi. Simenon, l'uomo nudo. Napoli, L'Ancora del Mediterraneo, 2004. ISBN 9788883251436.
    Francis Lacassin, Conversazioni con Simenon. Torino, Lindau, 2004, ISBN 8871805119.
    Patrick Marnham, L'uomo che non era Maigret. Ritratto di Georges Simenon. Milano, La Nuova Italia, 2002. ISBN 8822140621.
    Signorelli et al. (a cura di), Georges Simenon... mon petit cinéma. Bergamo, Federazione Italiana Cineforum, 2002. ISBN 8889653027.
    Maurizio Testa, Maigret e il caso Simenon. Roma, Robin, 1998. ISBN 8886312059.
    Voci correlate
    Commissario Maigret
    Memorie intime
    Pedigree
    Altri progetti
    Commons
    Wikiquote
    Wikimedia Commons contiene file multimediali su Georges Simenon
    Wikiquote contiene citazioni di o su Georges Simenon
    Collegamenti esterni
    (FR) Centro di studi Georges Simenon
    Tutto Georges Simenon
    Fondo Georges Simenon
    Scheda su Georges Simenon dell'Internet Movie Database






    Portale Biografie
    Portale Giallo
    Portale Letteratura

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Georges_Simenon"
    Categorie: Biografie | Scrittori belgi | Nati nel 1903 | Morti nel 1989 | Nati il 13 febbraio | Morti il 4 settembre | Scrittori belgi di lingua francese | Belgi valloni | Maigret | Autori di gialliCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 13 Febbraio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre