Fulvio Bernardini (1906-1984)

Informazioni di base:

  • Scomparso nel: 1984
  • Data di nascita: 1 Gennaio 1906
  • Professione: Calciatore
  • Luogo di nascita: Roma (RM)
  • Nazione: Italia
  • Fulvio Bernardini in Rete:

  • Wikipedia: Fulvio Bernardini su Wikipedia
  • Biografia:

    (estratta da Wikipedia)

    Fulvio Bernardini (Roma, 28 dicembre 1905 – Roma, 13 gennaio 1984) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano che ha giocato nel ruolo di centrocampista.
    Chiamato dai tifosi Fuffo, Professore o Dottore per la sua istruzione (era laureato in Scienze economiche), Bernardini era un giocatore di grande classe rispetto ai giocatori che militavano nella Lega Sud negli anni 20 tanto che in seguito alla finalissima del 1923 Lazio-Genoa, vinta agevolmente dai Genoani con cinque reti di scarto, il capitano genoano Renzo De Vecchi, stupito dalla grandissima classe del giocatore romano, gli fece i complimenti e gli predisse un grande futuro. Bernardini fu anche il primo giocatore militante in Lega Sud a essere convocato in nazionale. Giocò nella Lazio, nell'Inter, nella Roma e nella MATER Roma e allenò tra le altre Fiorentina e Bologna vincendo due scudetti. Il centro sportivo di Trigoria, sede ufficiale dell'A.S. Roma, è intitolato a lui.

    Carriera
    Carriera da giocatore
    Iniziò la sua carriera nella Lazio con la quale debuttò il 19 ottobre 1919 in una partita valevole per il Torneo Canalini contro l'Audace. Bernardini, che aveva in precedenza giocato nel ruolo di portiere in una squadretta di quartiere (l'Exquila), prima di entrare nella Lazio voleva fare un provino con la Fortitudo ma trovando il cancello chiuso decide di andare alla Lazio.
    Inizialmente giocava come portiere poi a partire dal 1921 cambiò ruolo e divenne un attaccante. Ci sono discordanze sui motivi della sua scelta di cambiare ruolo. Secondo il libro 80 anni di passione: la storia della roma dal 1926 al 2006 Bernardini avrebbe deciso di cambiare ruolo a causa dei ben quattro gol subiti nella partita Naples-Lazio 4-2. Secondo altre fonti invece Bernardini decise di cambiare ruolo e diventare attaccante a causa di un grave scontro di gioco, avvenuto in Fortitudo-Lazio, che gli fece perdere i sensi ed alle successive pressioni della famiglia preoccupata.
    Con la Lazio si mise in luce e nel 1922-23 raggiunse con la sua squadra la finalissima scudetto contro il Genoa. La squadra genovese era nettamente più forte e vinse facilmente per 4-1 e 2-0, ma i giocatori del Genoa rimasero stupiti dalla classe di Bernardini e il capitano genoano Renzo De Vecchi gli fece addirittura i complimenti e gli predisse un grande futuro.
    Debuttò in nazionale il 22 marzo del 1925 nella partita Italia - Francia. Fu il primo giocatore romano e centromeridionale a ricevere l'ambito onore di indossare la casacca azzurra.

    Nonostante un giuramento fatto al padre sul letto di morte al quale promise che non avrebbe mai lasciato la amata Lazio, quando si accorse di essere l'unico calciatore ad incarnare i valori sportivi dello spirito dilettantesco decise di provare il salto verso Milano.
    Nell'estate del 1926 passò all'Inter di Luigi Cevenini ed in seguito venne acquistato dalla Roma nel 1928 che guidò dal 1928 al 1939, nel ruolo di centromediano. Fu anche capitano della sua squadra, pare su specifica richiesta di Attilio Ferraris IV. Non ottenne mai vittorie con la Roma, pur sfiorando uno scudetto, ma costituì l'anima insostituibile della Roma testaccina e combattiva degli anni '20 e '30.
    Insieme ad Attilio Ferraris IV costituì una coppia grintosa e carismatica. Aveva un grande senso tattico e tecnico e fu riconosciuto come un grande giocatore prima e allenatore poi. Dotato di un gran sinistro, non disdegnava il destro, era in possesso di un gran tocco di palla e di un buon colpo di testa. Non amava la fisicità del calcio ma l'uso della tecnica: cosa che gli costò paradossalmente il posto nelle nazionali mondiali guidate da Vittorio Pozzo nel 1934 e nel 1938 per "eccesso di intelligenza calcistica" che non sarebbe stata adeguatamente capita e messa a frutto dalle "maschie" compagini guidate dall'allenatore italiano.
    Ha collezionato in tutto 286 presenze in maglia giallorossa, segnando ben 45 reti.
    Pochi mesi dopo l'addio al calcio di Bernardini, la Roma traslocò anche dallo stadio di Testaccio. Era la fine di un'epoca.
    Cronologia presenze e reti in Nazionale
     Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale -  Italia
    Carriera da allenatore
    Nel 1950 Bernardini tornò alla Roma in veste di allenatore, ma la sua avventura fu interrotta da un brusco esonero. Allenò quindi il Vicenza in Serie B dal 1951 al 1953. Bernardini vinse invece lo scudetto come allenatore della Fiorentina e del Bologna (prime squadre non-milanesi e non-torinesi in grado di aggiudicarsi fino ad allora i Campionati italiani di calcio nel dopoguerra) e la Coppa Italia del 1958 con la Lazio.
    Fulvio Bernardini, allenatore della Lazio, con il calciatore Rozzoni
    Bernardini fu un latore di un certo credo calcistico basato sul "WM elastico" e gli spazi liberi, il quale consisteva non nel passare il pallone direttamente al compagno, ma lanciarlo in quello spazio libero dove il compagno potrà arrivare prima dell'avversario. Grazie a questa tattica innovativa, riuscirà a vincere lo scudetto con i viola.
    Nel 1965 Bernardini inizia una lunga carriera a Genova come allenatore della Sampdoria.
    Il suo affiancamento a "Pinella" Baldini però non basta ad evitare la retrocessione (dopo un famoso rigore non dato contro la Lazio).
    Ma l'anno successivo guida la cavalcata nel Campionato cadetto e quindi, dal 1966 al 1971 consente la permanenza in Serie A alla Sampdoria. Dal 1971 al 1973 sarà il Direttore Sportivo del Brescia Calcio scoprendo tra gli altri Alessandro Altobelli.
    Nel 1974 gli venne affidata la Nazionale, che guiderà fino al 1977, quando venne sostituito da Enzo Bearzot.
    Ritornerà a Genova dal 1977 al '79 come Direttore Generale della Sampdoria.
    Palmarès
    Da giocatore
    Bronzo olimpico: 1


    Amsterdam 1928

    Da allenatore
    Campionato italiano: 2

    Fiorentina: 1955/1956
    Bologna: 1963/1964

    Coppa Italia: 1

    Lazio: 1958

    Note

      ^ La Lega Sud era il campionato dell'Italia Meridionale il cui vincitore affrontava la vincente della Lega Nord nella finalissima scudetto, finalissima che era però solo una formalità data la nettissima inferiorità delle squadre meridionali (infatti le formazioni meridionali furono quasi sempre travolte dalle squadre settentrionali con punteggi tennistici).
      ^ a b c d e f g h i Storia della Lazio - Il primo dopoguerra.
      ^ 80 anni di passione: la storia del Napoli dal 1926 al 2006, pag. 11.
      ^ Storia della Lazio - Dall'addio di Bernardini al ritorno di Sclavi.

    Altri progetti
    Wikiquote
    Wikiquote contiene citazioni di o su Fulvio Bernardini
    Collegamenti esterni
    FIGC - Statistiche in Nazionale
    Statistiche carriera su enciclopediadelcalcio.com
      Nazionale olimpica italiana · IX Olimpiade - Amsterdam 1928  
    Baloncieri · Banchero · Bellini · Bernardini · Caligaris · Combi · De Prà · Degani · Ferraris IV · Gasperi · Genovesi · Janni · Levratto · Magnozzi · Pastore · Pietroboni · Pitto · Rivolta · Rosetta · Rossetti · Schiavio · Viviano · CT: Rangone
    Commissari Tecnici della Nazionale italiana di calcio - Cronologia
    Commissione Tecnica Federale (1910-1912) · V. Pozzo (1912) · Commissione Tecnica Federale (1912-1924) · V. Pozzo (1924) · A. Rangone (1925-1928) · C. Càrcano (1928-1929) · V. Pozzo (1929-1948) · F. Novo (1949-1950) · A. Bardelli (1949-1950) · R. Copernico (1949-1950) · Commissione Tecnica Federale (1951) · P. Beretta (1951-1953) · G. Meazza (1952-1953) · L. Czeizler (1953-1954) · Commissione Tecnica Federale (1954-1959) · G. Viani (1960) · G. Ferrari (1960-1962) · P. Mazza (1962) · E. Fabbri (1962-1966) · / H. Herrera (1966-1967) · F. Valcareggi (1966-1974) · F. Bernardini (1974-1975) · E. Bearzot (1975-1986) · A. Vicini (1986-1991) · A. Sacchi (1991-1996) · C. Maldini (1996-1998) · D. Zoff (1998-2000) · G. Trapattoni (2000-2004) · M. Lippi (2004-2006) · R. Donadoni (2006-2008) · M. Lippi (2008-in carica)
    Portale Biografie
    Portale Calcio
    Portale Sport

    Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Fulvio_Bernardini"
    Categorie: Medaglie di bronzo olimpiche | Biografie | Calciatori italiani | Allenatori di calcio italiani | Nati nel 1905 | Morti nel 1984 | Nati il 28 dicembre | Morti il 13 gennaio | A.S. Roma | ACF Fiorentina | Bologna Football Club 1909 | Inter | Vicenza Calcio | Società Sportiva Lazio | Sampdoria | Personalità legate a Roma | Brescia CalcioCategoria nascosta: BioBot

    « Torna al 1 Gennaio


    Cerca compleanni per iniziale: a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z 5
    Oppure per mese: Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre