Gaetano Pecorella (72)

Informazioni di base:

  • Data di nascita: 9 Maggio 1938
  • Professione: Politico
  • Luogo di nascita: Milano (MI)
  • Nazione: Italia
  • Gaetano Pecorella in Rete:

  • Wikipedia: Gaetano Pecorella su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    A questa voce va aggiunto il template sinottico  
    Per favore, aggiungi il template e poi rimuovi questo avviso.

    Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
     
    Gaetano Pecorella (Milano, 9 maggio 1938) è un politico e giurista italiano.

    Biografia
    Laureato in giurisprudenza, avvocato penalista, è stato assistente di Procedura penale del professore Gian Domenico Pisapia e, infine, docente universitario ora in pensione.
    Inizia la carriera politica come militante di Potere Operaio, collaborando col servizio giuridico di Soccorso Rosso Militante, poi entra nel movimento della sinistra radicale di Democrazia Proletaria. Successivamente entra a far parte del Partito Socialista Italiano, ed, infine, in Forza Italia.
    Dal 1994 al 1998, per due mandati, è stato presidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane.
    Accusato di favoreggiamento per la strage di Piazza della Loggia. Iscritto al gruppo parlamentare Forza Italia dal 3 maggio 2006, è deputato. Viene considerato come la mente giuridica di Forza Italia. È anche avvocato difensore di Silvio Berlusconi.
    Porta il suo nome una legge, varata nel secondo governo Berlusconi, che prevede l’inappellabilità da parte del pubblico ministero delle sentenze di proscioglimento. La Corte Costituzionale ha dichiarato però tale legge incostituzionale. Le parole di risposta di Pecorella furono: «questa sentenza è in grado di riaprire processi che già sono in Cassazione e tornerà ad essere decisivo non il giudizio orale e pubblico di primo grado, ma quello d’appello fatto sulle carte scritte».
    In seguito disse: "È vero, sono state fatte leggi funzionali a determinati processi. Abbiamo fatto il lodo Schifani, poi dichiarato incostituzionale e che in effetti in qualche parte lo era, per consentire a Berlusconi di governare"


    Nel 2008 è stato proposto dal Popolo della Libertà come giudice della Corte costituzionale.
    Opere
    Di te un incantesimo mi prende (Gaetano Pecorella, 2005, L'Accademia, ISBN 88-898-9900-X).
    Note


      ^ Giuseppe Guastella. Berlusconi attacca: sentenza indegna Non è democrazia. Corriere della Sera, 29 gennaio 2007. URL consultato il 16/10/2008.
      ^ Da Vaccarella a Pecorella
      ^ Corte Costituzionale, dal Pd no a Pecorella. Il governo va avanti: «È lui il candidato». Corriere della Sera, 15 ottobre 2008. URL consultato il 16/10/2008.

    Collegamenti esterni
    La scheda dal sito della Camera dei deputati
    Intervista a Gaetano Pecorella - Sette (Pubblicata il 15/04/2004)
    Strage in piazza della Loggia (rassegna.it - 33° anniversario della Strage)
    Modifiche al codice di procedura penale, in materia di inappellabilità delle sentenze di proscioglimento
    Portale Biografie
    Portale Politica
    Portale Diritto

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Gaetano_Pecorella"
    Categorie: Biografie | Politici italiani del XXI secolo | Giuristi italiani | Nati nel 1938 | Nati il 9 maggio | Politici di Forza Italia | Deputati italianiCategorie nascoste: Pagine a cui deve essere aggiunto il template Membro delle istituzioni italiane | BioBot

    « Torna al 9 Maggio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre