Gaetano Scirea (1953-1989)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1989
  • Data di nascita: 25 Maggio 1953
  • Professione: Calciatore
  • Luogo di nascita: Cernusco sul Naviglio (MI)
  • Nazione: Italia
  • Gaetano Scirea in Rete:

  • Wikipedia: Gaetano Scirea su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Gaetano Scirea (Cernusco sul Naviglio, 25 maggio 1953 – Skierniewice, 3 settembre 1989) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano.
    Insieme a Franz Beckenbauer e Franco Baresi è considerato il miglior interprete del ruolo di libero. Antesignano del difensore moderno, era dotato di notevole visione di gioco e grande capacità di dettare i tempi del reparto arretrato, cui si sommava l'abilità di trovare spesso la via della rete (32 gol tra campionato e nazionale, cifra ragguardevole per un difensore). Oltre a queste doti tecniche possedeva un fair play fuori del comune, considerando che in tutta la sua carriera professionistica non subì mai un'espulsione.

    Carriera
    Calciatore
    Proveniente dalle giovanili dell'Atalanta, Gaetano Scirea esordì in serie A nel 1972 con il club bergamasco (24 settembre, Cagliari - Atalanta 0-0). Inizialmente difensore laterale, sotto la guida del tecnico Giulio Corsini conobbe un'evoluzione tattica come libero, che poi ebbe modo di affinare nel successivo campionato a Bergamo in serie B. Grazie al canale privilegiato allora esistente tra Atalanta e Juventus, la società torinese, che già lo teneva sotto osservazione dall'esordio nella massima serie, lo acquistò dal presidente Bortolotti nell'estate del 1974.
    La Juventus cercava un sostituto all'altezza del libero Sandro Salvadore, prossimo al ritiro, e il giovane Scirea sembrò subito adatto: inserito in una difesa di sicuro affidamento composta da Cuccureddu, Gentile, Spinosi e Francesco Morini, il ventunenne libero si ambientò subito e giocò 28 delle 30 partite della stagione 1974/75, divenendo titolare a pieno titolo e vincendo il suo primo campionato, nonché il sedicesimo per la Juventus.
    Fu protagonista nel 1977 dell'accoppiata scudetto-Coppa UEFA, il primo vinto a 51 punti (record per campionato a 16 squadre e 2 punti a vittoria) dopo un testa-a-testa durato per tutto il torneo contro i rivali del Torino che finirono a un solo punto di distanza, la seconda conquista avvenne nella doppia, durissima finale di Coppa contro gli spagnoli dell'Athletic Club. Fu la prima competizione europea vinta dalla Juventus, e la prima di una lunga serie, sempre con Scirea al centro della difesa.
    Nel 1982 Scirea contribuì a vincere il 20° scudetto, quello che diede il diritto alla Juventus di fregiarsi della seconda stella sulle maglie. La Coppa Italia vinta nel 1982/83 diede alla Juventus la facoltà di giocare la Coppa delle Coppe successiva, che i bianconeri vinsero contro il Porto per 2-1 nella finale di Basilea del 16 maggio 1984. Fu quella la seconda accoppiata per la Juventus e per Scirea, che vinse anche il campionato 1983/84, il quinto per lui e il ventunesimo per la società. Con il ritiro di Furino, Scirea divenne ufficialmente, dalla stagione successiva, il capitano della Juventus, ruolo che aveva ricoperto già nella passata stagione per via del sempre più rado utilizzo del suo più anziano compagno di squadra. Il 1985 fu l'anno della Coppa dei Campioni, che la Juventus vinse nella tragica finale di Bruxelles allo Stadio Heysel contro gli inglesi del Liverpool già battuti nel febbraio precedente nella Supercoppa d'Europa 1984. A fine anno la Juventus avrebbe vinto a Tokyo, contro i campioni sudamericani dell'Argentinos Juniors, anche la Coppa Intercontinentale 1985, che fu proprio Scirea a sollevare come capitano.
    Scirea con la maglia della Nazionale Italiana, che capitanò al campionato del mondo 1986
    Gaetano Scirea si ritirò dal calcio giocato a 35 anni, alla fine della stagione 1987/88, dopo 377 partite di campionato e 552 totali con la maglia della Juventus. Con la maglia bianconera vinse in totale 7 campionati nazionali, 2 Coppe Italia, una Coppa dei Campioni, una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA, una Supercoppa d'Europa e una Coppa Intercontinentale, entrando così, - insieme a Cabrini, Brio e Tacconi - nel "club" dei calciatori italiani vincitori di tutte le competizioni calcistiche ufficiali per club, e contribuendo a fare della Juventus la prima squadra a vincere tutte le competizioni dell'UEFA. A tale palmarès si aggiunga anche il titolo di campione del mondo vinto con la Nazionale nel 1982.
    In Nazionale Scirea entrò molto presto, scelto da Bernardini per trovare un degno successore a Facchetti, anch'egli nato difensore di fascia e trasformatosi in libero. L'esordio avvenne il 30 dicembre 1974 contro la Grecia, sconfitta per 3-2. In breve, Scirea, insieme ai suoi compagni di reparto della Juventus, sarebbe divenuto titolare fisso della Nazionale e avrebbe preso parte al campionato del mondo 1978 in Argentina, dove l'Italia si sarebbe classificata quarta, al campionato del mondo 1982 in Spagna, vinto dopo avere battuto in sequenza Argentina, Brasile, Polonia e Germania Ovest, e infine al campionato del mondo 1986 in Messico, che segnò anche la fine della sua carriera azzurra, coincidente con l'eliminazione dal mondiale agli ottavi di finale (17 giugno 1986, Francia - Italia 2-0). Prese anche parte al campionato d'Europa del 1980 che si svolse proprio in Italia, classificandosi al quarto posto. In Nazionale Scirea totalizzò 78 presenze con 2 goal.

    Cronologia presenze e reti in Nazionale


     Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale -  Italia
    Allenatore
    Dopo il ritiro a Scirea venne offerto l'incarico di allenatore in seconda della Juventus, come collaboratore di Dino Zoff. Scirea accettò, prendendosi l'incarico di osservatore per conto del tecnico friulano e suo ex-compagno sul campo nella Juventus e in Nazionale, anche se la Reggina lo corteggiava con una certa insistenza per offrirgli l'incarico di allenatore a tutti gli effetti e Scirea ci stava pensando seriamente. La circostanza della sua morte fu agghiacciante, non tanto per l'impatto in sè, dal quale inizialmente era uscito illeso, quanto per le circostanze che poi, di fatto, causarono la morte del campione. Incaricato da Zoff di osservare un incontro di campionato del prossimo avversario dei bianconeri nel primo turno della Coppa UEFA 1989/90, la squadra polacca del Górnik Zabrze, Scirea partì da Cracovia il 3 settembre 1989 accompagnato da un autista locale che, a causa della crisi e della situazione politica ancora instabile di quel periodo in Polonia, portava nel bagagliaio un paio di taniche di benzina di scorta. Durante il tragitto la vettura ebbe un incidente, fu tamponata violentemente e la benzina nelle taniche prese fuoco, incendiando il veicolo: Scirea ed il suo accompagnatore, intrappolati nell'auto, morirono carbonizzati. Senza le taniche di benzina, con ogni probabilità si sarebbero salvati. Essendo l'incidente avvenuto di domenica, la notizia della morte di Scirea arrivò in Italia quella sera stessa, durante la Domenica Sportiva, suscitando lo sgomento degli ospiti in studio, soprattutto del suo ex compagno di squadra Tardelli che era presente in trasmissione e che ebbe un malore appresa la notizia.
    Negli anni successivi vari tornei giovanili e premi fair play sarebbero stati intitolati a Scirea, a ricordo del suo stile e della sua correttezza in campo e fuori. Da notare, tra gli altri, il Torneo Gaetano Scirea "La lealtà nello Sport", che ogni anno si tiene nella città di Matera e in alcuni comuni della provincia. Nella 12ª edizione, quella del 2008, la squadra Under 16 vincitrice è stata proprio la Juventus, che ha scritto il suo nome per la seconda volta nell'albo d'oro del torneo battendo per 1-0 in finale lo Sparta Praga. Inoltre i tifosi della Juventus, a seguito del trasferimento della squadra allo Stadio delle Alpi di Torino, battezzarono in suo onore il settore sud dello stadio Curva Scirea.
    Nel 2005 l'ex-allenatore della Nazionale Enzo Bearzot ha proposto il ritiro della maglia 6 in omaggio alla sua carriera.
    Palmarès
    Club

    Competizioni nazionali


    Campionato italiano: 7

    Juventus: 1974/1975, 1976/1977, 1977/1978, 1980/1981, 1981/1982, 1983/1984, 1985/1986

    Coppa Italia: 2

    Juventus: 1978/1979, 1982/1983

    Competizioni internazionali


    Coppa UEFA: 1

    Juventus: 1976/1977

    Coppa delle Coppe: 1

    Juventus: 1983/1984

    Supercoppa UEFA: 1

    Juventus: 1984

    Coppa dei Campioni: 1

    Juventus: 1984/1985

    Coppa Intercontinentale: 1

    Juventus: 1985

    Nazionale
    Campionato del mondo: 1

    Spagna 1982



    Record e Premi Individuali
    È stato al primo posto per numero di presenze di tutti i tempi della storia della Juventus con 552 presenze, ma ormai superato da Alessandro Del Piero, giocatore ancora in attività.
    Curiosità
    Il 12 maggio 2008 il Comune di Torino ha intitolato una via a Scirea nel quartiere Mirafiori Sud .
    Note

      ^ Torino ha finalmente la sua "Via Gaetano Scirea" - www.juventus.com; 14 maggio 2008.
      ^ Fuori dall'Italia, solo l'olandese Danny Blind, dell'Ajax, riuscì in seguito a vincere tutte le competizioni UEFA.
      ^ Articolo "Ritiriamo la numero 6: Scirea è inimitabile" – www.repubblica.it, 28 gennaio 2005.
      ^ Il Comune intitola una via a Scirea - www.lastampa.it; 12 maggio 2008.

    Voci correlate
    Premio Nazionale Carriera Esemplare "Gaetano Scirea"
    Calciatori vincitori di tutte le competizioni UEFA per club
    Curva Scirea
    Collegamenti esterni
    (EN) Statistiche in Nazionale A di Gaetano Scirea, da rsssf.com
    v • d • m
      Nazionale italiana · Coppa del Mondo FIFA 1978  
    1 Zoff · 2 Bellugi · 3 Cabrini · 4 Cuccureddu · 5 Gentile · 6 A. Maldera · 7 Manfredonia · 8 Scirea · 9 Antognoni · 10 Benetti · 11 Pecci · 12 P. Conti · 13 P. Sala · 14 Tardelli · 15 Zaccarelli · 16 Causio · 17 C. Sala · 18 Bettega · 19 Graziani · 20 P. Pulici · 21 Rossi · 22 I. Bordon · CT: Bearzot
    v • d • m
      Nazionale italiana · Campionato d’Europa UEFA 1980  
    1 Zoff · 2 F. Baresi (II) · 3 G. Baresi (I) · 4 Bellugi · 5 Cabrini · 6 Collovati · 7 Gentile · 8 A. Maldera · 9 Scirea · 10 Antognoni · 11 Benetti · 12 I. Bordon · 13 Buriani · 14 Oriali · 15 Tardelli · 16 Zaccarelli · 17 Altobelli · 18 Bettega · 19 Causio · 20 Graziani · 21 Pruzzo · 22 Galli · CT: Bearzot
    v • d • m
      Nazionale italiana · Coppa del Mondo FIFA 1982  
    1 Zoff · 2 F. Baresi · 3 Bergomi · 4 Cabrini · 5 Collovati · 6 Gentile · 7 Scirea · 8 Vierchowod · 9 Antognoni · 10 Dossena · 11 Marini · 12 I. Bordon · 13 Oriali · 14 Tardelli · 15 Causio · 16 B. Conti · 17 Massaro · 18 Altobelli · 19 Graziani · 20 Rossi · 21 Selvaggi · 22 G. Galli · CT: Bearzot
    v • d • m
      Nazionale italiana · Coppa del Mondo FIFA 1986  
    1 G. Galli · 2 Bergomi · 3 Cabrini · 4 Collovati · 5 Nela · 6 Scirea · 7 Tricella · 8 Vierchowod · 9 Ancelotti · 10 Bagni · 11 G. Baresi · 12 Tancredi · 13 De Napoli · 14 Di Gennaro · 15 Tardelli · 16 B. Conti · 17 Vialli · 18 Altobelli · 19 Galderisi · 20 Rossi · 21 Serena · 22 Zenga · CT: Bearzot
    Portale Biografie
    Portale Calcio
    Portale Sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Gaetano_Scirea"
    Categorie: Biografie | Calciatori italiani | Allenatori di calcio italiani | Nati nel 1953 | Morti nel 1989 | Nati il 25 maggio | Morti il 3 settembre | Calciatori campioni del mondo di club | Calciatori campioni del mondo | Calciatori campioni d'Europa di club | Atalanta | Juventus | Morti in incidente stradaleCategorie nascoste: BioBot | Voci con curiosità da riorganizzare

    « Torna al 25 Maggio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre